Euro 2024: l’ex allenatore del Napoli e attuale commissario tecnico della Slovacchia, Francesco Calzona, è intervenuto a Radio 1 Rai. Di seguito le sue dichiarazioni rilasciate nella trasmissione ‘Radio Anch’io Sport’. “Al di là dei risultati penso che abbiamo proposto un buon calcio, propositivo. C’è rammarico per il finale con l’Inghilterra, ma questo è il calcio”.

Si comincia a pensare anche alla Nations League

“Io sono molto felice di quello che abbiamo fatto. Vogliamo continuare a fare bene, in Nations League arriveremo con entusiasmo e ce la giochiamo”. Calzona ha anche parlato dell’Italia. “Io non penso che Spalletti abbia sbagliato. In Nazionale ci vuole tempo, lui è entrato in corsa e ha avuto davvero poco tempo per plasmare la squadra”.

Ci vuole tempo, secondo Calzona

“É una questione di tempo. C’era bisogno di raggiungere subito risultati, e non è facile farli e dare anche bel gioco in poco tempo. Dobbiamo avere pazienza, non è vero che in Italia non ci sono talenti, ci sono ma serve tempo. Le Nazionali sono tutte cresciute, e quelle che hanno potuto lavorare più di un anno hanno portato risultati”.

Euro 2024, ha parlato anche Stramaccioni

Anche Andrea Stramaccioni, attualmente commentatore tecnico Rai, ha parlato di Euro 2024 a ‘Radio Anch’io Sport’. Di seguito le sue dichiarazioni. “Per ora è stato un Europeo poco spettacolare anche in relazione alla qualità dei giocatori che ci sono. E che al momento non riescono a esprimere tutto il loro potenziale sul campo. Penso a Mbappé, limitato anche dall’infortunio al naso, ma anche ai grandi talenti inglesi come Foden, che non sempre hanno brillato in questa competizione”.

Euro 2024, a tutto Stramaccioni

Continua Stramaccioni:  “La squadra che più affascina è la Spagna: è la nazionale che gioca meglio, con più soluzioni e che dà più sensazioni di poter vincere. In più ha eliminato l’altra squadra che aveva fatto vedere quel qualcosa in più, ovvero la Germania”.

Tante partite…

“Si gioca tanto, tantissimo, forse troppo. Abbiamo negli occhi anche il mondiale giocato a metà stagione, con interpretazione delle stelle di tutt’altro livello, i vari Messi e Mbappé erano molto più freschi. La situazione è così e addirittura peggiorerà nella prossima stagione col Mondiale per club, gli impegni saranno sempre maggiori. Comunque ci sono in semifinale quattro grandi nazionali blasonate, l’unica grande esclusa è la Germania”.

Sull’Italia…

All’Italia manca la figura del tecnico federale? “La mia stima per Spalletti è enorme. Questo Europeo è stato negativo da tutti i punti di vista, il ct non ha avuto la possibilità di avere tutto quel tempo di cui c’è bisogno, soprattutto per capire le caratteristiche del materiale a disposizione in una generazione che sta ricostruendo un ciclo con difficoltà”.

Aspettando settembre…

“Credo che Spalletti si ripresenterà a settembre con un’idea molto chiara e un abito tattico cucito su misura, quello che non è riuscito a trovare nelle sue prime 14 partite. Farà anche qualche scelta impopolare e dolorosa. Ma sono sicuro che Spalletti troverà il bandolo della matassa”.

E durante Spagna Germania

Episodio del fallo di mano di Cucurella non sanzionato dall’arbitro Taylor durante Spagna-Germania: “Ci sarebbe un tema da aprire sul fallo di mano, perché rimane l’unico grande problema da oggettivizzare nel calcio. Ma più dell’episodio, non mi ha convinto è stata la sua conduzione di gara”.

Facendo un paragone con Orsato…

“Se facciamo un paragone con Orsato, il nostro fischietto è straordinario nel body language, nella comunicazione con i giocatori e quindi nel tenere in mano la partita, mentre Taylor invece non convince nella sua gestione a 360 gradi. Reputo remota e non meritocratica -conclude Stramaccioni- una eventuale candidatura di Taylor per la finale”.

Tutte le notizie di Terzotemponapoli su Google News

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui