A Radio Crc, nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete”, è intervenuto Carlo Jacomuzzi, presidente associazione osservatori. Queste le sue parole:

“Sono tutti già timbrati, visti e rivisti i calciatori in questo Mondiale. Pure nel Marocco, ci sono calciatori
che giocano in Europa e purtroppo siamo condizionati perchè nel Mondiale le qualità sono diverse, ci sono stimoli diversi e certe valutazioni prima di prendere un calciatore vanno fatte con calma, nella normalità.

Gli osservatori del Napoli sono stati bravi a portare a Napoli Kim e Kvaratskhelia a quelle cifre. -afferma Jacomuzzi – Kim quando ero all’Everton 4 anni fa lo volevamo prendere, poi successero delle problematiche
nel trasferimento e pure Kvaratshkelia era stato valutato. La grossa operazione quindi, il Napoli l’ha fatta sulle cifre.

La società azzurra ha cambiato strategia, ma i risultati parlano chiaro. Sono tanti i calciatori che mi hanno
colpito, ad esempio Raspadori che sta trovando sicurezza mentre Kim è quello che ha dimostrato più miglioramenti. -prosegue Jacomuzzi –  Si è adeguato subito al nostro calcio e non è semplice. Osimhen invece è fuori categoria, è un top.

E’ una testa dura, l’ho seguito al Lille e negli anni scorsi, ha qualità mentali elevate e quando entra in campo riesce a concentrarsi e dare tutto. -aggiunge Jacomuzzi – E’ un giocatore di particolare qualità e lo sta dimostrando. Non si parla mai della sua vita privata, ma solo di ciò che fa in campo e questo fa al differenza.

Il Napoli per vincere lo Scudetto deve credere in se stesso e lasciare perdere la pressione che arriva dal nord e
credo che Spalletti sia in grado di trasferire fiducia alla squadra”.

 

Conclude Jacomuzzi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui