Caputi: “Napoli già maturo: la consacrazione arriva nei momenti decisivi”

A Radio Napoli Centrale, nel corso di Un Calcio alla Radio di
Umberto Chiariello, è intervenuto
Massimo Caputi, giornalista, che ha rilasciato le seguenti dichiarazioni:


“La
continuità di un tecnico come Spalletti che ha dato gioco e identità alle sue
squadre con il Napoli che ha operato molto bene sul mercato; quello che abbiamo
visto in queste giornate è che il Napoli ha mixato ed integrato la vecchia
ossatura con i nuovi. -afferma Caputi – Le grandi sorprese sono Kvara e Kim, ma anche Meret che
ha dimostrato grande personalità a suon di prestazioni: una grande squadra deve
avere un gran portiere e da questo punto di vista, nella partita contro il
Milan è stato un protagonista. 



Il Napoli, in particolare modo, è più forte del
Napoli dell’anno scorso perché ha più opzioni in rosa.  Ieri abbiamo visto
le migliori squadre della Serie A per gioco, intensità. Juventus fuori dalla
lotta Scudetto? È un campionato da prendere con le molle. Nessuno è fuori
teoricamente. -prosegue Caputi – La classifica, tutto sommato, non è così lunga. 7 punti per la
Juve non sono pochi, specialmente guardando alle difficoltà. 


È vero che anche
la Roma ha perso, ma la Juve conferma di non avere né capo né coda. Atalanta? È
un ostacolo per le big, può essere quella squadra che non avendo coppe può
durare più a lungo, avendo anche cambiato modo di giocare. Resta
l’aggressività, ma senza sbilanciarsi. Anno della maturazione del Napoli? È già
maturo, deve dimostrare di esserlo abbastanza da non commettere errori del
passato, inciampando su partite fondamentali”.


Conclude Caputi

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui