Fonte foto: www.siamoilnapoli.it

Bezzi: “Kvaratskhelia-Chiesa? Certo, la Juventus fa la Champions e accontenterebbe il georgiano. E Chiesa cambierebbe aria. Mi dicono che Conte sia già molto nervoso per questi casi”

Gianni Bezzi è intervenuto in diretta a TMW Radio, durante Maracanà. Queste le parole del giornalista:

Che ne pensa delle contestazioni in casa Lazio?
“Non servono perché la linea della società è quella, Lotito resterà sempre presidente. I tifosi hanno due possibilità: o vanno allo stadio o accetti quello che passa il convento. Fanno bene a contestare, ma sanno bene che è un presidente che non va via e la Lazio è questa”.

La Roma può puntare Chiesa?
“Possono trattare Chiesa, ma devono prima risolvere delle cessioni, vedi Abraham. Chiesa so da ambiente che è saturo della situazione in casa Juve, è stanco e vuole cambiare aria”.

Farebbe Bezzi uno scambio Kvaratskhelia-Chiesa?
“Certo, la Juventus fa la Champions e accontenterebbe il georgiano. E Chiesa cambierebbe aria. Mi dicono che Conte sia già molto nervoso per questi casi”.

Un parere sull’esordio dell’Italia?
“Blocco Inter incide? Una volta con la Juve c’erano anche più elementi in rosa, ma comunque è un grande vantaggio, perché se metti dentro giocatori che giocano da tempo insieme è un vantaggio per il ct. Contro l’Albania abbiamo visto una Nazionale giovane, come non si vedeva da tempo. Abbiamo visto in difesa una nuova coppia, Bastoni-Calafiori, che devono migliorare ma hanno senso del gioco e sanno costuire. Siamo sulla strada giusta. Bisogna fare attenzione a quello che dice Spalletti, che abbiamo sempre la bischerata in canna”.

Come valuta la prova di alcuni singoli?
“Calafiori è un debuttante, l’errore che ha fatto nel secondo tempo ci può stare”.

Un pensiero su Chiesa?
“Per me l’uomo partita è stato Barella, ma Chiesa ha giocato una buona partita. Il migliore però è stato l’interista”.

Conclude Bezzi

Tutte le notizie di Terzotemponapoli su Google News

2 Commenti

  1. […] “Non mi risulta. Sapevo ci fosse una volontà della Juventus di trattenere Federico. Credo ci sia stato un confronto tra il suo entourage e la nuova proprietà. Lì, forse, qualcosa si è incrinato. Era vicina una richiesta di prolungamento. La distanza tra domanda e offerta era parecchia e, se ci sono voci in merito ad un accostamento al Napoli, vuol dire che le trattative non sono state proficue”. […]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui