Maldini: “No ad altri club italiani”

Maldini” No ad altri club italiani. Per sempre milanista, ma a San Siro non ci vado. Inter, il segreto è la dirigenza.

Paolo Maldini, ex direttore tecnico ed ex-bandiera del Milan, è tornato a parlare a un anno di distanza dall’addio forzato al club rossonero e si è raccontato a tutto tondo in un’intervista concessa a Radio Serie A.

IL CALCIO – “Il calcio è sempre stato presente. Il Milan è sempre stata la squadra della mia città, l’abiente dove sono cresciuto e per me è qualcosa che va al di là del tifo e del lavoro. È sempre stato così e sarà sempre così. Il rapporto che c’è va al di là delle ere in cui sono passato in questa grande società e sarà così anche per i miei figli”.
CELEBRARE I SUCCESSI – “Ho recentemente, durante la pandemia, allestito un palchetto con le medaglie che avevo nei cassetti. Primo e secondo anno di Serie A ho fatto una collezione di maglie bellissime. Poi ho smesso e non so neanche perché. All’inizio avevo 17 anni e non sapevo se sarebbe andata bene, poi quando l’ho capito ho regalato diversi cimeli come le maglie di Maradona, Platini…”

Maldini: “No ad altri club italiani”

Calciomercato.com e Terzotemponapoli.com riportano l’intervista rilasciata dall’ex milanista alla rosea.

CALCIATORE E DIRIGENTE – “Io mi considero semplicemente Paolo. Cerco di fare la mia traiettoria di vita. Ringrazio la famiglia che ho avuto, ho incontrato le persone giuste. Anche la mia ultima esperienza da dirigente mi ha fatto apprezzare le cose che non conoscevo. Nel calcio uno pensa di saper tutto, ma quando passi dall’altra parte hai una prospettiva completamente diversa. Cose che ho dichiarato da calciatore, poi passando dirigente le avrei volute cancellare”.
MILANISMO – “Custode del milanismo? Non lo so, lo possono dire gli altri. Di sicuro il calcio e il Milan mi hanno insegnato tanto come valori e come principi e quando lavori per questo club ne devi tenere conto perché va al di là del risultato. quando si parla di una storia ultra centenaria, va conosciuta e studiata. 20 anni fatti con me? Sono contento, ma la mia storia parte negli anni 50 con mio papà e oggi sta andando avanti ancora perché Daniel è ancora sotto contratto”. 

I FIGLI CALCIATORI – “Purtroppo per Daniel è un destitno al quale non si scappa. Loro erano innamorati di questo sport e nei primi anni la cosa che vuoi fare da ragazzo è divertirti e quando ci sono tanti aspettative si perdono un po’. Lui sapeva avendo visto me a cosa andava incontro. Loro si sono divertiti e fanno tutto con passione. Lo sport è democratico e va avanti solo chi ha valori. Alzare la coppa come me e mio padre? Deve essere un’ambizione, non una pressione”.
RESPONSABILITA’ – “Io non sento la responsabilità. Certo quando sei all’interno della società il ruolo te lo impone. Ma per il resto mi sento solo Paolo, non solo il milanista. Io non ho mai scisso il calciatore e l’uomo e la gente mi apprezza per questo. È questione di disciplina”.

TIFAVO JUVE – “A me piaceva il calcio, sapevo del passato di mio papà e avevo capito cosa aveva fatto, ma la prima competizione che ho visto da amante del calcio era il Mondiale del ’78 che praticamente era la Juventus più Antognoni. Quindi ho seguito la Juventus come se fosse la Nazionale, ma poi ho fatto il provino per il Milan e lì è iniziata la mia storia”.

n genere partitre indietro nelle gerarchie in famiglia è sempre meglio, perché gli errori che fai coi primi non li fai coi secondi figli. Poi per me era differente perché le prime 3 erano femmine quindi io ero il primo figlio maschio e non è stato semplice dovevo sfogare le energie. Si viveva molto per strada all’epoca e si imparano tante cose e tante lezioni, ma sono stato bravo a gestirmi. La strada ti insegna a tenere aperti gli occhi” 

MILANO DA BERE – “La Milano da bere? È stato un bel periodo perché è stato quello in cui sono arrivato in Serie A. Poi era un periodo importante per la vita, era una Milano bella da vivere perché al futuro si guardava sorridendo. Conobbi Armani, Versace e il presidente Berlusconi che ha cambiato la nostra vita”. 
MILANO – “Il milanese si senta perfetto per Milano perché ti lascia vivere e camminare. Non è una città che la vedi e dici wow che bella. Non è una grande città, va scoperta, ti fa innamorare piano piano. Vedo in Milano tante caratteristiche che sono mie. Io sono discreto e riservato e rivedo Milano in questa cosa. Poi a Milano ho trovato la famiglia e la possibilità di giocare in una squadra con le stesse mie ambizioni. Senza Berlusconi sarei andato probabilmente altrove. Il posto preferito? Casa. Ma mi piace andare in zone tipo Brera”.

IL PROVINO – “Mi ricordo bene che il provino si poteva fare solo dopo i 10 anni. Prima avevo giocato solo ai giardini e all’oratorio. Non avevo mai giocato a 11 in un campo regolare. Io non lo sapevo, perché ai giardini giocavi ovunque. Chiesi quale ruolo fosse disponibile, mi dissero “ala destra” ed allora risposi va bene. Alla fine del provino mi fecero firmare il cartellino sul campo. I primi due anni ho fatto ala destra, ala sinistra alternati. Poi verso i 14 anni mi hanno spostato terzino e quando ho compiuto 16 anni ho fatto il primo ritiro insieme ad altri ragazzi con Liedholm. In quella Primavera c’era tantissimo talento, Costacurta, Stroppa, Ferron… Quel provino è l’inizio della mia storia col Milan, fino a quel momento lì ero legato al Milan per quanto fatto da mio papà”.
I GIOVANI – “Il ruolo di ala mi piaceva, mi piaceva dribblare e attaccare. Finché sei piccolo puoi sviluppare tutto, la prima tattica l’ho fatta in prima squadra, da piccolo c’era solo l’1 contro 1 in attacco e in difesa , c’è sempre tempo per imparare la tattica, sempre meno la tecnica, anche in marcatura eh… Una volta ho visto, quando Daniel ha iniziato a giocare e aveva 7 anni, per un anno ha fatto solo dribbling e uno contro uno. E mi sono detto: “lui è intelligente, va insegnata”. Si divertiva lui, ma anche il difensore. Quella capacità di non avere paura di tenere il pallone ed essere pressato è fondamentale anche per i difensori”.

iedholm mi disse “Malda entri”, mi chiese se volessi giocare a destra o sinistra e risposti “come vuole lei”. Il campo era bruttissimo, ma per me è stato magnifico. Si, sono legato moralmente dentro di me alle relazioni con le persone più che ai momenti in sé. La cosa bella è che devi condividere con altre persone gioie e dolori. Liedholm mi ha insegnato a giocare a calcio. Lui mi ha sempre detto che per giocare a calcio devi divertirti”.

I CALCIATORI DI OGGI – “C’è una competizione con gli altri pazzesca, in tanti ci provano e il 98% fallisce. È dura, ma è anche bella. Ognuno alla propria maniera, ogni calciatore sa che è passione e gioia”.
COSA MI HA TOLTO IL CALCIO – “Mi ha tolto magari un pezzo di gioventù quando magari da ragazzo non uscivo mai perché dovevo giocare. Ma non si può dire che mi abbia tolto qualcosa. Lì è iniziata la mia disciplina, è stata una mia scelta e mi ha dato tantissimo. Una cosa che mi ha tolto è la mia integrità fisica. A 41 anni ho giocato per 3 anni con gli amici, ma oggi calciare un pallone mi fa male, potrebbe essere pericolosissimo. Giocare a tennis non mi fa così male”.

BERLUSCONI – “Ha portato un’idea moderna e visionaria non solo del calcio ma del mondo. Il primo discorso nella sala pranzo a Milanello ci disse che voleva che la nostra squadra giocasse il più bel calcio del mondo, lo stesso in casa e in trasferta, e che presto saremmo diventati campioni del mondo. Dall’anno dopo, perché il primo è entrato in corsa, è cambiato tutto. Ha preso preparatori, costruito strutture per competere con i top al mondo. C’è sempre tanta diffidenza per l’imprenditore che entra nel calcio. Sacchi poteva creare e ha creato qualche dubbio, ma poi abbiamo capito i grandi vantaggi”.


RAPPORTO LOGORATO CON BERLUSCONI? – “La sua impronta è ovunque. A me piaceva molto la sua idea di cercare di giocar bene, cercare di vincere e rispettare l’avversario. Lui diceva che se non vince il Milan, mi fa piacere che vinca l’Inter. Naturalmente c’è rivalità, ma l’idea di essere onesto e arrivare al risultato attraverso il sacrificio e complimentarsi con un avversario se è più bravo di te è un insegnamento. Non si è mai logorato quel rapporto, facevamo tante battute, sono diventato amico di PierSilvio e lui mi ha sempre trattato come secondo padre. Quando è stato ricoverato in ospedale mi ha chiamato perché voleva fare degli scambi Milan-Monza ed è stato divertente. Il calcio lo ha accompagnato fino all’ultimo momento e questo si sente e si trasmette a tutti, ambiente, città, luoghi e persone”.
– “Noi ci siamo messi a disposizione di Sacchi, ma è stato durissimo fisicamente e mentalmente.

Maldini: “No ad altri club italiani”

I giovani hanno meno stabilità di performance e c’erano un sacco di alti e bassi e dentro di te ti chiedi se stavi facendo bene o no. L’adattamento piano piano è arrivato. Io spesso arrivavo al venerdì e mi dicevo: “ma come faccio a giocare domenica?”. Tutto questo però ha alzato il livello, l’abbiamo capito dopo un mese e mezzo, quando abbiamo vinto a Verona sentendo nelle gambe qualcosa di diverso. Non c’era nessuna corrente contro di lui, era solo duro adattarsi”.

Maldini: “No ad altri club italiani”

Capello? Era un giocatore in panchina. Ti diceva sempre qualcosa da fare in campo durante l’allenamento. Ha proseguito il lavoro di Sacchi rallentando però il ritmo e avevamo 25 giocatori di altissimo livello, ma ha aggiunto un minimo di praticità ad un concetto utopistico come quello di Sacchi. Liedholm, Sacchi, Capello in quest’ordine è stata una fortuna”.
LA FASCIA – “Ero capitano della nazionale già da 3 anni ed ero abituato. Farlo nel Milan era qualcosa di diverso ed era un momento difficile per il club, ma è stato bello. Parlavo poco, ero molto riservato, ma il ruolo lo impone e devi imparare”.

LA COPPA PIU’ BELLA – “Sono tutte belle, sicuramente la prima da 20enne rimane impressa. La fortuna però è che sono state vinte in 20 anni. Quella di Manchester dopo 9 anni che non vincevamo era quella più ambita da capitano”.

Maldini: “No ad altri club italiani”

ANCELOTTI – “La prima cosa che ci siamo detti è stata: “Come ti devo chiamare?” poi però è stato tutto naturale. Di Carlo si pensa che sia la persona più tranquilla del mondo e lo è. Però non è così per davvero, prima delle partite spesso e volentieri si sedeva accanto a me e mi diceva che era nervosissimo ma guardava me e si calmava
IL PIU’ FORTE – “Come forza morale e caratteristiche difensive Franco Baresi era un giocatore pazzesco. Lui era perfetto. Poi Van Basten che è stato incredibile. Poi tanti giocatori sono arrivati in momenti non idilliaci, ma erano fortissimi come Ronaldo e Ronaldinho”.

L’AVVERSARIO – “Il Ronaldo dell’Inter era qualcosa di impossibile. A me piaceva fare quello che dice all’avversario: 1 contro 1 dai andiamo, ma con lui non si riusciva. Lui era grosso, veloce, tecnico, molto difficile”.

Maldini: “No ad altri club italiani”

Non ci sono state offerte rifiutate di cui mi pento, al massimo ci sono stati momenti delicati all’interno del mio club. Difficile dire no al Real? Difficile se non sei contento al Milan, ma meglio del Milan non c’era niente”. 
FINALI PERSE – “Come posso dire che il Pallone d’Oro fosse un qualcosa che certifica che fossi il migliore? Per me non è un rimpianto. Non ho mai vinto il Mondiale e l’Europeo, quelli erano gli obiettivi che mi ero prefissato. Dissi che sono stato il più grande perdente della storia? Sì, era parte di un discorso più ampio. Ho perso 9 finali nella mia storia, e son tante… Istanbul un rimpianto? No dopo Istanbul c’è sempre Atene”.

– “Ho giocato 4 Mondiali, non ho un rimpianto. Lippi è venuto a parlare con me e in quell’anno con i problemi al ginocchio facevo fatica a sopportare il doppio impegno. Avevo detto no a Trapattoni per l’Europeo 2004 e non mi sembrava giusto dire sì a Lippi dopo”.
MALDINI DIRIGENTE – “Mi hanno chiamato e quando l’opportunità è arrivata, un pochino prima di quando me l’aspettassi. Quando è arrivata con Leonardo è stato perché ho lavorato con una persona che aveva gli stessi ideali. Perché ho scelto questo ruolo? Perché era il Milan. Il lavoro in sé è tutt’altro rispetto a quello che ti aspetti e ci ho messo una decina di mesi. O Milan o Nazionale o niente? La regola vale per l’Italia perché vedermi all’interno di un club diverso dal Milan non ce la faccio”. 

Non ho mai detto no al PSG, c’era stata questa possibilità e disponibilità, ho incontrato due volte Nasser Al Khelaifi, ma poi non si è mai andati avanti ed è stato bene così. I miei primi 10 mesi sono stati un disastro, tornavo a casa e non ero contento. Leonardo rideva e mi diceva che non capivo quanto stavo diventando importante”.

NON VADO A SAN SIRO – “Non vado allo stadio a vedere il Milan. Per me è logico. Seguo tutto, seguo il Milan e il Monza, ma mi sembra logico non andare allo stadio”.

THEO E LEAO – “Quando vedo la fascia sinistra del Milan, beh è uno spettacolo”

Maldini: “No ad altri club italiani”


IL SEGRETO DELL’INTER – “L’Inter ha una struttura dell’area sportiva. C’è un’idea ben precisa con contratti lunghi. Si da sempre poca importanza alla gestione del gruppo, non è un caso che il Napoli sia andato così male dopo l’addio di Spalletti e Giuntoli. I calciatori li considerano tutti come macchine, ma hanno bisogno di qualcuno che parli con loro e gli dica come stanno le cose”.

PASSATO – “Solo Zanetti ha un ruolo in società? A volte il passato fa paura, ma a volte l’avere un grande passato da calciatore non ti fa essere per forza un grande dirigente. Serve qualcuno che te ne dà l’occasione. Quando mi hanno chiamato al Milan ho chiesto se fossero sicuri perché il passato ingombra”.

Tutte le notizie di Terzotemponapoli su Google News

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui