Fonte foto: www.forzazzurri.net

Antonio Conte e il Napoli: di seguito le dichiarazioni di Umberto Chiariello tratte da Radio Napoli Centrale. “Sono partite le controaeree mediatiche. Prima ci guardavano con sospetto, con i sorrisetti, dicevano figuriamoci se ADL prende Conte, dirà solo che ci ha provato e poi si accontenterà di Italiano o Pioli. La narrazione è durata mesi. Poi si è detto che mai ADL avrebbe speso questi soldi per Conte, non c’era nessuna possibilità, poi l’hanno fatto diventare un piano B o un ripiego. Tutto per svilire la trattativa”.

Napoli-Conte…

Ora che è chiaro a tutti che arriverà sul serio, la narrazione ultima è: siamo sicuri sia l’uomo giusto? Tra due mesi già litigheranno. Si chiedono se i giocatori saranno adatti, il modulo, Conte poi è uno che litiga ovunque. Qualcuno dice addirittura che Conte è un parafulmine perché ADL non aveva alternative per tenersi buona la piazza, quando ADL non si è mai importato nulla della piazza, grazie a Dio, i suoi errori li ha fatti di suo, Napoli non è come Milano dove fanno l’allenatore col televoto e le petizioni popolari”.

L’operazione Conte: le finanze del Napoli…?

“ADL non è certo Cardinale del Milan che non difende le proprie scelte. I conti del Napoli, ora dicono, saranno devastati come la Juve con CR7 senza Champions, gli stessi che però inneggiavano a CR7 alla Juventus. La coerenza? Mi disturba però che tutto questo arrivi dalla stampa del nord… ho partecipato a Telelombarda e come rosicavano, ma il problema è che queste cose le dicono anche a Napoli! C’è ancora chi dice salta, è una bufala, arriva Italiano. Capisco la paura, ma ora è chiaro. Pure sul contratto una fake news sulla clausola, che avrebbe imparato da Spalletti, ma s’è imbufalito Conte che ad alcuni amici ha chiarito che sono tre anni secchi.

C’erano una volta…

Volete o no capire che negli anni 20′ con Ascarelli le perdemmo tutti al primo anno e ci fu il ripescaggio per il meridione, poi facemmo un terzo posto. Col Laurismo non si lottò mai per lo Scudetto, manco con Jeppson il banco di Napoli. Fiore ci ha portato l’orgoglio, Sivori, Altafini ed un secondo posto a distanza siderale dal Milan. Poi fummo derubati nel 71′ a San Siro, la prima volta che abbiamo alzato la testa nella nostra storia. Poi con Vinicio con una squadraccia, molti dalla B ed il vecchio Clerici, creò la favola del triennio e sfiorò lo Scudetto. Marchesi con un’altra squadraccia, un calcio brutto, ma volò fino a quell’autogol”.

Poi arrivò Diego

Se non fosse stato per Maradona, senza la politica, il Banco di Napoli, Scotti, De Mita, Juliano, l’abilità politica di Ferlaino, furono però cinque gli anni belli in tutto e si poteva vincere di più. Dal 26′ all’86 per 60 anni abbiamo lottato solo 3 volte per lo Scudetto? Siamo una storia povera, non c’è mai stata una lira, oggi ci permettiamo uno dei migliori 5 allenatori al mondo, uno che cambia subito le carte in tavola, come ha già fatto con Juventus, Inter, Chelsea, persino al Tottenham al primo anno, poi litiga spesso per le richieste”. 

Il presidente

Ma ADL spende 60mln per litigarci? ADL non scherzava quando ha detto torneremo a vincere, faremo un Napoli fortissimo, lui non scherza mai. Come quando disse che avremmo lottato per lo Scudetto. Potete rinfoderare le accuse su Conte per svilirlo? Alla fine dovreste essere orgogliosi, a Napoli si rifiutano 110mln per Kvara. Ferlaino non l’avrebbe fatto muovere e lo portava lì prima che cambiassero idea! Invece non si vende, c’è liquidità e comandiamo noi! O volete continuare ad essere beceri perché nella vita siete falliti? Mi riferisco ovviamente ad una minoranza di stupidi, la maggioranza a Napoli invece ne capisce ed a loro dico: siate orgogliosi! Comandiamo noi per la prima volta nella nostra storia”.

Tutte le notizie di Terzotemponapoli su Google News

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui