Sassuolo Doig
Foto: Sassuolo Calcio

Josh Doig, esterno del Sassuolo, è intervenuto a TNT Sports. Queste le sue parole:

“Sono tutti pazzi i fan qui in Italia. Vivono e respirano il calcio, penso che sia un po’ lo stile italiano e tutti sono ossessionati dal calcio quindi non importa in quale stadio vai, loro saranno lì. E gli stadi? Ovviamente penso che San Siro sia stato quello speciale e i miei genitori sono venuti a vedermi. Ricordo una sfida tra Inter ed Hellas alla fine del 2023 e ogni volta che andiamo a San Siro, c’è una sensazione speciale. Ma per essere onesti ogni stadio ha carattere, ognuno ha la propria tradizione e cose del genere, ma direi sicuramente San Siro per me perché sono cresciuto giocando a FIFA e guardandolo in TV e quando ci sei davvero dentro sembra un po’ surreale”.

“Gli inizi in Serie A? Ricordo che la prima volta che ho pensato ‘oh, questa è Serie A’ era in trasferta contro la Lazio e io giocavo terzino esterno e Lazzari giocava terzino destro e l’allenatore mi ha avvertito che era veloce, ma ricordo di aver segnato la settimana prima, quindi nella mia testa pensavo ‘ok, posso farcela” e ricordo che al suo primo tocco ha corso per tutto il campo creando un’occasione da gol per gli avversari e io invece non avevo idea di dove fossi, stavo quasi girando in tondo. Quindi ho pensato che c’è un livello diverso qui con questi avversari e ho bisogno di crescere e migliorare”.

“Un giocatore che mi ha messo in difficoltà è stato Matteo Politano del Napoli, i suoi movimenti e le sue corse per me sono stati incredibili. È lucido e intelligente”.

Conclude l’esterno del Sassuolo, Doig

Tutte le notizie di Terzotemponapoli su Google News

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui