Montervino Manna
Foto: Virgilio sport

Francesco Montervino, direttore sportivo del Virtus Francavilla, è intervenuto a 1 Football Club su 1 Station Radio. Queste le sue parole:

Per muoversi così bene come sta facendo il Napoli quanta pianificazione deve esserci?

“Nel caso di squadre così importanti, la preparazione deve essere meticolosa, il lavoro ha bisogno di studio. Immagino che siano settimane che lo staff tecnico e di mercato stia lavorando in modo attento”

Si aspettava l’arrivo di Antonio Conte?

“Nel momento in cui ho capito che il direttore sarebbe stato Manna, un dirigente giovane alla sua prima esperienza in un club importante, ho pensato che l’affiancamento sarebbe stato ad un allenatore esperto, che potesse essere d’aiuto. L’ho trovato il binomio forse perfetto”

Quanto sarebbe importante l’arrivo di Chiesa al Napoli?

“L’entourage è stato contattato e, secondo me, è una operazione fattibile. È il giocatore italiano più forte in questo momento e, dunque, il Napoli farebbe un colpaccio”

Un errore da evitare è l’automatismo Conte-vittoria.

“Questo non deve esserci, sarebbe un errore madornale. Naturalmente, però, bisognerà anche prepararsi ad una stagione importante. Conte lotterà per obiettivi importanti”

Montervino, Mazzocchi può essere un uomo di Conte?

Sicuramente il Mazzocchi visto lo scorso anno non è il vero Mazzocchi. Non è stato messo nelle condizioni di esprimersi al meglio. Da napoletano immagino la sofferenza di una stagione complicata che è coincisa con quella dell’esordio in maglia azzurra. Può essere valutato nello schema di Conte, ma caratterialmente non ci sono dubbi sull’apporto che può garantire”.

Conclude Montervino

Tutte le notizie di Terzotemponapoli su Google News

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui