Osimhen

Le situazioni spinose in casa Napoli

È vero, il Napoli si trova in una situazione di bilico. Se le cose dovessero prendere una certa piega il club si troverà a dover fare i salti mortali per rimpiazzare alcuni calciatori. I fattori che faranno prendere la bilancia verso un’altra stagione da protagonista ed una che potrebbe essere un’incognita sono due. Chi sarà l’erede di Kim e se Osimhen resterà il centravanti dei partenopei.

Il dopo Kim sarà fondamentale

Se per il dopo Kim si sta lavorando seriamente su alcuni nomi che stanno circolando ormai da tempo, questa prima questione sarà certamente superata. Kilman, che risulta essere il primo obiettivo della società sarebbe perfetto per prendere il posto del sudcoreano. Pur avendo caratteristiche leggermente diverse si tratta di un difensore molto forte. Dotato di grande fisico e di un eccellente gioco d’anticipo, in quanto mancino sarebbe agevolato nelle uscite palla al piede da centrale di sinistra. Per il resto ha dimostrato grande esplosività in un campionato fisico e dove si corre tanto come quello inglese.

Bisogna chiudere presto la questione Osimhen

Per quanto riguarda la questione Osimhen, è ovvio che se il bomber nigeriano dovesse restare alla corte di Garcia sarebbe un successo pari ad un grande acquisto. Già sappiamo cosa può dare Victor alla squadra. Gol, determinazione e personalità. Inoltre la sua intesa collaudata con Kvaratskhelia darebbe garanzie importanti in zona offensiva.

Samardzic e Tousart, quantità e qualità

I nodi più importanti da sciogliere sono questi due. Zielinski per quanto sia stato un elemento fondamentale nei suoi anni napoletani, può essere sostituito bene dal giovane Samardzic. Anche il probabile inserimento di Tousart in rosa aumenterebbe il tasso tecnico e fisico della squadra.

Il Napoli è ancora la squadra da battere

Se ci guardiamo bene attorno, e diamo uno sguardo alle dirette avversarie del club di De Laurentiis ci sono pochi dubbi. Le due milanesi stanno perdendo pezzi fondamentali ogni giorno e si sono certamente indebolite. Anche le romane non sembrano intenzionate a fare grossi passi in avanti. La Juventus è un vero e proprio cantiere. L’unica squadra che si è effettivamente rinforzata, con la solita intelligenza è l’Atalanta.
Al momento però, guardando con obiettivamente la situazione generale, il Napoli è ancora la squadra più forte. Se la società saprà gestire le situazioni più spinose con equilibrio, gli azzurri avranno ottime possibilità di bissare il grande campionato vinto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui