Flash News del 19 Aprile 2024

Napoli, Guido Rodriguez proposto a un club spagnolo

Accostato con insistenza al Napoli, Guido Rodriguez potrebbe anche restare in Spagna. Il mediano, in uscita dal Betis Sivigilia a parametro zero, è stato proposto anche al Barcellona in vista della prossima stagione. Lo scrive Relevo. Ramón Alarcón, amministratore delegato del Betis, ha rivelato a Radio Sevilla che bverrà fatto un ultimo tentatico per il rinnovo: “Ci incontreremo di nuovo con lui alla fine della stagione”.

Cagliari, Gaetano: “C’è un po’ di amaro in bocca. Il rigore? Doveva tirarlo Yerry”

Gianluca Gaetano, centrocampista del Cagliari autore del primo gol dei sardi contro la Juventus, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di SkySport dopo il 2-2 finale: “C’è un po’ di amaro in bocca perché nel primo tempo in particolare avevamo fatto bene. Nella ripresa ci siamo abbassati ma la prestazione rimaneva buona. Siamo comunque contenti. Il rigore? Doveva tirarlo Yerry, poi sono andato io. Meno male che ne sono arrivati due. Il punto di oggi è comunque buono anche se potevano essere tre. Per la salvezza ci siamo quasi, ma dobbiamo continuare a dare il massimo”. Ha concluso il centrocampista di proprietà del Napoli.

Capuano: “Il Napoli con Montella farebbe un ottimo acquisto, ha un bagaglio d’esperienza importante”

A Radio CRC nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Ciro Capuano, ex calciatore ed è stato allenato da Montella al Catania “Montella sulla panchina del Napoli? Non lo vedrei bene, di più. Ha un bagaglio d’esperienza come allenatore importante. Penso che il Napoli farebbe un ottimo acquisto. A Napoli, oggi, può venire anche Guardiola che è un top, ma è sempre un punto interrogativo.  Credo che Montella abbia la giusta personalità per convivere con De Laurentiis. Penso che questi allenatori che sono stati giocatori abbiano la personalità per avere a che fare col presidente del Napoli. Queste persone sanno muoversi in questi contesti, quindi penso di sì. Con quale allenatore ricomincerei nel Napoli se non fosse Montella? Prenderei Italiano della Fiorentina. Se poi parliamo del 4-3-3 che piace a De Laurentiis, possiamo parlare anche di Roberto De Zerbi. Il Napoli deve ricostruire un’altra volta tutto. Il prossimo anno non ha nulla da perdere il Napoli, peggio di cosi spero non si possa fare. Al Cholo Simeone l’esperienza di Catania è servita per diventare l’allenatore che è oggi. Ha costruito se stesso, ha costruito la propria formazione di allenatore. Con l’Atletico Madrid è sempre lì. Con il budget e la formazione che ha non sta facendo un lavoro grandioso, di più!”.

Napoli, Ferrarese: “Ci si deve avvicinare al quinto posto”

L’ex Napoli Claudio Ferrarese nel corso di “Azzurro 99” in onda su Campi Flegrei TV ha dichiarato:  “Ci si deve avvicinare al quinto posto, si deve subito ripartire contro l’Empoli. E’ chiaro che la possibilità di arrivare in Champions dopo il pareggio contro il Frosinone è diminuita. La classifica dice però che tutto è possibile, con le prossime due gare decisive. C’è però da dire che la stessa Roma sta andando forte, guardando anche alla prossima settimana, ma gli azzurri devono dire la loro. Prossimo allenatore del Napoli? C’è da comprendere come si chiuderà la stagione, è difficile fare un prospetto. O si prende un grande esperto, come Conte, o su un giovane in prospettiva, come Italiano. Io personalmente vedrei molto bene Italiano, che fa giocare bene le proprie squadre. David? Un grande calciatore, se arrivasse in Italia dovrà impattare bene il campionato italiano, perché sarà fondamentale sostituire sin da subito al meglio Osimhen”.

Chiariello: “ADL prese Garcia su consiglio di Sabatini! Ricevette 4 rifiuti prima…”

Umberto Chiariello, giornalista, nel corso della trasmissione da lui condotta a Radio Napoli Centrale ha svelato un retroscena legato all’estate passata e alla scelta di Aurelio De Laurentiis di tesserare Rudi Garcia per il dopo Spalletti: “L’estate scorsa De Laurentiis ha ricevuto quattro rifiuti: uno da Thiago Motta, uno da Roberto De Zerbi, uno da Luis Enrique e un altro da Julian Nagelsmann. A quel punto il presidente stava valutando Paulo Sousa, ma nel corso di queste valutazioni ha scelto Rudi Garcia su consiglio di Maurizio Micheli, a sua volta consigliato da Walter Sabatini”.

L’Italia potrebbe portare fino a sei squadre nella prossima Champions League

L’Italia potrebbe portare fino a sei squadre nella prossima Champions League. Dopo aver conquistato, con le prestazioni sul campo, il diritto alla quinta squadra in Champions, la Serie A potrebbe avere anche una sesta squadra nella competizione europea: oltre ai quattro posti assegnati con il piazzamento in campionato, infatti, se una tra Roma e Atalanta dovesse non centrare il quarto posto in Serie A e al tempo stesso trionfare in Europa League – e dunque qualificarsi in quel modo alla Champions -, si aprirebbe un posto per la squadra meglio piazzata in campionato tra quelle rimaste escluse. Un dettaglio è riportato nel regolamento della competizione al punto 3.07, dove viene spiegato che il ranking stagionale nelle Coppe europee dà un posto bonus nella Champions League successiva a prescindere, senza seguire l’andamento dei campionati nazionali.

Napoli, ad Empoli contro il peggior attacco della Serie A

Così il Corriere del Mezzogiorno sul prossimo avversario in campionato del Napoli: “Il Napoli con Calzona non ha mai tenuto la porta inviolata, in campionato ha ottenuto soltanto sei clean-sheet. La priorità è proprio la fase di non possesso, Calzona punta ad ottenere dei progressi proprio nel lavoro senza palla contro la squadra che esprime il peggior attacco del campionato con soli 25 gol realizzati in 32 giornate (0,78 a partita)”

CdS: “Politano c’è sempre stato”

Così l’edizione odierna de “Il Corriere dello Sport” su Politano: “Politano si sta specializzando nei gol impossibili. Quest’anno c’è l’imbarazzo della scelta. Anche quello al Milan fu strepitoso. Otto reti in campionato e una continuità blindata nonostante il digiuno durato quasi tre mesi da gennaio ad aprile. Ma Politano c’è sempre stato, anche senza segnare, tra assist e un rendimento costante, sacrificio in copertura e spunti oltre la metà campo. La sua miglior stagione, dopo quella già citata, coincisa con l’addio di Lozano”

Cheddira: “L’Italia non è un Paese razzista”

Così Cheddira, attaccante del Frosinone in prestito dal Napoli, in un’intervista al Corriere dello Sport sul razzismo: “L’Italia non è un Paese razzista e parlo per esperienza personale. In campo non so cosa possa capitare: siamo in foga, in adrenalina, e voglio pensare che nessuno insulti con l’istinto razzista. Ma che il calcio, con i suoi numeri, possa aiutare per stigmatizzare certi episodi questo sì, assolutamente”

Calciomercato, Napoli interessato a Guido Rodriguez

Il Corriere del Mezzogiorno parla di un interesse concreto per il centrocampista del Betis. L’entourage del calciatore ha ascoltato la proposta dei partenopei e continua a guardarsi intorno. Lui preferirebbe rimanere in Spagna, ma Barcellona e Atletico Madrid al momento non si sono fatte avanti, piace anche alla Juventus ma il Napoli è sul pezzo.

Kvaratskhelia: “La via europea ci unisce”

Kvicha Kvaratskhelia ha pubblicato un post su Facebook in merito alla “legge agenti stranieri” che allontanerebbe il suo Paese, la Georgia, dall’Europa. La norma è stata approvata in prima lettura in parlamento, ma molti si stanno opponendo con proteste e messaggi social. Kvara, sui suoi social, ha detto la sua: “La via europea ci unisce, avanti in Europa e pace alla Georgia!”

Strategia già fissata per il rinnovo di Kvaratskhelia

Kvaratskhelia e altri dieci domani contro l’Empoli, Kvaratskhelia e un’altra rosa ancora tutta da scoprire con vista sul futuro. La rifondazione del Napoli renderà il georgiano perno del nuovo corso, l’uomo dal quale ripartire per tornare a sorridere, il calciatore a cui affidarsi per risorgere e riavvicinarsi alla bellezza perduta. Esiste una strategia chiara, da tempo, che si fonda sulla necessità di blindarlo con un nuovo contratto che ha tempistiche già stabilite: se ne discuterà a fine stagione, non prima. Lo scrive il Corriere dello Sport oggi in edicola. 

La Roma chiede di rispettare la regolarità della corsa alla Champions

Come riportato dal Corriere dello Sport, ci sarà oggi la decisione della Lega, ma la Roma chiede ufficialmente di non giocare il recupero con l’Udinese il 25 aprile per non avere meno giorni di riposo rispetto al Bayer Leverkusen, e di poter disputare gli ultimi venti minuti lo stesso giorno di Atalanta-Fiorentina per rispettare la regolarità della corsa alla Champions.

Non solo Psg: una big inglese sta tentando Osimhen

Si parla di mercato sul Corriere dello Sport oggi in edicola e delle scelte future del Napoli. Il primo acquisto è già stato definito, ufficialmente: Giovanni Manna, il nuovo responsabile dell’area sportiva, cioè il manager che dovrà orientare il mercato. L’addio di Osimhen, seriamente nel mirino del Psg da un anno e inseguito anche in Premier, soprattutto dal Chelsea, implicherà l’arrivo di un centravanti di grido e gol.

ADL pensa anche a Montella! Si sono incontrati a Roma: lo voleva già in passato

Nome nuovo per la panchina del Napoli, è quello di Vincenzo Montella, attuale ct della Turchia, che si è appena qualificato per gli Europei. Come scrive l’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport, De Laurentiis è stato uno dei primi fan dell’allenatore campano, lo voleva già al Napoli in passato. Recentemente si sono incontrati a Ischia quando traballava la panchina di Garcia. Una vacanza vissuta insieme, qualche giorno di relax. E recentemente si sono incontrati a Roma e hanno parlato di tutto. De Laurentiis gli ha fatto i complimenti per il lavoro svolto. Montella al Napoli, idea possibile. Adl prende informazioni. 

Frosinone, Cheddira: Prima la salvezza qui, poi magari una Coppa europea con il Napoli

Walid Cheddira, attaccante del Frosinone in prestito dal Napoli, ha rilasciato alcune dichiarazioni al Corriere dello Sport: “La salvezza è un pensiero fisso. La meritano il club e questi tifosi che sono sempre al nostro fianco. Sarebbe stupido mollare proprio ora. Quando scendo in campo penso al presente, non al futuro. Io gioco per il Frosinone e adesso vogliamo salvarci. Il mio sogno? Prima la salvezza del Frosinone e poi magari una Coppa europea con il Napoli. Sarebbe perfetto”.

Conference League, il programma delle semifinali: per la Fiorentina c’è il Brugge

Fiorentina, Club Brugge, Aston Villa e Olympiacos. Sono queste quattro squadre che approdano alle semifinali di Conference League. Le gare d’andata delle due semifinali si giocheranno giovedì 2 maggio, il ritorno una settimana più tardi: giovedì 9 maggio (Club Brugge-Fiorentina anticipata all’8 maggio per motivi di ordine pubblico). I dettagli saranno comunicati dalla UEFA nella giornata di domani. Andata in casa per Fiorentina e Aston Villa, ritorno 

2 maggio – Andata semifinali
Aston Villa-Olympiacos
Fiorentina-Club Brugge

Europa League, il quadro delle semifinali: gli accoppiamenti di Roma e Atalanta

Olympique Marsiglia, Atalanta, Roma e Bayer Levekusen. Sono queste quattro squadre che approdano alle semifinali di Europa League. Le gare d’andata delle due semifinali si giocheranno giovedì 2 maggio, il ritorno una settimana più tardi: giovedì 9 maggio. I dettagli saranno comunicati dalla UEFA nella giornata di domani. L’Atalanta dovrebbe giocare l’andata a Marsiglia e il ritorno in casa, mentre per la

2 maggio – Andata semifinali
Olympique Marsiglia-Atalanta
Roma-Bayer Leverkusen

9 maggio – Ritorno semifinali
Atalanta-Olympique Marsiglia
Bayer Leverkusen-Roma

Flash News del 18 Aprile 2024

Rampulla: Elia Caprile? Se il Napoli lo reputa bravo allora va sfruttato

Michelangelo Rampulla, allenatore, ha rilasciato un’intervista a Radio Goal, in diretta su Kiss Kiss Napoli: “Ancelotti è Ancelotti, ho avuto la fortuna di averlo come allenatore alla Juventus e conobbi il professionista ed anche la persona che è difficile trovare nel mondo del calcio. L’errore di Meret col Frosinone? Se un centrocampista sbaglia tre o quattro passaggi va bene, poi se sbaglia il portiere prendi goal. Ha sbagliato un passaggio e ci può anche stare, se si vuol fare la costruzione dal basso devi poterlo fare, non dev’essere un’ossessione. Caprile? Il Barcellona insegna che a sedici o diciassette anni si può già giocare ad alti livelli, ma se il Napoli sceglie dei giocatori li prende di qualità alta. Se credono che Caprile sia bravo va sfruttato, non c’è sempre bisogno di andare a farsi le ossa altrove”.

Novellino: Napoli, ci vuole carattere, dipende tutto dalle prossime 2-3 partite

Intervenuto ai microfoni di Campi Flegrei tv, per la trasmissione Azzurro99, l’ex allenatore del Napoli Walter Novellino: “In questo momento, e fino a fine stagione, non credo sia giusto parlare di altri allenatori perché si manca di rispetto a Calzona, che merita tanto. Il Napoli in Europa? Io credo che si possono fare i risultati, mentalmente si sta facendo fatica, ma parliamo di una squadra di livello. I giocatori sono di qualità, non bisogna dimenticarselo. Io non mi spiego il senso di tale campionato. Il Napoli non ha bisogno di paragonarsi alle altre, è chiaro è che ora dipende tutto dalle prossime 2/3 partite. Ci vuole carattere”.

Accomando: Niente Allegri, Conte è la prima scelta del Napoli

“Antonio Conte è oggi la prima scelta del Napoli. Contatti per cercare intesa su contratto e progetto tecnico. Massimiliano Allegri non è oggi un nome per la panchina del Napoli”, scrive il giornalista di DAZN Orazio Accomando su X, in merito al nuovo allenatore del Napoli per la prossima stagione.

Krol: Hancko sta facendo molto bene, il Feyenoord lo cederà per più di 25 milioni

Ruud Krol, ex calciatore, ha rilasciato un’intervista a Radio Goal, in diretta su Kiss Kiss Napoli: “Hancko? Sta facendo molto bene in Olanda, il calcio olandese però non ha la stessa qualità del calcio italiano. Non l’ho mai visto a livello internazionale, ma lui sicuramente ha qualità. Non credo parta per 25 mln, il Feyenoord non ha bisogno di far cassa”.

Ag. Rodriguez: Napoli? Non chiudiamo nessuna porta per il futuro

Dall’Argentina hanno accostato Guido Rodriguez al Napoli. Estadio Deportivo ha fatto il punto della situazione spiegando che il centrocampista di anni 30 del Betis non rinnoverà e che il suo entourage, a proposito del Napoli, “non chiude la porta a nessuno per espresso desiderio del centrocampista”Dunque Rodriguez resta nel mirino del Napoli ma non solo, visto che piace anche alla Juventus e in Spagna a Barcellona e Atletico Madrid. 

Conte al Napoli? Sarebbero già pronti tre acquisti

Si muove ed entra già nel vivo il mercato del Napoli. Come scrive l’edizione odierna del quotidiano Repubblica, sarebbero già pronti tre super colpi qualora il nuovo allenatore dovesse essere Antonio Conte. Il primo sarebbe Guido Rodriguez, che si svincola dal Betis, poi Sudakov a centrocampo e in attacco Jonathan David per sostituire Osimhen. 

Olivera spera in una convocazione contro l’Empoli, Juan Jesus torna titolare

Il Mattino ha fatto il punto sulle condizioni di Mathias Olivera, terzino del Napoli. L’uruguagio, fermo per un problema all’adduttore, farà una nuova risonanza e spera in una convocazione contro l’Empoli. Juan Jesus ha lavorato in gruppo e tornerà titolare in Toscana, mentre Kvaratskhelia non si è allenato per una gastroenterite ma non sembra preoccupare.

Napoli, Calzona ha deciso di affidarsi ai senatori per le ultime sei partite di campionato

Stando a quanto riportato dal Corriere dello Sport, Francesco Calzona, allenatore del Napoli, ha deciso di affidarsi ai senatori per le ultime sei gare di campionato: “Potrebbero salire a tre, invece, le panchine di fila per Traore, uscito al 45’ di Napoli-Atalanta e mai più in campo da quel momento. Calzona è intenzionato a puntare ancora su Zielinski accanto a Lobotka e Anguissa. La sua idea è quella di affidare ai senatori, ai giocatori storici, il finale di stagione, un’occasione collettiva per concludere nel migliore dei modi il campionato conquistando un posto in Europa, rendendo meno amara un’annata particolare. A cominciare da Empoli”.

Flash News del 17 Aprile 2024

Manna ha già incontrato l’agente di David, cifre e dettagli

Clamorosa indiscrezione lanciata dal portale Tuttomercatoweb.comGiovanni Manna è già in movimento per il sostituto di Victor Osimhen, il cui addio è ormai certo. Il nuovo direttore sportivo del Napoli ha incontrato la settimana scorsa, a Milano, l’entourage di Jonathan David, attaccante del Lille. Durante l’incontro, si è proposta l’offerta al centravanti canadese di diventare un punto cardine della squadra, ripercorrendo quanto fatto da Victor Osimhen, arrivato proprio dal Lille. David ha aperto al trasferimento in Italia, dando così il via alla trattativa. Il classe 2000 ha chiesto un contratto di cinque anni, da 3 milioni di euro più bonus, cifra che porterebbe a un importante ridimensionamento dagli oltre 10 che percepisce Osimhen. Ora sono da limare i dettagli tra i due club, con il Lille che valuta il cartellino circa 50 milioni di euro. Gli azzurri non vorrebbero superare i 35 più bonus, e considerati gli rapporti tra le due dirigenze, non è difficile che la distanza venga colmata. 

Braida: “Manna è un giovane che ha buone idee”

Così Ariedo Braida, dirigente sportivo, a Radio Crc nel corso di “Si gonfia la rete”: “Con De Laurentiis non ho rapporti. E’ un grande presidente, ci conosciamo, ma basta. Lui è De Laurentiis, io sono un piccolo dirigente! Giovanni Manna lo conosco, non ci sentiamo tutti i giorni, ma l’ho conosciuto. E’ un ragazzo giovane e che avrà buone idee, ma solo il tempo dirà se è bravo o meno. Manna dovrà dimostrare, mettersi alla prova e cercare di fare del suo meglio per far sì che il Napoli torni ad essere il Napoli del passato che ha incantato tutti gli appassionati di calcio. Se mi chiamasse il Napoli? Non si può dire no ad una chiamata del Napoli, chiunque sia il direttore che venga chiamato”

Impallomeni su Gasperini: “Non ce lo vedo proprio a Napoli”

Stefano Impallomeni, giornalista ed ex calciatore, è intervenuto a Maracanà in onda su Tuttomercatoweb Radio. Queste le sue parole su Gasperini a Napoli: “Non ce lo vedo proprio a Napoli. Caratterialmente è particolare e non si prenderebbe. Credo che abbia difficoltà ad interagire con certi ambienti. Alla Juventus invece lo vedrei bene”

Maradona Junior: “Mostra su Diego fermata dal Napoli. Contro noi figli accanimento da parte di De Laurentiis”

L’ex calciatore ed ora allenatore Diego Armando Maradona Junior ha parlato ai microfoni di Kiss Kiss Napoli: “Abbiamo difficoltà sull’organizzazione della mostra “Diego Vive”, che dovrebbe partire all’ex Base Nato nel prossimo maggio con un parco a tema dedicato a mio padre. Siamo rimasti sorpresi perché il Napoli ha detto di essere proprietario delle immagini di nostro padre perché ha giocato nel Napoli, e stiamo usando il marchio senza permesso. Per noi non hanno diritto a reclamare questi diritti, ma nonostante ciò ci siamo seduti al tavolo per parlarne con loro perché ci teniamo ad inaugurare a Napoli questa mostra. I nostri legali sono in trattativa ed abbiamo tutta la voglia di andare in contro alla società azzurra. Non capisco perché ogni volta che noi figli di Diego organizziamo qualcosa c’è un accanimento da parte del Napoli, mentre quando altri (Ceci, ndr) organizzano che non ne avrebbero diritto cose simili allora lì non si creano tutti questi problemi”.
RispondiInoltra

Damiani: David bravo e simile a Osimhen, ma Victor è insostituibile

In diretta a Radio Punto Nuovo, nel corso di Punto Nuovo Sport, è intervenuto Oscar Damiani, agente ed intermediario esperto di calcio francese: “David è un calciatore con caratteristiche simili ad Osimhen, seppur meno fisico. E’ veloce, bravo di testa e fa gol, poi gioca tanto con la squadra. In Ligue1 sta facendo molto bene e può fare benissimo anche in Serie A, se si adatterà con il calcio tattico delle italiane. Osimhen però è insostituibile: solo il gioco può dare qualcosa in più alla squadra, ma individualmente non lo trovi un altro come lui”.

Napoli, personalizzato in campo per Olivera, terapie per Contini, Kvara non si è allenato per una gastroenterite

Il Napoli si è allenato questa mattina all’SSCN Konami Training Center. Come riportato dal sito ufficiale del Club, Gli azzurri preparano il match contro l’Empoli in programma sabato allo Stadio Castellani per la 33esima giornata di Serie A. Piacevole sorpresa oggi al Konami Training Center per la gradita visita di Dries Mertens con il figlio Ciro. L’ex bomber azzurro ha assistito all’allenamento e ha salutato il gruppo con grande emozione e affetto. La squadra ha iniziato la seduta svolgendo attivazione a secco. Successivamente la rosa si è divisa in due gruppi che si sono alternati, sui campi 1 e 2, in circuito di forza e lavoro tecnico tattico. Chiusura di sessione con partitina a campo ridotto. Olivera ha svolto lavoro personalizzato in campo. Kvaratskhelia non si è allenato per una gastroenterite. Terapie per Contini.

Napoli, trattativa in fase avanzata per Guido Rodriguez del Betis

César Luis Merlo, giornalista del portale argentino ‘Tyc Sport’, ha svelato che il mediano Guido Rodriguez è in trattativa avanzata con il Napoli. Secondo il noto giornalista sudamericano, infatti, il club azzurro sarebbe a un passo dall’accordo col calciatore in scadenza di contratto col Betis Siviglia. Ramón Alarcón, amministratore delegato della società andalusa, ha spiegato a ‘Radio Sevilla’ che ci sarà un ultimo tentativo per rinnovare il suo contratto: “Ci incontreremo di nuovo con lui alla fine della stagione”. Nonostante queste parole, però, le possibilità che resti a Siviglia sono piuttosto remote e il Napoli è avanti a tutte le altre pretendenti.

Napoli-Frosinone: gli esiti dei controlli della Polizia Municipale

“La Polizia Locale di Napoli in occasione dell’incontro di calcio Napoli-Frosinone, allo Stadio Maradona ha intensificato il controllo del perimetro esterno dello Stadio al fine di prevenire e reprimere gli illeciti e i reati maggiormente diffusi durante questi eventi. Gli Agenti della municipale hanno contestato 78 verbali per infrazione al C.d.S. e prelevato 44 veicoli di cui 7 motoveicoli in divieto di sosta di cui 2 sequestrati per mancanza di copertura assicurativa. Gli Agenti sono stati impegnati tra l’altro al contrasto del fenomeno abusivo dei parcheggiatori che operano illecitamente nella zona soprattutto in occasione di eventi come la partita di calcio. Sono stati individuati sanzionati ed allontanati 5 parcheggiatori di cui 4 denunciati poiché recidivi Infine sono state contestate 6 violazioni dell’Ordinanza Sindacale che vieta la vendita di bibite in contenitori di vetro nei pressi dello stadio in concomitanza con eventi sportivi”

Diego Armando Maradona Junior: “Difficoltà nell’organizzazione della mostra “Diego Vive”

Queste le parole di Maradona Jr ai microfoni di Kiss Kiss Napoli: “Abbiamo difficoltà sull’organizzazione della mostra “Diego Vive”, che dovrebbe partire all’ex Base Nato nel prossimo maggio con un parco a tema dedicato a mio padre. Siamo rimasti sorpresi perché il Napoli ha detto di essere proprietario delle immagini di nostro padre perché ha giocato nel Napoli, e stiamo usando il marchio senza permesso. Per noi non hanno diritto a reclamare questi diritti, ma nonostante ciò ci siamo seduti al tavolo per parlarne con loro perché ci teniamo ad inaugurare a Napoli questa mostra. I nostri legali sono in trattativa ed abbiamo tutta la voglia di andare incontro alla società azzurra. Non capisco perché ogni volta che noi figli di Diego organizziamo qualcosa c’è un accanimento da parte del Napoli, mentre quando altri organizzano che non ne avrebbero diritto cose simili allora lì non si creano tutti questi problemi”

Napoli, De Laurentiis avvisa Manna, nessuna strategia attendista

Come riporta La Gazzetta dello Sport, Aurelio De Laurentiis, presidente del Napoli, non vuole ripetere gli errori del passato sul mercato e ha già avvisato Giovanni Manna, ormai vicino ad essere il nuovo d.s. azzurro, di non voler attuare una strategia troppo attendista: “E’ ancora aprile, ma il Napoli non ha intenzione di perdere tempo. Aurelio De Laurentiis è stato chiaro con il nuovo direttore sportivo Manna: non dovranno essere ripetuti gli errori del passato, causati da una strategia troppo attendista. Il club è consapevole di dover effettuare un investimento per reparto”.

Perez: A gennaio sono stato vicino al Napoli, ma le parti non hanno trovato l’accordo

 Nehuen Perez, difensore dell’Udinese, ha rilasciato alcune dichiarazioni a La Gazzetta dello Sport in cui si è soffermato sullo scorso mercato invernale, in cui è stato vicino al Napoli: “A gennaio sono stato ad un passo dal Napoli. L’interesse c’era, ma le parti non hanno trovato l’accordo. Dimostrerò il rispetto per questo club che ha creduto in me e mi ha dato tanta fiducia fino all’ultimo giorno in cui resterò qui. Siamo concentrati sull’obiettivo e contro Inter e Roma mi sembra si sia visto che c’è l’atteggiamento giusto. Abbiamo fatto due grandi prestazioni. E siamo consapevoli che il momento è delicato”. Mi piace tanto la serie A, ma la Premier è incredibile”.

Napoli, tre diffidati

Gli azzurri Pasquale Mazzocchi, Stanislav Lobotka e Victor Osimhen sono diffidati e dunque, in caso di cartellino giallo nella partita in trasferta contro l’Empoli, in programma sabato 20 aprile alle ore 18, salterebbero la successiva sfida casalinga contro la Roma.

Solo uno tra Gaetano e Folorunsho rimarrà in azzurro la prossima stagione

Gianluca Gaetano e Michael Folorunsho torneranno al Napoli dopo i prestiti a Cagliari e Verona, ma come riporta La Gazzetta dello Sport, solo uno dei due potrebbe restare in azzurro la prossima stagione, viste anche le partenze previste in quel reparto, a cominciare da Piotr Zielinski.

Napoli, Calzona non si sente offeso dalle voci sul suo possibile successore

Secondo quanto riportato da Il Mattino, Francesco Calzona, allenatore del Napoli, non sarà riconfermato sulla panchina azzurra per la prossima stagione in quanto la zona Champions è troppo lontana. Il tecnico azzurro non si sente offeso dalle voci sul suo possibile successore, in quanto i patti con la società erano che sarebbe rimasto fino a giugno

Il Napoli pensa al ritorno di Kim, sul difensore c’è anche l’interesse della Juventus

Stando a quanto riportato da Il Mattino, il Napoli pensa ad un ritorno in prestito di Kim Min-Jae, difensore che non ha mantenuto le aspettative in questa stagione al Bayern Monaco. Sul coreano, però, ci sarebbe anche la Juventus.

ADL attende ancora Conte, il tecnico è rimasto colpito dalle sue attenzioni

Il Mattino ha fatto il punto sull’interesse del Napoli per Antonio Conte: “Il presidente De Laurentiis aspetterà ancora Antonio Conte, il quale non ha dato ancora una risposta definitiva sull’offerta del Napoli. Il presidente però ha il timore che dietro questo temporeggiare dell’allenatore pugliese ci sia praticamente un rifiuto anche se Conte, sottolinea Il Mattino, è rimasto molto colpito dalle attenzioni di De Laurentiis. Tuttavia, De Laurentiis non trascura altre piste come quella che porta a Stefano Pioli. Le sue quotazioni sono in salita e tutto dipenderà dalla sfida di Europa League contro la Roma. La non qualificazione del Milan porterebbe ad un divorzio. Resta sempre in auge anche Italiano della Fiorentina”.

Zielinski, Dendoncker, Traorè e Demme diranno addio in estate, in bilico Gollini

Il Corriere dello Sport ha fatto il punto sulle possibili cessioni del Napoli in estate: “Si avvicina giugno, sarà il capolinea per diversi calciatori, almeno da contratto. Oltre a Piotr Zielinski, che saluterà per ripartire dall’Inter, dirà addio al Napoli anche Leander Dendoncker. Tornerà in Premier League come Hamed Junior Traore, di proprietà del Bournemouth. Troppo elevata la cifra del riscatto (25 milioni). È già virtualmente un ex Diego Demme. In bilico il futuro di Pierluigi Gollini. Il Napoli la scorsa estate ha rinnovato il prestito per un anno dall’Atalanta ma si è riservato il diritto di riscatto”.

De Laurentiis pensa a Stefano Pioli, con lui Raspadori troverebbe più spazio

Il Corriere dello Sport si è soffermato sui motivi per i quali Stefano Pioli, allenatore del Milan, piace molto al presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis: “Non solo Gasperini, il favorito per la panchina del Napoli. Ci sono anche altre idee. Stefano Pioli ad esempio ha le physique du role per il Napoli: per aplomb, perché uno Scudetto l’ha vinto e neanche da favorito, perché sa unire il gruppo. Per l’idea di calcio che sarebbe continuità, nel nome della difesa a quattro: nel suo 4-2-3-1, tra l’altro, troverebbe più spazio anche Raspadori. Il Milan, dal canto suo, in caso di addio di Pioli pensa a Julen Lopetegui, che ha già avuto due incontri con Geoffrey Moncada”.

Napoli, Osimhen andrà via in estate, su di lui Chelsea e PSG

La Repubblica ha fatto il punto sul futuro di Victor Osimhen, attaccante del Napoli: “L’eredità di Victor Osimhen sarà difficile da raccogliere: il numero 9 andrà via. L’accordo per il rinnovo con clausola rescissoria fissata a 130 milioni di euro è propedeutico ad una cessione estiva. Chelsea e Psg sulle sue tracce, l’ammissione della cessione è arrivata dallo stesso presidente qualche tempo fa”.

Da Buongiorno a Scalvini e Hien, il Napoli prenderà almeno due difensori

Stando a quanto riportato da Il Mattino, il Napoli comprerà almeno due difensori sul mercato estivo. I profili più attenzionati dagli azzurri sono Alessandro Buongiorno del Torino, Giorgio Scalvini e Isak Hien dell’Atalanta, David Hancko del Feyenoord e Nehuen Perez dell’Udinese.

Napoli, Meret pronto al rinnovo fino al 2025, ma a fine stagione può partire

La Repubblica si è soffermata sul futuro di Alex Meret, portiere del Napoli: “Alex Meret ha il contratto in scadenza a giugno: ha raggiunto il 70% delle presenze e quindi la società azzurra farà valere l’opzione di rinnovo unilaterale fino al 2025. Un appuntamento con il suo agente (Pastorello) è fissato al termine della stagione. Meret è a un bivio: legarsi al Napoli con un accordo più lungo oppure verificare eventuali offerte provenienti dal mercato. L’addio a scadenza non è contemplato da nessuna delle due parti, quindi andrà presa una decisione”. 

Flash News del 16 Aprile 2024

Osimhen sui social: Non posso piacere a tutti, la vita va avanti

“Sono troppo cresciuto per preoccuparmi di chi mi vuole bene e di chi a cui non piaccio. Ho delle cose da fare. Se mi ami, ti amo. Mi supporti, io ti sostengo. Se non ti piaccio, non me ne frega niente. La vita va avanti”, scrive l’attaccante azzurro Victor Osimhen all’interno di un post pubblicato su Instagram.

Sorrentino: “Allenatore? Dipende da che squadra farà il Napoli

Così l’ex portiere Stefano Sorrentino a “Maracanà” in onda su Tuttomercatoweb radio: “Dipende da che squadra farà il Napoli. Sono tutti allenatori di prima fascia, ma bisogna capire. Rischia di perdere intanto Meret, perde di sicuro Zielinski, che era importante, e forse Osimhen. E Kvara? E chi compra? Può venire anche Copperfield ad allenare, ma se manca la materia prima…c’è una base importante è vero, ma devi avere un’idea su come ripartire e da lì capire con chi cominciare il nuovo percorso. ADL vuole dare tanti milioni a Conte o Allegri o preferisce uno come Italiano? O vai su un profilo come Gasperini? Tutto dipende dalle idee che si hanno”

Lille, David sul futuro: “Ho ancora un anno di contratto, ne parleremo a fine stagione”

Jonathan David è nel mirino del Napoli per la prossima stagione. L’attaccante del Lille ha rilasciato un’intervista a La Voix Sports, dove ha parlato del suo futuro: “Mi resta ancora un anno di contratto. Francamente non ci penso proprio, anche se negli anni scorsi ci sono state delle voci. Sono al Lille e rimarrò qui finché non firmerò un contratto con un altro club. Per me è sempre stato così. Rinnovo? Non so se hanno parlato con il mio agente oppure no. Ne parleremo a fine stagione. Mancano ancora partite importanti e voglio concentrarmi su quello che sta succedendo in campo”. 

Sirene inglesi per Di Lorenzo, il capitano azzurro riflette: ecco chi lo cerca

Sirene inglesi per Giovanni Di Lorenzo. Come riporta l’edizione odierna de Il Mattino, il capitano azzurro ha attirato l’attenzione della Premier League, con l’Aston Villa, dove gioca il suo connazionale Zaniolo, che ha mostrato interesse. Con la situazione delicata in casa Napoli, il classe 1993 ci sta riflettendo: non è da escludere quindi un suo addio in estate.

Accostato al Napoli per sostituire Osimhen, David sta sorprendendo col Lille in Ligue 1

Jonathan David, attaccante del Lille, è da tempo un pallino della dirigenza del Napoli e il suo nome sta tornando attuale dopo l’annuncio dell’addio di Victor Osimhen. Classe 2000 di nazionalità canadese, in questa stagione ha messo a referto già 23 gol e 3 assist in 40 presenze. Non è nuovo a questi numeri da gioiello: in carriera è sempre andato in doppia cifra, la sua annata migliore è stata la 2022/23 quando ha impressionato tutti segnando 26 reti in 40 partite giocate.Il fiuto del gol è certamente il suo marchio di fabbrica, ma un altro aspetto da non sottovalutare è la tenuta fisica. Se le frequenti assenze sono state probabilmente l’unico difetto di Osimhen in azzurro, il suo tallone d’Achille, con David parliamo di un calciatore da sole 3 partite saltate in carriera per infortunio. Ironia della sorte il sostituto di Victor arriverebbe dallo stesso club dal quale i partenopei hanno prelevato il bomber nigeriano che ha poi portato allo Scudetto, e occhio perché ha il contratto in scadenza nel 2025. I suoi numeri da quando milita tra i professionisti. 2023/24 (in corso): Lille, 40 presenze, 23 gol e 3 assist, 2022/23: Lille, 40 presenze, 26 gol e 4 assist 2021/22: Lille, 48 presenze, 19 gol e 0 assist 2020/21: Lille, 48 presenze, 13 gol e 4 assist 2019/2020: Gent, 40 presenze, 23 gol e 10 assist 2018/19: Gent, 43 presenze, 14 gol e 6 assist

La richiesta di Conte ad ADL: triennale con ingaggio alla Osimhen

Un triennale da dieci milioni di euro all’anno per allenare il Napoli: questa la richiesta di Antonio Conte alla proposta di Aurelio De Laurentiis. A scrivere delle alte pretese dell’ex tecnico di Juventus ed Inter è l’edizione odierna di Repubblica: “II Napoli spera di convincere Conte al più presto, ma c’è (anche) da trovare l’accordo economico tra le parti. L’allenatore chiede un ingaggio da oltre 10 milioni di euro netti a stagione per tre anni, il Napoli è arrivato a 8 più bonus. I contatti sono frenetici: De Laurentiis ha fretta, il tecnico no. Ogni giorno che passa, un nuovo club potrebbe bussare alla porta dell’ex Tottenham, a partire proprio dalla Premier League: oltre al Manchester United, c’è il ricco Newcastle saudita alla ricerca di un profilo di spessore. 

Valentini: Conte sarebbe la scelta giusta per il Napoli, ma vuole garanzie assolute

Antonello Valentini, ex direttore generale della FIGC, ha rilasciato alcune dichiarazioni a “Radio Goal”, trasmissione in onda su Radio Kiss Kiss Napoli: “Conte lo conosco, è un allenatore preparatissimo ed è legittimamente un tecnico di grande ambizione. Sarebbe la scelta giusta: se De Laurentiis presenta un programma ambizioso e serio e uno stipendio adeguato, Conte è convinto che si possa ricostruire il Napoli. Perché Conte non fa sconti, non vuole ritrovarsi sorprese. Osimhen? Uno come lui lo sostituisci solo con un altro Osimhen, anche da questo punto di vista Conte chiederà garanzie assolute”.

De Maggio: Lukaku al posto di Osimhen

Così Valter De Maggio a Radio Kiss Kiss Napoli: “Manna e Giuntoli avevano pensato di portare Lukaku alla Juventus quest’estate. Io vi assicuro che di sicuro il primo nome per l’attacco per Manna è Romelu Lukaku. E aggiungo: se arrivasse Antonio Conte, Lukaku sarebbe la scelta assoluta per sostituire Osimhen. Più di David, più di Zirkzee. Manna vuole portare Lukaku a Napoli”

Erede Osimhen, la corsa si restringe: due i candidati

C’è un grande tormentone che riguarda il prossimo mercato del Napoli: la ricerca del sostituto del partente Victor Osimhen. A parlare dell’addio annunciato dell’attaccante nigeriano è l’edizione odierna del Corriere dello Sport: “A partire dalla scelta del centravanti a cui toccherà raccogliere l’eredità di uno degli attaccanti più incisivi e decisivi in circolazione. Victor Osimhen andrà via – Psg e Chelsea a fare la fila davanti a tutti, in ordine – e nel futuro cominciano a stagliarsi chiaramente le sagome di Jonathan David, 24 anni, centravanti canadese del Lilla che piace da tempo, da oltre un anno; e Santiago Gimenez, 23 anni da brindare giovedì, messicano del Feyenoord che stuzzica anche la Premier. Da definire la posizione di Simeone, il Cholito, troppo ai margini quest’anno per un professionista che ha il calcio nelle vene: comprensibile, ha bisogno di capire e giocare con maggiore continuità.  

Napoli ha già il sostituto per l’addio di Meret

Un Alex Meret che può davvero lasciare Napoli. A parlare della situazione del portiere è l’edizione odierna della Gazzetta dello Sport, che fa anche il nome del possibile sostituto: “Un tormentone che si ripropone ora, vista la sua situazione contrattuale e l’investimento già fatto dal club. Meret è in scadenza il 30 giugno, ma nel suo contratto c’è un’opzione di rinnovo al raggiungimento del 70 per cento delle presenze. Di fatto, scatterà in automatico ma il suo agente ha già annunciato che non intende far vivere al suo assistito un’estate come quella di Zielinski: in sostanza, non giocherà col contratto in scadenza, o si allunga l’intesa di almeno due stagioni o chiederà la cessione. Ipotesi da tenere ben presente, visto che in estate il Napoli accoglierà Elia Caprile, prelevato un anno fa dal Bari e girato in prestito all’Empoli, dove sta dando il suo forte contributo nella corsa salvezza. 

La mostra su Maradona a Bagnoli rischia di saltare, c’è la diffida di De Laurentiis

Come riporta La Repubblica, Aurelio De Laurentiis, presidente del Napoli, avrebbe diffidato gli organizzatori della mostra su Diego Armando Maradona a Bagnoli, alla base Nato, dove si voleva creare un parco tematico sul Pibe de Oro dall’1 al 30 maggio: “Non utilizzate nell’evento marchi o altri segni distintivi del Calcio Napoli, comprese le immagini, anche sportive, sia di Maradona che di altri giocatori della squadra del Napoli. La società sportiva, dichiaratasi titolare esclusiva dei diritti commerciali sull’immagine di Maradona con l’abbigliamento e i prodotti ufficiali della società, ha evidenziato di non aver mai concesso l’utilizzo, per fini commerciali, di dette immagini, rappresentando che in caso di perdurante violazione del diritto d’autore e della proprietà intellettuale avanzerà una richiesta di risarcimento danni, anche nei confronti della fondazione che ospita l’evento. Anche la Regione Campania ha messo in guardia gli organizzatori di Campania Welfare dopo la diffida del Napoli. E adesso l’evento rischia seriamente di saltare.

Napoli, Simeone piace alla Lazio, al suo posto potrebbe tornare Cheddira

Secondo Tuttosport, Walid Cheddira potrebbe tornare a Napoli in estate e restare al posto di Giovanni Simeone: “In estate Cheddira tornerà in azzurro per fine prestito. Questa volta per restare. Il Cholito Simeone potrebbe andare via e piace alla Lazio: una partenza che spalancherebbe le porte di Castelvolturno al centravanti italo-marocchino, pronto a giocarsi le proprie carte nella rosa di un Napoli destinato nei prossimi mesi a cambiare pelle e avviare un nuovo corso”.

Fontana: Napoli, Meret non c’entra nulla con i problemi di quest’anno degli azzurri

Intervenuto ai microfoni di Campi Flegrei tv, per la trasmissione ‘Azzurro 99’, l’ex calciatore Alberto Fontana, che ha vestito anche la maglia del Napoli, ha analizzato l’ultima gara con il Frosinone e non solo: “Logico che guardando quello che ha fatto il Napoli l’anno scorso, è difficile spiegarsi quanto accaduto quest’anno. Persi gli equilibri e difficile tornare in corsa, il Frosinone ha meritato il pareggio. Il Napoli può fare anche sei vittorie su sei in questo finale di stagione, ma obiettivamente non è più la squadra del passato. Meret? Si guarda all’errore, ma ha parato il rigore e salvato il risultato con il piede in precedenza, poi è logico che l’errore del portiere resta impresso. Io credo che Meret non c’entra nulla con i problemi del Napoli di quest’anno. Gli azzurri hanno perso le sicurezze, anche se io considero comunque sia una grande rosa. In questo momento il Napoli si crea da solo i problemi. L’errore è stato fatto in partenza, con Garcia che voleva cambiare una macchina quasi perfetta”

Juventus, l’assenza di Manna al derby ha fatto rumore, sta già lavorando con ADL

Il Corriere dello Sport si è soffermato sul possibile approdo al Napoli di Giovanni Manna: “Giovanni Manna, l’uomo che De Laurentiis ha scelto per accompagnare il Napoli attraverso una rifondazione inevitabile alla luce della fallimentare stagione post scudetto, non era allo stadio Olimpico Grande Torino. No, sabato non ha assistito al derby con il Toro in veste di dirigente della Juventus, e la sua assenza nell’ambiente bianconero e in quello azzurro ha fatto più rumore di un gol. Anche perché la partita è finita 0-0, per carità. Un segnale, comunque. Un passo, un ponte in quel futuro che Manna sta cominciando a costruire insieme con Adl, in attesa che il presidente sciolga l’altro nodo importante della sua primavera: l’allenatore”.

Napoli, per il centrocampo occhi su Ferguson e Sudakov

Il Corriere dello Sport ha fatto il punto sul possibile sostituto a centrocampo di Piotr Zielinski, ormai promesso all’Inter a parametro zero: “La rifondazione, dicevamo, sarà notevole, radicale: in questo momento l’idea di De Laurentiis è cambiare un bel po’, in tutti i reparti. Dalla porta all’attacco, passando per il centrocampo. Dove l’infortunio di Lewis Ferguson, lo scozzese del Bologna, è stato di certo un imprevisto notevole: è un obiettivo, si vedrà. Il nome prediletto, comunque, è da gennaio quello di Georgiy Sudakov, 21 anni, la stella nuova del calcio ucraino: 40 milioni offerti e poi rifiutati dallo Shakhtar, ma mica è finita”.

Flash News del 15 Aprile 2024

Felipe Anderson: ha firmato col Palmeiras

Sfuma uno degli obiettivi della Juventus e di Cristiano Giuntoli. Felipe Anderson è il nuovo giocatore del Palmeiras a parametro zero dalla Lazio, dopo aver deciso di non firmare il nuovo contratto. Felipe ha ricevuto la settimana scorsa la proposta della Juventus per un contratto triennale ma ha deciso per un ritorno shock al Palmeiras per motivi familiari. A riferirlo su X è il giornalista esperto di mercato Fabrizio Romano.

ADL torna su Gasperini per la panchina

Oltre a ContePioli e Italiano, nei radar di De Laurentiis è tornato anche Gian Piero Gasperini. Questa la notizia rilanciata dall’edizione odierna del Corriere dello Sport sul tecnico dell’Atalanta: “Il Gasp è un vecchio amore, sedotto e abbandonato più di dieci anni fa: Adl lo aveva scelto per sostituire Mazzarri, poi Walter all’improvviso decise di rinnovare e arrivederci e grazie di tutto. Anzi di niente.A distanza di tempo, però, il cerchio si è chiuso: Mazzarri è stato esonerato e Gasperini è rientrato in corsa per il futuro del Napoli insieme con i soliti componenti di quella che gradualmente comincia ad assumere i contorni della lista definitiva. Antonio Conte è il primo desiderio, già cercato a ottobre, e come Gasp è sempre stato un fautore della difesa a tre, fermo restando gli arricchimenti e le metamorfosi stuzzicate anche dallo studio e dall’aggiornamento di questo anni; Vincenzo Italiano e Stefano Pioli, invece, sono teorici della difesa a quattro e sono altri due allenatori stimati professionalmente e umanamente.  

Schwoch: Napoli, il pari col Frosinone non mi sorprende, De Laurentiis vuole Conte

Stefan Schwoch, ex attaccante del Napoli, ha rilasciato alcune dichiarazioni a “Il Bello del Calcio”, trasmissione in onda su Televomero: “Napoli-Frosinone? Vorrei evidenziare due cose: non sono deluso e nemmeno sorpreso dalla gara di ieri. Settimana scorsa non capivo l’entusiasmo che si percepiva dopo la vittoria di Monza. Si pensava a un Napoli capace di vincere diverse partite di fila quando durante tutto l’anno non ha mai ottenuto tre successi consecutivi. L’anno scorso la squadra ha fatto molto di più quello che poteva fare, Spalletti ha trovato tutti i tasselli giusti a livello tecnico e di spogliatoio. A me non è piaciuta tanto la prestazione, gli errori difensivi fanno parte del rendimento dei giocatori. Il futuro? ADL sta pressando molto per prendere Conte. Napoli all’allenatore piace, è una piazza ambita da molti. La migliore coppia offensiva dell’era ADL a Napoli? Per le caratteristiche che piacciono me dico Lavezzi-Cavani”

Caressa: L’uomo più vicino ad Allegri è Manna, col suo addio si sente isolato

Nel corso di Sky Calcio Club, il noto giornalista Fabio Caressa ha voluto approfondire il momento della Juventus parlando in particolare di Allegri e della lettera agli azionisti bianconeri divulgata la scorsa settimana: “La notizia più importante della settimana, al di là dello 0-0 nel derby è stata la lettera che John Elkann ha scritto agli azionisti, c’è un passaggio molto importante in cui viene data a Cristiano Giuntoli la società. Viene sottolineato come sia bravo, che ha vinto premi importanti e come sia lui, con un focus sui giovani talenti, che dovrà costruire la Juventus. Vuol dire che Giuntoli ha la responsabilità assoluta. In tutto il documento è stato l’unico nome citato. A Giuntoli sarà permesso di portare i suoi uomini di fiducia all’interno e di ricostruire il braccio armato del Napoli che aveva vinto lo Scudetto. Manna tra l’altro era l’uomo più vicino ad Allegri e andrà al Napoli”. Sul futuro del tecnico ha aggiunto: “Allegri non è stato ancora chiamato da nessuno, ha un buon rapporto con Elkann che gli riconosce di aver traghettato la squadra in un momento difficilissimo ma non è stato contattato nè per dirgli che per l’anno prossimo c’è un altro nè per dirgli che rimane. Si sente un po’ solo e abbandonato ma la sensazione è che non sarà più l’allenatore della Juventus il prossimo anno.”

Bologna, brutte notizie per Ferguson

Lewis Ferguson, infortunatosi dopo Bologna Monza, dovrà essere operato a causa della rottura del legamento crociato. Così recita il comunicato ufficiale della società felsinea: “Gli esami cui è stato sottoposto Lewis Ferguson in seguito al trauma distorsivo al ginocchio destro hanno evidenziato la lesione del legamento crociato. Il giocatore sarà sottoposto ad intervento chirurgico dopo il quale saranno definiti i tempi di recupero”

Santacroce: “Questo Napoli concede troppo a chiunque”

Così Fabiano Santacroce, ex difensore del Napoli, a Radio Goal in onda su Radio Kiss Kiss Napoli: “Questo Napoli concede troppo e a chiunque. Meret ha fatto degli errori, ma ieri non ci doveva essere partita. Gollini dà più sicurezza alla difesa, ma questo è un mio parere. In Serie A se concedi così tanto poi la paghi. Se Meret ha fatto quell’errore però non c’erano compagni liberi e lui è andato in difficoltà. Hai perso certezze quest’anno e quando sei in campo fa la differenza l’aspetto mentale e non quello fisico. L’anno scorso c’era una squadra sicura, quest’anno dopo il primo mese ho già pensato che sarebbe andata così”

Soviero: Meret? Prima o poi un portiere incappa in un errore del genere

Salvatore Soviero, ex calciatore, ha rilasciato un’intervista a Radio Goal, in diretta su Kiss Kiss Napoli: “Costruzione dal basso? L’errore meno grave che fa Meret è quello sul primo goal subito. Il Napoli ha fatto tanti goal costruendo dal basso, ma esistono anche le alternative alla costruzione dal basso. Non è una papera, prima o poi puoi incappare in un errore del genere. Il Napoli di oggi non è una squadra, come ha detto Calzona. La squadra è la stessa dell’anno scorso, ma hanno perso un riferimento importante come l’allenatore. Il vero leader dell’anno scorso era Spalletti, fu lui a fare la differenza. Cambiare la guida tecnica più volte, con un presidente che non sa che direzione prende è normale che nessuno si prenda delle responsabilità”.

Corbo: “Spalletti è il primo colpevole”

Antonio Corbo, giornalista, a Radio Capri, nel corso di “Bordocampo”, ha spiegato quelli che sono per lui i motivi della stagione disastrosa del Napoli: “Spalletti è il primo colpevole del declino del Napoli, non si lascia una squadra dopo lo scudetto, inventando la scusa, la favoletta, ovvero  me ne vado per amore”. Secondo Corbo, l’ex allenatore del Napoli avrebbe fatto meglio a dire: “Io non voglio più lavorare qui perché non ci sono più le condizioni per lavorare bene”, invece si è nascosto dietro una colossale bugia, dicendo che se ne andava per troppo amore per la città e poi è saltato sul primo treno utile, quello della Nazionale”. Corbo ha poi così concluso: “Questa ipocrisia a me non piace, sono contro l’ipocrisia”

Napoli, D’Avino: “…non è facile mettere a posto i cocci”

Giovanni D’Avino, ex fisioterapista del calcio Napoli, a Radio Goal in onda su Radio Kiss Kiss Napoli: “Oggi non è facile mettere a posto i cocci, mi rattrista molto questa stagione che è cominciata male e l’epilogo non è felice. Sono ottimista per la qualificazione all’Europa League, sarebbe comunque una competizione importante e tende a tenere la squadra nei posti alti della classifica. Tre modi di lavorare diversi? Già in ritiro c’erano le prime avvisaglie e sono arrivati i primi infortuni. Le metodologie diverse di lavoro hanno portato ad una sorta di scombussolamento. Sembrava che la squadra fosse rinata con Mazzarri dal punto di vista atletico, ma non è bastato. E’ un’annata balorda, speriamo che la società faccia di tutto per allestire una squadra forte per l’anno prossimo”

Auguri a Leander”: il messaggio della SSC Napoli per Dendoncker

“Auguri a Leander che compie oggi 29 anni!”. Così scrive sui propri profili social la SSC Napoli, augurando buon compleanno a Leander Dendoncker per il suo 29° compleanno. Il centrocampista belga, arrivato a gennaio, è stato vero e proprio oggetto misterioso con appena 21 minuti disputati in Serie A dal suo arrivo dall’Aston Villa (con la formula del prestito con diritto di riscatto fissato a 10 milioni).

Del Genio: Se restano più di 2-3 titolari si rischia altro anno mediocre!

Paolo Del Genio, giornalista di Radio Kiss Kiss Napoli e Telecapri, si è espresso così nel corso della trasmissione ‘Radio Goal’: “Io ormai non cambio il mio pensiero, sono convinto che il Napoli debba rivoluzionare la squadra, soprattutto nei titolari. Se ne restano più di due-tre si trascinano quelli che arrivano in un altro anno mediocre. Quindi a mio parere bisogna cambiarne 7-8 tra i titolari. Calzona? Il Frosinone terzultimo in classifica ti fa il 2-2, cosa dobbiamo aspettare per avere cambi più coraggiosi? Il mio voto è stato 4. Meret? Per fortuna il suo è il primo errore di questo tipo, in costruzione dal basso, ma credo che l’avventura di Meret a Napoli è finita. Alla fine non esce sul cross per Seck, poi fa la parata ma doveva uscire. E’ in evidente blocco psicologico pure lui, quindi credo che neanche lui sia proponibile per l’anno prossimo, come tanti altri calciatori”.

Bazzani: “Il Napoli di questa stagione gioca a sprazzi”

Fabio Bazzani, ex attaccante della Sampdoria tra le altre, attuale opinionista DAZN, ha rilasciato alcune dichiarazioni a Radio Kiss Kiss Napoli durante ‘Radio Goal’: “Bisognava capire se il Napoli era in grado di ripetere il secondo tempo di Monza, e purtroppo con il Frosinone non c’è riuscito. Balza agli occhi una fase offensiva sempre brillante dove i giocatori si attivano sempre, però nella fase di non possesso c’è difficoltà a percepire il pericolo, si fanno errori banali e gli avversari se ne accorgono, percepiscono le difficoltà e ne approfittano. Mi sa che è cambiata la testa, l’anno scorso erano giocatori super concentrati, adesso vanno a sprazzi. Quando si va nella parte di sofferenza, senza obiettivi concreti da raggiungere si vede che il Napoli arranca, perde gli avversari sotto palla, c’è poca copertura difensiva e le squadre avversarie ne approfittano”.

Serie A- La prossima stagione inizierà il 17-18 agosto: ecco le date ufficiali

Nella Serie A dell’anno prossimo, che inizierà il 17 agosto, ci saranno subito tre turni (gli altri sono nel weekend 24-25 agosto e il terzo in quello del 31 agosto-1° settembre), poi ci sarà la sosta delle Nazionali (weekend 7-8 settembre). L’Italia di Luciano Spalletti, una volta calato il sipario sugli Europei 2024 in Germania, scenderà in campo per le prime partite della Nations League, il 6 contro la Francia e il 9 contro Israele. Poi tornerà il campionato con la quarta giornata, nel weekend del 14-15 settembre e successivamente prenderà il via la nuova Champions a 36 squadre e girone unico (con il primo turno che sarà spalmato in tre giorni: martedì, mercoledì e giovedì), che avrà anche due gare in più nella fase a gironi (che dovrebbero essere giocate nel gennaio 2025). Lo ha annunciato Andrea Butti, responsabile delle competizioni della Lega Serie A, a Telelombardia.

Gazzetta ad ADL: Kim e Kvara non si trovano tutti gli anni, basta scommesse

Il Napoli non può pensare di affidarsi sempre a scommesse sul mercato. Questo il monito lanciato dalla Gazzetta dello Sport al presidente Aurelio De Laurentiis: “E poi bisognerà investire pesantemente sul mercato, senza fare più scommesse. Perché i Kim e i Kvaratskhelia non si trovano ogni anno come hanno dimostrato gli esperimenti fallimentari di Natan e Lindstrom.Serve gente pronta, giocatori da inserire nel contesto giusto con le qualità adatte al sistema di gioco dell’allenatore e non analizzando solo i numeri, di campo e fuori. Non aver investito su un difensore di esperienza internazionale resta il più grave errore dell’ultima campagna acquisti ed è da lì che il Napoli ripartirà”  

Accardi, agente: Sarà questa la coppia della rinascita del Napoli

Liverpool sottotono? Si ma vanno dati grandi meriti all’Atalanta. Ma quella di stasera contro il Verona sarà una partita combattuta”. Così a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Beppe Accardi. E il Napoli? Deve solo aspettare di chiudere la stagione e ripartire. Ha bisogno di rigenerarsi e poi ricominciare”. Da chi ripartiranno gli azzurri? “Credo che Manna-Italiano sarà la coppia della rinascita del Napoli”.

Su Italiano ora c’è anche il Bologna: idea se parte Motta

Panchina Bologna, in caso di addio con Motta quotazioni in crescita per Italiano. Lo scrive il portale Tuttomercatoweb: “C’è una specie di tormentone in questo finale di campionato e riguarda il futuro di Thiago Motta. Secondo molti l’attuale allenatore del Bologna è la prima scelta della Juventus in caso di separazione con l’odierno tecnico Max Allegri, ma nel mentre l’ex centrocampista italo-brasiliano sta scrivendo pagine di storia calcistica con la squadra emiliana in maglia rossoblù, riportata su livelli di competitività che non viveva da diverso tempo. E in caso di addio, chi sono i primi candidati sulla lista del Bologna? Nei giorni scorsi è stato fatto il nome di Raffaele Palladino del Monza, anche se secondo quanto risulta è più in alto nelle preferenze il profilo di Vincenzo Italiano, in uscita dalla Fiorentina e in orbita anche per il Napoli. Più defilato Alessio Dionisi, nome che sembra maggiormente indirizzato verso il Monza in caso appunto di separazione con Palladino da parte dei brianzoli.

Napoli: non è più una corsa a due Conte-Italiano: c’è il sorpasso di Pioli

La scelta del prossimo allenatore sarà fondamentale per il nuovo ciclo del Napoli, soprattutto alla luce degli errori commessi in questa stagione con tre tecnici cambiati da De Laurentiis. Lo scrive l’edizione odierna della Gazzetta dello Sport, che punta forte su tre nomi e racconta di un inserimento forte di Stefano Pioli.”E allora, vietato azzardare ancora, perché quel «questa squadra può allenarla chiunque» pronunciato dal presidente durante la festa scudetto si è trasformato in un boomerang dal quale il Napoli non sa più riprendersi. Ecco perché nella testa del presidente ci sono al momento tre strade. La prima porta al sogno Antonio Conte, la seconda all’occasione Stefano Pioli in caso di separazione dal Milan, la terza a Vincenzo Italiano, in uscita dalla Fiorentina e vecchio pallino di De Laurentiis. Tre filosofie diverse, ma comunque tre nomi importanti. Certo, ripartire da Conte o Pioli sarebbe il biglietto da visita più credibile da spendere sul mercato: sono gli ultimi due tecnici scudetto prima di Spalletti, due che in Italia sanno fare la differenza”. 

Flash News del 14 Aprile 2024

Perillo: “Napoli, è tutto sbagliato e da rifare. Con Calzona aumentate le disattenzioni difensive”

Antonello Perillo, giornalista Rai, ha commentato così su X il deludente pareggio del Napoli col Frosinone: “Uno splendido eurogol di Politano, sotto gli occhi del ct Spalletti, sembrava potesse spianare al Napoli la strada per una facile vittoria che avrebbe rafforzato le speranze di centrare, per il quindicesimo anno consecutivo, una qualificazione in Europa. Invece è successo di tutto. Gol sbagliati ma soprattutto le solite incredibili disattenzioni difensive, che da quando è arrivato Calzona sono addirittura aumentate. Per dirla alla Bartali, è tutto sbagliato e tutto da rifare. Unico gran protagonista, il pubblico, accorso in massa pur rischiando di andare incontro all’ennesima delusione”.

Roma, buone notizie per N’Dicka: nessun infarto. Ora TAC e notte in ospedale

Non è stato un infarto per Evan N’Dicka. Buone notizie dagli esami cui si è sottoposto il difensore della Roma, protagonista suo malgrado della sospensione della partita sul campo dell’Udinese al minuto 71 a seguito di un malore che l’ha visto accasciarsi autonomamente al suolo ed uscire con l’ausilio di una barella, pur facendo subito cenno di stare bene. Escluse implicazioni cardiache, adesso N’Dicka è ricoverato in codice giallo all’ospedale di Udine e in questi minuti è stato sottoposto ad una TAC con la quale i medici vanno alla ricerca di possibili eventi traumatici che abbiano portato poi al malore. N’Dicka passerà la notte in osservazione in ospedale, anche se la notizia migliore c’è già: non è stato un problema al cuore, adesso va capito di cosa si tratta. Poco fa il centrale romanista ha parlato con la CEO Soulokou, con capitan Pellegrini e mister De Rossi, rassicurando tutti in merito alle proprie condizioni.

Inter, sfuma il record di punti in campionato

Il Cagliari ferma la corsa dell’Inter: a San Siro finisce 2-2, con i nerazzurri che toccano 83 punti dopo 32 partite. Per vincere lo Scudetto nel prossimo turno la squadra di Inzaghi dovrà battere il Milan nel derby di lunedì 22 ma la partita di stasera sancisce già un dato statistico: il record assoluto di punti in Serie A rimarrà alla Juventus 2013/14 con 102, visto che l’Inter potrà arrivare al massimo a 101.

Alvino: Questi calciatori hanno smarrito orgoglio e senso d’appartenenza

Il Napoli non va oltre il 2-2 al Maradona con l’Udinese e spreca l’ennesima occasione per tornare in corsa per la qualificazione in Champions. Il giornalista Carlo Alvino commenta così su X: “Che delusione! Ancora una volta (e quest’anno è accaduto spesso) chi è sceso in campo ha calpestato la dignità di una intera tifoseria con una prestazione indolente, svogliata e pigra.Questi calciatori hanno smarrito orgoglio e senso di appartenenza. L’unica strada percorribile ora è la rifondazione, a partire dal nuovo allenatore. Queste prove indecorose servono solo ad anticipare decisioni già maturate. Vestire la maglia azzurra deve restare un privilegio!”.

Udinese-Roma, Ndicka si accascia a terra per un dolore al petto e lascia il campo in barella, l’arbitro sospende la partita

Momenti di grande apprensione durante Udinese-Roma: al 69′ Evan Ndicka, difensore giallorosso, si è accasciato da solo a terra toccandosi il petto. Uscito in barella, cosciente, ha fatto il gesto del pollice per tranquillizzare tutti ma la partita non è ripresa perché De Rossi è voluto andare negli spogliatoi per assicurarsi che le condizioni dell’ivorinao fossero stabili. Di rientro dagli spogliatoi, il tecnico romanista ha chiesto la sospensione della partita all’abitro Pairetto perché la squadra non sarebbe abbastanza serena per tornare a giocare. Al 77′ Pairetto ha quindi decretato il triplice fischio: partita sospesa, quando verrà giocata verrà ripresa dal minuto in cui è stata sospsesa.

Marcolin: Conte o Italiano al Napoli? Farei un pensiero anche su De Rossi

Dario Marcolin, ex calciatore, ha rilasciato alcune dichiarazioni a DAZN sul prossimo allenatore del Napoli: “Conte un nome importante, Italiano gioca un calcio offensivo che è nel DNA del Napoli, ma avrei anche una terza opzione: se De Rossi non rinnova con la Roma, ci farei più di un pensiero”.

Sosa: Meret da 7 a fine primo tempo, l’errore però è stato troppo pesante

Roberto “El Pampa” Sosa, ex attaccante del Napoli, ha parlato ai microfoni di Tele A dopo il pari degli azzurri contro il Frosinone: “Meret era da 7 a fine primo tempo, era questo il mio voto al 45’, ma l’errore risulta pesante ai fini del risultato ed in quella fase. Male la difesa, peccato perché a centrocampo si era visto qualcosa di meglio”.

Finalmente Bayer…

La squadra di Leverkusen vince il primo titolo della sua storia battendo il Werder Brema 5-0. I ragazzi di Xabi Alonso vincono per la prima volta il titolo tedesco da imbattuti con 5 partite ancora da giocare in campionato. Hanno davvero polverizzato ogni record.

Napoli, De Giovanni: “…molti soldi, molta supponenza, molta vergogna”

Lo scrittore Maurizio De Giovanni commenta su Facebook il 2-2 interno del Napoli contro il Frosinone: “A volte vorrei che il calcio fosse un ristorante. Dove se mangi male, o paghi uno sproposito rispetto a quello che ti danno, o il cameriere è un maleducato, puoi non tornare. E scegliere un altro posto. È una questione di quantità di ingredienti, alla fine. Poca dignità, poco onore, nessun senso di rappresentanza; molti soldi, molta supponenza, molta vergogna. Che peccato non poter cambiare ristorante. In quell’applauso a Spalletti c’era tutto. Rimpianto, malinconia, gratitudine. E tutto c’era in quei fischi, alla fine. Bentornati. Quel quarto d’ora di Monza ci aveva fatto pensare ad altro. Speriamo solo che finisca presto”

Spalletti osannato al Maradona

Luciano Spalletti ha assistito per la prima volta da ex ad una partita del Napoli in casa. Il Corriere dello Sport sottolinea le emozioni, ed in particolare la commozione, del tecnico del terzo scudetto. “Presentato dallo speaker e inquadrato sugli spalti, prontissimo per assistere alla sfida contro il Frosinone sotto il sole splendente della “sua” Napoli, il tecnico di Certaldo è stato accolto con un’ovazione dei tifosi. Per lui è partito il coro “Siamo noi, i campioni dell’Italia siamo noi” cantato da tutto l’impianto: emozioni forti, fortissime che hanno lasciato il ct visibilmente commosso.”

Napoli, Marcolin: “Se De Rossi non rinnova con la Roma…”

Dario Marcolin, ex calciatore, a Dazn sul prossimo allenatore del Napoli: “Conte un nome importante, Italiano gioca un calcio offensivo che è nel DNA del Napoli, ma avrei anche una terza opzione: se De Rossi non rinnova con la Roma, ci farei più di un pensiero”

Azzi: Al Napoli non basterà voltare pagina, serve subito un segnale forte di ADL

Marco Azzi, giornalista de La Repubblica, ha commentato così su X dopo il deludente pareggio del Napoli col Frosinone: “Le macerie rischiano di diventare troppe e dopo la lunga agonia di questa stagione al Napoli non basterà voltare pagina. Serve subito un segnale forte da parte di De Laurentiis, perché le sue ammissioni di colpa hanno soltanto dato l’ennesimo alibi ai giocatori”.

Napoli, Manna verso la risoluzione contrattuale con la Juventus

Giovanni Manna si avvicina sempre di più al Napoli. La redazione di Tuttomercatoweb rivela che, il contratto del dirigente con la Juventus è in scadenza nel giugno 2025, ma si arriverà alla risoluzione contrattuale. A fine campionato tutto sarà sistemato, con Manna che potrà liberarsi e definire il suo futuro con il Napoli. Il suo addio alla Juventus apre all’inserimento di altri profili: Pompilio (in scadenza con il club azzurro), storico collaboratore di Giuntoli, in pole position c’è anche Stefanelli, attuale ds del Pisa. Anche Cherubini è in uscita, per lui resta viva l’ipotesi Parma. L’accordo di Giovanni Manna con il Napoli è quinquennale: con De Laurentiis stanno lavorando sul nuovo allenatore.

Napoli-Frosinone, Politano ha preso parte a 13 reti in questa Serie A

Matteo Politano ha preso parte a 13 reti in questa Serie A (8 gol e 5 assist) e nel massimo campionato ha fatto meglio solo nel 2017/18, con il Sassuolo (14) – inoltre, è il dato più alto di ogni altro giocatore italiano nel torneo in corso. Superlativo”. Lo riporta Opta Paolo su X.

Bucciantini: Il Frosinone è stato mentalmente più forte del Napoli

Il giornalista Marco Bucciantini ha rilasciato alcune dichiarazioni a Sky dopo il pareggio del Napoli contro il Frosinone. Ecco quanto evidenziato da “Napoli Magazine”: “Il Frosinone è stato più forte mentalmente del Napoli. Il Napoli in casa ha fatto troppi pochi punti. E’ mancata forza mentale, ha sbagliato tanti tiri Osimhen, il Napoli ha subìto con fragilità la partita”.

Napoli-Frosinone, Marelli: C’è il rigore, giuste le amonizioni per Mario Rui

Luca Marelli. arbitro, ha analizzato gli episodi di Napoli-Frosinone ai microfoni di DAZN. Ecco quanto evidenziato da “Napoli Magazine”: “C’è il rigore per il Frosinone: c’è il contatto tra Rrahmani e Cheddira. L’ammonizione per Rrahmani nasce dal fatto che era chiara occasione da rete: depenalizzazione perché Rrahmani ha tentato di giocare il pallone non arrivandoci. Corretta la decisione tecnica e disciplinare. Ammonizione Mario Rui, prima è per condotta antisportiva, dopo un calcetto senza violenza all’avversario. La seconda, niente da eccepire. Fallo evidente di Mario Rui”.

Quagliarella: Napoli, all’improvviso si spengono le luci

Fabio Quagliarella, ex attaccante, ha rilasciato alcune dichiarazioni dopo il pareggio del Napoli contro il Frosinone. “Il gol di Politano? Classica posizione di Politano, ruba sempre il tempo, il portiere lo sa che Politano tira in quell’angolo lì ma non può partire prima, è la rapidità di esecuzione di Politano che è eccezionale, gol molto bello. All’improvviso si spengono le luci, la stagione del Napoli è stata tutta così”

Marcolin: Il Napoli ha gettato via un’altra occasione

Dario Marcolin, opinionista, ha commentato a DAZN il pareggio tra Napoli e Frosinone: “Il Napoli ha gettato via un’altra occasione per risalire in classifica, gli azzurri hanno anche giocato bene e creato diverse occasioni ma certe partite poi vanno vinte. Con questo risultato il sogno Champions si è infranto. Le partite del Napoli sono più o meno uguali, in attacco si gioca bene ma poi in difesa si prende gol. Nelle ultime tre partite ne hanno presi ben sette”.

Osimhen resta da solo al centro del campo dopo i fischi

Il pubblico del Maradona contesta il Napoli dopo l’ennesima delusione e il 2-2 col Frosinone. Francesco Fontana, bordocampista Dazn, racconta: “Osimhen è rimasto per ultimo in mezzo al campo dopo che la squadra è andata sotto le due curve con copiosi fischi che piovevano sugli azzurri. Il centravanti nigeriano, con le braccia sui fianchi, è rimasto a guardare lo stadio con area sconsolata dopo l’ennesimo risultato negativo”

Politano, la prima diagnosi dell’infortunio

Risentimento muscolare al polpaccio per Matteo Politano. Questa la prima diagnosi che riporta il bordocampista Dazn Francesco Fontana dopo che l’esterno azzurro aveva chiesto il cambio al 77′ di Napoli-Frosinone dopo uno scatto sul fondo nel tentativo di tenere il pallone in campo. 

Frosinone, Cheddira: Segnare al Maradona è fantastico, spero di farlo anche con la maglia del Napoli

Walid Cheddira, attaccante del Frosinone, ha rilasciato alcune dichiarazioni dopo il pareggio contro il Napoli. Ecco quanto evidenziato da “Napoli Magazine”: “E’ stata una emozione unica, stiamo lottando per la salvezza, segnare in questo stadio è fantastico, speriamo di farlo anche con la maglia del Napoli. La dedica è a mia madre, sono felicissimo. Scambio la maglia con Osimhen, lui è di un altro livello. Dobbiamo dare il massimo e lottaresu ogni pallone, sono le gare più difficili in cui i punti pesano di più, lo faremo per la piazza che merita. Sono felice per questo punto, per la squadra soprattutto, andiamo avanti”.

Napoli-Frosinone, Mario Rui espulso, salta la trasferta di Empoli

La doppia ammonizione, con conseguente espulsione, rimediata da Mario Rui per fallo su Demba Seck nel match tra Napoli e Frosinone comporta la squalifica del terzino portoghese azzurro che salterà la trasferta di Empoli della prossima giornata di campionato.

Napoli-Frosinone, Rrahmani ammonito, era diffidato, salterà l’Empoli

Il fallo da rigore, poi parato da Meret ai danni di Soulè, di Amir Rrahmani, difensore del Napoli, costa al kosovaro la squalifica per la prossima giornata di campionato. L’ammonizione ricevuta, infatti, attiva la squalifica del difensore che non ci sarà nella trasferta di Empoli.

Turci: Il Napoli conta su Osimhen, serve la sua fame per la rincorsa Europa

Tommaso Turci, giornalista, ha rilasciato alcune dichiarazioni a DAZN. Ecco quanto evidenziato da “Napoli Magazine”: “Osimhen ha sempre dimostrato attaccamento e ha sempre dato il massimo. E’ un giocatore che dà profondità alla squadra e nessuno è come lui in Italia. Il Napoli è diverso quando gioca. Prendiamo l’immagine del suo gol a Monza, stacca in cielo, prende il pallone e si fa anche male. La sua fame serve per poter portare il Napoli in Europa”.

Teotino: gara fondamentale col Frosinone per il Napoli

Il giornalista Gianfranco Teotino ha rilasciato alcune dichiarazioni a Sky prima del match Napoli-Frosinone. Ecco quanto evidenziato da “Napoli Magazine”: “E’ una gara fondamentale per il Napoli, come lo sono quelle in programma stasera e domani sera. Per il napoli è imprescindibile la vittoria di oggi.

Bucciantini: Il Napoli deve inseguire un traguardo e gli scontri diretti sono importanti

Il giornalista Marco Bucciantini ha rilasciato alcune dichiarazioni a Sky prima del match Napoli-Frosinone. Ecco quanto evidenziato da “Napoli Magazine”: “Il Napoli ha anche due scontri diretti e sono importanti, poi quando devi inseguire un traguardo e devi incontrare Roma e Bologna lo diventano molto di più. Si dà valore anche al punto dello 0-0 in Serie A, ma nei campionati internazionali ad esempio ieri non c’è stato uno 0-0”.

Tuttosport: “Derby zero”

La prima pagina di Tuttosport dedica ovviamente spazio al derby della mole di ieri sera. Una sfida deludente, a lunghi tratti davvero soporifera per gioco ed occasioni. Così il quotidiano sportivo: “Due occasioni per Vlahovic, una per Sanabria e Lazaro: stop. Il pari delude tutti, ma serve più alla Juve che al Toro”. Poi spazio anche alla qualificazione dell’Inter alla Supercoppa e allo 0-0 tra Bologna e Monza.

Napoli-Frosinone, previsto il sold out

Il Corriere del Mezzogiorno si sofferma sul dato inerente il pubblico che riempirà oggi il Maradona. Previsto il sold out oggi: “Il Napoli, nonostante le contestazioni dei tifosi con alcuni volantini in città, che ha animato le ultime ore, potrà contare anche oggi sull’apporto del pubblico. Previsto infatti il tutto esaurito al Maradona. Da giorni erano già terminati i biglietti per Curve, Distinti, Tribuna Nisida e nelle ultime ore sono terminati anche gli ultimi tagliandi di Tribuna Posillipo. La squadra partenopea ha una media stagionale di presenze in casa di 47.297 spettatori. Un dato davvero ottimo, in controtendenza con le prestazioni della squadra che hanno deluso le attese dopo lo scudetto.”

CDM, resta Italiano il favorito alla panchina del Napoli

Il Corriere del Mezzogiorno di oggi dedica spazio al possibile allenatore del Napoli per la prossima stagione. Così il quotidiano: “De Laurentiis sta cercando di non lasciare nulla al caso e sta sondando la disponibilità di diversi allenatori. Il sogno è Conte, ma resta Italiano il favorito. E non è escluso che se lo stesso Calzona dovesse fare bene e quindi riportare il Napoli in Champions (obiettivo difficilissimo) possa tentarlo con una proposta e riconfermarlo. Prima, però, bisognerà fare bene nelle prossime gare e conquistare tanti punti perché le altre squadre in corsa per l’Europa non stanno di certo a guardare”

Flash News del 13 Aprile 2024

Giuntoli: Manna assente? Stiamo parlando con lui per capire il suo futuro

Cristiano Giuntoli, direttore sportivo della Juventus, è intervenuto ai microfoni di DAZN prima del derby contro il Torino: “Manna assente allo stadio? Stiamo parlando con lui, per cercare di capire il suo percorso nel rispetto del nostro club. Allegri? Siamo concentrati sul presente, a inizio anno ci siamo posti degli obiettivi e siamo in linea con quello che volevamo fare. Stiamo lavorando per questo, a fine anno ci sarà modo e tempo di capire quale sarà il futuro della Juventus. Parleremo col mister, ha un anno di contratto e sta facendo un grande lavoro, a fine anno vedremo”.

Frosinone – I 24 convocati di Di Francesco per il Napoli, out Oyono, Bonifazi, Monterisi e Harroui

Sono 24 i giallazzurri convocati da mister Di Francesco per la gara Napoli-Frosinone in programma domani allo stadio ‘Maradona’. Di seguito l’elenco completo: Portieri: Cerofolini, Frattali, Turati. – Difensori: Lirola, Lusuardi, Marchizza, Okoli, Romagnoli, Zortea, Valeri – Centrocampisti:
Barrenechea, Brescianini, Gelli, Garritano, Mazzitelli, Reinier – Attaccanti: Cuni, Baez, Cheddira, Ghedjemis, Kaio Jorge, Soulè, Seck, Kvernadze

Napoli: le prime manovre ed il budget di Manna: pronti 100mln per tre rinforzi

La cessione di Osimhen a 120-130mln porterà quantomeno 100mln di euro di budget (oltre ai soldi per i rinnovi) a Manna per rimodellare la squadra. Secondo la Gazzetta dello Sport una cinquantina di milioni saranno necessari per un centravanti di spessore, tra i soliti nomi di David e Santiago Gimenez col primo sicuramente più facile per i rapporti col Lille e la scadenza del contratto nel 2025. A centrocampo invece il profilo perfetto è quello di Lewis Ferguson del Bologna: la spesa è stimata sui 25mln di euro ma il suo arrivo è legato anche alla (difficile) qualificazione Champions. Difficile accetti infatti senza la massima competizione europea che invece farà sicuramente il Bologna. L’alternativa è Quinten Timben del Feyenoord. In difesa invece i nomi sono i soliti di Hancko e Martinez Quarta e ADL difficilmente stanzierà più di 20mln di euro per un difensore (Kim fu pagato ad esempio 18).

Malfitano: Se il Napoli giocherà prossime 7 come quei 15’ di Monza, andrebbero tagliati gli stipendi

Mimmo Malfitano, firma storica de La Gazzetta dello Sport, è intervenuto a Extra time Zona Napoli su Prima Tivvù: “Paradossalmente io dovrei augurarmi che i 15’ di Monza siano stati un caso, perché se effettivamente da quel quarto d’ora e nelle prossime sette partite il Napoli dovesse giocare a quei livelli, sarebbe da radiarli e da tagliargli gli stipendi. Io dall’inizio dell’anno ho detto che c’è una percentuale molto alta di colpe che va attribuita ai giocatori”.

Empoli: Caprile: Sono deluso per la sconfitta, ora siamo già concentrati sulla sfida col Napoli

Elia Caprile, portiere dell’Empoli ma di proprietà del Napoli, ha parlato ai microfoni di DAZN dopo la sconfitta contro il Lecce: “Oggi ho fatto parate importanti ma la partita non è andata come volevamo? Sinceramente non lo so. La partita l’abbiamo fatta, abbiamo trovato una squadra forte e con un pubblico importante. Gli episodi delle volte ti vanno a favore altre contro. Episodio del tocco fuori area? Sinceramente no, non l’ho notato. Il pallone era dentro all’area, ma con le mani ero fuori. La regola è nuova mi hanno detto e non sta a me dire se era fallo o no. C’è qualcuno pagato per decidere e per fare i regolamenti. Va bene così, andiamo avanti. Il Lecce ha tirato molto: qual è stato il tiro più difficile? Baschirotto, ma non mi interessa e sono molto più deluso per la sconfitta. Poteva essere un punto importante, andiamo avanti e uniti ce la possiamo fare. Sabato contro il Napoli? Noi siamo concentrati già sulla partita di sabato, affrontiamo una squadra costruita per vincere e abbiamo già dimostrato di poter far punti contro tutti solo se siamo uniti”

Si ferma Juan Jesus: non s’è allenato, salta il Frosinone

Il Napoli si è allenato questa mattina all’SSCN Konami Training Center. Gli azzurri preparano il match contro il Frosinone in programma domani allo Stadio Maradona alle ore 12.30 per la 32esima giornata di Serie A.Si ferma di nuovo Juan Jesus. Il brasiliano non si è allenato per una sciatalgia, riferisce il report del Club. Niente da fare dunque per la gara di domani, Calzona dovrà rinunciare al centrale.

Napoli e Juventus su Guido Rodriguez del Betis, può arrivare a parametro zero

 Guido Rodríguez, centrocampista campione del mondo con l’Argentina, sta vivendo una buona stagione col Betis dopo l’infortunio alla caviglia che lo ha tenuto fuori per quasi tre mesi. Al momento, però, non c’è ottimismo per un accordo in extremis per il rinnovo, scrive As, mentre il suo agente da mesi riceve proposte da diversi club importanti. Dopo l’interesse del Barcellona e negli ultimi mesi del 2023 della Juventus, infatti, è spuntato anche quello del Napoli. Il prossimo d.s. azzurro Manna ha messo il classe ’94 nella sua lista degli obiettivi per il centrocampo. I partenopei perderanno in questo settore Dendoncker, Traoré e Zielinski, che firmerà da svincolato con l’Inter. Ingaggiare Rodriguez con la stessa formula del polacco è un’opportunità sul tavolo sia per gli azzurri che per i bianconeri, anche se queste soluzioni non sono le uniche apprezzate dall’entourage del centrocampista.

Napoli, Scarlato: “Speriamo che Monza sia stata la partita della svolta”

Così l’ex Gennaro Scarlato a Radio Goal: “Speriamo che la partita della svolta sia stata quella di Monza, il Napoli ha bisogno di continuità per arrivare in Europa League, per la Champions la vedo troppo complicata. Col Frosinone dopo il 4-0 in Coppa Italia, il Napoli sarà ancora più motivato. Monza ha fatto scattare la scintilla? Secondo me è scattato qualcosa, in 13’ il Napoli ha fatto tre gol di ottima fattura. Se domani dà continuità di prestazione può davvero dire che si è ripreso dopo aver toccato il fondo. Come mai Natan e Ostigard non giocano? Ci sono alcuni allenatori che vanno in base alle gerarchie di carriera e di squadra, altri che vedono chi sta meglio. Calzona non si è fidato di Natan e Ostigard, mi auguro di vedere in campo il brasiliano per capire se è un giocatore sul quale si può avere affidamento anche per l’anno prossimo”

Primavera, Crotone-Napoli 0-3

Il Napoli Primavera ha battuto il Crotone per 3-0 nella 26esima giornata del campionato Primavera 2 allo Stadio Comunale di Cirò Marina. Dopo un’ora di gioco goal di Gioielli. Al 67′ la seconda rete di Vigliotti certifica la superiorità del Napoli che nel finale dilaga con il terzo gol di Vilardi quasi al novantesimo. Gli azzurri di Tedesco rimangono stabilmente al terzo posto.

Napoli, personalizzato per Olivera, Juan Jesus non si è allenato per una sciatalgia, assente anche Contini

Il Napoli si è allenato questa mattina all’SSCN Konami Training Center. Come riporta il sito ufficiale del Club, gli azzurri preparano il match contro il Frosinone in programma domani allo Stadio Maradona alle ore 12.30 per la 32esima giornata di Serie A. La squadra ha lavorato sul campo 2 iniziando la sessione con attivazione e torello. Successivamente il gruppo ha svolto lavoro tecnico tattico e partitina a campo ridotto. Olivera ha svolto lavoro personalizzato in palestra e campo. Juan Jesus non si è allenato per una sciatalgia. Contini ha saltato la seduta di allenamento per gonalgia.

Empoli, operazione al crociato per Ebuehi: salta il Napoli, la sua stagione è finita

Empoli Football Club comunica che nella giornata di ieri il calciatore Tyronne Ebuehi è stato sottoposto ad intervento di ricostruzione legamento crociato anteriore del ginocchio destro, lesionatosi nel corso della gara contro il Bologna. L’intervento, eseguito presso la Clinica Ortopedica OCON di Hengelo dal professor Roy Hoogeslag alla presenza dello staff medico azzurro, è perfettamente riuscito. L’atleta rimarrà alcuni giorni in ospedale, iniziando fin da subito il percorso riabilitativo.

Italia – Bastoni: Spalletti ha portato una mentalità forte, gli Europei? Ci crediamo

Alessandro Bastoni, difensore dell’Inter e della Nazionale, ha rilasciato alcune dichiarazioni alla Gazzetta dello Sport: “Spalletti? Cosa ha portato in più? Una mentalità forte data dalla stagione fatta con il Napoli. Idee diverse in campo rispetto a Mancini. E nuovo entusiasmo: ha fatto capire l’attaccamento per la maglia azzurra, che sembrava quasi essersi smarrito. Gli Europei? Sì, ci crediamo. Non eravamo favoriti neppure nel 2021”.

Napoli, 4 i diffidati

Gli azzurri Pasquale Mazzocchi, Amir Rrahmani, Stanislav Lobotka e Victor Osimhen sono diffidati e dunque, in caso di cartellino giallo nella partita casalinga contro il Frosinone in programma domenica 14 aprile alle ore 12:30, salterebbero la successiva gara in trasferta contro l’Empoli, in programma sabato 20 aprile alle ore 18.

PSG, per Osi non bastano 90 milioni

Secondo il Corriere dello Sport il Paris Saint Germain starebbe corteggiando Osimhen. Tuttavia i francesi avanzano a piccoli passi. Avrebbero infatti offerto in tutto, bonus compresi, 90 milioni. Siamo ancora lontani dalla clausola imposta da De Laurentiis per liberare l’attaccante nigeriano e che ammonta a 130 milioni. Sulla punta in forza al Napoli ci sarebbero anche Club di Premier: Chelsea in testa, ma anche United ed Arsenal.

Calzona si gioca la riconferma, con il quinto posto può convincere ADL

Come riporta la Repubblica, sarà un finale di stagione molto importante, in primis, per Calzona che si gioca la riconferma nel Napoli: “L’azzurro è in pole position ed “è stato proprio l’affetto speciale nei confronti di città, tifosi e giocatori a spingerlo ad accettare il disperato Sos di De Laurentiis, che l’ha quasi supplicato di correre al capezzale della squadra dopo i disastri di Garcia e Mazzarri. Obiettivo massimo salvare il salvabile, visto che la terza rivoluzione della stagione si è materializzata troppo tardi”. C’è però la possibilità di agganciare in extremis la zona Europa in queste ultime 7 gare, a partire da domani col Frosinone: anche Calzona si gioca tanto perché “De Laurentiis in caso di qualificazione in extremis per la Champions League è pronto infatti a offrirgli la conferma da primo allenatore”.

Napoli: ADL cerca Conte da ottobre ma l’impressione è che la trattativa si possa fare

 Secondo quanto riportato dal Corriere dello Sport, il primo desiderio per la panchina del Napoli resta Antonio Conte. ADL lo cerca da ottobre ma l’impressione è che la trattativa si possa fare. Conte ha voglia di tornare in panchina e rimettersi in gioco dopo un anno senza calcio. A ottobre rifiutò di prendere una squadra in corsa, ma ripartire con un progetto potrebbe essere l’ideale per l’allenatore ex Juventus e Inter.

Flash News del 12 Aprile 2024

Napoli: nuovo allenatore, avanza Conte per i bookmakers

Chi allenerà il Napoli nella prossima stagione? Antonio Conte è il favorito per la panchina azzurra secondo i bookmakers. L’approdo al Napoli del tecnico salentino viene pagato appena 1,50 da Snai, seguito da Vincenzo Italiano quotato 2,75. Staccati gli altri papabili: Mourinho 6,50, Sarri 7,50, Gilardino e Thiago Motta 10, Palladino 12, Farioli 15, F.Cannavaro e Pecchia 25, Gasperini, Pioli, Paulo Sousa e Conceicao 33.

Napoli, non solo Manna, dalla Juve potrebbe arrivare anche un altro dirigente

Il Napoli continua a pianificare il futuro, partendo da alcuni cambiamenti anche nella dirigenza. Il rpimo ad arrivare dovrebbe essere Giovanni Manna, che assumerà il ruolo di direttore sportivo al posto di Meluso. Manna potrebbe non essere l’unico ad arrivare dalla Juventus: c’è anche la possibilità che Massimiliano Scaglia si unisca alla squadra in un ruolo dirigenziale. Secondo quanto riportato da TuttoCalcioGiovanile, ci sarebbero forti voci provenienti dalla cantera bianconera. Nelle ultime stagioni, Scaglia ha gestito il vivaio del club bianconero, ma è probabile un cambio. Il nome del nuovo responsabile potrebbe essere Michele Sbravati, attuale Resp. delle Giovanili del Genoa calcio.

De Maggio: “Post-Osimhen? Mi sono innamorato di Gimenez spero che ADL non faccia braccino”

Valter De Maggio, direttore di Kiss Kiss Napoli, ha parlato nel corso di ‘Radio Goal’ di oggi: “Raspadori è un fuoriclasse, il Napoli farebbe una sciocchezza a venderlo. Se andrà in un altro club lo rimpiangeremo. De Laurentiis deve avere un’intuizione, deve prendere l’allenatore giusto per far esprimere al meglio il talento di Raspadori. Osimhen? Mi auguro che De Laurentiis non faccia il braccino e prenda Gimenez del Feyenoord di cui mi sono letteralmente innamorato”.

Compagnoni su Soulé: “Non è superiore a Politano”

Maurizio Compagnoni, telecronista Sky, ha rilasciato un’intervista a Radio Goal, in diretta su Kiss Kiss Napoli: “Soulè è un talento, bisogna capire di che livello. A Napoli ci starebbe bene, ma non lo vedo superiore a Politano. E’ un 2003 e bisogna capire che margini di crescita abbia. Se guardo il Napoli però la prima esigenza non dev’essere l’esterno destro. Lindstrom? Dovrebbero trovargli un ruolo, ma si porta dietro questo dubbio da quando giocava in Danimarca”.

Mpasinkatu: “David profilo migliore per sostituire Osimhen”

Così Malu Mpasinkatu, dirigente sportivo, a Radio Goal in onda su Radio Kiss Kiss Napoli: “Dalle informazioni che ho, in questo momento si parla di Thuram al PSG al posto di Mbappè. Il nigeriano ha già giocato in Francia, il suo obiettivo è la Premier. Su di lui c’è il Manchester United così come il Chelsea. David? Può essere il profilo corretto per sostituire Osimhen, è giovane ma è da diversi anni che gioca in Europa. Ha le caratteristiche diverse da Osimhen, ma è molto forte. Il Lille è una bottega cara, ma è difficile che i calciatori che cede facciano male”

CDM, Napoli su Hato e Costa

Secondo il Corriere del Mezzogiorno il Napoli starebbe su due profili esteri per difesa e centrocampo. “Il club azzurro sta seguendo anche dei possibili innesti come il difensore Jorrel Hato dell’Ajax e il centrocampista Samu Costa del Maiorca. Il primo è addirittura un difensore classe 2006, titolarissimo dei Lancieri olandesi. Il secondo è un mediano del Maiorca, anche lui perno della squadra spagnola.”

Napoli saluterà Osimhen

Sull’edizione di oggi de “La Repubblica” sono apparse notizie di calciomercato relative ai big del Napoli. De Laurentiis sarebbe pronto a costruire il nuovo Napoli attorno a Kvaratskhelia. Per quanto riguarda Osimhen, scrive il quotidiano, c’è da dire che è conteso tra il Paris Saint Germain e almeno un paio di top club della Premier League: agevolati dalla clausola rescissoria da 120 milioni fissata per l’addio ormai inevitabile del cannoniere nigeriano.

Seduta mattutina per il Napoli a Castel Volturno

Il Napoli si è allenato questa mattina all’SSCN Konami Training Center. Gli azzurri preparano il match contro il Frosinone in programma domenica allo Stadio Maradona alle ore 12.30 per la 32esima giornata di Serie A. La squadra ha lavorato sul campo 1 iniziando la sessione con attivazione e torello. Successivamente il gruppo ha svolto lavoro tecnico tattico. Chiusura di seduta con partitina a campo ridotto. Politano ha lavorato in gruppo. Olivera ha svolto allenamento personalizzato in campo.

Napoli meglio dell’Inter in una statistica da quando c’è Calzona

Se è vero che il Napoli non riesce a concludere una partita senza incassare gol dal 28 gennaio, lo è altrettanto che da quando c’è Calzona soltanto l’Inter ha segnato di più in Serie A: 16 reti i signori che si avviano a raccogliere lo scettro di campioni e 15 gli azzurri. In sette partite, considerando i rispettivi recuperi con Atalanta e Sassuolo. Proprio la partita più indicativa, quella del Mapei. Lo sottolinea l’edizione odierna del Corriere dello Sport. 

Kvara battuto: il premio di giocatore del mese in A va a Bastoni

Il premio EA SPORTS FC Player Of The Month di marzo è stato assegnato al calciatore dell’Inter Alessandro Bastoni e la sua card Player Of The Month è ora disponibile nella modalità Ultimate Team di EA SPORTS FC™ 24. La consegna del trofeo avverrà nel pre-partita di Inter-Cagliari, in programma domenica 14 aprile 2024 alle ore 20.45 allo stadio “Giuseppe Meazza” di Milano.

Alessandro Bastoni è risultato il più votato dai tifosi sul sito http://serieapotm.easports.com/, superando campioni del calibro di Barella (Inter), Kvaratskhelia (Napoli), Leao (Milan), Calafiori (Bologna), Koopmeiners (Atalanta).

Napoli, Politano recuperato. Report da Castel Volturno: le ultime su Olivera

Il Napoli si è allenato questa mattina all’SSCN Konami Training Center. Gli azzurri preparano il match contro il Frosinone in programma domenica allo Stadio Maradona alle ore 12.30 per la 32esima giornata di Serie A. La squadra ha lavorato sul campo 1 iniziando la sessione con attivazione e torello. Successivamente il gruppo ha svolto lavoro tecnico tattico. Chiusura di seduta con partitina a campo ridotto. Politano ha lavorato in gruppo. Olivera ha svolto allenamento personalizzato in campo

Ngonge: Pelle d’oca il gol al Verona. Mi ispiro a Neymar. Ho un pregio, il mio istinto

Video social da parte del Napoli. Intervista a Cyril Ngonge. L’ex attaccante dell’Hellas si racconta: “Le mie prime impressioni sono state ottime. Il primo gol era arrivato contro la mia ex squadra, poi me l’hanno tolto. Sentire i tifosi urlare il mio nome è stato da pelle d’oca. Una cosa incredibile. Pregi? Il mio istinto. Non penso molto a quello che faccio. Lo faccio e basta. Mi ispiro a Neymar. Mi piaceva molto. Quando ero più giovane lo seguivo molto. Guardo molto la Premier League e l’Eredivisie, il calcio olandese, perché giocavo in Olanda”. 

Dendoncker: Napoli straordinaria, qui c’è forte passione. Mi ispiro a …

Leander Dendoncker, centrocampista del Napoli, appena 21′ in campo, già fuori dalla lista Uefa, prossimo al ritorno all’Aston Villa essendo arrivato a gennaio solo in prestito, ha parlato ai canali ufficiali del club. “La città è famosa e straordinaria. Chi vive qui ha una forte passione per la vita e per il calcio. Sono un giocatore fisico, ma so anche recuperare palla e spingermi in avanti per aiutare gli attaccanti. Mi ispiro  Busquets. Penso in particolare a quando era ancora al Barcellona. Ho giocato cinque anni in Premier League, seguo ancora quel campionato, in particolare l’Aston Villa, perché ci ho giocato”

Kvara-Barcellona, ADL ha già detto no: il piano e le cifre per il rinnovo con clausola

Le ottime prestazione di Khvicha Kvaratskhelia, non al livello dello scorso anno ma ancora tra i migliori esterni offensivi del campionato, hanno convinto il Barcellona a farsi avanti con il Napoli. Ma Aurelio De Laurentiis da quell’orecchio non ci sente. Lo scrive il Corriere del Mezzogiorno: “De Laurentiis con il suo agente Mamuka Jugeli è stato chiaro: non ha alcuna intenzione di cederlo, vuole rinnovargli il contratto a fine campionato magari inserendo anche una clausola rescissoria molto alta, tra i 130 e i 150 milioni, la cifra che ha espresso come valore del cartellino per spaventare le sirene blaugrana”.

Osimhen ha scelto la sua squadra futura

L’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport ribadisce l’addio ormai certo in estate di Victor Osimhen. Non solo. Il quotidiano spiega anche il motivo per cui il bomber nigeriano andrà via. Osimhen, infatti, si legge, ha l’ambizione di sbarcare in una squadra che possa permettergli di lottare ogni anno per campionato e Champions. Ma serviranno i 120 milioni della clausola per comprarlo.

Napoli, Kvaratskhelia è pronto a discutere del rinnovo del contratto con De Laurentiis

Il Corriere dello Sport si è soffermato sulle parole di Khvicha Kvaratskhelia, attaccante del Napoli, al canale ufficiale della Serie A e ha fatto il punto sul suo futuro: “Il viaggio, ora, proseguirà proprio allo stadio dedicato al Pibe: domenica arriva il Frosinone e Kvara vuole il bis dopo l’Europeo con la Georgia e anche scrivere il futuro: a fine stagione discuterà il rinnovo come ha detto De Laurentiis. E Napoli sarà sempre di più la sua casa”

Liverpool, l’ex Dudek: “Zielinski è una leggenda al Napoli, ora è giusto che vada via

Jerzy Dudek, ex portiere del Liverpool, ha rilasciato alcune dichiarazioni a Sportitalia in merito all’addio di Piotr Zielinski, centrocampista del Napoli: “Zielinski è una leggenda al Napoli, ha fatto cose fantastiche in questi anni, ha vinto lo Scudetto quando tanti dicevano che dovesse cambiare squadra per migliorare. Penso che sia un buon momento per lui per cambiare squadra, l’Inter è una grande squadra ed ha un grande centrocampo. Spero che Zielinski possa crescere ancora di più e vincere ancora, perché alla fine quello che vogliamo tutti è questo, vincere. Quando un giocatore cerca nuove sfide penso sia giusto salutarsi, è stato importante per gli azzurri e spero che lui ed il Napoli abbiano un grande futuro, ognuno per la sua strada”.

Grande paura per l’ex Napoli Hysaj, la sua Ferrari va in fiamme, giocatore illeso

Il Corriere dello Sport riporta: tragedia sfiorata per Elseid Hysaj, rimasto intrappolato nella sua auto che ha preso fuoco. L’incidente del terzino della Lazio risale allo scorso lunedì, con il calciatore rimasto illeso e che si è allenato regolarmente negli ultimi giorni. Hysaj era in auto col suocero alla guida della sua ultima Ferrari, acquistata recentemente per 160mila euro. Durante la guida la vettura ha improvvisamente preso fuoco, con le portiere rimaste bloccate e i due uomini intrappolati all’interno. Alla fine Hysaj e il suocero sono alla fine riusciti a liberarsi, uscendo dalla vettura che è poi andata completamente distrutta. Ad assistere alla scena, da un’altra auto, la moglie. L’ipotesi più probabile per l’incendio è un difetto di fabbrica sulla vettura, per il quale il terzino biancoceleste ha sporto denuncia dopo aver evitato la tragedia.

Napoli, quattro calciatori diffidati

Gli azzurri Pasquale Mazzocchi, Amir Rrahmani, Stanislav Lobotka e Victor Osimhen sono diffidati e dunque, in caso di cartellino giallo nella partita casalinga contro il Frosinone in programma domenica 14 aprile alle ore 12:30, salterebbero la successiva gara in trasferta contro l’Empoli, in programma sabato 20 aprile alle ore 18.

Italia a un passo dal quinto slot per la Champions, per OPTA c’è il 99,8% di possibilità

Dopo i risultati del giovedì, secondo il modello previsionale Opta, ora l’Italia ha il 99.8% di possibilità di chiudere nel ranking dei coefficienti UEFA nelle prime 2 posizioni e quindi di assicurarsi il quinto slot nella Champions League 24-25. Cavalcata.

PSG su Victor Osimhen, proposti quattro calciatori per abbassare il prezzo

Secondo Il Mattino, il PSG sarebbe fortemente interessato a Victor Osimhen, attaccante del Napoli, ma non vorrebbe pagare i 120 milioni di euro della clausola rescissoria e avrebbe proposto quattro calciatori come contropartita per abbassare il prezzo: “Il PSG è interessato al pallone d’oro africano ma chiede uno sconto rispetto alla clausola rescissoria da 120 milioni. E per ottenerlo è pronto a inserire giocatori nell’affare, nomi che il Napoli sarebbe pronto a prendere in considerazione: si tratta di Carlos Soler, Marco Asensio, Kang In Lee e il baby difensore Lucas Beraldo. Per Osimhen, invece, pronto un mega contratto da 4 anni a 13 milioni, con tanto di diritti di immagine a suo favore e una serie di sponsorizzazioni legate al Qatar. Una super proposta che convince il giocatore, nonostante la sua priorità sia la Premier League”. 

Flash News del 11 Aprile 2024

Caprile – L’agente: “Elia pensa all’Empoli, a fine stagione valuteremo il suo futuro”

Graziano Battistini, agente di Elia Caprile, portiere in prestito all’Empoli dal Napoli, ha rilasciato alcune dichiarazioni ad “Azzurro 99” su Campi Flegrei TV: “Ribadisco che contatti con il Napoli naturalmente per l’anno prossimo non ce ne sono stati e non ce ne saranno fino a fine campionato, ora l’importante è aiutare l’Empoli a fare il proprio per salvarsi. L’unica cosa che possiamo dire è questa, il calciatore è concentrato per portare la squadra toscana a salvarsi, perché sarebbe un risultato storico per la società. Elia sta dando il massimo con la maglia dell’Empoli e vuole continuare così, raggiungere l’obiettivo in questo momento è la cosa fondamentale”.

Soviero: Approccio sbagliato a Monza, poi un episodio ha fatto svoltare il Napoli

L’ex portiere Salvatore Soviero ha parlato ai microfoni di Tele A durante la trasmissione di ‘Fuorigioco’: “Il gol di Osimhen è stato straordinario, ma gli altri due fai fatica a rifarli nell’arco di una stagione. Il Napoli ha approcciato male la partita a Monza, un episodio ha svoltato la gara e poi sull’entusiasmo del pareggio e degli eurogol fatti è venuta la carica alla squadra. Però il Napoli mentalmente non è molto solido e costante”.

Gaetano si sta imponendo a Cagliari: il Napoli vuole dargli più spazio il prossimo anno

Secondo quanto riportato da La Gazzetta dello Sport, il futuro di Gianluca Gaetano sembra essere già tracciato. Il giovane centrocampista, attualmente in prestito al Cagliari dove sta mettendo in mostra le sue notevoli qualità, è destinato a fare ritorno al Napoli al termine della stagione .La società partenopea considera Gaetano come uno degli elementi più promettenti del proprio settore giovanile ed è pronta a concedergli maggiore spazio nella prossima stagione. La sua esperienza al Cagliari ha dimostrato che ha le carte in regola per imporsi anche ai massimi livelli – conclude il quotidiano.

Juventus e Napoli su Ferguson

Secondo quanto riportato da “Fichajes.net”, Juventus e Napoli avrebbero messo nel mirino Lewis Ferguson del Bologna. Il centrocampista scozzese avrebbe conquistato i due club italiani per la sua versatilità e, come sostiene il portale spagnolo, ci sarà sicuramente un duello tra le due società per il calciatore.

Manfredi conferma: Sta arrivando fondo arabo in città

“C’è un grande interesse sulla città perché la sua crescita economica e la sua ritrovata centralità internazionale rappresentano una grande opportunità per tutti gli investitori internazionali. Ci sono continue missioni di grandi investitori internazionali che vengono a Napoli. Nelle prossime settimane ci sarà anche una missione del fondo saudita che verrà a Napoli”. Lo ha detto il sindaco di Napoli Gaetano Manfredi, parlando a margine della cerimonia di conferimento della cittadinanza onoraria a Giovanni Minoli nel Centro di Produzione Rai di Fuorigrotta. “Anche questo è un riconoscimento di un ritrovato ruolo, di una ritrovata centralità della nostra città”, ha aggiunto Manfredi.

Taormina: Osimhen al PSG? Sì e qualcuno può fare percorso inverso

Pino Taormina, giornalista de Il Mattino, ha rilasciato un’intervista a Radio Goal, in diretta su Kiss Kiss Napoli: “C’è l’ipotesi che al Napoli possa arrivare qualche calciatore del PSG, soprattutto in vista dell’operazione tra il club parigino ed Osimhen. Osimhen ha il suo prezzo e il Napoli lo vuole in un’unica soluzione, il PSG se esce dalla Champions partirà a rifondare e potrebbero cambiare diversi volti. Molto dipenderà anche da chi sarà l’allenatore del Napoli. Mai come adesso De Laurentiis si sta muovendo in anticipo, c’è un tesoretto da 120 mln più altri 80 che permetterebbero a De Laurentiis di allestire una squadra molto competitiva”

Vidigal: Gyokeres può essere il sostituto di Osimhen nel Napoli, vi stupirà

Jose Luis Vidigal, ex giocatore del Napoli, ha rilasciato un’intervista a Kiss Kiss Napoli: “Osimhen andrà via e a Napoli avranno bisogno di un attaccante forte. Gyokeres se verrà in Italia farà tanti goal come ha fatto Osimhen. In ogni partita stupirà”. Gyokeres con Conte nel 352? “Gioca nel 3-4-3 di Amorim, capisce benissimo i movimenti di questo modulo. In nazionale gioca col 4-4-2 ma nel 3-4-3 dello Sporting si esalta e diventa un fenomeno. Intuisce subito i giusti movimenti da fare e va a finalizzare i cross che arrivano dall’esterno. Non so se verrà Conte ma è un attaccante che per fare al meglio deve giocare con due esterni ai lati.” Intesa con Kvara?”Lui rientra da sinistra verso il centro e con questi movimenti Gyokeres diventa inarrestabile”.

Frosinone: Allenamento in vista del Napoli, lavoro personalizzato per Monterisi

Seduta di allenamento pomeridiana alla ‘Città dello Sport’ di Ferentino per i giallazzurri di mister Di Francesco che continuano a preparare la partita con il Napoli. Come riporta il sito ufficiale del Frosinone: attivazione, esercitazioni tecnico-tattiche e partita a tema, questo il programma odierno. Lavoro personalizzato per Monterisi. Domani mattina in programma una nuova seduta sempre a Ferentino.

Dionigi: Calzona ha dato equilibrio al Napoli, cosa che stava mancando

Davide Dionigi, allenatore, ha rilasciato un’intervista a Radio Goal, in diretta su Kiss Kiss Napoli: “Il lavoro di un allenatore non si può giudicare in due mesi e sessanta allenamenti con Coppe comprese. Oggi Calzona ha fatto un discreto lavoro, ma il tempo era quello, a volte per dare una propria identità alla squadra ci vuole anche un anno. Ha dato equilibrio alla squadra che l’aveva perso. Il goal di Osimhen? Ha doti da campione, ma io ero un attaccante che non aveva tantissimi centimetri ed ho fatto tanti goal di testa, a volte incide anche la scelta di tempo”.

Napoli, Juan Jesus in gruppo, Politano in parte, terapie per Olivera

Il Napoli si è allenato questa mattina all’SSCN Konami Training Center. Gli azzurri preparano il match contro il Frosinone in programma domenica allo Stadio Maradona alle ore 12.30 per la 32esima giornata di Serie A. La squadra ha lavorato sul campo 2 dove ha iniziato la sessione con attivazione e circuito atletico. Chiusura di seduta dedicata al lavoro tecnico tattico e partitina a campo ridotto. Politano ha svolto una parte di allenamento in gruppo e parte personalizzato in campo. Juan Jesus ha lavorato in gruppo. Per Olivera terapie e lavoro personalizzato in palestra.

Dossena: “Per la panchina faccio il nome di un ex azzurro che sta facendo bene”

L’ex difensore del Napoli Andrea Dossena è intervenuto a Radio Marte: “Conte? vediamo dove arriva il Napoli quest’anno, non penso voglia ripartire senza competizioni europee o con un mercato non di primissima scelta. La clausola di Osimhen? Il Napoli perde un top mondiale e con Conte la scelta di un giovane attaccante promettente non andrebbe bene, servirebbe peraltro un difensore centrale di livello.  Chi se non dovesse arrivare Conte? Italiano chiuderà bene a Firenze, ha fatto tre anni importanti ma deve chiudere bene, magari vincendo la Conference, leggo che è un nome caldo per il Napoli. Altre possibilità? Un pensiero solo mio è Fabio Pecchia, che sta facendo bene a Parma e peraltro ha già lavorato a Napoli con Benitez”. 

Il Napoli sta pensando di cedere Meret: Caprile ha una media migliore 

Il Napoli per la prossima stagione pensa all’addio di Alex Meret. Il portiere ha il contratto in scadenza nel 2025 ma come scrive La Gazzetta dello Sport in estate si dovrà discutere comunque di rinnovo, anche se al momento la volontà del club sembra quella di puntare su Caprile. Il portiere dell’Empoli ha una media migliore rispetto a Meret e per questo, scrive il quotidiano, il Napoli pensa all’addio di Meret per puntare proprio su caprile, pagato 7 milioni dal Bari. Ora la sua valutazione è di almeno 10 milioni. 

Conte si sta informando sul Napoli coi giocatori che conosce

Antonio Conte si informa su Napoli con calciatori che conosce, De Laurentiis è ottimista. Lo scrive il Corriere della Sera oggi in edicola. Affare possibile quindi quello legato all’arrivo dell’ex tecnico di Juventus e Inter. Il quotidiano aggiunge: “Il difficile sta nel prenderlo. De Laurentiis però un piano ce l’ha e ci sta lavorando. De Laurentiis però un piano ce l’ha e ci sta lavorando. Il tecnico leccese non è più soltanto un’ombra che aleggia sul Golfo, vista la concretezza dei contatti con il presidente, che ad oggi si definisce anche ottimista sull’esito dell’operazione. S’informa, Conte. Lo fa con giocatori che conosce e che a loro volta conoscono l’ambiente partenopeo”.

PSG pronto a pagare la clausola di Victor Osimhen, per lui un contratto di 4 anni

Stando a quanto riportato da Il Mattino, il PSG pagherà la clausola di Victor Osimhen, attaccante del Napoli, la prossima estate: “L’accordo per il pagamento della clausola da 120 milioni di euro è già stato raggiunto tra Al Khelafi e De Laurentiis. Tra i due c’è una grande amicizia visti i tanti affari conclusi sull’asse Napoli-Parigi. Victor Osimhen guadagnerà 13 milioni netti a stagione per 4 anni e gestirà in proprio i diritti d’immagine. L’attaccante nigeriano prenderà il posto di Mbappè. Pochi giorni fa l’attaccante è stato proprio nella capitale francese. Al Khelaifi ha voglia dunque di accelerare e stringere per chiudere definitivamente ogni dettaglio ed aggiudicarsi il numero 9 del Napoli”.

Rinnovo Kvaratskhelia, ADL vorrebbe inserire una clausola da 150 milioni

Secondo Il Mattino, Aurelio De Laurentiis, presidente del Napoli, sarebbe pronto a rinnovare il contratto a Khvicha Kvaratskhelia, attaccante azzurro: “De Laurentiis accontenterà dunque Kvaratskhelia dal punto di vista economico offrendogli un sostanzioso adeguamento contrattuale. Il georgiano infatti guadagnerà molto di più di adesso (1.2 milioni netti). L’idea del presidente del Napoli sarebbe quella di inserire anche una clausola rescissoria con il nuovo contratto. Nel dettaglio la cifra che avrebbe in mente De Laurentiis per la clausola di Kvara sarebbe di 150 milioni di euro”.

Conte ha chiesto ad ADL di pazientare ancora

Come riporta Il Mattino, Antonio Conte, ex allenatore di Inter e Juventus tra le altre, non ha fatto nessuna promessa al Napoli, ma ha chiesto di pazientare: “Non ho fatto alcuna promessa al Napoli”. Sarebbero state queste le parole che Antonio Conte avrebbe dichiarato ad alcuni intermediari di mercato. Il tecnico ha chiesto a De Laurentiis di pazientare. Probabilmente vuole anche capire se si libererà qualche altra panchina prestigiosa in giro per l’Europa. Tuttavia l’offerta di De Laurentiis resta quella più concreta ed intrigante perché sul tavolo c’è carta bianca per quanto riguarda gli investimenti sul mercato”.

ADL attende la risposta di Conte, ma non è esclusa la permanenza di Calzona

Il Mattino ha fatto il punto sul possibile nuovo allenatore del Napoli: “In attesa di capire cosa deciderà Antonio Conte, prosegue il corteggiamento del Napoli per Vincenzo Italiano che si libererà dalla Fiorentina al termine di questa stagione. Tuttavia De Laurentiis e Chiavelli fanno il tifo sfegatato per Francesco Calzona. L’attuale allenatore, in caso di qualificazione alla prossima Europa League, potrebbe anche essere clamorosamente riconfermato. in tal caso, le sue quotazioni sarebbero in notevole rialzo”.

Napoli-Frosinone, Mario Rui dal primo minuto, pronto anche Ostigard al posto di Juan Jesus

Il Corriere dello Sport si è soffermato sulle possibili scelte di Francesco Calzona, allenatore del Napoli, per la sfida contro il Frosinone: “Potrebbero essere due le novità di formazione in difesa domenica contro il Frosinone. Oltre al ritorno di Mario Rui per l’infortunio di Olivera, potrebbe cambiare anche il partner di Rrahmani. Juan Jesus, ieri, ha svolto lavoro personalizzato in palestra con Politano. I prossimi giorni saranno decisivi per avere un quadro chiaro relativo alle sue condizioni. Nel caso, pronto Ostigard al suo posto. Ma nulla è stato ancora deciso”.

Napoli, con il Frosinone Calzona punta ancora su Zielinski, in panchina Traorè

Secondo Il Corriere dello Sport, Francesco Calzona, allenatore del Napoli, punterà col Frosinone ancora su Piotr Zielinski a centrocampo, con Hamed Junior Traorè nuovamente in panchina: “La formazione che ha in mente Calzona per domenica tra centrocampo e attacco sarà di fatto la stessa dello show di Monza. Quella del secondo tempo, per intenderci. Con Politano che tornerebbe a destra al posto di Ngonge (squalificato) e Zielinski confermato mezzala accanto a Lobotka e Anguissa. Si prevede per Traore un’altra panchina dopo l’ottima risposta del centrocampista polacco che è tornato al gol e ha confermato la sua voglia di concludere nel migliore dei modi la sua esperienza al Napoli”.

Il Napoli osserva Luvumbo e Pinamonti per l’attacco

Il Mattino ha fatto il punto sul possibile mercato del Napoli in attacco: “Il Napoli sta lavorando con molta attenzione sul parco attaccanti della prossima stagione. Oltre ai soliti nomi di David e Gimenez bisogna fare attenzione anche a due profili poco attenzionati al momento. Restano obiettivi degli azzurri sia Pinamonti del Sassuolo che Luvumbo del Cagliari. Attenzione poi al possibile scambio tra Immobile e Simeone”.

Folorunsho vale 12 milioni di euro, plusvalenza enorme per il Napoli

Come riporta La Gazzetta dello Sport, Michael Folorunsho, centrocampista del Verona in prestito dal Napoli, ha avuto un aumento importante del proprio valore: “Folorunsho oggi vale 12 milioni di euro. Se dovesse prendere parte anche all’Europeo, la quotazione salirebbe ancora di più. Il Napoli acquistò Folorunsho qualche anno fa dalla Virtus Francavilla in Lega Pro pagando 1 milione di euro il cartellino. Numeri alla mano, il valore del cartellino è aumentato a dismisura nel corso degli anni, ma soprattutto in questi primi mesi di serie A; una categoria che Folorunsho non aveva mai disputato finora”. 

Il Napoli cerca difensori centrali, piace molto Hancko, valutato 25 milioni di euro

Secondo Il Mattino, Il Napoli cerca due, se non addirittura tre, difensori centrali per la prossima stagione. Il nome attenzionato con più attenzione è quello di David Hancko del Feyenoord, valutato sui 25 milioni di euro.

 Il Napoli a gennaio ha cercato Solet, il Salisburgo ha chiesto 13 milioni

La Gazzetta dello Sport ha riportato un retroscena su Oumar Solet, difensore del Salisburgo: “Oumar Solet, difensore classe 2000 del Salisburgo, che adesso piace all’Inter, a gennaio era stato cercato anche dal Napoli che cercava proprio un centrale da affiancare a Rrahmani. Il Salisburgo chiese agli azzurri la cifra di 13 milioni di euro per il cartellino di Solet”.

Napoli, stadio Maradona, un Fondo Saudita sarà accolto dal sindaco Manfredi

La Repubblica ha fatto il punto sul restyling dello stadio Diego Armando Maradona, che potrebbe essere attuato da un Fondo Saudita: “I rappresentanti di un noto fondo saudita sbarcheranno a maggio nel golfo. Obiettivo, investire nella città del boom turistico. Il programma della visita in via di definizione. La delegazione sarà ricevuta dal sindaco Gaetano Manfredi. Il fondo arabo farà una attenta valutazione sullo stadio intitolato a Maradona. E il sindaco pronto ad ascoltare chi potrebbe portare risorse fresche per rendere moderno e all’altezza degli altri impianti europei lo stadio”.

Flash News del 10 Aprile 2024

Atalanta: Gasperini: Le due sconfitte hanno cancellato la vittoria a Napoli

Gian Piero Gasperini, allenatore dell’Atalanta, nella conferenza stampa di vigilia rispetto al match che attende la sua squadra domani sera sul campo del Liverpool, andata dei quarti di finale di Europa League: “Sono state due sconfitte che hanno cancellato la vittoria di Napoli di una settimana fa… Giocheremo la gara cercando di riscattare la sconfitta di Cagliari che è stata pesante perché maturata nei minuti finali. Giochiamo contro i primi in Premier e contro il modello di calcio più bello per come interpretano le partite e per l’intensità con cui giocano. Dovremo fare il massimo per fare bella figura. Sono cambiate tanto le squadre rispetto a 4 anni fa”.

Altafini: “La cessione di Osimhen va benissimo, ma deve arrivare uno all’altezza”

Jose Altafini, leggenda del calcio italiano, ha parlato a TV Play sui grandi temi riguardanti la Serie A ma anche le coppe europee: “Io non guardo più il campionato italiano ma solo quello inglese. La partita di ieri sera Real Madrid-Manchester City è stata la dimostrazione di che cosa sia il calcio, non il tiki taka che fa venire l’acqua alle ginocchia. Calcio italiano? Non lo seguo più, un mio amico mi disse “siccome le donne belle non mi guardano, per ripicca non guardo le brutte”: questo per dire che voglio vedere solo le partite belle. Il Napoli ha un precedente storico, ovvero quando vinse il campionato con Maradona poteva essere una delle squadre più forti d’Europa ma la rosa si disfò del tutto. La stessa cosa è successa quest’anno perché non hanno comprato dei giocatori all’altezza di quelli che sono andati via. Ci può stare che qualcuno possa essere ceduto ma bisogna rimpiazzarli con altri giocatori giusti. Se viene ceduto Osimhen va benissimo, ma deve arrivare un sostituto di livello”.

Biazzo sul Napoli

Salvatore Biazzo, giornalista, ha rilasciato un’intervista a Radio Goal, in diretta su Kiss Kiss Napoli: “Mi aspetto un gran finale di stagione dal Napoli, la vittoria per ricominciare è arrivata a Monza e la squadra ha dimostrato di avere i cosiddetti attributi. Ho visto meno errori domenica rispetto al passato, il Napoli m’è piaciuto ed è stato divertente. Ma ho avuto la sensazione che si siano divertiti per primi i calciatori stessi”.

Valter De Maggio, direttore di Kiss Kiss Napoli, ha rilasciato alcune dichiarazioni a Radio Goal su Conte

“Conte? Sono giorni importantissimi, forse decisivi. L’allenatore ha chiesto a tutti i componenti del suo staff, alla sua famiglia e ai suoi amici più stretti la massima riservatezza sul suo futuro. Se Conte non dovesse accettare l’offerta del Napoli non ci sarà un piano B, ma un piano C: Ciccio Calzona”.

Italo Cucci, giornalista, ha rilasciato alcune dichiarazioni a Kiss Kiss Napoli durante Radio Goal

“Mi aspetto un grande finale di campionato che, fino ad ora, non mi ha divertito molto. Voglio sapere perché il Napoli di Monza è sembrato il Napoli dello scudetto, se continua a giocare così così come il Bologna e la Roma mi aspetto un finale indimenticabile”.

Calaiò: “La moglie di Antonio Conte ama Napoli, è affascinata dalla città”

Emanuele Calaiò, ex calciatore del Napoli, ha parlato ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli: “Conte? Mia moglie conosce bene la signora Elisabetta, la moglie di Antonio Conte. Le ha sempre confessato che ama Napoli, è affascinata dalla città. Le farebbe piacere vivere una nuova esperienza a Napoli”.

Di Campli: Osimhen? Per 130mln gli metti un fioccho e lo vendi

“Centotrenta milioni di euro per Osimhen? Gli metterei un fiocchetto e glielo porterei”. A dirlo è Donato Di Campli, operatore di mercato. A Radio Crc si parla del futuro del bomber del Napoli, che a dicembre ha rinnovato ma destinato a partire in estate anche per la presenza della clausola nel nuovo contratto.”I giocatori devono essere venduti quando sono all’apice della loro notorietà e al massimo della prestanza fisica. Se il Psg continua a tirare fuori tutti questi soldi non vincerà mai niente”. 

Conte-Napoli, giorni decisivi. Il tecnico ha fatto un discorso a staff e famiglia

Valter De Maggio, direttore di Kiss Kiss Napoli, ha rilasciato alcune dichiarazioni a Radio Goal: “Conte? Sono giorni importantissimi, forse decisivi. L’allenatore ha chiesto a tutti i componenti del suo staff, alla sua famiglia e ai suoi amici più stretti la massima riservatezza sul suo futuro. Se Conte non dovesse accettare l’offerta del Napoli non ci sarà un piano B, ma un piano C: Ciccio Calzona”.

Plastino: Più che Conte, mi auguro nell’arrivo di grandi giocatori

Il giornalista Michele Plastino è intervenuto a Radio Marte per analizzare il momento del Napoli e le strategie future: “Conte al Napoli? Io credo che per scuotere l’appassionato a Napoli serva anche una squadra in grado di seguire le indicazioni del tecnico. Mi auguro che possa arrivare qualche grande giocatore, ancor più di Conte che non so quanto si possa adattare ad una città così piena di passione e amore. Servono grandi acquisti, soprattutto considerando che andrà via Osimhen. 1% di possibilità di qualificazione in Champions? Si tratterebbe di una qualificazione raggiunta all’ultimo ed in modo imprevisto ed avrebbe un valore straordinario dal punto di vista psicologico ed anche dal punto di vista delle prospettive circa i possibili acquisti estivi ed anche in chiave futuro allenatore”

Caiazza: “Dendoncker? Se va a fare shopping in città nessuno lo riconosce”

Salvatore Caiazza, giornalista de Il Roma, ha rilasciato un’intervista a Radio Goal, in diretta su Kiss Kiss Napoli: “E’ una stagione no per il Napoli che si può recuperare, però, in sette partite. Il Napoli deve provarci fino in fondo, soprattutto per quei tifosi che domenica erano a Monza e che domenica riempiranno il Maradona. Qualche calciatore andrà via e deve dimostrare in queste sette partite di essere ancora bravo. Dendoncker? Se va a fare shopping in giro per Napoli nessuno lo riconosce. Ha giocato 21 minuti e basta, nessuno lo ha mai visto”.

Allenare in Serie A?”, risposta a sorpresa di Klopp in conferenza

L’allenatore del Liverpool Jurgen Klopp ha parlato in conferenza stampa prima della gara di Europa League contro l’Atalanta: “Allenare in Serie A? L’unica cosa italiana che conosco è il cibo. In questo momento non ho intenzione di proseguire la carriera da manager. Chiedetemelo tra un anno, ma per ora non pianifico nulla”. Klopp con questa risposta ha dunque confermato la volontà di salutare il Liverpool a fine stagione per stare fermo un anno.

ADL pronto a tutto per Conte: 24 mln in 3 anni, carta bianca e niente penali

Aurelio De Laurentiis vuole fortissimamente Antonio Conte sulla panchina del Napoli per la prossima stagione. Per spazzare via l’attuale stagione fallimentare il patron degli azzurri non si è abbattuto al rifiuto del tecnico a gennaio – riferisce Il Mattino – e ha già avanzato un’offerta allettante: un contratto triennale con ingaggio da quasi 8 milioni l’anno, carta bianca su mercato con 200 milioni a disposizione e staff tecnico, con la possibilità assicurata di risoluzione del contratto senza penali. Condizione questa ritrattata da AdL, in un primo momento scettico a riguardo. La trattativa è aperta, l’ex allenatore di Tottenham e Inter dovrà ponderare bene sulla scelta da prendere. Inter, Roma e Milan non cambieranno panchina, mentre la Juventus è orientata verso Thiago Motta. E visto che per lui l’Italia è al primo posto nella lista di preferenze – si legge -, la proposta di De Laurentiis non può essere ignorata in partenza. Nel caso l’affare sfumasse, il presidente del Napoli potrebbe virare su Italiano della Fiorentina e l’attuale tecnico Calzona, pista inoltre più economica dell’allenatore leccese

Napoli, De Laurentiis fa partire l’asta per la maglia di Lindstrom: E’ un giocatore estremamente capace che ancora deve dimostrare il suo valore

Aurelio De Laurentiis banditore d’asta per Pink Tie Ball, il Charity Gala che Susan G. Komen Italia ha organizzato a Palazzo Caracciolo per sensibilizzare e raccogliere fondi da destinare a nuovi progetti nell’azione di contrasto ai tumori del seno. Come rivelato dal Corriere dello Sport, salito sul palco, il presidente azzurro ha dichiarato: “Questa è la maglia di un giocatore estremamente capace, ma poco utilizzato, che ancora deve dimostrare il suo valore. Io offro personalmente 500 euro per Lindstrom, chi offre di più?” dice De Laurentiis, dando il via all’asta. Rispondono per primi i giocatori azzurri. Raspadori offre 600, Di Lorenzo 700 euro.

Zoff: Conte è un grande allenatore, non avrebbe problemi con ADL

Dino Zoff, ex portiere di Napoli e Juventus, è intervenuto ai microfoni di Campi Flegrei Tv per la trasmissione Azzurro99: “L’ultima vittoria in casa del Monza non so se possa aver cambiato il clima all’interno dello spogliatoio, perché le difficoltà c’erano già prima. Certo, la prestazione fa ben sperare, però io ci andrei piano. Anche se è stato comunque un bel segnale quello dato dalla squadra nell’ultima giornata di campionato. Conte? Preferisco non entrare in queste dinamiche. Sicuramente è un grande allenatore e non credo possa avere problemi con ADL. Per il Napoli sarebbe importante tenersi campioni quali Osimhen, Kvara anche per essere competitivi a livello internazionale. Anzi sarebbe fondamentale aumentare ancor di più il numero di calciatori di livello. Meret? È comunque un portiere della Nazionale, non credo sia lui il problema del Napoli”.

Rastelli: Le prestazioni del Napoli dell’anno scorso si sono viste raramente

Massimo Rastelli, allenatore ed ex calciatore del Napoli, ha rilasciato alcune dichiarazioni a Radio Kiss Kiss Napoli durante Radio Goal: “Al di là della bravura e delle qualità individuali del difensore, il calcio è un gioco di squadra e quindi la difesa dev’essere organizzata insieme. La ferocia che vedevamo l’anno scorso nella recupero della palla non si vede più, l’esempio è quel famoso video di un Sassuolo-Napoli dell’anno scorso, questo non c’è più. Ho visto quasi tutte le partite del Napoli quest’anno, ho avuto la sensazione che questo gruppo non ha più la cura dell’attenzione e del dettaglio: le prestazioni della squadra dell’anno scorso si sono viste raramente quest’anno”.

Brutte notizie per Olivera: non sarà uno stop breve

Rischia di star fermo 20 giorni Mathias Olivera, che salterà il Frosinone e la trasferta di Empoli sperando di recuperare per la sfida con la Roma. Così scrive l’edizione odierna del Corriere dello Sport sulle condizioni del laterale: “La prognosi relativa all’infortunio muscolare rimediato a Monza, nel secondo tempo, è di 15-20 giorni di stop. «Olivera è stato visitato e successivamente sottoposto ad accertamenti diagnostici presso il Pineta Grande Hospital. Gli esami hanno evidenziato una lesione di basso grado del muscolo adduttore lungo della coscia destra. Il calciatore azzurro ha già cominciato l’iter riabilitativo», la nota ufficiale. L’obiettivo è recuperarlo per lo scontro diretto per l’Europa del 28 aprile con la Roma al Maradona. Domenica, in occasione della partita contro il Frosinone, al suo posto tornerà Mario Rui dal primo minuto.

Perinetti: “Conte? Non è vero che vuole solo campioni. Prese la Juve che era settima”

Giorgio Perinetti, direttore tecnico dell’Avellino, ha rilasciato un’intervista a Radio Goal, in diretta su Kiss Kiss Napoli: “Conte viene descritto sempre come uno scomodo, ma ha un carattere deciso sia nei confronti dei media che nei confronti della sua società. E’ molto netto, ma è molto chiaro. Non è vero che chiede sempre i campioni. Quando vinse a Bari aveva una squadra che era un’outsider. A Siena la stessa cosa, vinse ma non da favorito. Poi alla Juventus arrivò con una squadra che arrivò settima in Italia. Ha vinto al Chelsea, all’Inter e non è vero che chiese giocatori stratosferici. Conte vuole partecipare alla costruzione della squadra, ma non è uno che impone le sue idee”.

Nista: Meret aveva esigenze diverse da Ospina

Alessandro Nista, preparatore dei portieri, ha rilasciato alcune dichiarazioni a Radio Kiss Kiss Napoli durante ‘Radio Goal’: “I troppi infortuni muscolari? Ogni preparatore ha una sua idea ed una sua metodologia e nell’arco della stagione cambiarne tre non è auspicabile. Per ogni portiere serve un lavoro a sè, il discorso è legato a quelle che sono le caratteristiche fisiche di ogni portiere e cercare di portare avanti un’idea di lavoro condivisa dal gruppo portieri. Bisogna avere però sempre un occhio di riguardo per quelle che sono le caratteristiche. Meret aveva delle esigenze diverse da quelle di Ospina e nel limite del possibile facevo due lavori diversi con loro. Portieri italiani? C’è stato un periodo che qualche difficoltà si è incontrata per i profili di squadre di un certo livello. L’ultima generazione, quella che si sta consolidando con Donnarumma e Vicario, ci dice che riabbiamo una nuova linfa ed un gruppo di portieri giovani che sono pronti per profili di alto livello”.

De Maggio su Conte: “Giorni importantissimi, forse decisivi”

Così Valter De Maggio a “Radio Goal”: “Conte? Sono giorni importantissimi, forse decisivi. L’allenatore ha chiesto a tutti i componenti del suo staff, alla sua famiglia e ai suoi amici più stretti la massima riservatezza sul suo futuro. Se Conte non dovesse accettare l’offerta del Napoli non ci sarà un piano B, ma un piano C: Ciccio Calzona”

Schira: “Natan potrebbe partire in prestito”

Nicolò Schira, giornalista ed esperto di calciomercato su Twitter: “Il futuro di Natan al Napoli è in dubbio per la prossima stagione. Potrebbe partire in prestito”

Napoli-Frosinone, arbitra a Fabbri con Serra al Var

L’AIA ha reso noti i nominativi di arbitri, assistenti, IV Ufficiali, VAR e AVAR che dirigeranno le gare valide per la 32ª giornata del Campionato di Serie A 2023/24 in programma domenica 14 aprile. Ad arbitrare Napoli-Frosinone sarà Michael Fabbri mentre al Var ci sarà Serra. Napoli – Frosinone H. 12.30 Fabbri – Rossi L. – Moro Iv: Santoro Var: Serra Avar: Irrati

Giuntoli vuole alla Juventus chi lo ha affiancato negli affari Osimhen, Kim e Kvara

“Giovanni Manna è un direttore sportivo ormai promesso sposo del Napoli”.  Così scrive l’edizione odierna di Tuttosport, che parla di un possibile approdo alla Juve di un attuale dirigente del Napoli: Giuseppe Pompilio (ancora in azzurro) e Stefano Stefanelli (ds del Pisa) sono due profili valutati per la Juventus del futuro, così come Matteo Scala (al Genoa) e Giancarlo Romairone. Ma il nome nuovo è un altro: Giandomenico Costi, da una vita accanto a Giuntoli: lo ha affiancato in alcune delle grandi operazioni condotte dal Napoli negli ultimi anni. Durante la trattativa col Lille per Osimhen, poi dietro le quinte nel lungo inseguimento a Kim e Kvaratskhelia”.

La Lazio pensa ad uno scambio tra Immobile e Simeone, ma Ciro vuole restare

Secondo Il Corriere dello Sport, la Lazio starebbe pensando ad uno scambio tra Ciro Immobile e Giovanni Simeone con il Napoli, ma il capitano biancoceleste vorrebbe restare a Roma: “Capitano e icona della Lazio, Ciro Immobile vuole restare. La stagione è stata un completo disastro tra infortuni e score impietoso (solo 6 gol in campionato), ma l’attaccante biancoceleste non ne vuole sapere di cambiare aria, nemmeno per offerte faraoniche in Arabia Saudita. Nell’aria c’è lo spettro in un possibile scambio tra lui e il Cholito Simeone col Napoli, ma la volontà del 34enne italiano è di riscattarsi. Anche perché, a dirla tutta, a Roma non sta poi male: l’ingaggio è da top player e con il neo tecnico Tudor potrebbe davvero rilanciarsi e tornare a sentirsi protagonista”.

Napoli, De Laurentiis aspetta Antonio Conte per la panchina azzurra

La Repubblica ha fatto il punto sul possibile nuovo allenatore del Napoli: “Il presidente ha rinviato a inizio maggio il suo casting per il nuovo allenatore. Il presidente aspetterà ancora per un po’ Antonio Conte, poi farà la sua scelta”.

Occhio al Giallo! Napoli, quattro diffidati

Gli azzurri Pasquale Mazzocchi, Amir Rrahmani, Stanislav Lobotka e Victor Osimhen sono diffidati e dunque, in caso di cartellino giallo nella partita casalinga contro il Frosinone in programma domenica 14 aprile alle ore 12:30, salterebbero la successiva gara in trasferta contro l’Empoli, in programma sabato 20 aprile alle ore 18.

Napoli: previsto il sold out contro il Frosinone

Come riporta Il Corriere dello Sport, è previsto l’ennesimo sold out allo stadio Diego Armando Maradona per Napoli-Frosinone: “Domenica c’è il Frosinone alle 12.30 e lo stadio è già quasi sold out: sarà l’ennesima prova d’amore dei tifosi. Alle 21 di ieri, orario Champions, i potenti mezzi della tecnologia raccontavano di tre esemplari in tribuna Nisida per Napoli-Frosinone: tre posti, tre biglietti disponibili. Uno slogan, il simbolo di quello che accadrà domenica alle 12.30 per la seconda partita-aperitivo consecutiva in programma al Maradona: sold out. Un altro pienone annunciato, scontato, cinquantamila cuori azzurri più gli alfieri viaggianti che dal settore ospiti faranno il tifo per Di Francesco e i suoi ragazzi”.

Manna promesso sposo del Napoli, la Juventus pensa a Pompilio e Costi

Tuttosport ha fatto il punto sul possibile nuovo d.s. di Napoli e Juventus: “Giovanni Manna è un direttore sportivo ormai promesso sposo del Napoli. Giuseppe Pompilio (ancora in azzurro) e Stefano Stefanelli (ds del Pisa) sono due profili valutati per la Juventus del futuro, così come Matteo Scala (al Genoa) e Giancarlo Romairone. Ma il nome nuovo è un altro: Giandomenico Costi, da una vita accanto a Giuntoli: lo ha affiancato in alcune delle grandi operazioni condotte dal Napoli negli ultimi anni. Durante la trattativa col Lille per Osimhen, poi dietro le quinte nel lungo inseguimento a Kim e Kvaratskhelia”

Napoli, Natan può andar via in prestito, Leo Ostigard verso la cessione

La Gazzetta dello Sport ha fatto il punto sul futuro di Natan e Leo Ostigard, difensori del Napoli: “Il Napoli ha intenzione di cercare una soluzione in prestito per Natan, per permettergli di giocare con continuità e crescere anche tatticamente. Oltre al brasiliano, partirà anche Leo Ostigard, che ha le valigie pronte da gennaio: il norvegese vuole più spazio e ha diverse richieste, in Italia e all’estero. Ecco perché resta sempre forte l’interesse per Hancko del Feyenoord, su cui può garantire anche Calzona. Hancko è uno dei leader della sua Slovacchia, ha forza fisica e personalità: uno da Napoli, insomma. Due colpi per rialzare il muro davanti a Meret e non sentire più la nostalgia di Kim”.

Napoli, Calzona e la squadra hanno rivisto in tv gli errori commessi a Monza

Come riporta Il Mattino, Francesco Calzona, allenatore del Napoli, ha rivisto alla tv gli errori commessi contro il Monza: “Tutti davanti la tv. Come da copione alla ripresa, il tecnico ha fatto vedere al videotape le fasi salienti del match con i brianzoli, puntando l’indice su errori, distrazioni e movimenti sbagliati di tutta la squadra che stavano costando caro. Non solo la fase difensiva da registrare, ma anche i movimenti senza palla di centrocampisti ed esterni. Calzona insomma ha fatto (ri)vedere e si è fatto (ri)sentire. C’è di più. Facile immaginare che l’allenatore abbia provato a toccare le corde giuste dei suoi uomini, rimarcando come si possa ancora raggiungere un obiettivo importante come la conquista di un posto in Europa. Poi tutti in campo per la ripresa dei lavori”.

Flash News del 09 Aprile 2024

Inter, nessun incontro con l’agente di David: su di lui Napoli e Milan

L’Inter non ha incontrato l’agente di Jonathan David, a Milano come ribadito da una storia social, a dispetto di indiscrezioni senza fondamento circolate nelle ultime ore. E soprattutto non ha intenzione di valutare eventuali offerte Thuram per ricavare chissà quale plusvalenza: la posizione di oggi è chiara, sarebbe sorprendente se cambiasse nei prossimi mesi. Quel Thuram che viene messo sul mercato da chi, la notte dell’irruzione decisa dell’Inter, lo aveva mandato al Milan con tanto di cilindro… David comunque può lasciare il Lille, lo seguono Milan, Napoli – trame già raccontate – e qualche importante club inglese. Speculazioni a parte, i nerazzurri si preparano ad accogliere Taremi come Zielinski, ci sarà tempo per eventuali altre valutazioni. Di sicuro non su Hermoso, il difensore centrale che fin qui non ha rinnovato con l’Atletico Madrid il contratto in scadenza a giugno, ma che mai è stato cercato dall’Inter.

Stefan Schwoch, ex calciatore, su Conte al Napoli

Schwoch a Radio Goal: “De Laurentiis batte sul nome di Conte perchè sa che è un tecnico che dà garanzie. E’ un tecnico che si occupa a 360° della squadra e se lo prende fa un bel passo in avanti. Conte, prima di accettare, deve avere delle garanzie. Se arriva uno come lui vorrebbe dire che il Napoli spenderà molto sul mercato. Mi auguro che Conte segga sulla panchina del Napoli, sarebbe un acquisto importantissimo”.

Gianluca Vigliotti, giornalista, sullo scambio Immobile-Simeone

Vigliotti sullo scambio Immobile-Simeone a Radio Goal: “Scambio Immobile-Simeone? Il Cholito quest’anno ha avuto pochissimo spazio e quando l’ha avuto è rimasto avvolto in quella bolla di negatività e non ha ripetuto ciò che ha fatto l’anno scorso. Difficilmente Raspadori può lasciare il Napoli, le big italiane sono in seria difficoltà economica e non potranno investire tanto. Comprendo la cessione di Simeone, poi mi aspetto che al posto di Osimhen arrivi un attaccante importante e prende forza la candidatura di David del Lille che il Napoli monitora da molto tempo”.

Antonio Corbo, giornalista, sullo stadio a Bagnoli

Corbo a Radio Goal: “E’ più facile che Salvini realizzi il ponte sullo stretto che il Napoli abbia lo stadio a Bagnoli. Non ci sono banche pronte a finanziarie lo stadio del Napoli. Tra dieci anni il Napoli sarà ancora una squadra importante a livello internazionale ed oggi come oggi le banche guardano tutto ed il Napoli non ha un ferro da stiro di sua proprietà”.

Seduta mattutina per il Napoli a Castel Volturno:

Dopo il successo a Monza e un giorno di riposo, il Napoli ha ripreso oggi gli allenamenti all’SSCN Konami Training Center. Gli azzurri preparano il match contro il Frosinone in programma domenica allo Stadio Maradona alle ore 12.30 per la 32esima giornata di Serie A. La squadra ha lavorato sul campo 3 iniziando la sessione con attivazione e lavoro di potenza aerobica. Successivamente il gruppo è stato impegnato in circuito tecnico e partitina a campo ridotto. Lindstrom ha lavorato in gruppo. Mathias Olivera è stato visitato all’SSC Napoli Konami Training Center e successivamente è stato sottoposto ad accertamenti diagnostici presso il Pineta Grande Hospital. Gli esami hanno evidenziato una lesione di basso grado del muscolo adduttore lungo della coscia destra.Il calciatore azzurro ha già cominciato l’iter riabilitativo.

Caso Mancini: il Giudice Sportivo chiede gli atti alla procura

La procura Figc aveva aperto lunedì un’indagine sul gesto di Gianluca Mancini, difensore della Roma, che a fine gara con la Lazio si era scusato. Ma ora Gerardo Mastrandrea, chiedendo un supplemento su quanto successo al fischio finale di Roma-Lazio, rivendica l’acquisizione di eventuali atti di inchieste aperte di ufficio e sottolinea che la competenza a decidere e’ del giudice sportivo in quanto si tratta di fatti avvenuti “in occasione dello svolgimento della gara”

Sportmediaset: Conte più vicino al Napoli

Secondo Sportmediaset Antonio Conte sarebbe più vicino al Napoli: “La Juve si è fatta da parte (ci sarebbe il veto di John Elkann e Giuntoli avrebbe già le mani su Thiago Motta per il dopo Allegri), il Milan pare convinto (non solo a parole) a continuare con Pioli almeno per un anno ancora dopo che l’allenatore nelle ultime settimane ha ripreso saldamente in mano le redini della squadra, mentre in casa Roma De Rossi si sta meritando la conferma in campo a suon di vittorie e grandi prestazioni. Con queste premesse, ecco che la soluzione Napoli può riprendere quota”

Giudice Sportivo, 5000 euro di multa alla SSC Napoli

Il Giudice Sportivo ha comminato una multa di 5mila euro al Napoli “per avere suoi sostenitori, nel corso della gara, lanciato un fumogeno sul terreno di giuoco, due fumogeni e due bottigliette nel recinto di giuoco”

ADL si sbrighi: David ha un prezzo invitante, ma c’è rischio asta

L’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport parla del possibile erede di Osimhen. C’è un nome su tutti che stuzzica l’attenzione di De Laurentiis: “David era la prima scelta a giugno in caso di partenza di Victor e resta ancora oggi l’obiettivo primario del Napoli: il contratto in scadenza nel 2025 tiene contenuto il prezzo del cartellino, più o meno sui livelli di dodici mesi fa, quando il Lilla chiedeva una cinquantina di milioni per lasciar partire il suo centravanti.Cifra importante ma – se vogliamo – ancora invitante viste le qualità del giocatore e gli enormi margini di miglioramento. Per questo, adesso, De Laurentiis sa che deve stringere i tempi d’azione per non rischiare un’asta internazionale che possa far decollare il prezzo di David”. 

Immobile al Napoli, ipotesi scambio con Simeone. Lotito vorrebbe a tutti i costi il bomber argentino

Indiscrezione di mercato in vista del prossimo anno. L’edizione odierna de Il Mattino parla di un possibile scambio di attaccanti. Giovanni Simeone alla corte di Tudor e Ciro Immobile dalla Lazio al Napoli. Questo perché, si legge, Lotito vorrebbe a tutti i costi il bomber argentino che segnò tantissimi gol a Verona proprio con Tudor in panchina. Per questo si parla dell’ipotetico scambio con Immobile.

Calzona punta l’Europa, vuole dare una mano a De Laurentiis e al prossimo allenatore

Secondo Il Corriere dello Sport, Francesco Calzona, allenatore del Napoli, farà di tutto per portare gli azzurri in Europa ed aiutare Aurelio De Laurentiis, presidente azzurro, che ha creduto in lui, e indirettamente anche il prossimo allenatore dei partenopei: “L’attuale allenatore del Napoli, Francesco Calzona, ce la sta mettendo davvero tutta per impacchettare questo graditissimo cadeau, la qualificazione in Europa, la quindicesima di fila, prima di andare via dopo il piccolo periodo che dal 21 febbraio gli ha permesso di coronare un sogno. Lascerebbe una traccia importante, oltre ad aver dato l’anima per una squadra che lui ama da tanto, da Sarri e attraverso Spalletti. Darebbe una soddisfazione alla città, una gioia al presidente che ha creduto in lui e magari, beh, anche una grossa mano a chi verrà dopo di lui. Non si fa che parlare di Conte, di Italiano, di Pioli”.

ADL non vuole più il Maradona, ma costruire un nuovo stadio a Bagnoli

La Repubblica ha commentato le parole di Aurelio De Laurentiis, presidente del Napoli, in merito al voler costruire un nuovo stadio a Bagnoli, lasciando il Diego Armando Maradona: “Verba volant, d’accordo, ma pure le parole hanno un peso e il conto delle volte in cui Aurelio De Laurentiis aveva chiesto la gestione in esclusiva dello stadio Maradona è lungo quasi come il ventennio della sua presidenza nel calcio. ”Datelo a me, ne farò un impianto-gioiello a livello internazionale… ” . Adesso che potrebbe mettersi d’impegno per averlo veramente, però, il proprietario del Napoli ha cambiato all’improvviso idea e del tempio intitolato alla memoria di Diego non vuole più saperne. A Bergamo — come in precedenza a Udine e anche in altre città — le squadre locali non sono state sfrattate durante i lavori di restyling. A Napoli successe lo stesso in occasione dei lavori per i Mondiali del 1990. Ma De Laurentiis esclude categoricamente la possibilità e l’ha ribadito ieri durante la trasmissione “Un Calcio alla Radio”, su Radio Napoli Centrale”.

Napoli, la squadra ha avuto in premio 24 ore di vacanza dopo il Monza

Come riporta La Repubblica, il Napoli ha avuto in premio 24 ore di vacanza dopo la vittoria contro il Monza: “Oggi alla ripresa a Castel Volturno ci sarà un nuovo faccia a faccia con il gruppo — che ha avuto in premio 24 ore di vacanza — per iniziare a preparare la sfida di domenica mattina (12.30) al Maradona con il Frosinone. I margini di errore sono finiti da tempo”.

Accomando: Il Napoli farà un tentativo per Hermoso dell’Atletico Madrid

“Il Napoli farà un tentativo per Mario Hermoso, che lascerà a zero l’Atletico Madrid. Il primo nome di Manna per rinforzare la difesa. Operazione non semplice, in quanto Hermoso vorrebbe giocare la Champions, ma gli azzurri ci proveranno”. Lo scrive su Twitter Orazio Accomando, giornalista DAZN ed esperto di mercato.

Graziani: Il Frosinone si chiude in difesa, ma attenzione alle ripartenze

Francesco Graziani, ex calciatore e allenatore, ha rilasciato alcune dichiarazioni a Tele A durante ‘Si Gonfia la Rete’: “Il Frosinone è una squadra che si chiude in difesa? Meglio così. Più la palla sta dentro l’area più c’è possibilità che vada dentro. Prima o poi ti inventi qualcosa, però devi stare attento alle ripartenze”.

Scarlato: Il problema col Frosinone sarà l’orario. Alle 12:30 fa caldo, poi devi mangiare alle 9

Nel corso di Si Gonfia La Rete su Tele A è intervenuto l’allenatore Gennaro Scarlato: “Avrei voluto vedere Ostigard anche considerando la presenza di Djuric in area. Frosinone? L’ostacolo col Frosinone può essere l’orario. Ci sarà caldo, il Napoli non è abituato a quegli orari perché per giocare alle 12.30 devi mangiare alle 9, cambiare tante abitudini e spesso si sottovaluta questo”.

Flash News del 08 Aprile 2024

Manna già lavora per il Napoli: ora 10 giorni determinanti per il dopo Calzona

Nonostante sia sotto contratto con la Juventus fino a fine stagione, Giovanni Manna starebbe già lavorando per il futuro del Napoli. A riferirlo è Radio Kiss Kiss Napoli, tramite la voce del direttore Valter De Maggio: “I prossimi dieci giorni saranno fondamentali per il futuro del club e Manna, che firmerà un quinquennale, è già al lavoro. Nei prossimi giorni giorni – prosegue il giornalista – saranno fatte valutazioni più approfondite per il nuovo tecnico e saranno giorni determinanti. Proseguono i contatti con Antonio Conte, l’altro profilo è quello di Vincenzo Italiano che lascerà la Fiorentina”.

Mutti: Italiano adatto per un Napoli che vuole ripartire, Conte cerca e vuole garanzie

Intervenuto ai microfoni di Campi Flegrei tv, per la trasmissione Azzurro99, mister Bortolo Mutti, allenatore ed ex Napoli, ha analizzato il momento in casa azzurra: “Il Napoli deve interpretare ogni partita da qui alla fine come una finale. C’è bisogno di giocare sempre con lo spirito visto nel secondo tempo, si sono visti tre gol stupendi. Gli abbracci sui gol? Sono atteggiamenti danno idea di una squadra unita, che vuole cambiare la tendenza in un’annata complicata. Manifestazioni significative, un gruppo che sta bene assieme, è la bellezza dello spogliatoio. Zielinski? Un calciatore di assoluto valore, un professionista serio, quando c’è dà il massimo. Conte o Italiano? Innanzitutto bisogna dar fiducia a Calzona fino alla fine della stagione. Però è chiaro che si pensa alla programmazione, Italiano è un allenatore in crescita, a Firenze è cresciuto tanto, sicuramente un profilo adatto ad un Napoli che vuole ripartire. Conte invece cerca e vuole garanzie, non so se in questo momento verrebbe a Napoli. Soprattutto se non restino i grandi campioni, ad esempio sarà difficile sostituire Osimhen. Quindi vedo più possibile Italiano che Conte, quest’ultimo vuole vincere subito e non so se il Napoli può garantirlo”.

Bruscolotti: Lo stacco di Victor Osimhen non l’ho visto fare nemmeno a Savoldi

Giuseppe Bruscolotti, ex capitano del Napoli, ha rilasciato alcune dichiarazioni a “Marte Sport Live” su Radio Marte: “La gara di ieri col Monza fa rabbia, a parte i preziosismi dei singoli e i gol incredibili, che ancora riguardo, perché sappiamo che il Napoli ha questo valore, dimostrato quasi per niente in questa stagione. Nemmeno al miglior Savoldi ho visto fare lo stacco di Osimhen, uno stacco esagerato, ha avuto anche grande coraggio perché in pochi avrebbero rischiato, è caduto a testa in giù. La rabbia c’è ed è tanta, ma ora bisogna fare tesoro degli errori e non commetterne più di simili in futuro. Il calcio è questo: è facile cadere, come è caduto il Napoli, che deve cercare di terminare la stagione nel miglior modo possibile, centrando quantomeno il traguardo dell’Europa League. Adesso, bisogna salvare il salvabile e tentare di accedere all’Europa, anche se non dalla porta principale. Se gioca sempre Juan Jesus e non Natan o Ostigard qualche motivo ci sarà. Calzona vede i calciatori tutti i giorni, se un giocatore viene messo da parte qualche ragione c’è. Un allenatore non mette fuori un calciatore in forma. Certo, contro Djuric avrebbe potuto mettere Ostigard”

Edoardo De Laurentiis replica a Cassano: Parla chi non ha la prima elementare

Dopo le parole di Antonio Cassano a “La Domenica Sportiva”, additando il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis come unico responsabile di questa stagione degli azzurri, arriva su Instagram la replica del vice presidente del Napoli, Edoardo De Laurentiis: “Parla chi non ha neanche la prima elementare, ma fammi il piacere. Rispetto Antonio…”.

Juve Stabia in Serie B, De Laurentiis: Complimenti per la promozione

“Forza Juve……..Stabia! Complimenti per la promozione!!”, scrive il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis su X, dopo la promozione aritmetica in Serie B della Juve Stabia, ottenuta al Vigorito dopo il pari con il Benevento.

Schwoch: De Laurentiis sta spingendo tanto per portare Antonio Conte a Napoli

Stefan Schwoch, presente a “Il Bello del Calcio” su Televomero, ha parlato del prossimo arrivo di Manna come nuovo DS del Napoli e delle voci riguardanti Antonio Conte. Questo il pensiero dell’ex attaccante del Napoli: “Manna è una persona competente, ma c’è da considerare che ADL deve fare una scelta: deve lasciare più spazio ai suoi collaboratori per lavorare e farsi un po’ da parte. Il Napoli quest’anno ha dimostrato di avere un vuoto dirigenziale nella figura del direttore sportivo, mi auguro però che il nuovo dirigente abbia la possibilità di poter prendere delle decisioni importanti. Conte? Conosco bene Antonio, lui ha ammesso che ADL sta spingendo tanto per portarlo a Napoli. La piazza lo stuzzica tantissimo e gli piacerebbe, ma il rapporto con il presidente non sarebbe facile. Conte è uno che decide tutto nelle società in cui va a lavorare, se arrivasse vorrebbe dire che ha ricevuto garanzie”.

Schira: “Allenatore Napoli, Conte la prima scelta, poi Pioli e Italiano”

Nicolò Schira, giornalista, riferisce su X: “Stefano Pioli (se il Milan non lo tiene) e Vincenzo Italiano sono i piani B del Napoli, se Antonio Conte non accetta il ruolo di allenatore. De Laurentiis sta già programmando la prossima stagione…”.

Ugolini: “Monza-Napoli, Calzona ha toccato le corde giuste a fine primo tempo”

Massimo Ugolini, giornalista Sky, è intervenuto ai microfoni dell’emittente satellitare per analizzare il successo del Napoli a Monza: “Si è finalmente rivisto il Napoli scudetto, con giocatori che fanno la differenza come l’hanno fatta la scorsa stagione. Una partita sconcertante, in cui sono bastati 14 minuti al Napoli per dare la motivazione giusta. Per me non è una questione di modulo o di principi di gioco, ma è mentale. La squadra è rientrata in campo dopo l’intervallo con 6-7 minuti d’anticipo, il segnale che lo stimolo era arrivato da Calzona che ha saputo toccare le corde giuste negli spogliatoi. Per la prima volta c’è stato il pugno duro dell’allenatore. Ora però servirà un segnale di continuità nel match col Frosinone”.

Bucchi: I primi 3 gol del Napoli contro il Monza sono tra i più belli in assoluto

L’ex attaccante del Napoli ed attualmente allenatore Christian Bucchi è intervenuto a Kiss Kiss Napoli: “Osimhen ha fatto un gol mostruoso, però bravo lui ma anche non bravo Izzo che doveva stargli appiccicato per non dargli la possibilità di saltare. Il nigeriano fa un gesto atletico davvero pazzesco, ha dimostrato tutte le sue doti fisiche e quei gol li può fare solo lui. Nell’intervallo forse intervento deciso di Calzona per far scattare qualcosa, ma anche la presa di coscienza dei calciatori stessi come Di Lorenzo e Anguissa che magari hanno spronato il gruppo. Ma sono gli episodi positivi che ti svoltano la partita, i primi tre gol sono tra i più belli in assoluto di questa stagione come quello di Politano. Quelle reti le fai se sei dentro la partita e se hai voglia di rischiare la giocata, da lì poi si è vista un’altra partita e abbiamo rivisto quel Napoli che quest’anno abbiamo visto forse solo a Sassuolo”.

Iezzo: Napoli, secondo tempo spettacolare, sembrava quello dello Scudetto

Gennaro Iezzo, allenatore, ha rilasciato un’intervista a Radio Goal, in diretta su Kiss Kiss Napoli: “Quando il pubblico non ti dà una mano e protesta ti senti colpevole e secondo me, ieri, dopo il primo tempo, i giocatori si saranno guardati in faccia e sono scesi in campo con un piglio diverso. La prima scossa è arrivata col goal di Osimhen, la seconda con quello di Politano. E’ tornata l’autostima, abbiamo assistito ad un secondo tempo spettacolare, mi sembrava di rivedere il Napoli dell’anno scorso. I goal subiti da Meret? Non ha colpe sul primo goal, Djuric ha fatto un gran gesto tecnico e Juan Jesus ha dormito. Sul secondo goal la deviazione l’ha ingannato e l’ha tradito”.

Trotta: La rete di Politano ricorda un mio gol fatto a Frosinone 17 anni fa

Ivano Trotta, allenatore, ha rilasciato un’intervista a Radio Goal, in diretta su Kiss Kiss Napoli: “Sono passati 17 anni dal mio goal a Frosinone, in effetti quello di Politano di ieri un po’ lo ricorda. Grazie a quella vittoria andammo secondi in classifica, scavalcammo il Genoa che perse a Torino con la Juve. La vittoria di ieri può dare un po’ di morale in un momento difficile, ma non credo che la classifica del Napoli possa cambiare chissà quanto. Questo campionato, però, si può concludere nel migliore dei modi, ora si penserà a salvare il salvabile”.

Tempestilli: Zaniolo a Napoli potrebbe esprimere tutto il suo talento

Antonino Tempestilli, dirigente sportivo, ha rilasciato un’intervista a Radio Goal, in diretta su Kiss Kiss Napoli: “Chi discute il talento di Zaniolo non sa molto di calcio, ma il talento senza testa si va a farsi benedire. E’ una componente importante, chi ti sta vicino deve aiutarti per far emergere questo talento. Conte con Zaniolo? E’ la persona giusta per far emergere questo talento. Zaniolo ha fatto esperienza in questi tempi, s’è reso conto che in alcune situazioni ha sbagliato e ci auguriamo che lui possa tornare ad essere quel calciatore che abbiamo visto in certi momenti. Con Conte tutti tirano il meglio da loro stessi. Napoli? Sarebbe la piazza che può dare tanto a Zaniolo se riesce ad esprimersi. Troverebbe un ambiente che potrebbe dargli la spinta necessaria per ricostruirsi”.

Zaniolo, l’entourage apre al Napoli: “Soluzione molto gradita a Nicolò”

Nicolò Zaniolo piace molto al futuro ds azzurro Manna. L’attaccante ex Roma – oggi all’Aston Villa, che però non lo riscatterà – in estate farà rientro al Galatasaray, ma potrebbe comunque rimanere con la valigia in mano. Zaniolo (classe 1999) infatti è un pallino di Manna già dai tempi della Juventus: il futuro nuovo ds del Napoli lo porterebbe volentieri in azzurro, sfruttando anche la volontà del calciatore di tornare a giocare nel nostro. A tal proposito, la redazione di Radio Kiss Kiss Napoli ha contattato uno dei membri dell’entourage del calciatore, che ha così risposto a queste voci. “Napoli piazza bellissima, la verità è che sarebbe una soluzione molto gradita a Nicolò”

Napoli, Conte si prende altro tempo, avanza la candidatura di Italiano

Tuttosport ha fatto il punto sul possibile nuovo allenatore del Napoli: “Per il Napoli sono in netto rialzo le quotazioni di Vincenzo Italiano. Sulla panchina della Fiorentina potrebbe finirci Alberto Gilardino, che piace non poco pure al Monza, ma alla società Viola è stato abbinato anche il nome di Maurizio Sarri. Al Napoli, invece, pare scontato che la volata la vincerà Vincenzo Italiano dopo che Antonio Conte ha preferito prendersi altro tempo prima di sciogliere le riserve”.

La Lazio pensa a Simeone come sostituto di Immobile

Secondo Il Messaggero, Giovanni Simeone, attaccante del Napoli, potrebbe lasciare gli azzurri in estate e passare alla Lazio: “Rischio stallo in attacco. Giovanni Simeone, cecchino autentico ai tempi del Verona di Tudor (che non lo ha ancora mai chiesto, il vertice di mercato è fissato a inizio maggio), era stato molto vicino alla Lazio in passato. Peccato che l’entourage del Cholito sia lo stesso di Immobile, e in questi anni ha sempre evitato il suo sbarco per non far pestare i piedi ai due assistiti a Formello. In estate l’incastro sarebbe perfetto, ma non sono più così idilliaci i rapporti fra Moggi e il club capitolino. Dovrebbe essere Tudor a imporsi per averlo a ogni costo”.

Nessuno meglio del Napoli in zona goal

Il Corriere dello Sport sottolinea come, dall’arrivo di Calzona, nessuna squadra di Serie A abbia segnato più del Napoli. Così il CDS: “La fase difensiva va ancora corretta ma l’attacco resta impetuoso: dall’arrivo di Calzona, dall’1-1 di Cagliari del 25 febbraio, il Napoli è la squadra che ha realizzato più gol in Serie A. Quindici in 7 partite. Sei al Sassuolo e 4 ieri. La vittoria in trasferta mancava proprio dal Mapei, dal 28 febbraio: tante reti, tante storie. Troppi rammarichi: chissà perché, il Napoli dimentica spesso di aver vinto lo scudetto così”

Meluso spettatore interessato all’Arechi

L’edizione odierna de “Il Mattino” evidenzia la presenza dell’attuale d.s. del Napoli Meluso a Salerno venerdì scorso. Ha seguito il match tra Salernitana e Sassuolo terminato 2-2. Il d.s. che sarà sostituito da Giovanni Manna potrebbe, a sua volta, ricoprire la carica dirigenziale proprio per i granata. E’ un idea dei granata come possibile nuovo direttore sportivo per la prossima stagione. In passato fu tra i d.s. seguiti prima di affidarsi a Morgan De Sanctis e potrebbe tornare di moda per il prossimo campionato.

Napoli, Caressa: “Si erano adagiati un pochino sulla vittoria”

Così Fabio Caressa a “Sky Calcio Club” a commento di Monza – Napoli:  “Hanno ritrovato un po’ di quello spirito che proprio si era completamente perso. Secondo me, non è neanche una questione di allenatori, è proprio che si erano un pochino adagiati sulla vittoria, come ogni tanto capita”.

Flash News del 07 Aprile 2024

De Laurentiis dopo Monza-Napoli: Non meritiamo questa classifica

Il Napoli di Calzona torna a vincere in Serie A, battendo il Monza di Palladino per 2-4. Al termine dei 90 minuti, è arrivato il commento social del presidente De Laurentiis, che non ha nascosto la sua soddisfazione e un pizzico di ottimismo in vista della corsa all’Europa. A margine del match caratterizzato dai gol straordinari per fattura e tecnica di Politano, Osimhen e Zielinski, accompagnati dal gol di Raspadori, De Laurentiis ha commentato il 2-4 di oggi sul social X: “Abbiamo dimostrato di non meritare la classifica che abbiamo. Avanti così per le prossime sette sfide verso l’Europa!”.

Accostato al Napoli, Sesko piace anche al Barça

Il Barcellona pensa a chiudere al meglio la stagione in ambito nazionale ed europeo, ma anche ad impostare in anticipo il prossimo mercato estivo. Secondo quanto riporta Fichajes.com, tra gli obiettivi di mercato dei blaugrana figura anche Benjamin Sesko. L’attaccante classe 2003 si sta mettendo in mostra con la maglia del Lipsia, avendo collezionato fin qui in stagione 12 gol e 2 assist in 36 apparizioni. La concorrenza ai catalani però non manca. Su Sesko, infatti, sono vigili anche gli occhi di Arsenal, Chelsea e Napoli. Nei mesi scorsi si è parlato anche di un interessamento da parte del Milan, che certamente in estate acquisterà un nuovo attaccante. Inoltre, a complicare ulteriormente le cose per il Barça, c’è la situazione economica del club. Per assicurarsi Sesko va pagata la sua clausola rescissoria da 50 milioni di euro e, per sborsare tale cifra, il ds Deco dovrà effettuare delle operazioni in uscita in modo da rientrare nei paletti imposti dal Fair Play Finanziario.

Renica: Se Kvara recupera la condizione, il Napoli può vincerle tutte al netto delle oscenità della difesa

Alessandro Renica, ex difensore azzurro, ha analizzato sui Facebook la vittoria del Napoli contro il Monza: “Al di là dei danni fatti a questa squadra, oggi è lo specchio di tutto un campionato. Difesa imbarazzante e fragile che sotto pressione non regge sia negli interpreti sia nella organizzazione collettiva”.Troppi errori che rischiano di compromettere le partite, di positivo c’è che questa squadra è stellare quando attacca trascinata da un Osimhen pazzesco e se Khvicha Kvaratskhelia recupera la condizione fisica, si può arrivare a vincerle tutte al netto delle oscenità della difesa …vediamo e speriamo”. 

Turci: “Napoli, i singoli hanno fatto la differenza nel match contro il Monza

Il giornalista Tommaso Turci ha rilasciato alcune dichiarazioni a DAZN dopo il match vinto dal Napoli in trasferta contro il Monza: “Il salto di Osimhen sul gol è impressionante, i singoli hanno fatto la differenza ed è quello che è un po’ mancato nel corso della stagione. Il piacere di giocare, di sacrificarsi, di divertirsi, è mancato tanto quest’anno. L’ingresso di Politano è stato determinante nella gara col Monza”.

Varriale: “Bastano 13′ di vero Napoli e una reazione da uomini! Vittoria che rilancia, ma che rabbia”

Il giornalista Enrico Varriale ha commentato su X la vittoria del Napoli contro il Monza: “Bastano 13 minuti di vero Napoli e una reazione da uomini per ribaltare la gara con il Monza. 4 gol splendidi quelli di Osimhen e Politano, e una vittoria che rilancia la squadra per l’Europa ma fa pure rabbia per quello che si poteva fare senza tanti errori”.

Atalanta, Gasperini: “Il Cagliari è stato più bravo di noi”

“È stato bravo il Cagliari. E’ stata una lotta in cui il Cagliari è stato più bravo. La partita è stata equilibrata. Dà fastidio perdere negli ultimi minuti”. Cosi’ a Dazn l’allenatore dell’Atalanta, Gian Piero Gasperini. “Stanchezza? È un finto problema. In questo tipo di partita, più battaglia e meno giocata, siamo perdenti, facciamo difficoltà come squadra ad affrontare questo tipo di calcio”.

Genoa- Gilardino: “Questo è un gruppo che stupisce”

“Era importante tornare alla vittoria con questo tipo di partita. Sapevamo che era un campo difficile, contro una squadra che gioca bene e sa soffrire. Ribaltarla è stato qualcosa di importante di un gruppo che stupisce sempre”. Così l’allenatore del Genoa, Alberto Gilardino, parlando a Dazn dopo la vittoria sul campo del Verona. “Quelli di oggi sono tre punti pesanti, ma non dobbiamo abbassare la guardia per il finale di stagione. Dobbiamo mantenere questo tipo di atteggiamento, questo entusiasmo”

Fiorentina- Pradè: “Il futuro di Italiano? E’ un condottiero, vuole fare qualcosa di grande”

Daniele Pradé, direttore sportivo della Fiorentina, ha rilasciato alcune dichiarazioni a DAZN prima della sfida con la Juventus: “E’ una partita molto importante, per noi vuol dire tanto. Belotti? Quello che sta facendo per noi è già tanto, sono arrivati a gennaio con Faraoni e sembra che siano con noi da sempre. E’ un ragazzo serissimo, siamo contenti di quello che sta facendo e se segnasse saremo ancora più contenti. Il futuro di Italiano? Adesso è facilissimo, dopo quello che ci è successo ci siamo incontrati con Italiano e il presidente e dobbiamo conquistare qualcosa di importante per onorare la memoria di Barone. Italiano è un condottiero, porterà avanti alla grande quello che stiamo facendo”.

Napoli, Politano: Quello che serviva

“Quello che ci serviva, quello che mi serviva #forzaNapolisempre”, scrive su Instagram Matteo Politano, attaccante del Napoli, dopo la vittoria in trasferta contro il Monza, gara in cui ha segnato uno splendido gol. Politano ha pubblicato una foto in cui esulta per la rete segnata e altre in cui è con sua figlia a bordocampo.

Giaccherini: “Napoli, il rammarico c’è, il potenziale della squadra è enorme”

Emanuele Giaccherini, ex centrocampista, ha rilasciato alcune dichiarazioni a DAZN dopo la vittoria del Napoli contro il Monza. “Il rammarico c’è, il potenziale è enorme, basta vedere una partita come quella di oggi, vedere il Napoli con una cattiveria, mentalità, determinazione anche nel primo tempo, poi ha alzato l’intensità nel secondo tempo. La svolta c’è stata col gol di Osimhen, il suo gol ha sbloccato un po’ tutto”.

Il Napoli è la squadra che ha guadagnato più punti in rimonta in Serie A

“Il Napoli – squadra che ha guadagnato più punti in rimonta in questo torneo – non raccoglieva almeno 19 punti da situazione di svantaggio in una stagione di SerieA dal 2017/18 (28 in quel caso). Ribaltone”. Lo riporta Opta Paolo su X.

Assogna: “Osimhen alla Michael Jordan, sul gol è arrivato a 2 metri e 23 centimetri”

Paolo Assogna, giornalista, ha rilasciato alcune dichiarazioni a Sky Sport: “Il salto di Osimhen sul gol è stato un salto alla Michael Jirdan: è arrivato a 2 metri e 23 centimetri. Quando il nigeriano si accende, si accende tutto il Napoli. Lobotka ha legato i reparti, ma Osimhen diventa protagonista totale quando può. Si è visto qualcosa anche da Politano e Raspadori, ma l’umore della squadra dipende sempre dal campione e da una scintilla di Osimhen cambia tutto. Il suo gol è trascinante e ha segnato il 19esimo di testa. Nei cinque principali campionati europei, da quando Osimhen ha esordito in Serie A, solo Kane ha segnato più gol di lui”.

Fiorentina:  Pradè: “Il futuro di Italiano? E’ un condottiero, vuole fare qualcosa di grande

Daniele Pradé, direttore sportivo della Fiorentina, ha rilasciato alcune dichiarazioni a DAZN prima della sfida con la Juventus: “E’ una partita molto importante, per noi vuol dire tanto. Belotti? Quello che sta facendo per noi è già tanto, sono arrivati a gennaio con Faraoni e sembra che siano con noi da sempre. E’ un ragazzo serissimo, siamo contenti di quello che sta facendo e se segnasse saremo ancora più contenti. Il futuro di Italiano? Adesso è facilissimo, dopo quello che ci è successo ci siamo incontrati con Italiano e il presidente e dobbiamo conquistare qualcosa di importante per onorare la memoria di Barone. Italiano è un condottiero, porterà avanti alla grande quello che stiamo facendo”.

Monza-Napoli, Marelli: “Tre episodi da analizzare, due rigori non dati agli azzurri”

L’ex arbitro Luca Marelli ha rilasciato alcune dichiarazioni a DAZN dopo la vittoria del Napoli contro il Monza. Nel primo tempo, c’è un lancio dalla sinistra di Anguissa in area di rigore. C’è un contrasto Zerbin-Ngonge. Zerbin compie una sorta di forbice sulla gamba sinistra di Ngonge e poi prende il pallone, è episodio da calcio di rigore a favore del Napoli nel primo tempo. Il Var resta silente e su questo ci sarebbe da discutere. Sul gol del 2-1 c’è uno scontro di Olivera su Birindelli con i tacchetti sulla coscia del giocatore del Monza, fischiare il fallo è esagerato, è uno scontro di gioco e correttamente si è lasciato correre. Nel contatto Bondo-Anguissa, c’è da capire se c’è un concorso di colpe da parte di Anguissa in caso di reciproca trattenuta, ma se vediamo, Anguissa non fa nulla, è Bondo che prende il giocatore del Napoli e lo tira giù dalla spalla, è un episodio da calcio di rigore, l’arbitro era nella posizione giusta per decidere e ha deciso in maniera sbagliata. Giusto che non sia intervenuto il Var”.

Monza, Djuric: “C’è rammarico, nella ripresa sono venute fuori le qualità del Napoli”

Milan Djuric, attaccante del Monza, ha rilasciato alcune dichiarazioni a Sky Sport, dopo la sconfitta contro il Napoli, “Sconfitta che ci lascia l’amaro in bocca. Nel secondo tempo sono venute fuori le qualità del Napoli. C’è rammarico, ma ora testa alla prossima. Dobbiamo migliorare e lavoreremo con il mister”.

Napoli, Raspadori: “Ottimo secondo tempo, Champions? E’ complicata, noi dobbiamo pensare solo a vincerle tutte

Giacomo Raspadori, attaccante del Napoli, ha rilasciato alcune dichiarazioni a Sky Sport, dopo la vittoria contro il Monza: “Dobbiamo crederci, abbiamo fatto un grande secondo tempo. Dobbiamo lavorare per fare bene anche il primo tempo. Credo che prima di pensare al futuro, dobbiamo pensare al presente. Sappiamo quello che vogliamo e abbiamo bisogno di un filotto di vittorie. Dobbiamo avere la stessa mentalità che abbiamo avuto nel secondo tempo. Il nostro obiettivo? L’obiettivo è quello di pensare partita dopo partita e vincerle tutte. La Champions è complicata, ma non dipende solo da noi. Noi dobbiamo pensare solo a vincerle tutte e poi tiriamo le somme”.

Monza – Napoli: Calzona cambia quattro giocatori, ritorna Kvara, a sorpresa Ngonge dal 1’

Sono ufficiali le formazioni di Monza-Napoli, match delle 15 valido per la 31ª giornata di Serie A. Diversi cambiamenti di formazioni per Calzona dopo il ko contro l’Atalanta. Un cambio in difesa: con Olivera che prende il posto di Mario Rui. In mediana Zielinski ritorna ad essere titolare a discapito di Traoré, completano il reparto Lobotka e Anguissa. Davanti torna Kvaratskhelia dopo l’infortunio, a completare il tridente a sorpresa Ngonge al posto di Politano e Osimhen. MONZA (4-2-3-1): Di Gregorio; Birindelli, Izzo, Marì, Caldirola; Gagliardini, Akpa Akpro; Colpani, Mota, Zerbin; Djuric. All: Palladino. NAPOLI (4-3-3): Meret; Di Lorenzo, Rrahamni, Juan Jesus, Olivera; Anguissa, Lobotka, Zielinski; Ngonge, Osimhen, Kvaratskhelia. All. Calzona.

Politano: Settimana importante, abbiamo preparato bene la partita

Matteo Politano, attaccante del Napoli, è intervenuto ai microfoni di DAZN a pochi minuti dalla sfida con il Monza, match valido per il 31° turno di Serie A: “Veniamo da una bruttissima sconfitta in casa, oggi è importante tornare a vincere e dobbiamo fare più punti possibile. È stata una settimana importante e abbiamo preparato bene la partita. Ora dobbiamo scendere in campo e portare a casa i 3 punti”.

Napoli, membri dello scouting in Olanda per seguire Gimenez ed Hancko

Il Mattino parla del Napoli e spiega i dettagli della missione olandese per gli uomini dello scouting di Maurizio Micheli, destinato a restare nell’area sportiva del nuovo Napoli con l’arrivo del d.s. Giovanni Manna dalla Juventus. Oggi, infatti, saranno a Rotterdam per assistere al match tra Feyenoord e Ajax. Osservati speciali: l’attaccante Gimenez e il difensore centrale Hancko.

Monza – Napoli: le probabili formazioni

Saranno Monza e Napoli a scendere in campo in questa domenica in cui andrà in scena la 32^ giornata di Serie A. Vediamo di seguito le probabili formazioni -fonte fantacalcio.it di Monza-Napoli: MONZA (4-2-3-1): Di Gregorio; Birindelli, Izzo, Pablo Mari, A. Carboni; Bondo, Gagliardini; Colpani, Maldini, Dany Mota; Djuric. All. Palladino NAPOLI (4-3-3): Meret; Di Lorenzo, Rrahmani, Juan Jesus, Olivera; Anguissa, Lobotka, Traorè; Politano, Osimhen, Kvaratskhelia. All. Calzona

Palladino: Mai avuto nella mia carriera contatti con il Napoli

Repubblica parla del Napoli e del prossimo possibile allenatore degli azzurri: “Le grandi manovre per la panchina non dovranno condizionare il finale di campionato e dall’elenco dei possibili candidati si è sfilato l’avversario di oggi pomeriggio, Raffaele Palladino. ”Non ho mai avuto nella mia carriera contatti con il Napoli, anche se mi sarebbe piaciuto». Il tecnico di Mugnano alla guida del Monza è imbattuto contro gli azzurri: una vittoria nel torneo scorso e il pareggio dell’andata al Maradona”.

A Monza per un posto in Europa: torna Kvara e Calzona ripensa a un big

La stagione non è finita e c’è una posto in Europa da conquistare. Oltre agli aspetti tecnici e tattici, Calzona ha lavorato principalmente sulla testa della squadra: la sconfitta con l’Atalanta ha infatti lasciato brutte sensazioni anche sul piano dell’atteggiamento e l’obiettivo è in primis di tirare fuori l’orgoglio per chiudere in maniera dignitosa una stagione difficilissima e che però non può essere infangata ulteriormente. – riporta TuttoNapoli.Net- Così si spiega anche la doppia visita di De Laurentiis al Konami Training Center, parlando anche alla squadra e manifestando l’importanza di chiudere col massimo impegno e di salvare l’Europa League,

Zaniolo vorrebbe tornare in Italia, il Napoli ci pensa seriamente, servono circa 20 milioni

Secondo quanto riportato da La Gazzetta dello Sport, il Napoli starebbe seriamente pensando a Nicolò Zaniolo, attaccante del Galatasaray in prestito all’Aston Villa: “La Serie A gli manca, l’ha lasciata dopo 94 presenze e 13 reti, tutte con la Roma. E ha voglia di tornarci, di rivivere l’atmosfera familiare di un calcio tattico in cui con i suoi strappi tra le linee può tornare a fare la differenza. E a divertirsi. Fiorentina e Napoli hanno avviato i primi sondaggi, ma è soprattutto il club azzurro ad avere le carte per fare il colpo. Le premesse ci sono tutte…

Calciomercato, il Napoli si informa su Hancko

David Hancko è un difensore di nazionalità slovacca. Secondo “Il Mattino” il Napoli starebbe prendendo informazioni sul calciatore. De Laiurentiis avrebbe avuto rassicurazioni anche da Calzona, ct della nazionale slovacca. Inoltre Marek Hamsik avrebbe fatto da intermediario con il calciatore durante la pausa nazionali di Marzo.

Calciomercato, Chelsea su Osimhen?

Secondo l’edizione odierna de “Il Mattino” il Chelsea sarebbe interessato a Victor Osimhen. Il club inglese vorrebbe inserire una contropartita nella trattativa per abbassare il prezzo del cartellino, ma Romelu Lukaku non interessa agli azzurri, quindi i Blues avrebbero pensato di inserire Armando Broja che già in passato fu accostato alla squadra azzurra.

Napoli, Jorrell Hato per la difesa?

Secondo “Il Mattino” De Laurentiis sarebbe pronto a fare follie per Jorrell Hato, difensore dell’Ajax. Così il quotidiano partenopeo: “De Laurentiis sarebbe pronto a fare follie per Jorrell Hato dell’Ajax la cui valutazione è già di una ventina di milioni. Il classe 2006 è una colonna dell’Ajax con cui ha già giocato 41 partite in questa stagione. Hato è un difensore centrale di piede mancino di 182 centimetri. All’occorrenza potrebbe giocare anche terzino sinistro. Sul ragazzo c’è forte anche l’Arsenal”

Flash News del 06 Aprile 2024

Monza, i 23 convocati di Palladino per la partita contro il Napoli, quattro assenti

Al termine della rifinitura della vigilia, Mister Palladino ha convocato 23 giocatori per Monza-Napoli, gara della trentunesima giornata di Serie A 2023/24, in programma domenica 7 aprile 2024 alle 15.00 all’U-Power Stadium. Assenti D’Ambrosio, Bettella, Caprari e Machin. Di seguito la lista completa: 2 Donati, 4 Izzo, 5 Caldirola, 6 Gagliardini, 8 Akpa Akpro, 9 Colombo, 11 Djuric, 13 Pedro Pereira, 16 Di Gregorio, 19 Birindelli, 20 Zerbin, 21 V. Carboni, 22 Pablo Marí, 23 Sorrentino, 27 Maldini, 28 Colpani, 38 Bondo, 44 A.Carboni, 47 Mota Carvalho, 63 Berretta, 66 Gori, 77 Kyriakopoulos, 84 Ciurria.

Napoli, i 23 convocati di Calzona per il Monza: presenti Kvara e Ngonge, out Lindstrom

Monza-Napoli domani alle ore 15 all’U-Power Stadium per la 31esima giornata di Serie A. Dirige il match l’arbitro Doveri di Roma. I CONVOCATI: MERET Alex; GOLLINI Pierluigi; CONTINI Nikita; DI LORENZO Giovanni; MAZZOCCHI Pasquale; MARIO RUI; NATAN Bernardo de Souza; OSTIGARD Leo; JUAN JESUS; RRAHMANI Amir; OLIVERA Mathias; ANGUISSA Frank; CAJUSTE Jens; ZIELINSKI Piotr; DENDONCKER Leander; TRAORE’ Hamed Junior; LOBOTKA Stanislav; POLITANO Matteo; NGONGE Cyril; KVARATSKHELIA KHVICHA; SIMEONE Giovanni; RASPADORI Giacomo; OSIMHEN Victor

Schira: “Il Napoli si unisce alla corsa per Lewis Ferguson, Manna lo ama”

“Il Napoli si unisce alla corsa per provare a ingaggiare il centrocampista del Bologna Lewis Ferguson. Manna lo ama e lo voleva già al Juventus, che continua ad interessarsi a lui (Giuntoli apprezza molto Fergie)”, scrive Nicolò Schira, giornalista ed esperto di mercato, sul proprio profilo X.

Cucci: “Ho sentito che il Napoli è su Pinamonti, allora non arriva Conte”

Italo Cucci, firma storica del giornalismo sportivo nazionale, è intervenuto nel corso di ‘Radio Goal’, trasmissione in onda sulle frequenze di Radio Kiss Kiss Napoli: “Ho sentito che il Napoli sta seguendo Pinamonti del Sassuolo, ma secondo me se il Napoli prende Pinamonti significa che non arriva Conte. Italiano? Per carità è bravo, ma bisogna pure vincere ogni tanto. Non basta arrivare solo in finale”.

Napoli: i convocati per Monza: tutti a disposizione, out solo Lindstrom

Il tecnico del Napoli, Francesco Calzona, ha diramato l’elenco dei convocati per la sfida al Monza che si giocherà domani alle ore 15 all’U-Power Stadium. Intero gruppo a disposizione per il tecnico azzurro, con la sola eccezione rappresentata da Jesper Lindstrom, unico assente in lista. L’elenco completo dei convocati: MERET Alex, GOLLINI Pierluigi, CONTINI Nikita, DI LORENZO Giovanni, MAZZOCCHI Pasquale, MARIO RUI, NATAN Bernardo de Souza, OSTIGARD Leo, JUAN JESUS, RRAHMANI Amir, OLIVERA Mathias, ANGUISSA Frank, CAJUSTE Jens, ZIELINSKI Piotr, DENDONCKER Leander, TRAORE’ Hamed Junior, LOBOTKA Stanislav, POLITANO Matteo, NGONGE Cyril, SIMEONE Giovanni, RASPADORI Giacomo, OSIMHEN Victor, KVARATSKHELIA Khvicha.

Caravello: “Italiano ha dimostrato di essere sicuramente da Napoli”

Danilo Caravello, operatore di mercato, ha parlato a TMW: “Dopo un anno di transizione post scudetto, a Napoli ripartirà un nuovo progetto con, molto probabilmente, un direttore giovane ed un nuovo allenatore. Italiano nome più gettonato? È un nome che ha dimostrato di essere sicuramente da Napoli, uno dal quale poter ripartire per aprire un nuovo ciclo. L’altro nome in ballo per la panchina del Napoli sembra essere quello di Antonio Conte che è un top, ma rappresenterebbe una filosofia di lavoro completamente diversa da quella di Italiano. Una volta messa a posto la casella del Direttore, di conseguenza andranno a posto anche gli altri tasselli”.

Chiariello: “Mi incateno a Castelvolturno se vengono a Napoli…”

Così Umberto Chiariello a TvPlay: “Ci sono due persone per cui mi incateno a Castel Volturno se arrivano a Napoli: Allegri e Zaniolo. Se Allegri viene a Napoli divento il suo primo nemico, gli deve venire la voglia di scappare come feci con Gattuso che ho fatto andare io via da Napoli. Ho vissuto la grande bellezza di Sarri e la meraviglia di Spalletti e sono ancora orfano di Vinicio: uno come me può mai accettare Allegri? Sono addirittura disposto ad accettare Mourinho ma non Allegri”

CDS: David o Gimenez al posto di Osimhen

A fine stagione Osimhen andrà via da Napoli. La società azzurra starebbe già lavorando sul sostituto in attacco del nigeriano. Secondo quanto riporta il Corriere dello Sport, nel mirino del Napoli ci sono Jonathan David, canadese classe 2000 del Lilla, e Santiago Gimenez, 23 anni, attaccante messicano del Feyenoord.

Ravanelli: “Conte profilo ideale per vincere”

Così Ravanelli, ex attaccante della Juventus, a Tv Play: “Italiano è un ottimo allenatore, ha portato novità col suo calcio, ma se volessi vincere da subito portando quella leadership credo che Conte sia il profilo ideale. E’ vero che Europa non è mai andato troppo lontano ma ha grande cultura del lavoro e Napoli sarebbe una piazza incredibile per lui, con l’obiettivo di avvicinare l’Inter. De Laurentiis ci proverà fino in fondo, ma ci sarà da capire se Conte sarà convinto perché è conscio che potrebbe avere delle pressioni forti. Magari vorrà aspettare squadre più titolate del Napoli, anche se gli azzurri hanno la squadra per essere competitivi fin da subito. Penso al Bayern Monaco, PSG o Manchester United”

Napoli, la strategia per Kvara: rinnovo a cifre più alte e clausola rescissoria

Il Napoli sta studiando la strategia per blindare Khvicha Kvaratskhelia. L’intenzione di De Laurentiis è garantire al georgiano un percorso alla Osimhen, ovvero un rinnovo del contratto da firmare in estate con adeguamento dell’ingaggio e inserimento di una clausola rescissoria che gli possa garantire l’approdo in un grandissimo club europeo in futuro. Per lasciarlo partire AdL chiede 130 milioni di euro.

Napoli, lavoro tecnico tattico e partitina, per Lindstrom personalizzato in palestra e in campo per una lombalgia

Il Napoli si è allenato questa mattina all’SSCN Konami Training Center. Gli azzurri preparano il match contro il Monza in programma all’U-Power Stadium domani alle ore 15 per la 31esima giornata di Serie A. La squadra ha lavorato sul campo 2 iniziando la sessione con attivazione e torello. Successivamente il gruppo ha svolto lavoro tecnico tattico e partitina a campo ridotto. Lindstrom ha svolto allenamento personalizzato in palestra e in campo per una lombalgia.

Napoli, tentazione Soulè: Manna lo vuole in azzurro, per la Juventus è cedibile

Secondo quanto riportato da Tuttosport, il Napoli potrebbe virare su Matias Soulè: “A proposito: Matias Soulé è il lingotto d’oro che può rimpinguare le casse bianconere, anche se non è da escludere una permanenza. Di certo c’è l’attenzione di Manna e, di conseguenza del Napoli: è stato uno dei colpi del ds e l’idea di portarlo ai piedi del Vesuvio potrebbe essere intrigante, anche se Giuntoli per l’argentino non vuole scendere dai 45/50 milioni. Si vedrà: la “spy story” è appena cominciata”.

Monza-Napoli, possibili alcuni cambi: Olivera e Zielinski dal primo minuto

Secondo quanto riportato dal Corriere dello Sport, il Napoli può optare per alcune novità di formazione nel match contro il Monza. In difesa spazio a Mathias Olivera che prenderà il posto a sinistra di Mario Rui, mentre a centrocampo sembra concretizzarsi l’esclusione di Traorè con Zielinski nuovamente titolare. In attacco torna Kvaratskhelia che prenderà il posto di Jack Raspadori.

Panchina Napoli, per ADL è corsa a due: Antonio Conte o Vincenzo Italiano

La Repubblica dedica spazio alla questione allenatore del Napoli: “La prossima stagione è quella della rifondazione dopo il fallimento dell’anno post scudetto. Un nuovo direttore sportivo (Giovanni Manna) e un allenatore di livello a cui affidare il progetto: Antonio Conte per andare sul sicuro o Vincenzo Italiano per recuperare la continuità tattica smarrita dopo l’addio di Luciano Spalletti. Aurelio De Laurentiis deciderà tra una ventina di giorni, ma intanto non ha abbandonato la speranza di raddrizzare una classifica negativa”.

Napoli, vietati passi falsi: l’obiettivo Europa League è ancora alla portata

Come riportato da Il Mattino, il Napoli rincorre l’Europa League. L’obiettivo sesto posto in classifica è infatti ancora alla portata degli azzurri, al momento ottavi, e le 8 partite ancora da disputare potrebbero portare in serbo sorprese. Alla squadra guidata da Calzona basterebbero probabilmente solo 20 dei 24 punti a disposizione per qualificarsi, ma sono vietati passi falsi.

Monza, Maldini: “Ringrazio Palladino, mi sento più coinvolto in questa squadra”

Daniel Maldini, fantasista del Monza, ha rilasciato alcune dichiarazioni parlando anche di suo padre Paolo: “Sono molto più di un cognome. Siamo una famiglia normale, con papà mi vedo dopo le partite. Qualche domanda, qualche consiglio, parliamo di tutto. Da me ci si aspetta sempre qualcosa in più, sia per le mie qualità che per il cognome. Ma ormai ci sono abituato, sarà sempre così. Del resto, questo è il momento più delicato della mia carriera”. Capitolo nazionale: si parla dell’ipotesi Venezuela, il Paese di origine di tua madre. “Ero stato contattato, poi non ho saputo niente. Adesso hanno giocato contro l’Italia e se n’è tornato a parlare. Ma ripeto, io non ho sentito più nessuno. E ora devo trovare la mia dimensione al Monza”. Palladino ti fa stare sereno? “Mi parla, mi dà tranquillità e fiducia. Al Monza è la prima volta che arriva dall’esterno e fin da subito, grazie a Palladino e Galliani. Mi sento diverso, più coinvolto e consapevole”

Napoli, scegliendo Italiano potrebbero rilanciarsi Raspadori e Lindstrom

Al di là del sogno Conte, il Napoli ha come obiettivo reale Vincenzo Italiano, individuato come erede di Spalletti già la scorsa estate prima della conferma alla Fiorentina. Secondo la Gazzetta dello Sport è probabile che De Laurentiis ne abbia già parlato con Manna, ma in attesa dei prossimi passi si stanno delineando le strategie per il mercato. Italiano dovrà ripartire da poche certezze. A Italiano verrà chiesto soprattutto “di trovare una collocazione tattica che permetta a Giacomo Raspadori di tornare il gioiello che era al Sassuolo: il Napoli ha speso 35 milioni per acquistarlo e vuole recuperarlo. Italiano ama il 4-3-3 e il 4-2-3-1, e in quest’ultimo sistema Raspadori ritroverebbe la sua collocazione tattica preferita. Stesso discorso si potrebbe fare per Lindstrom”

Meluso verso l’addio: l’opzione scade a breve, non ha ricevuto alcun cenno

A pochi giorni dalle indiscrezioni sull’arrivo di Giovanni Manna dalla Juventus come nuovo direttore sportivo, l’attuale ds Mauro Meluso prosegue il suo lavoro come se nulla fosse con l’obiettivo di chiudere in maniera dignitosa la stagione. Secondo Il Mattino, il ds Meluso non ha ricevuto nessuna comunicazione, neppure un cenno dalla proprietà o un indizio sul fatto che non verrà esercitata l’opzione unilaterale di rinnovo (che scade il 30 aprile) da parte del club. Ieri il ds era segnalato all’Arechi per Salernitana-Sassuolo. Arrivato a mercato estivo già definito, il suo rammarico resta l’affare Dragusin mentre è da attribuire alla sua diplomazia l’arrivo di Mazzocchi dopo un tira e molla tra Iervolino e ADL.

Kvara, strategia per il rinnovo

Mediaset parla delle strategie del Club di De Laurentiis per trattenere Kvaratskhelia. L’intenzione di De Laurentiis è garantire al georgiano un percorso alla Osimhen, ovvero un rinnovo del contratto da firmare in estate con adeguamento dell’ingaggio e inserimento di una clausola rescissoria che gli possa garantire l’approdo in un grandissimo club europeo in futuro. Per lasciarlo partire AdL chiede 130 milioni di euro.

Sarà il Napoli di Italiano?

Secondo “La Gazzetta dello Sport” Aurelio De Laurentiis avrebbe già contattato l’attuale allenatore della Fiorentina Vicenzo Italiano. Il presidente starebbe concordando con lui il prossimo mercato. Al tecnico avrebbe chiesto “di trovare una collocazione tattica che permetta a Giacomo Raspadori di tornare il gioiello che era al Sassuolo: il Napoli ha speso 35 milioni per acquistarlo e vuole recuperarlo. Italiano ama il 4-3-3 e il 4-2-3-1, e in quest’ultimo sistema Raspadori ritroverebbe la sua collocazione tattica preferita. Stesso discorso si potrebbe fare per Lindstrom”

Flash News del 05 Aprile 2024

Dalla Spagna: “ADL ha chiesto cifra folle per dare Kvaratskhelia al Barcellona”

Il presidente del Napoli non vuole cedere Kvaratskhelia, a meno che non arrivi un’offerta veramente irrinunciabile. La cifra non deve essere inferiore ai 130 milioni di euro e molto difficilmente il Barcellona potrà investire un capitale del genere, visti i problemi finanziari che la società catalana ha dovuto affrontare negli ultimi anni. Dall’altra parte è chiaro che lo stesso ADL dovrà presto adeguare l’ingaggio di Kvara, visto che al momento il suo stipendio è di 1,4 milioni di euro a stagione, mentre Osimhen ne guadagna 10. Lo scrive Diario As. 

Lindstrom a rischio forfait, può saltare il Monza

Ultime di formazione su Sportmediaset in vista della gara di domenica. Kvaratskhelia e Ngonge recuperati per Monza. A sinistra solito ballottaggio Mario Rui-Olivera. Zielinski in vantaggio su Traoré. Venerdì allenamento personalizzato per Lindstrom, a rischio convocazione

Serie A – Razzismo, la Procura Figc rafforza i controlli in vista delle prossime partite

La Procura della Figc ha rafforzato i controlli gara in vista delle partite di Serie A del fine settimana. È questa – apprende l’Ansa – la strategia per fronteggiare la ‘deriva discriminatoria’ di alcune frange estreme del tifo, che in queste settimane sta facendo alzare il livello di allerta sia dentro sia fuori gli stadi italiani. ‘Nessuna impunità di fronte a casi di razzismo’ – è quanto filtra da via Allegri -; a fronte di segnalazione di cori e altre manifestazioni discriminatorie, sempre più sotto la lente di ingrandimento degli ispettori federali, ‘ci saranno sanzioni severe come previsto dal codice di giustizia sportiva’.

Giordano: “Kvaratskhelia seguito dal Barcellona?”

Antonio Giordano, del Corriere dello Sport, è intervenuto a Radio Marte: “Non credo che le notizie di un interessamento spagnolo a Kvaratskhelia creino problemi al rinnovo del contratto e all’adeguamento dell’ingaggio. Credo che fosse prevedibile una cosa del genere. Se ami il calcio non puoi non amare Kvara e quindi credo sia naturale che dalla Spagna ci sia un certo interessamento. Vedremo se ci saranno solo indiscrezioni, se ci sono delle certezze, se ci sono intenzioni o altro. Certo non stupisce che una grande squadra voglia un grande giocatore e Kvara rientra nella fascia dei grandi calciatori”.

Il Napoli pensa a un nuovo direttore del settore giovanile: c’è già un obiettivo

Il Napoli sta valutando di inserire nel suo quadro dirigenziale un nuovo direttore del settore giovanile. E, stando a quanto riferito da Radio Kiss Kiss Napoli, il club azzurro sta valutando un profilo che sta facendo benissimo alla Juve Stabia. Si tratta di Saby Mainolfi, è di Telese Terme ed è attenzionato da tempo dalla società partenopea. Nell’ambiente di Mainolfi si parla molto bene, il Napoli lo vorrebbe ma Mainolfi ha tre anni di contratto con la Juve Stabia e sta facendo un lavoro straordinario, quindi ci sono da capire i margini.

De Maggio: “Osimhen andrà al PSG. Italiano? Ha dato lezioni di calcio anche a Spalletti…”

Valter De Maggio ha parlato nel corso di Radio Goal di oggi: “Italiano è venuto a Napoli ed ha dato lezioni di calcio a Garcia, ma poi battè anche il Napoli di Spalletti. E’ uno che fa ruotare la rosa e punta sui giovani. Conte? De Laurentiis lo corteggia e gli darebbe dei parametri dal punto di vista del monte ingaggi. La prima mission è avere un centravanti nuovo, la seconda è sostituire Kim. Se Conte volesse Kulusevski al posto di Politano il Napoli potrebbe accontentarlo. Osimhen? Per me andrà al PSG e mi dicono che il Barcellona voglia prendere Kvaratskhelia e mi auguro non accada”.

Napoli su Zaniolo. Piace molto a Manna dai tempi della Juve e vuole tornare in Italia

Nicolò Zaniolo piace molto al futuro ds azzurro Giovanni Manna. L’attaccante ex Roma, -oggi all’Aston Villa- che però non lo riscatterà – in estate farà rientro al Galatasaray, ma potrebbe comunque rimanere con la valigia in mano. Zaniolo (classe 1999) infatti è un pallino di Manna già dai tempi della Juventus: il futuro nuovo ds del Napoli lo porterebbe volentieri in azzurro, sfruttando anche la volontà del calciatore di tornare a giocare nel nostro campionato. Su Zaniolo si era mossa in passato la Fiorentina. Adesso il Napoli potrebbe pensarci seriamente. Lo riferisce Gianluca Di Marzio sul suo sito ufficiale.

Boldini: il Napoli è una squadra che deve giocare col 4-3-3

A Radio Crc Simone Boldini, doppio ex di Monza e Napoli. ”L’allenatore ha inciso tantissimo l’anno scorso, questa è una squadra che deve giocare col 4-3-3 per cui ritengo che siano state sbagliate quest’anno anche le scelte degli allenatori. Se arrivasse Conte dovrebbe cambiare tutta la squadra per giocare col 3-5-2. Se i calciatori non sono predisposti a rimanere devono essere mandati via, è necessario che resti solo chi ha voglia di riportare il Napoli a livelli altissimi. Il Napoli non può rimanere in questa posizione, non è facile ripetersi, poche squadre ci riescono e non parlo solo dell’Italia, ma il distacco quest’anno è abissale, troppo per una squadra come quella azzurra. Ciò che mi ha impressionato è il fatto che il Napoli faccia fatica contro tutte le squadre”. 

Regazzoni: “Manna ha personalità da vendere, può essere determinante nella scoperta di nuovi talenti”

A Radio Crc è intervenuto Alberto Regazzoni, ex calciatore del Chiasso quando c’era Manna team manager. Manna l’ho conosciuto quando era un giovane dirigente che arrivava dal Forlì. Ora sembra facile parlare di lui, ma la fame e la voglia la si è vista subito. In pochi anni ha scalato vette importanti. Era sempre disponibile, avevo 32 anni, ero già a fine carriera ed ho conosciuto pochi team manager con la sua voglia. Non si limitava a fare il lavoretto come team manager, si esponeva in altre cose a livello sportivo, gli piaceva parlare e con me che ero il capitano della squadra aveva un ottimo rapporto. Parlava di calcio, di giocatori, andava a vedere le partite e in pochi mesi ha conosciuto tutti i nomi dei calciatori del calcio svizzero’. Sta facendo un’esperienza importante alla Juventus per cui non parliamo più di un giovane di 25 anni, lavorare con Giuntoli e con dirigenti importanti gli ha dato esperienza. Vero è che non ha mai fatto il ds da solo e che Napoli è una piazza importante e la pressione è diversa. Capisco che ci sia perplessità perchè Manna non ha ancora la taglia di uno come Tare. Manna ha personalità da vendere, è vero che De Laurentiis ha tanta voce in capitolo più di altri presidenti, ma bisogna avere la forza e la personalità per gestirlo e Manna ce l’ha. C’è da capire che mercato vorrà fare il Napoli, se guardo quelli passati mi rendo conto che non ha mai preso grandissimi nomi, ma giocatori da scoprire e in questo Manna può essere determinante”. 

Zavanella: Stadio a Bagnoli? Onestamente non conosco la questione Bagnoli, non so se è realizzabile uno stadio lì, ma …

L’architetto Gino Zavanella, colui che dovrebbe costruire lo stadio nuovo del Napoli e anche il centro sportivo, ha rilasciato un’intervista a Kiss Kiss Napoli: “Non ho sentito nessuno, il presidente De Laurentiis non mi ha chiamato. Lo chiamerò tra qualche giorno e chiederò. Stadio a Bagnoli? Onestamente non conosco la questione Bagnoli, non so se è realizzabile uno stadio lì, ma preferisco parlarne direttamente con lui quando avrò modo di sentirlo. Lui me ne parlò velocemente un po’ di tempo fa, ma non ci siamo ancora aggiornati”.

Tardelli sulla rosa della Juve: “Senza Vlahovic è da 5° posto”

“Otto partite che i bianconeri non possono sbagliare”. Sulle pagine de La Stampa, Marco Tardelli commenta il finale di campionato di una Juventus in caduta libera nelle ultime giornate: “Anche in questa stagione la Juventus non riesce ad avere quella continuità che serve per raggiungere quei traguardi che la maglia meriterebbe. Crolla con la Lazio in campionato, risorge con la stessa Lazio in Coppa Italia. I bianconeri ci avevano illuso, era sembrato per un periodo che potessero essere i concorrenti per lo scudetto. […] È difficile scoprire la malattia della squadra, e facile incolpare Massimiliano Allegri: non è capace a darle un giorno, non ha più la fiducia dello spogliatoio, ha un’ottima rosa ma non sa fruttarla e così via, come se la Juventus fosse solo Allegri”.

Scarlato: “Napoli, col Monza sarà una gara ostica, spazio a Ngonge e Mazzocchi”

In questo finale di stagione va dato spazio a chi ha più motivazione e a chi sta meglio fisicamente. Dopo il primo tempo con l’Atalanta – ha detto Scarlato a Radio Marte nel corso di Marte Sport Live – io avrei cambiato undici giocatori… È normale che le gerarchie ci sono, ma in questo momento 2-3 innesti vanno fatti, perchè possono dare quella grinta in più che sta mancando. Ngonge si è mosso bene nel secondo tempo contro l’Atalanta, giocando peraltro a sinistra e magari può giocare. Mazzocchi, da napoletano, può dare quel qualcosa in più dal punto di vista motivazionale: vedrei una staffetta con Di Lorenzo, che appare non in condizioni brillanti. Lindstrom non è mai stato utilizzato dall’inizio, a parte Lecce, Dendoncker pure, purtroppo sono calciatori che avrebbero dovuto dare una mano e invece non lo hanno fatto. A Monza non sarà facile, se il Napoli gioca bene può renderla meno difficile, anche se i brianzoli stanno bene di testa e di gambe, con il nuovo modulo sta facendo bene. Sarà una gara ostica, ma il Napoli deve pensare di potersi qualificare per l’Europa League”.

Corbo, due incognite per il Napoli

Antonio Corbo, nel suo editoriale su “La Repubblica” ha scritto di due incognite nel futuro del Napoli. Ecco quanto scritto dal giornalista: “Due le incognite: 1) la vendita di Osimhen, ancora del Napoli, costretto a cederlo per evitare un ingaggio troppo oneroso di circa 15 milioni lordi, squilibrato per il resto della squadra. 2) la capacità del presidente e del nuovo direttore sportivo di evitare i gravissimi errori, tra allenatori e due mercati”

TMW, l’Inter pensa anche a Raspadori

L’Inter sta per vincere lo scudetto della seconda stella, ma pensa già al prossimo mercato. Per Tuttomercatoweb il settore che avrebbe più bisogno di ritocchi sarebbe l’attacco. Queste le parole del noto portale: “Il reparto da sistemare è certamente l’attacco. Marko Arnautovic e Alexis Sanchez non hanno convinto fino in fondo e potrebbero partire, mentre i nomi per la loro sostituzione, al netto di Taremi, sono quelli di Albert Gudmundsson e Giacomo Raspadori.”

De Laurentiis punta sull’orgoglio

Aurelio De Laurentiis ieri ha fatto visita agli atleti al Konami Training Center di Castelvolturno. Secondo quanto riferito da Radio Marte il patron non avrebbe promesso alcun premio per il raggiungimento dell’obiettivo minimo Europa League. Il presidente avrebbe fatto leva sull’orgoglio chiedendo di dare il massimo fino alla fine a tutti. Lo ha chiesto anche a chi partirà: giocare bene costituisce una buona vetrina per il mercato.

Il Barcellona piomba su Kvaratskhelia, ma il Napoli non vuole cederlo

Stando a quanto riportato da As, giornale spagnolo, il Barcellona sarebbe piombato su Khvicha Kvaratskhelia, attaccante del Napoli. I dirigenti spagnoli hanno avuto dei contatti con quelli azzurri, ma il Napoli non ha nessuna intenzione di cedere il suo gioiello, al quale rinnoverà il contratto e che diventerà il punto fermo della squadra dopo l’imminente cessione di Victor Osimhen.

A Torino c’è Juventus-Fiorentina, il nuovo d.s. del Napoli Manna incontrerà Italiano

Il Corriere dello Sport si è soffermato sulla gara tra Juventus e Fiorentina in programma domenica 7 aprile all’Allianz Stadium di Torino in cui si incontreranno Giovanni Manna, nuovo d.s. del Napoli, e Vincenzo Italiano, uno dei maggiori candidati per diventare il nuovo allenatore azzurro: “Domenica, alle 20.45, si giocherà Juventus-Fiorentina all’Allianz Stadium di Torino. E Giovanni Manna, il responsabile in pectore dell’area tecnico-sportiva del Napoli del futuro, si ritroverà faccia a faccia con Vincenzo Italiano, uno dei candidati più autorevoli alla panchina del Napoli che verrà. Fatalità, scherzetto del destino, le cose della vita, ma guarda il caso: diciamola un po’ come vogliamo, come più ci piace. Fatto sta che la prima uscita di Manna in campionato, dopo che l’indiscrezione del suo accordo con De Laurentiis ha forzato il caveau ed è scappata via in fuga, facendo il giro d’Italia, potrebbe anche passare alla storia come un vaticinio involontario. Un’anticipazione voluta da un vate chiamato calendario”.

Moggi: “Manna al Napoli? Gli azzurri sapranno qualcosa in più sulla Juventus”

Luciano Moggi, ex dirigente sportivo, ha rilasciato alcune dichiarazioni a Libero: “Scambio di dirigenti. Quanta confusione sulla Napoli-Torino. Curioso il passaggio di poteri dei dirigenti sportivi di Napoli e Juventus. Giuntoli, divisosi dal Napoli non senza problemi, sembrava aver fraternizzato con il ds bianconero Manna con il quale avrà anche condiviso i programmi futuri della Juventus. Poi improvvisamente la notizia di Manna che va al Napoli, alla corte di De Laurentiis, quasi a sembrare un dispetto del presidente napoletano a chi gli aveva portato via Giuntoli. Secondo noi è stato invece un favore fatto involontariamente a Cristiano permettendogli di sostituire il partente con uno di sua fiducia. Di certo una cosa: adesso il Napoli ne saprà di più dei programmi della Juve, alla stessa stregua della Juve che ne saprà di più di quelli del Napoli. Al netto di una considerazione: come di questi tempi sia rischioso fraternizzare”.

Manna incontrerà Italiano a Torino?

Domenica ci sarà la partita tra Juventus e Fiorentina allo Stadium. Occasione per il nuovo ds del Napoli Manna di parlare con Italiano? Così il CDS stamattina: “Domenica, alle 20.45, si giocherà Juventus-Fiorentina all’Allianz Stadium di Torino. E Giovanni Manna, il responsabile in pectore dell’area tecnico-sportiva del Napoli del futuro, si ritroverà faccia a faccia con Vincenzo Italiano, uno dei candidati più autorevoli alla panchina del Napoli che verrà. Fatalità, scherzetto del destino, le cose della vita, ma guarda il caso: diciamola un po’ come vogliamo, come più ci piace. Fatto sta che la prima uscita di Manna in campionato, dopo che l’indiscrezione del suo accordo con De Laurentiis ha forzato il caveau ed è scappata via in fuga, facendo il giro d’Italia, potrebbe anche passare alla storia come un vaticinio involontario. Un’anticipazione voluta da un vate chiamato calendario”

Napoli, le condizioni di Kvara e Nogonge

L’edizione odierna de “Il Mattino” recita così sulle condizioni di Kvicha Kvaratskhelia e Cyril Ngonge: “Ieri è arrivata una prima buona notizia. Cyril Ngonge ha scongiurato guai seri dopo lo stop di mercoledì e ha svolto un lavoro semi differenziato insieme a Kvara. Proprio il georgiano continua a seguire un protocollo di lavoro specifico per smaltire la contrattura all’adduttore. Le linee guida mediche prevedono un recupero entro dodici giorni che scadono proprio domenica. Kvara sosterrà altri due test oggi e domani prima di sciogliere le riserve”

Flash News del 04 Aprile 2024

Denis: “Lavezzi è stato per un periodo isolato, ma sta molto meglio”

German Denis, ex calciatore, ha rilasciato un’intervista a Radio Goal, in diretta su Kiss Kiss Napoli: “Soulè è un bel giocatore, avrà un grande futuro. Lo conosco da anni e dico da tempo che è fortissimo. Non è stato convocato nella Seleccion perchè ci saranno i Giochi Olimpici con l’Under 23 con Mascherano e continuerà questo percorso qui. Soulè al Napoli? Sarebbe pronto, la Juve ha fatto bene a darlo in prestito, aveva bisogno di minutaggio e a Frosinone è libero di esprimersi. Lavezzi? Sta bene, ha fatto questa cura ed è stato per un periodo isolato. Diciamo che sta molto molto meglio”.

De Maggio rivela: “ADL manderà via 4 giocatori e 3 se ne vogliono andare”

Valter De Maggio, direttore di Kiss Kiss Napoli, ha rilasciato un’intervista a Radio Goal, in diretta su Kiss Kiss Napoli: “Una volta diedi un suggerimento a Grava di un ragazzo calabrese. Lui e Caffarelli lo conoscevano benissimo, quando andarono da De Laurentiis a dirgli di comprarlo lui rispose che non aveva tempo e lui andò al Milan. Napoli? Ne vanno via sette, quattro li manda via De Laurentiis più tre che se ne vogliono andare. Più Osimhen e Zielinski”.

Gautieri: “Lindstrom ha qualità, c’è da capire dove collocarlo in campo”

Carmine Gautieri, allenatore, ha rilasciato un’intervista a Radio Goal, in diretta su Kiss Kiss Napoli: “Lindstrom? il Napoli non può cambiare modulo, Lindstrom può fare sia il trequartista o l’interno di centrocampo lavorandoci. Ha qualità, ha l’ultimo passaggio e viene spesso tra le linee. Bisogna solo capire dove collocarlo, per me non è un esterno. Al Napoli va rifondata la situazione, anche se qualche giocatore interessante c’è. Io rifonderei tutto, ne terrei solo tre o quattro”.

Napoli, sempre più probabile la presenza di Ngonge e Kvara contro il Monza

Secondo quanto riportato dalla redazione di Sky Sport, Francesco Calzona potrà contare su ngonge e Kvara per il match contro il Monza. I due hanno svolto quest’oggi una parte di lavoro individuale in campo e una parte con la squadra. Possibile, dunque, il recupero per la sfida contro la squadra di Palladino.

Modugno: “Il Napoli ha scelto Italiano, ma non è da escludere un tentativo per Conte”

Francesco Modugno, giornalista, ha rilasciato alcune dichiarazioni a Sky Sport sul futuro allenatore del Napoli: “Italiano è il profilo individuato dal Napoli, che darebbe una continuità tecnica a un patrimonio calcistico che qui sentono, con un tipo di calcio e principi di gioco. Potremmo, però, ancora ipotizzare un tentativo per Antonio Conte”.

Moretto: “Vincenzo Italiano ha già comunicato la sua decisione alla Fiorentina”

Matteo Moretto, esperto di mercato di Relevo, ha rivelato su X alcune indiscrezioni sul futuro di Vincenzo Italiano: “Tema Fiorentina. Vincenzo Italiano ha già comunicato alla dirigenza che a fine anno lascerà il club. Chi può diventare uomo mercato in vista dell’estate è Nicolás González. La Fiorentina ascolterà le offerte che arriveranno per lui. L’argentino è aperto ad una nuova esperienza professionale e di vita”.

Viviani:  La rosa del Napoli è composta da buoni giocatori, ma non sono ossessionati dalla vittoria

A Radio Crc è intervenuto Fabio Viviani, doppio ex di Monza e Napoli: ”Pochissime squadre riescono a vincere ed essere l’anno successivo ancora la squadra da battere. Ciò che ha fatto il Napoli l’anno scorso è stato grandissimo, ma tanti piccoli dettagli hanno fatto la differenza, dettagli che quest’anno il Napoli non ha saputo ripetere. La rosa del Napoli è composta da buoni giocatori, ma non sono ossessionati dalla vittoria. Questo lo si impara col tempo e un gruppo lo impara insieme e diventa poi cultura.  Il Napoli in questo momento credo debba essere ricostruito ma a lungo termine. Se si vuole ricreare qualcosa bisogna guardare lungo, De Laurentiis ha le capacità per farlo ecco perchè in questa ottica, Manna è un buon ingaggio. Dal punto di vista dello scouting non credo incontrerà problemi, gestire il gruppo invece forse necessita maggiore esperienza. Mancano 2 mesi alla fine della stagione, credo che De Laurentiis avrà già deciso e chi arriverà valuterà la rosa e aspetto non da meno, deciderà cosa fare con Osimhen”. L’obiettivo minimo per una squadra come il Napoli è arrivare tra le prime 4, ma in ogni caso restare in Europa sarebbe importante”. 

Napoli:  Ngonge e Kvaratskhelia parzialmente in gruppo

Buone notizie per Francesco Calzona. L’allenatore del Napoli sta recuperando due calciatori. Come si legge nel report dell’allenamento odierno, infatti, Ngonge e Kvaratskhelia hanno svolto una parte di lavoro individuale in campo e una parte con la squadra. La squadra, ha informato il Napoli, ha lavorato sul campo 3 iniziando la sessione con attivazione e lavoro tecnico tattico. Il gruppo ha chiuso la seduta disputando una partitina a campo ridotto.

Capello: “Calzona ha provato a tornare all’antico, ma il Napoli non difende più come prima e non solo per l’assenza di Kim”

Fabio Capello, ex allenatore, tra le altre, di Milan e Juventus, ha rilasciato alcune dichiarazioni a La Gazzetta dello Sport analizzando il campionato del Napoli: “È evidente come all’appello manchi il Napoli e forse anche un po’ la Lazio. Ho visto il Napoli di Calzona tentare un ritorno all’antico, ma la squadra non difende più come prima e non può dipendere soltanto dalla partenza di Kim. Sono i giocatori che un anno fa avevano fatto la differenza, da Osimhen a Kvara, a essere sottotono” 

Monza-Napoli, i precedenti: il bilancio sorride agli azzurri, ma l’anno scorso…

Domenica pomeriggio, alle 15, il Napoli farà visita al Monza all’U-Power Stadium per la trentunesima giornata di Serie A. Si tratta del quarto confronto in assoluto in Serie A tra le due squadre, il secondo in casa biancorossa. Il bilancio generale in trasferta sorride agli azzurri e nell’unico precedente in Brianza, lo scorso anno, la squadra di Spalletti, già laureatasi campione d’Italia, perse 2-0. Di seguito tutti i precedenti.
Serie B 1961-1962: Monza-Napoli 0-1 (Ronzon) – Serie B 1963-1964: Monza-Napoli 1-1 (Gilardoni, Lojodice) – Serie B 1964-1965: Monza -Napoli 1-1 (Cristin, Spanio) – Coppa Italia 1996-1997: Monza-Napoli 0-1 (Esposito) – Serie B 1998-1999: Monza-Napoli 0-1 (Paradiso) – Serie B 1999-2000: Monza-Napoli 0-0 – Serie A 2022-2023: Monza-Napoli 2-0 (Mota, Petagna)

SSC Napoli, avv. Lubrano: “Osimhen? Il Napoli rischia in campo sportivo solo se nuovi elementi”

Uno dei legali della Società Sportiva Calcio Napoli Enrico Lubrano è intervenuto ai microfoni di Kiss Kiss Napoli: “In caso di rinvio a giudizio il rischio è di una ricaduta dal punto di vista sportivo. Ma è abbastanza risicato questo rischio, perché il Napoli è stato assolto in maniera totale, e questa decisione è passata in giudicato visto che nessuno vi si è opposto. In mancanza di nuovi elementi non può riaprirsi il procedimento, ma in campo legale non si può mai dare nulla per scontato. Revocazione l’unica ipotesi ma possibile solo in casi limitati, come nel caso della Juventus che era stata prosciolta ma poi la procura di Torino ha inviato alla procura federale un nuovo fascicolo con nuove prove e nuovi elementi che riguardavano una serie di condotte che aveva alterato dal punto di vista finanziario l’andamento dei propri bilanci. Lì c’era una serie di casi da analizzare e che quindi venivano riferiti fatti nuovi. Nel caso del Napoli non c’è né pluralità di condotte né nuovi elementi da analizzare e quindi non ci potrebbero essere sviluppi diversi. Anche perché pure dal punto di vista penale il processo sembra poter andare per il verso giusto”.

Braida a Kiss Kiss Napoli: “Manna? Persona seria e molto capace”

Lo storico dirigente del Milan e del Barcellona Ariedo Braida è intervenuto ai microfoni di Kiss Kiss Napoli: “Manna? Sicuramente se ne parla bene, perché è giovane ma ha fatto cose molto positive per la Juventus. Come i giovani della Next Gen che adesso fanno bene sia nella prima squadra sia nelle squadre dove sono in prestito, ho avuto il piacere di conoscerlo ed è un ragazzo molto serio, che tra l’altro ha un occhio molto buono per i calciatori e secondo me avrà un grande futuro come direttore sportivo. Quando Sacchi arrivò al Milan? Lo scelse Berlusconi che ebbe un’idea geniale, poi io e Galliani ci mettemmo d’impegno per concretizzare questa sua intuizione. Ma il lavoro in team è fondamentale, io auguro a Manna di raggiungere gli obiettivi che si porrà nel suo futuro”.

Kvaratskhelia primo per coefficiente di contribuzione in attacco

Federico Russo di CalcioMercato.com ha stilato una speciale classifica. Questa verte sul coefficiente di contribuzione in attacco. Questo coefficiente, rappresentato dalla somma dei tiri effettuati, non da rigore, più le possibilità di gioco aperte create, permette di capire quali siano perciò i giocatori che hanno una maggiore incidenza nella produzione offensiva delle rispettive squadre. Questa speciale graduatoria fornisce delle conferme in merito all’incidenza di determinati giocatori. Al 1° posto troviamo Kvicha Kvaratskhelia. Coefficiente: 5.83. Il 77 del Napoli ampiamente primo in questa graduatoria: gran parte della manovra partenopea passa dai suoi piedi, dodicesimo per chances create in campionato (1.65). Per il classe 2001 10 reti e 5 assist in Serie A in 27 presenze.

Graffiedi: “Italiano tecnico da Napoli”

Mattia Graffiedi, allenatore ed ex calciatore del Napoli, è intervenuto a “1 Football Club” in onda su 1 Station Radio. Ha parlato, tra le altre cose di Italiano, secondo le voci presumibilmente il futuro tecnico del Napoli. Queste le sue parole: In molti nutrono dubi su Italiano, ma il suo percorso parla chiaro: se conquistasse la finale di Coppa Italia, sarebbe l’unico allenatore nella storia della Fiorentina ad aver raggiunto due volte la finale di Coppa. “In Italia, purtroppo, c’è questa mentalità, se un allenatore non ha vinto tre o quattro Champions League non è pronto per una big. Italiano è tra i migliori tecnici e chi se non lui meriterebbe il grande alto in un top club. Non vedo allenatori italiani bravi quanto lui”. È un tecnico da Napoli? “Assolutamente. Il Napoli è una squadra propensa ad un gioco come quello che garantisce Italiano alle proprie squadre. La rivoluzione degli azzurri, nella prossima stagione, può ripartire da lui”.

Da Simeone a Traore, in quanti si giocano la conferma. ADL ha un’idea su Lindstrom

Il futuro di Simeone, Traoré, Ngonge, Lindstrom e Ostigard verrà deciso nelle prossime 8 partite. Il Napoli pensa alla ricostruzione, con Vincenzo Italiano favorito per subentrare a Calzona, e il finale di stagione sarà decisivo per questi elementi mentre per altri calciatori come Cajuste, Natan, Dendoncker e Mazzocchi il destino sembra segnato: tutti sono nella lista degli esuberi e andranno via. Secondo quanto riferito da Il Mattino, De Laurentiis è convinto che ‘mister 30 milioni’ Lindstrom non sia un acquisto sbagliato.

Marchetti: “La suggestione Conte non va abbandonata”

Luca Marchetti, giornalista Sky, nel suo consueto editoriale su TMW scrive: “L’obiettivo più semplice è quello che è sempre stato sulla bocca di tutti: Vincenzo Italiano. Cercato a più riprese da De Laurentiis, gioca 433, dà una grande impronta e identità alle sue squadre e si è già confrontato con piazze ambiziose come quella di Firenze. Napoli rappresenta quello step in più per continuare nella crescita. Chiaramente non è l’unico perché non si può avere soltanto una strada da percorrere. La suggestione di Conte non va abbandonata del tutto: intanto per l’imprevedibilità del presidente e poi perché già in passato era stato cercato. Ha sempre giudicato la rosa di primo livello… poi ci sono i però… l’ingaggio elevato, la stessa rosa da rimodellare (non fosse altro che per la partenza e quindi la sostituzione di Osimhen) la voglia di competere per le competizioni europee”

CDS: Il Napoli avrebbe sondato Sartori

Secondo quanto scrive “Il Corriere dello Sport”, Aurelio De Laurentiis avrebbe sondato la disponibilità di Giovanni Sartori per l’incarico da ds. Il dirigente del Bologna avrebbe risposto: “No, grazie presidente, a Bologna sto molto bene, resto a Bologna. Questa sarebbe stata la risposta di Giovanni Sartori ad Aurelio De Laurentiis, che nelle settimane passate lo avrebbe sondato per portarlo a Napoli. Questa indiscrezione era già uscita nei giorni scorsi, ma solo nelle ultime ore è diventata quasi di dominio pubblico”

Calzona chiede ai suoi di rispettare il finale di stagione

Francesco Calzona ha chiesto pubblicamente ai suoi calciatori di rispettare il finale di stagione e i tifosi. Secondo quanto scrive il Corriere dello Sport il tecnico fa un richiamo all’orgoglio personale. Gente come Osi, Kvara, lo stesso Zielinski, Anguissa e così via hanno storie, talenti e potenziali tali da obbligare a chiudere a testa alta un anno da dimenticare. L’allenatore-ct sta tentando di rimediare agli errori altrui sin dal primo giorno di lavoro.

Ranking FIFA, Argentina prima

Dopo le amichevoli e le gare di qualificazione per l’europeo e la Copa America di Marzo, la FIFA ha pubblicato la classifica del nuovo ranking. L’argentina rimane prima, l’Italia nona. Di seguito la classifica.
Argentina – 1858 punti
Francia – 1840.59 punti
Belgio – 1795.23
Inghilterra – 1794.90
Brasile – 1788.65
Portogallo – 1748.11
Olanda – 1742.29
Spagna – 1727.50
Italia – 1724.60
Croazia – 1721.07

Serie A, gli arbitri del 31^ turno:

Monza – Napoli affidata a Doveri di Roma. Al campano Guida di Torre Annunziata il derby Roma – Lazio; Salernitana – Sassuolo: Sozza di Seregno; Milan – Lecce: Massimi di Termoli; Empoli – Torino: Massa di Imperia Frosinone – Bologna: Orsato di Schio; Cagliari – Atalanta: Rapuano di Rimini; Verona – Genoa: Manganiello di Pinerolo; Juventus – Fiorentina: La Penna di Roma; Udinese – Inter: Piccinini di Forlì.

Basket, LBA – Max Heidegger e i fatti di Napoli, Casarin lo rimprovera

Il gesto di Max Heidegger a fine partita a Napoli ha scatenato la rabbia del coach della GeVi Igor Milicic sabato sera, ma anche il presidente dell’Umana Reyer Federico Casarin ha rimproverato il suo giocatore. Nell’intervista rilasciata questa mattina a La Nuova, Casarin ha commentato l’accaduto così: ”Non rientra nella cultura sportiva della Reyer, è un gesto sicuramente evitabile. Ho già parlato con Max, ha capito che quanto è accaduto non si deve ripetere”. Il commento di coach Milicic a fine partita. Il tecnico della GeVi, arrabbiato in sala stampa, ha detto: “È stata una partita in cui non c’è stato il controllo della gara. Il controllo della gara è nelle mani degli arbitri, e stasera è completamente mancatoAlla fine ci sono stati dei comportamenti che reputo fortemente antisportivi da parte di un giocatore che ha segnato 7 punti e con 5 rimbalzi (Max Heidegger ndr), e si è lasciato andare a dei gesti molto offensivi ed antisportivi. Credo che questo debba essere penalizzato, quantomeno rivisto dalla Lega, non può succedere in Serie A perché sono comportamenti che rischiano di provocare ulteriori nervosismi e tensioni in campo”.

Affare Osimhen, il Napoli rischia multa o penalizzazione in classifica

Il quotidiano odierno de Il Messaggero torna a parlare del caso Osimhen dopo la volontà di Aurelio De Laurentiis di essere ascoltato in Procura a Roma: “La Giustizia Sportiva ovviamente attende sviluppi: il Napoli era stato già assolto nell’ambito del cosiddetto caso plusvalenze, ma la situazione potrebbe cambiare, qualora De Laurentiis andasse a processo per falso in bilancio. Tre le possibili strade: una nuova assoluzione, una multa o una lieve penalizzazione in classifica”

Romano: “Manna, documenti già pronti. Manca solo la firma: accordo di 5 anni”

“Giovanni Manna firmerà un contratto quinquennale con il Napoli come nuovo direttore – tutti i documenti sono pronti. Lascerà la Juventus a fine stagione, come previsto”. A scriverlo sui social è stato il giornalista Fabrizio Romano che ha aggiornato la situazione relativa al futuro del ds azzurro. Manna dunque prestò sarà ufficialmente il nuovo dirigente del Napoli. Manna è già all’opera da lontano. In smart working. La priorità è la scelta dell’allenatore ma anche del centravanti che andrà a sostituire Victor Oismhen.

L’edizione odierna del Corriere dello Sport propone due nomi: Jonathan David del Lilla, 24 anni, e Santiago Gimenez del Feyenoord, 23 anni il 18 aprile, sono i primi centravanti di una lista che prima o poi si restringerà.  

Commisso è il presidente più ricco della Serie A. In classifica non c’è ADL

La rivista Forbes, come da tradizione, ha stilato la classifica dei paperoni e tra gli uomini più ricchi d’Italia si trovano anche numerose personalità dello sport. Rocco Commisso (8 miliardi) è al primo posto tra i presidenti di Serie A e sopravanza i Friedkin (Roma, 6.4) e Saputo (Bologna, 4.3) in una sorta di derby americano interno nel nostro calcio. E poi ancora, Elkann che detiene Juve e Ferrari ha 2,6 miliardi. Più indietro Marina e Pier Silvio Berlusconi, controllori del Monza e i quali vantano un patrimonio da 2,1 miliardi a testa. E poi ancora gli Squinzi (Sassuolo), Antonio Percassi (Atalanta), il cavaliere Giovanni Arvedi (Cremonese) e Danilo Iervolino (Salernitana), ultimo a toccare la quota da un miliardo di dollari. In classifica non figura invece Aurelio De Laurentiis del Napoli.

A Giovanni Manna piace molto Matias Soulé, ma il Napoli a destra ha appena acquistato Ngonge

Come rivelato dal Corriere dello Sport oggi in edicola, al neo ds del Napoli Giovanni Manna piace molto Matias Soulé, 20 anni, argentino e mancino come fece lui .Gran bel talento, numeri con il Frosinone, l’anima della salvezza, giocate a gogò e di recente anche un numero di magia divenuto virale con l’Argentina under 23. Certo, lui gioca a destra, in attacco, e da quelle parti il Napoli ha appena acquistato Ngonge per 19 milioni, ma si vedrà. Troppo presto.

Manna trascorre a Torino le prime ore da ds del NapolI: ecco quando ci sarà l’annuncio

Come rivela il Corriere dello Sport oggi in edicola, Giovanni Manna ha trascorso a Torino, come da copione, le prime ore da futuro dirigente del Napoli secondo l’incoronazione delle indiscrezioni: la sua nomina a futuro direttore dell’area sportiva diventerà ufficiale quando comincerà a fare veramente caldo, alla fine del campionato, e così martedì ha assistito all’Allianz al primo atto della semifinale di Coppa Italia, Juventus-Lazio, e ieri s’è occupato dei propri affari. 

Napoli, le prossime partite

Domenica 7 aprile – ore 15:00 – Monza-Napoli – (Serie A) – DAZN; Domenica 14 aprile – ore 12:30 – Napoli-Frosinone – (Serie A) – DAZN/SKY Sabato 20 aprile – ore 18:00 – Empoli-Napoli – (Serie A) – DAZN Domenica 28 aprile – Napoli-Roma – (Serie A) Domenica 5 maggio – Udinese-Napoli – (Serie A) Domenica 12 maggio – Napoli-Bologna – (Serie A) Domenica 19 maggio – Fiorentina-Napoli (Serie A) Domenica 26 maggio – Napoli-Lecce – (Serie A) – N.B: Date e orari delle partite di Campionato sono soggetti a variazioni in base agli anticipi e posticipi disposti dalla Lega Serie A e via via, come resi noti, saranno aggiornati.

Affare Osimhen, tre le possibili strade per il Napoli

Il Messaggero ha fatto il punto sull’affare Osimhen, soffermandosi sulle possibili sanzioni: “La Giustizia Sportiva ovviamente attende sviluppi: il Napoli era stato già` assolto nell’ambito del cosiddetto caso plusvalenze, ma la situazione potrebbe cambiare, qualora De Laurentiis andasse a processo per falso in bilancio. Tre le possibili strade: una nuova assoluzione, una multa o una lieve penalizzazione in classifica”.

Napoli, Kvaratskhelia a disposizione contro il Monza, da valutare Ngonge

Il Corriere dello Sport ha fatto il punto sulle condizioni di Khvicha Kvaratskhelia e Cyril Ngonge, attaccanti del Napoli: “Si ferma Cyril Ngonge. L’attaccante del Napoli, che era rientrato da poche settimane dopo un problema muscolare che l’aveva tenuto ai box per un mese, ha lasciato la seduta di ieri mattina nelle fasi iniziali per un trauma contusivo alla coscia sinistra. Condizioni da valutare in vista della sfida di domenica contro il Monza. Quando Calzona ritroverà dal primo minuto Kvaratskhelia”.

Giuntoli vuole Mantovani e Micheli alla Juventus, con loro anche Stefanelli

La Stampa ha fatto il punto sui possibili cambiamenti negli staff di Napoli e Juventus: “Mancano gli annunci, ma le valigie sono pronte. Il responsabile dell’area tecnica bianconera completerà lo staff con altri uomini di fiducia – in prima fila Maurizio Micheli, anche lui al Napoli, Leonardo Mantovani, altro scout azzurro, e Stefano Stefanelli, ora al Pisa -, dopo l’addio dei collaboratori “ereditati”: Matteo Tognozzi è già andato via, destinazione Granada, e Federico Cherubini, che piace al Parma, non rinnoverà in ogni caso il contratto”.

Napoli e Juventus: sfida per Sudakov

 Come riporta Il Corriere dello Sport, Giovanni Manna e Cristiano Giuntoli conoscono i rispettivi obiettivi di mercato. Ad entrambi piace Georgiy Sudakov, centrocampista dello Shakhtar Donetsk: “Manna conosce i giocatori che piacciono alla Juve e Giuntoli di conseguenza conosce i giocatori che piaceranno al Napoli. Ognuno sa chi sono i pallini dell’altro. E tutti e due sanno perfettamente che a gennaio, De Laurentiis, ha offerto 40 milioni di euro per il ventunenne Georgiy Sudakov, superando entrambi, altrettanto interessati, perché il club azzurro gode di una forza economica che la Juventus sta provando gradualmente a ricostruire dopo i drastici tagli del budget. Il finale della storia? A giugno, o magari anche prima sottotraccia, come nei film di spionaggio, Manna e Giuntoli si sfideranno per la nuova stella del calcio ucraino: Sudakov, l’uomo che divide”.

Monza-Napoli, la probabile formazione: rientra Kvaratskhelia, spazio a Piotr Zielinski

Il Corriere dello Sport si è soffermato sulla possibile formazione del Napoli per la trasferta di Monza: “Francesco Calzona prova a modificare gli uomini per cambiare il Napoli. Si aspetta una risposta convincente dalla partita di domenica. A sinistra potrebbero essere sostituiti tutti gli interpreti, scalpitano Olivera e Zielinski oltre a Kvaratskhelia. La partita si avvicina, presto sarà tempo di scelte definitive”.

Flash News del 03 Aprile 2024

Auriemma: “Manna? ADL sta sfidando troppo la fortuna che l’ha assistito fino all’anno scorso”

Giovanni Manna dovrebbe essere il nuovo direttore sportivo del Napoli, il giornalista Raffaele Auriemma commenta così su X: “Se De Laurentiis prenderà nel ruolo di ds un 35enne bravo ancorchè inesperto per ricostruire il Napoli dalle macerie di quest’anno, temo stia sfidando in maniera fin troppo coraggiosa quella fortuna che fino all’anno scorso l’ha sempre assistito”.

Allenatore Napoli, Italiano in pole, ma verrà fatto un tentativo per Conte

Francesco Modugno, giornalista, ha parlato del futuro del Napoli su Sky Sport: “L’arrivo di Manna aggiungerà conoscenze, idee, una visione magari ancor più allargata, le energie e la freschezza della gioventù. Un progetto che ricomincia con un nuovo allenatore, quindi magari Vincenzo Italiano, che è il profilo individuato. Ma da quello che ci risulta ancora un tentativo verrà fatto per Antonio Conte. Poi chissà, il casting di De Laurentiis è sempre così ampio e allargato. Di sicuro serviranno almeno due difensori, due mezzali, un centravanti erede di Osimhen. Poi bisognerà capire, perché quello del Napoli può essere un mercato molto dinamico sia in entrata che chiaramente in uscita”.

Trevisani: “Dov’è l’Atalanta di Napoli? Nel primo tempo contro la Fiorentina non ha fatto due passaggi”

Riccardo Trevisani, telecronista, nel corso della telecronaca del primo tempo di Fiorentina-Atalanta ha commentato l’andamento della semifinale di Coppa Italia: “L’Atalanta non riesce a fare due passaggi. Dominio della Fiorentina. Pensare che pochi giorni fa l’Atalanta ha fatto tre gol a Napoli ed ora è totalmente dominata. Veramente un bel primo tempo della squadra di Italiano”.

Foschi: “Manna può essere il nuovo Giuntoli, Italiano sarebbe ottimo per il Napoli”

Rino Foschi, direttore, ha rilasciato alcune dichiarazioni a “Azzurro 99” su Campi Flegrei TV: “Manna? Una persona giovane, ma lo conosce bene Giuntoli. Ha un buon bagaglio di esperienza. Io penso che sia un ottimo colpo per il Napoli. Ha le carte in regola per essere il futuro Giuntoli, senza dimenticare che in ottica Napoli c’era anche Accardi, che io ritengo essere un altro direttore molto, ma molto interessante. Italiano? Un giocatore che ho preso da piccolo, lo conosco molto bene. Una persona intelligente, eccezionale. Da allenatore non ha mai sbagliato un anno. Sarebbe un ottimo investimento per gli azzurri”

Compagnoni: “Il Napoli aveva imposto una dittatura al campionato, calo incredibile”

Maurizio Compagnoni, giornalista, ha rilasciato alcune dichiarazioni a Sky Sport 24: “Nessuno poteva prevedere una stagione così negativa da parte del Napoli. Nella recente storia del calcio non trovo nessuna situazione paragonabile a quella del Napoli. Qualcuno dice il Leicester, ma quella squadra fu una clamorosa sorpresa e vinse il campionato lottando punto a punto. Il Napoli aveva imposto una dittatura al campionato, giocava un calcio meraviglioso, sembrava una squadra praticamente perfetta. Se non avesse avuto l’infortunio di Osimhen nel momento decisivo della Champions chissà come sarebbe andata a finire. Quest’anno rischia addirittura di restare fuori anche dalla Conference League, è una cosa davvero inspiegabile”.

Caso Osimhen, ADL ai PM: “La trattativa fu condotta da Giuntoli, non ho mai conosciuto il presidente del Lille”

Il Fatto Quotidiano, nella sua edizione online, riporta uno dei concetti espressi nelle scorse ore dal presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, durante le circa 2 ore di interrogatorio alla Procura di Roma in merito al caso Osimhen: “E’ stata una trattativa puramente sportiva. E sportive erano state le valutazioni dei calciatori, anche dei giovani. L’ha condotta per intero l’ex direttore sportivo Giuntoli. Io non credo nemmeno di averlo mai conosciuto il presidente del Lille”.

Il d.s. Lupo: “Meluso è arrivato troppo tardi al Napoli, è il meno responsabile”

Fabio Lupo, ex direttore sportivo tra le altre di SPAL e Venezia, è intervenuto ai microfoni di TV Play: “Manna al Napoli? Tutti conoscono il mio rapporto con Meluso, credo che lui sia il meno responsabile del campionato dei partenopei. Secondo me lui è arrivato troppo tardi, quando si vuole progettare una stagione non si può chiamare un direttore a fine luglio. Bisogno capire che nel calcio i progetti devono essere chiari, occorre avere una strategia chiara per comprendere il da farsi”.

Calzona saluterà a giugno: c’è un favorito per la panchina, non sarà Conte

Francesco Calzona non resterà al Napoli e, al di là dei tentativi di De Laurentiis e di un corteggiamento prolungato, non sarà Conte il nuovo allenatore degli azzurri. Quasi sicuramente si punterà su Vincenzo Italiano, chiamato a riportare la squadra ai fasti del recente passato, nonostante i sicuri addii di elementi importanti come Zielinski e, soprattutto, Osimhen. Lo riporta la redazione di Sportmediaset.

Del Genio: “Lukaku al posto di Osimhen? Mi piacerebbe, vi spiego perché”

Paolo Del Genio, giornalista, ha rilasciato un’intervista a Radio Goal, in diretta su Kiss Kiss Napoli: “Lukaku per il post Osimhen? Mi piacerebbe perchè non sarà quello straripante di due anni fa, ma è sempre un giocatore che ti garantisce molto in diverse soluzioni di gioco. Se Conte dovesse accettare il Napoli deve già avere delle garanzie, ma non proprio a parole, secondo me vorrebbe proprio i nomi”.

ADL vuole stupire: Possanzini del Mantova per la panchina

Scelto il nuovo ds, ovvero Manna della Juventus, è tempo adesso di pensare alla panchina. L’edizione odierna del quotidiano Repubblica tratta il tema nuovo allenatore per il Napoli. Si spazia a 360 gradi dall’illusione di Antonio Conte, al più concreto obiettivo di Vincenzo Italiano — in uscita dalla Fiorentina — e alla suggestione di Davide Possanzini, che sta portando il Mantova in Serie B con un mix di calcio spettacolo e concretezza. Adl vuole stupire e cancellare la sequela di errori commessi nel dopo Scudetto, con la certezza però che sarà sempre lui a dirigere in prima persona le operazioni.

Milanese: “Sbagliata la scelta dei primi due allenatori

Mauro Milanese, ex calciatore del Napoli, ha parlato a Radio Goal in onda su Radio Kiss Kiss Napoli. L’ex terzino ha detto: “Possanzini? Nasce come vice di De Zerbi e il dna è quello. Quest’anno ha preso il Mantova che è una retrocessa, ha speso pochissimo e con grande merito sta andando in B. Sta facendo un grande calcio meritando il primo posto dall’inizio alla fine. Napoli? Qualcosa è andato storto, è stata sbagliata la scelta dei primi due allenatori. Va bene che dopo la vittoria di uno scudetto non è facile ripetersi, ma non era preventivabile si stesse in certe posizioni così basse”

Caso Osimhen, parla l’avv. di De Laurentiis Fulgeri

L’avv. Fabio Fulgeri ai microfoni di Spazio Napoli ha rilasciato le seguenti dichiarazioni dopo che De Laurentiis, suo assistito, ha parlato con i pm del caso Osimhen a Roma. Queste le sue parole: “Il Presidente De Laurentiis ha chiesto ed ottenuto di esser ascoltato nell’inchiesta della Procura di Roma sull’inchiesta legata al trasferimento di Osimhen. Dalle indagini non è emerso nulla di preoccupante: c’è grande serenità da parte del presidente De Laurentiis. Posso confermare che abbiamo chiesto noi di essere ascoltati. Il tutto, ai fini di fornire tutti i chiarimenti da noi ritenuti necessari sul caso”

Renzetti: “Manna riesce a comunicare con tutti”

Angelo Renzetti, ex presidente del Lugano, ha detto a Radio Goal su Manna: “Giovanni Manna è un giovane con tanta volontà e tante capacità, ha fatto la gavetta a Lugano è partito come team manager fino a diventare direttore sportivo. E’ un personaggio che si relaziona molto bene, riesce a comunicare con tutti dall’allenatore ai giocatori, rispetta tutti ed è capace di ascoltare. Lo scouting? E’ una questione di conoscenze e organizzazione. De Laurentiis è stato molto bravo, prendendo Manna ha preso un giovane e ci vuole molto coraggio”

Schira: “Manna, pronto un contratto fino al 2027 con il Napoli con opzione per altri due anni”

“Giovanni Manna si unirà al Napoli da giugno. Pronto un contratto fino al 2027 con opzione per altri 2 anni”. Lo scrive su Twitter Nicolò Schira, giornalista ed esperto di mercato.

Napoli, la priorità è trattenere Kvara: ADL rischia di dover aumentare l’offerta

La priorità del Napoli è quella di trattenere Khvicha Kvaratskhelia, respingendo l’assalto di mezza Europa che è sulle sue tracce. – riporta TMW- Prima del rinnovo, però, i suoi agenti vogliono capire fino a che punto possono spingersi i club di Premier League. De Laurentiis rischia di dover aumentare l’offerta perché i 3 milioni di euro a stagione offerti per i prossimi 4 anni potrebbero non bastare.

Napoli, seduta mattutina, personalizzato in campo per Kvaratskhelia, trauma contusivo alla coscia per Ngonge

Il Napoli si è allenato questa mattina all’SSCN Konami Training Center. Gli azzurri – come riporta il sito ufficiale del Club – preparano il match contro il Monza in programma all’U-Power Stadium domenica alle ore 15 per la 31esima giornata di Serie A. La squadra ha lavorato sul campo 2 iniziando la sessione con attivazione ed esercitazione finalizzata al possesso palla. Successivamente il gruppo ha svolto lavoro tecnico tattico e partitina finale. Kvaratskhelia ha svolto lavoro personalizzato in campo. Ngonge ha lasciato la seduta nelle fasi iniziali per un trauma contusivo alla coscia sinistra.

Ferri: “Il Torino può tornare in Europa, il Napoli è l’avversario più pericoloso”

Giacomo Ferri, ex calciatore del Torino, ha rilasciato alcune dichiarazioni a Tuttosport: “Questo Torino può farcela a tornare in Europa. Se continuano così e giocano come sanno, hanno tutte le carte in regola per arrivare diritti in Conference League. Gli ultimi risultati hanno detto che i granata sono artefici del loro destino. Adesso dipende solo da loro. I rivali più pericolosi per un posto nelle Coppe? Bisogna stare attenti a Lazio e Napoli, che sono reduci da una stagione altalenante, ma hanno un collettivo importante con giocatori di alto livello”.

ADL interrogato in Procura a Roma, l’audizione è durata due ore

“Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis è stato ascoltato questa mattina negli uffici della Procura di Roma sulla vicenda di Victor Osimhen. L’audizione è durata circa due ore, al termine il patron azzurro non ha rilasciato dichiarazioni. I magistrati nello scorso mese di gennaio avevano chiuso le indagini e ravvisato il reato di falso in bilancio nella trattativa di mercato che aveva permesso al Napoli di acquistare il bomber nigeriano dal Lille, nell’estate del 2020. Non c’è stato alcun rinvio a giudizio per il momento e il presidente ha preparato in questi due mesi le sue controdeduzioni, convinto di poter provare la sua innocenza. La parola passa insomma alla difesa e si tratta di capire se c’è ancora margine con la giustizia ordinaria per evitate il processo. Sullo sfondo ovviamente anche la giustizia sportiva, che ha aperto a sua volta un fascicolo sulla vicenda”. Lo riporta l’edizione online de La Repubblica.

Centro sportivo, arenata l’idea Bagnoli, ADL pensa a San Giuseppe Vesuviano

Il Mattino ha fatto il punto sull’eventuale nuovo centro sportivo del Napoli: “L’idea Bagnoli sembra essersi quasi definitivamente arenata perché servono almeno 30 mesi per la bonifica ed il Napoli non ha tutto questo tempo per aspettare un centro sportivo. Per questo motivo, De Laurentiis sta vagliando con molta attenzione un’offerta giunta da una zona vicina alla città di San Giuseppe Vesuviano. Già nei mesi scorsi altre città dell’area vesuviana erano state accostate ad un possibile centro sportivo del club azzurro. Prima si parlò di Castellammare di Stabia e poi anche di Torre del Greco”.

Allenatore Napoli: “I rumors portano decisamente a un favorito”

Il nuovo Napoli dovrà ripartire dall’allenatore che non sarà Francesco Calzona. Anzi, i rumors, portano decisamente a Vincenzo Italiano, attuale tecnico della Fiorentina che dovrebbe concludere la sua avventura alla guida della Viola. Italiano gode della stima di De Laurentiis, sin da quando allenava lo Spezia. Lo scrive l’edizione odierna del Corriere del Mezzogiorno che poi aggiunge: “Il sogno segreto ed anche il più difficile e improbabile è Antonio Conte”.

Fedele perplesso su Manna: “De Laurentiis ha preso un dirigente con zero esperienza”

Enrico Fedele, operatore di mercato, a Televomero ha commentato l’arrivo ormai prossimo di Giovanni Manna al Napoli: “Si facevano dei nomi, uno è Accardi, l’altro era Tare, l’altro Massara. Si pensava che ci fosse un cambiamento, in realtà il nuovo è uguale al vecchio. De Laurentiis ha preso un giovane con zero esperienza. Era alla Juve? Sì, ma come secondo dietro Giuntoli. Noi a Napoli siamo specializzati nei secondi. Io non sono prevenuto, ma Manna è giovane, ha 37 anni, è sempre stato ‘vicino’ a qualcuno, non ha mai guidato da solo. Questo profilo può essere utile? Questo mi domando”.

Nasce davvero l’era Giuntoli alla Juventus con Manna al Napoli e l’arrivo di Pompilio

Tornerà alla Juventus in estate Giuseppe Pompilio, braccio destro di Giuntoli dai tempi del miracolo Carpi, poi suo vice al Napoli campione d’Italia dal 2015 sino all’addio del dirigente toscano oggi alla Juve. A differenza di Giuntoli, però, Pompilio è rimasto all’ombra del Vesuvio anche nell’anno successivo alla vittoria dello scudetto, ma ora, con la scadenza del suo contratto con gli azzurri, la coppia è destinata a ricomporsi a Torino. Lo scrive La Gazzetta dello Sport. 

De Laurentiis voleva D’Amico dell’Atalanta, ma Giuntoli è stato garante della scelta Manna

Come scrive Tuttosport oggi in edicola, che la professionalità di Giovanni Manna, futuro ds del Napoli, sia di alto livello, è confermato anche da come De Laurentiis sia passato (giustamente: è civiltà) sopra al dettaglio della conclamata fede bianconera del dirigente. Il quotidiano di Torino aggiunge che le indiscrezioni raccontano che le garanzie dello stesso Giuntoli – buoni i rapporti tra i due in questi mesi – siano state preziose per superare in volata le candidature alternative di Accardi dell’Empoli e di D’Amico dell’Atalanta.

De Laurentiis vorrebbe che Calzona restasse nello staff tecnico del Napoli

“Il presidente De Laurentiis vuole offrire a Francesco Calzona la possibilità di restare nello staff tecnico del prossimo allenatore che verrà a Napoli. Insomma, sarebbe un suo collaboratore. Tuttavia, Calzona non è intenzionato ad accettare per due ragioni. La prima sta nel fatto che ha ancora un contratto lungo con la Slovacchia. L’altra è di natura professionale: intende proseguire la carriera da primo allenatore”.

Napoli, monte ingaggi intorno ai 75 milioni di euro per la prossima stagione

Il Mattino si è soffermato sulla possibile cifra del monte ingaggi del Napoli per la prossima stagione: “La possibile non qualificazione alle coppe europee dovrebbe portare il club a rivedere il suo tetto di spesa per quanto riguarda gli ingaggi dei calciatori. L’ammontare complessivo di spesa per la rosa è attualmente di 83 milioni di euro. Nelle intenzioni della dirigenza ci sarebbe un taglio di almeno 8 milioni portando così la cifra intorno ai 75 milioni”.

Tramezzani: “Manna è fenomenale, ha sempre degli ottimi rapporti”

Paolo Tramezzani, ex calciatore e allenatore, ha rilasciato alcune dichiarazioni al Corriere dello Sport in merito al possibile approdo di Giovanni Manna al Napoli, con cui ha lavorato a Lugano: “Per me Manna è fenomenale. Ha una grande conoscenza del calcio, a cominciare dai giovani. Ha occhio, spessore, capisce molto. Ma non solo. Io lo definisco così: è un uomo squadra. È un riferimento per i giocatori. Ti accompagna, gli piace unire. Ma rispetta i ruoli. Ha sempre ottimi rapporti, sa stare nel gruppo, fa squadra. Ha buone maniere, è intelligente”

Monza-Napoli, Kvaratskhelia sta meglio e sarà a disposizione di Calzona

Come riporta Il Mattino, Khvicha Kvaratskhelia, attaccante del Napoli che ha saltato la gara con l’Atalanta per infortunio, sarà disponibile per Francesco Calzona per la trasferta di Monza in programma domenica 7 aprile alle ore 15:00.

Napoli, in estate non saranno riscattati Traorè e Dendoncker, non hanno convinto

Come riporta Il Corriere dello Sport, il Napoli non riscatterà in estate Hamed Junior Traorè e Leander Dendoncker, centrocampisti azzurri: “Può essere il centrocampista polacco la carta a sorpresa di Calzona a Monza e per il rush finale del campionato. Gli esperimenti, del resto, non sono andati a buon fine: Traorè non verrà riscattato. Troppo alta la cifra da versare al Bournemouth in considerazione delle prestazioni dell’ivoriano. Discorso simile per Dendoncker, che invece il campo finora l’ha visto pochissimo: 3 presenze e 21’ minuti in campionato per il belga, che tornerà all’Aston Villa a fine stagione”.

Flash News del 02 Aprile 2024

Manna al Napoli, Capuano: “Si riparte da zero, con i giovani e un tecnico emergente”

Giovanni Manna sarà, a meno di sorprese, il nuovo direttore sportivo del Napoli. Ne parla su X Giovanni Capuano, giornalista di Radio24 e Panorama: “ADL si prende Manna per far partire il nuovo ciclo del Napoli. A occhio è la conferma che si riparte da zero, con attenzione ai giovani e immagino con un allenatore in panchina che sia emergente e non già top (come Conte). Vediamo…”.

Conte al Napoli? Palmeri: “Il problema non sono i soldi, ma diffidenza del lavorare con ADL”

Tancredi Palmeri, giornalista di Sportitalia, ha parlato su X della possibilità di vedere Antonio Conte sulla panchina del Napoli il prossimo anno: “Di un Antonio Conte al Napoli ne gioverebbe tutto il campionato. La sensazione condivisa è che al Napoli per tornare credibile serva un peso massimo, e lui è l’unico su piazza. Purtroppo per ora non si tratta di metterci più soldi, ma diffidenza del lavorare con De Laurentiis”.

Bargiggia: “Manna? Una sola operazione in Serie A, per giunta sbagliata”

Il Napoli ha scelto: sarà Giovanni Manna l’erede di Mauro Meluso alla guida del mercato azzurro. Il giornalista Paolo Bargiggia ha commentato su X la decisione del club partenopeo: “L’unica operazione da serie A di Manna è stato l’acquisto, sbagliato di Weah. Un’altra “perla” di Aurelio De Laurentiis?”.

Bruscolotti: “Il Napoli è una squadra allo sbando, Ostigard perché non gioca?”

Bruscolotti, ex difensore del Napoli, ha rilasciato alcune dichiarazioni a Radio Kiss Kiss Napoli: “Errori imperdonabili contro l’Atalanata. Ostigard perché non gioca? Dall’esterno certe dinamiche non si conoscono, le scelte dipende dall’allenatore che lo vede tutti i giorni. Vedere Juan Jesus e Rrhamani che giocano così male ti fa capire che Ostigard e Natan sono peggio. Se lo spettacolo è questo viene spontaneo pensare gli altri in panchina sono molto peggio? Il Napoli è una squadra allo sbando. L’orgoglio dove sta? Quando uno dà l’anima in campo non c’è mai nulla da recriminare. Contro l’Atalanta abbiamo visto delle cose oscene. Il rispetto per i tifosi dov’è? I giocatori non hanno fatto il loro dovere, non l’ho visto proprio in campo contro l’Atalanta”.

Meluso verso l’addio, il Napoli non intende esercitare la clausola di rinnovo

Il Napoli comincia a gettare le basi per la prossima stagione. De Laurentiis ha raggiunto negli scorsi giorni un accordo verbale con Manna per il ruolo di direttore sportivo. Per il ds ora si attende la firma. Il primo nome per la panchina è quello di Italiano, che a fine stagione saluterà la Fiorentina. Sarà Giovanni Manna dunque a guidare la rifondazione Napoli in estate. L’architetto dietro al progetto Next Gen della Juventus e stretto collaboratore di Giuntoli quest’anno. Aurelio De Laurentiis ha individuato in lui il profilo giusto per ricostruire dopo le difficoltà di questa stagione. L’attuale direttore sportivo è Meluso, sul quale c’è una clausola di rinnovo automatico che il Napoli non sembra intenzionato a esercitare. (Fonte: Gianlucadimarzio.com)

Napoli, con Antonio Conte potrebbe arrivare anche Lukaku: ecco tutti i dettagli

A fine stagione Romelu Lukaku non rimarrà alla Roma e, una volta rientrato al Chelsea, dovrà trovare con ogni probabilità una nuova squadra. Per questo motivo torna di moda una nuova suggestione che vedrebbe l’attaccante belga verso Napoli. Come riportato da La Gazzetta dello Sport il tutto si potrebbe concretizzare in caso di arrivo sulla panchina partenopea di Antonio Conte che stima particolarmente l’ex giocatore dell’Inter

Juventus, Giuntoli: “Manna al Napoli? Non commento le indiscrezioni”

Cristiano Giuntoli, dirigente della Juventus, ha parlato a Sport Mediaset prima del match di Coppa Italia contro la Lazio: “Manna al Napoli? Non commento indiscrezioni, sinceramente. Vorrei parlare della partita. Smentisce? Non commento indiscrezioni, voglio parlare della partita. Operato di Allegri sotto osservazione? E’ una partita importante per la Juventus, quando vinciamo lo facciamo tutti insieme e anche quando non vinciamo.. Troppo facile dare delle colpe. E’ un momento delicato dove le cose non stanno andando per il verso giusto ma contiamo di invertire la tendenza e siamo fiduciosi per il futuro”.

La Fiorentina cerca un centrocampista, tra i nomi c’è anche Demme

La Gazzetta dello Sport si focalizza sulle mosse di mercato della Fiorentina. Un nome che richiama l’interesse dei viola rimane Ezequiel Fernandez, talentuoso centrocampista del Boca Juniors che ha da poco rinnovato con gli xeneizes ma che può comunque lasciare Buenos Aires. Mentre sempre a centrocampo, dopo l’ottima annata alla Reggiana tornerà Alessandro Bianco. Altra idea – scrive la Rosea – per la mediana rimane un vecchio profilo già cercato in passato: Diego Demme che si svincola dal Napoli e che, con un ingaggio inferiore rispetto ai 2.5 milioni abbondanti che percepisce adesso, potrebbe trovare così la sua dimensione ideale.

Del Genio: “Manna idea buona, può dare nuova linfa e indebolire una diretta concorrente”

Nel corso di ‘Radio Goal’, è intervenuto Paolo Del Genio: “Manna nuovo ds del Napoli? L’idea è buona, poi dobbiamo verificarne lo sviluppo. Manna quest’anno ha salvato un po’ la Juve, lui ha grandi meriti. I giovani che ha portato sono stata una ‘manna’ dal cielo per i bianconeri. Potrebbe dare grande linfa al Napoli, oltre che con il suo arrivo si toglierebbe un tassello importante ad una diretta concorrente. Con Manna il Napoli potrebbe avere l’Under23? La formazione Under23 ti dà solo fattori positivi, è un bene averla. A volte si mandando giocatori in giro e poi non giocano, meglio averli sotto ai tuoi occhi”.

Serie A, 4mila euro di multa al Napoli per il lancio di un fumogeno e numerose bottiglie in plastica in campo

Il Giudice Sportivo della Serie A ha reso note le ammende per i club, dopo il match Napoli-Atalanta della 30esima giornata. 4mila euro di multa al Napoli “per avere suoi sostenitori, nel corso della gara, lanciato, nel recinto di giuoco, un fumogeno e numerose bottiglie in plastica; sanzione attenuata ex art. 29, comma 1 lett. b) CGS”.

Criscitiello su Manna: “Da ADL mi sarei aspettato un nome importante, di Giuntoli ne esce uno ogni 10 anni”

Michele Criscitiello, direttore di Sportitalia, è intervenuto ai microfoni di ‘Radio Goal’ su Kiss Kiss Napoli: “Manna alla Juventus ha operato nei limiti del possibile, la Juve del pre-Giuntoli non m’è piaciuta. Da fare il settore giovanile a fare il ds del Napoli è diverso. Da De Laurentiis mi sarei aspettato un nome importante, invece sceglie ancora i giovani e questo ci fa intendere diverse cose. Italiano? E’ un ottimo allenatore, ha detto addio alla Fiorentina e vi dico che Sarri non sarà l’allenatore della Viola. Italiano è caldissimo per il Napoli, Conte non sarà l’allenatore del Napoli. Manna per il settore giovanile? De Laurentiis avrebbe dovuto pensarci tanti anni fa, ha aspettato troppo. Manna sarebbe importante per il settore giovanile, ma di Giuntoli ne esce uno ogni 10 anni”.

SSC Napoli, annunciata nuova partnership: accordo con Betsson Sport

Durante Napoli-Atalanta di sabato scorso, è stata ufficializzata la partnership tra Betsson Sport, la nuova piattaforma di infotainment sportivo, e il club azzurro. Questa partnership può essere considerata una fusione di identità: due realtà di grande rilevanza all’interno del panorama  sportivo italiano che lavorano sinergicamente per portare avanti una nuova era di valorizzazione dello sport, due realtà che condividono l’obiettivo di creare esperienze indimenticabili per i tifosi e di ispirare le generazioni future ad abbracciare con entusiasmo e passione il calcio. In merito, Stefano Tino, Managing Director Italy in Betsson Group, ha commentato: “Siamo entusiasti di annunciare questa partnership con il Napoli. Condividiamo entrambi una passione per l’eccellenza e siamo determinati a portare avanti questa visione comune attraverso questa collaborazione dinamica e stimolante”.

Meluso: “Sarò protagonista della rivoluzione del Napoli? E’ presto per dirlo”

Dopo il ko con l’Atalanta, il ds del Napoli Mauro Meluso è intervenuto ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli nella mixed-zone dello Stadio Diego Armando Maradona: “L’obiettivo è tenere alta l’attenzione nelle prossime settimane, non pensare di fare consuntivi della stagione e pensare che il calcio sia bello perché va fuori da ogni logica. Ci sono cose che si danno per scontate e che poi vengono ribaltate, quindi l’indicazione nostra è mantenere alta l’attenzione della squadra. Io sarò protagonista della rivoluzione del Napoli? E’ presto per dirlo, nelle prossime settimane vedremo cosa accadrà. Proprio per tenere alta l’attenzione, anche se avessi un progetto ben chiaro sarebbe poco producente parlarne oggi”.

Boniek: “Zielinski fuori dalla lista Champions? Fossi stato io l’allenatore non avrei mai accettato”

L’ex presidente federale della Polonia Zibi Boniek è intervenuto sulle frequenze di Kiss Kiss Napoli: “In campo tra i giocatori non c’è nessun tipo di razzismo. Poi a 170 battiti può scappare di tutto, quando giocavo io in campo succedeva di tutto ed anche negli spogliatori. Adesso ci sono le telecamere e si vede tutto. Acerbi ha sbagliato e mi fermo qui. Zielinski ha trascinato la Polonia agli Europei. Da fuori è difficile giudicare, al Napoli decide tutto il presidente. Se fossi stato l’allenatore del Napoli non avrei accettato Zielinski fuori dalla lista Champions, poi mi avrebbe cacciato ma non posso giudicare dal di fuori. Un giocatore che ha il contratto fino a giugno 2024 ha il diritto di giocare fino a fine stagione, poi non so cosa sia successo tra il procuratore e la società. Il campionato del Napoli è stato anche molto sfortunato, si sapeva che non poteva ripetersi dopo la stagione dell’anno scorso, ma è evidente che la fortuna non ha aiutato gli azzurri”.

Brighton, De Zerbi glissa sul suo futuro: “Orgoglioso di allenare questo club”

In vista del match di domani sera contro il Brentford, il tecnico del Brighton Roberto De Zerbi ha parlato anche del suo futuro, visto in queste ultime ore il suo nome è stato accostato anche al Bayern Monaco per il dopo Tuchel: “In questo momento mi chiedete tante volte se me ne andrò. Io sono comunque orgoglioso di allenare il Brighton. So di essere davvero fortunato a lavorare con questi giocatori e a lavorare con questo club. Mi piacerebbe competere con una rosa al completo ma – ha concluso – cerco di giocare con i giocatori a disposizione e penso che siano sufficienti”.

Varriale: “Con Manna al Napoli si aprirebbero due scenari in chiave panchina”

Giovanni Manna potrebbe essere il nuovo direttore del Napoli. Il giornalista Enrico Varriale commenta così su X: “Se Manna fosse il nuovo Ds del Napoli si aprirebbero 2 scenari in chiave panchina: Con Italiano rifondazione in un paio d’anni puntando su giovani e monte ingaggi contenuto. Progetto legittimo a condizione di dire con chiarezza ai tifosi che sarebbe un ridimensionamento. Con Conte, che non sarebbe oscurato da un Ds bravo ma ancora giovane, Antonio avrebbe da ADL le chiavi del club, scelte di mercato comprese, ovviamente assai onerose per provare a vincere subito. Ai tifosi piacerebbe certo di più questa ipotesi, ma credo si andrà sulla prima”.

Conte-Napoli, percentuali alte: il tecnico ci sta pensando seriamente ed ha una convinzione

Valter De Maggio, direttore di Kiss Kiss Napoli, ha parlato ai microfoni di ‘Radio Goal’: “Conte sta seriamente pensando di vivere l’esperienza Napoli. La percentuale di vederlo sulla panchina azzurra è molto alta, ci sono ancora ragionamenti con ADL. I due si sentono spesso e hanno un rapporto fantastico.Conte ha una convinzione: se le cose saranno fatte bene c’è tutto per ricostruire il Napoli, a lui andrebbe tutta la gestione tecnica mentre al presidente quella gestionale. Tempo fa mi disse: ‘Un giorno verrò a Napoli a vincere’, secondo me quel giorno potrebbe avvicinarsi molto concretamente nel giro di un mese. Il desiderio di Conte e della sua famiglia è quello di restare in Italia. Se non dovesse arrivare Conte, Italiano è il primo nome per la panchina”

Napoli:Avanza’ Italiano per la panchina: Spalletti lo scelse già come suo erede

De Laurentiis sta pensando a Vincenzo Italiano. Lo apprezza sin dai tempi dello Spezia. Lo scrive Repubblica: “Stavolta il copione è diverso: Italiano lascerà la viola al termine di questa stagione sperando magari di concludere il suo ciclo con un trofeo (nel mirino ci sono di nuovo la Coppa Italia e la Conference League), quindi sarebbe più facile l’approccio con il Napoli. Italiano è pronto ad una grande squadra. C’è anche un retroscena: Spalletti avrebbe scelto l’attuale condottiero della Fiorentina la scorsa estate come suo successore. Lo considera allenatore con idee innovative e tra i due è nato un bel rapporto da quando Spalletti è di casa a Coverciano con la nazionale italiana”.

Christillin: “Brutta Pasqua tra Napoli e Juventus, Manna? E’ una persona molto capace”

Evelina Christillin, membro della UEFA e della FIFA, ha rilasciato un’intervista a “Radio Goal”, in diretta su Radio Kiss Kiss Napoli: “Altro che resurrezione, tra Napoli e Juventus abbiamo vissuto una Pasqua brutta. La Juve non ha fatto una grande partita, ho visto poche idee e addirittura ho visto una difesa a 5 per blindare uno 0 a 0. Era una partita da vincere per risorgere e per mantenere il distacco dal Bologna al quale faccio i miei complimenti. Manna? Non lo conosco personalmente, è stato un interim prima che arrivasse Giuntoli. E’ una persona molto capace, gli dico buona fortuna”.

Serie A, un turno di stop per Pessina, salta il match col Napoli

Il Giudice Sportivo della Serie A ha squalificato per un turno Matteo Pessina del Monza per “doppia ammonizione per comportamento scorretto nei confronti di un avversario”. Il centrocampista dei brianzoli salta il match contro il Napoli.

Juventus, Giuntoli ha scelto il sostituto di Manna, a Torino anche Pompilio del Napoli

Il Napoli comincia a gettare le basi per la prossima stagione. Aurelio De Laurentiis ha raggiunto negli scorsi giorni un accordo verbale con Giovanni Manna per il ruolo di direttore sportivo. Come riportato dall’esperto di mercato Sky Gianluca Di Marzio sul suo sito, Cristiano Giuntoli ha scelto Stefano Stefanelli, dirigente del Pisa, per “sostituire” il partente Manna. A Torino dovrebbe arrivare anche Giuseppe Pompilio del Napoli, che farà il tragitto inverso rispetto a Manna.

Bruscolotti: “Il Napoli è una squadra allo sbando, Ostigard perché non gioca?”

Beppe Bruscolotti a Radio Kiss Kiss Napoli: “Errori imperdonabili contro l’Atalanata. Ostigard perché non gioca? Dall’esterno certe dinamiche non si conoscono, le scelte dipende dall’allenatore che lo vede tutti i giorni. Vedere Juan Jesus e Rrhamani che giocano così male ti fa capire che Ostigard e Natan sono peggio. Se lo spettacolo è questo viene spontaneo pensare gli altri in panchina sono molto peggio? Il Napoli è una squadra allo sbando. L’orgoglio dove sta? Quando uno dà l’anima in campo non c’è mai nulla da recriminare. Contro l’Atalanta abbiamo visto delle cose oscene. Il rispetto per i tifosi dov’è? I giocatori non hanno fatto il loro dovere, non l’ho visto proprio in campo contro l’Atalanta”.

Degennaro: “Manna una scelta illuminata”

Marco Degennaro a Radio Goal su Radio Kiss Kiss Napoli: “Giovanni Manna al Napoli? Una scelta illuminata, Giovanni è competente e vede bene il calcio: a me piace molto sia quando ha lavorato con me al Chiasso, sia dopo quando siamo rimasti in contatto. Molto giovane, ma è un predestinato per una piazza come Napoli che saprà gestire al meglio. Si sa muovere bene sui giovani, ha una capacità manageriale ed un bel modo di fare: riesce a far passare molto bene i messaggi della sua linea, la scelta fatta dal Napoli è eccezionale. Alla Juventus Next Gen ha messo assieme una gran bella squadra, tanti ragazzi sono arrivati in Serie A e dietro c’è una scelta con un margine d’errore basso: largo ai giovani, se sono bravi e competenti come Manna”

De Maggio: “Conte, la percentuale è alta”

Walter De Maggio a Radio Kiss Kiss Napoli nel corso di radio Goal: “Antonio Conte sta seriamente pensando di vivere l’esperienza di allenare il Napoli, la percentuale è alta ma ci sono ragionamenti da fare: sente spesso De Laurentiis, il rapporto è fantastico e se le cose ovemai dovessero essere fatte per bene, ci sarebbe tutto per ricostruire il Napoli. E anche con Vincenzo Italiano della Fiorentina ci sono stati dei colloqui”

Manna ha voluto fortemente Napoli, rifiutato l’Al Nassr”

Arrivano conferme anche da Torino per quanto riguarda l’imminente approdo di Giovanni Manna al Napoli, nel ruolo di nuovo direttore sportivo. Il corrispondente di Goal.com da Torino, Romeo Agresti, svela su X un retroscena riguardante il dirigente della Juventus: “I dialoghi tra il Napoli e Manna per il ruolo di diesse sono in stato avanzatissimo. Priorità totale al club azzurro nonostante un’offerta importante proveniente dall’Al-Nassr”.

ADL prima di Manna aveva contattato Sartori per la rifondazione

Come scrive l’edizione online del Corriere dello Sport, Manna era inserito in una rosa di candidati insieme a Pietro Accardi dell’Empoli e Sean Sogliano del Verona. Adl ha provato a sondare anche Giovanni Sartori del Bologna, ma non si muoverà e l’idea è tramontata sul nascere.

Palladino – Napoli: c’è anche lui nell’elenco di ADL per la panchina

In chiave futura, pensando al nome del nuovo allenatore, l’immagine più eloquente sarà immortalata domenica in Brianza, quando il Napoli affronterà all’U-Power Stadium il Monza di Raffaele Palladino, 39 anni, napoletano di Mugnano, 3 punti meno degli azzurri in classifica. C’è anche lui nella lista di De Laurentiis. Lo rivela il Corriere dello Sport. 

Romano conferma: “Manna primo candidato a diventare il nuovo ds del Napoli!”

Giovanni Manna, principale candidato a diventare il nuovo Direttore Sportivo del Napoli a partire dalla prossima stagione. I contatti, secondo quanto riportato in Italia, sono avvenuti e Manna dovrebbe diventare il nuovo direttore del progetto del Napoli”. Lo riporta Fabrizio Romano, esperto di mercato, sui suoi canali social.

Napoli, cinque diffidati

Gli azzurri Pasquale Mazzocchi, Cyril Ngonge, Amir Rrahmani, Stanislav Lobotka e Victor Osimhen sono diffidati e dunque in caso di cartellino giallo nella partita in trasferta contro il Monza in programma domenica 7 aprile alle ore 15:00, salterebbero la successiva sfida casalinga contro il Frosinone in programma domenica 14 aprile alle ore 12:30.

Napoli, Meluso verso l’addio, non sembra intenzionato ad accettare un altro ruolo

La Repubblica ha fatto il punto sul futuro di Mauro Meluso, d.s. del Napoli: “L’equivoco estivo sul ruolo del direttore sportivo non sarà ripetuto. Il diesse è importante non soltanto sul mercato (e il club azzurro ha sbagliato due sessioni di fila) ma anche per i rapporti con lo spogliatoio: è un punto di riferimento per l’allenatore e i giocatori. Mauro Meluso, l’attuale diesse, è arrivato quest’estate a scelte praticamente fatte (De Laurentiis aveva già preso Rudi Garcia e impostato con Maurizio Micheli il mercato estivo) e questo probabilmente gli ha tolto margini di intervento. Il patron sta cercando da tempo un nuovo dirigente. Mauro Meluso ha il contratto in scadenza a giugno e la società ha l’opzione unilaterale di rinnovo da esercitare entro fine mese. I margini per proseguire sembrano non esserci: Meluso non sembra intenzionato ad accettare un ruolo diverso con la presenza di un altro direttore sportivo, quindi le strade potrebbero separarsi”. 

Monza-Napoli, la probabile formazione: spazio a Olivera, Zielinski e Ngonge dall’inizio

Il Corriere dello Sport ha fatto il punto sulle possibili scelte di formazione di Francesco Calzona, allenatore del Napoli, per la trasferta di Monza: “Il turnover domenica contro il Monza riguarderà tutti i reparti: in difesa è accreditata la staffetta tra Mario Rui e Olivera, candidato a cominciare dal primo minuto dopo la panchina di sabato; e ancora, a centrocampo la carta a sorpresa potrebbe avere il volto del jolly Zielinski. Lui e non Traore, apparso piuttosto evanescente e ancora indietro dal punto di vista del ritmo. Anche Ngonge prova a insidiare Politano nel tridente”.
NAPOLI (4-3-3): Meret; Di Lorenzo, Rrahmani, Juan Jesus, Olivera; Anguissa, Lobotka, Zielinski; Ngonge, Osimhen, Kvaratskhelia.

ADL ha scelto Manna come nuovo direttore sportivo, vuole affidare il Napoli a lui

Secondo l’edizione online del Corriere dello Sport, De Laurentiis avrebbe scelto Giovanni Manna della Juventus come nuovo direttore sportivo azzurro: “Il Napoli ha scelto l’uomo su cui puntare per la rifondazione tecnica: Giovanni Manna, 35 anni, primo collaboratore di Cristiano Giuntoli alla Juventus, l’anima e il cervello della Next Gen che nell’ultima stagione ha ricoperto il ruolo di Head of First Team al fianco del dt. Mercato, giovani, squadra: De Laurentiis è deciso ad affidare a lui la direzione dell’area tecnico-sportiva azzurra per la prossima stagione. Il progetto prende quota ma nulla è stato ancora formalizzato: Manna ha preso atto dell’interesse serio, estremamente concreto del Napoli, ma deve ovviamente valutare la sua posizione con la Juventus e il suo responsabile, Giuntoli”.

Flash News del 01 Aprile 2024

Inter, il vice Farris: “Acerbi? Bravissimo ragazzo, è tutto fuorché un razzista”

Massimiliano Farris, vice-allenatore di Inzaghi all’Inter, ha parlato ai microfoni di Dazn della questione razzismo che ha coinvolto Acerbi: “È chiaro che l’ultima decisione la prende il mister, però Francesco è rientrato e c’è stato un bel tumulto. So che la società ha speso belle parole, abbiamo aspettato il suo rientro per poter parlare. Quando ci ha assicurato che non aveva pronunciato un insulto razzista ci siamo ovviamente schierati tutti dalla sua parte. Personalmente posso aggiungere che conosco Francesco dai tempi della Lazio, è un bravissimo ragazzo ed è tutto fuorché un razzista. È stato un brutto episodio, speriamo si sia chiuso tutto e si possa tornare a parlare di calcio”.

De Paola: “Napoli, prendersela con i calciatori lo trovo paranormale, manca una guida”

Paolo De Paola, giornalista, ha rilasciato alcune dichiarazioni sul Napoli nel corso della trasmissione “L’Editoriale”, in onda su Tuttomercatoweb Radio: “Adesso prendersela con i giocatori del Napoli lo trovo paranormale. Cosa c’entrano i giocatori. Gli stessi calciatori, tranne Kim, hanno vinto lo Scudetto lo scorso anno. È evidente che manca una guida”.

Mutti: “Chi come allenatore del Napoli? Magari ADL ha già le sue idee”

Bortolo Mutti, ex allenatore di Atalanta e Napoli, è intervenuto ai microfoni di TvPlay: “Chi in panchina nel Napoli il prossimo anno? Non saprei, io vedrei bene anche profili come i nostri ragazzi che stanno lavorando bene da Dionisi a Italiano per un ambiente che deve ripartire con l’entusiasmo di chi però già ha esperienze importanti in Serie A e nello stesso tempo tante motivazioni per una piazza comunque sempre molto esigente. Come dicevo prima il presidente magari ha già le sue idee per cui ora possiamo fare solo chiacchiere. 

Marelli smentisce De Rossi: “Non c’è rigore, è un normale scontro di gioco”

Luca Marelli, ex arbitro e analista, ha parlato ai microfoni di Dazn del rigore negato alla Roma per il quale si è lamentato anche De Rossi: “Non c’è un contatto sul piede di Zalewski, sono sia Blin che Falcone che arrivano sul pallone. Cercano di giocare il pallone, poi c’è uno scontro di gioco normalissimo come ce ne sono tanti. È vero che Falcone non tocca il pallone ma non va direttamente sull’uomo, va in direzione del pallone”.

Clamoroso in Inter-Empoli: la Curva Nord intona cori per Acerbi

Come riportato da Tuttomercatoweb.com,nel corso della partita tra Inter ed Empoli la Curva Nord di San Siro ha intonato dei cori per Francesco Acerbi, recentemente assolto dall’accusa di razzismo verso Juan Jesus . Situazione che si è paradossalmente ribaltata, lasciando spazio ad ampie riflessioni. Singolari alcuni commenti ironici come quello dello juventino Marcello Chirico, che ai microfoni dell’emittente Network Sport ha detto: “Mi sembra strano che a Francesco Acerbi non abbiano fatto fare anche il giro di campo…“.

Graziani: “Al Napoli è mancata concretezza sotto porta contro l’Atalanta”

Ciccio Graziani, allenatore, ha rilasciato alcune dichiarazioni nel corso della trasmissione “A Tutto Napoli”, in onda su Tele A: “Al Napoli è mancata concretezza sotto porta. Gli azzurri hanno avuto più occasioni dell’Atalanta, ma i bergamaschi hanno concretizzato sfruttando anche gli errori difensivi. Gli episodi di certo non hanno aiutato, guardando anche il palo di Zielinski e le varie occasioni di Osimhen. La partita poteva prendere una piega diversa: il Napoli sul piano del gioco non ha demeritato, ma non concretizza e fa errori in difesa. Quello degli azzurri è comunque un calendario favorevole: sono almeno cinque le partite alla portata, al di là di 3 scontri diretti, per fare 15 punti almeno e capire dove può ancora arrivare”.

Balotelli: “Il più forte in Serie A? Lautaro, poi Osimhen e Leao”

Mario Balotelli, attaccante dell’Adana Demirspor, ha parlato di diverse tematiche su Twitch nel canale Controcalcio: “Il Milan può vincere lo Scudetto? “Io ho vinto una Premier League all’ultimo secondo, quindi si deve giocare fino alla fine perché tutto è possibile. Ma credo sia difficile che l’Inter perda questo scudetto. Il giocatore più forte della Serie A? Dico Lautaro, davanti a Osimhen e Leao”.

Marani: “Parole di Gravina sul caso Acerbi-Juan Jesus? Ognuno dice ciò che crede”

Matteo Marani, presidente della Lega Pro, ha detto la sua sulle parole di Gabriele Gravina in merito al caso Acerbi-Juan Jesus a ‘Radio Anch’Io lo Sport’ su Rai Radio 1: “Non entro nelle dichiarazioni degli altri, ognuno dice ciò che crede. Il tema del razzismo è molto insidioso e pericoloso. Purtroppo la nostra società ne fa spesso i conti. Il calcio ha un’esposizione talmente grande che attira sempre molta attenzione su di sé, ma il razzismo è un problema che si manifesta nella nostra società a tutti i livelli, con scene di insofferenze e intolleranza sono all’ordine del giorno. Le sensibilità e le coscienze devono essere indirizzate a combattere questo fenomeno”.

Zazzaroni: “Juan Jesus non si è inventato nulla, per me la sentenza è sbagliata”

Ivan Zazzaroni, giornalista, ha rilasciato alcune dichiarazioni a Radio Deejay in merito al caso Acerbi-Juan Jesus: “La mia opinione per quello che ho visto e ho potuto scambiare qualche messaggio con Juan Jesus, è che lui non se le è inventate quelle cose: ho trovato quella sentenza sbagliata. Nello sport sono stati condannati giocatori senza prove, come Paolo Rossi con le scommesse: bisogna rispettare le sentenze ma si possono anche commentare. Le dichiarazioni di Juan Jesus le sappiamo, anche quelle di Acerbi: lui ha detto ‘ti faccio nero’. Non è questione di ufficialità, bisogna informarsi e parlare con chi di dovere. A me spiace per Acerbi, se fosse stato condannato sarebbe stata una chiusura indegna: ha sbagliato, ma è andata com’è andata. Juan Jesus non voleva incolpare, per lui la cosa era finita dopo la partita”.

Napoli, lavoro individuale in campo per Khvicha Kvaratskhelia

Dopo la giornata di riposo per la Santa Pasqua, -come riporta il sito ufficiale del Club Azzurro – il Napoli ha ripreso questo pomeriggio gli allenamenti all’SSCN Konami Training Center. Gli azzurri preparano il match contro il Monza in programma all’U-Power Stadium domenica alle ore 15 per la 31esima giornata di Serie A. La squadra ha lavorato sul campo 1 iniziando la sessione con attivazione e lavoro di potenza aerobica. Successivamente il gruppo è stato impegnato in un circuito tecnico. Chiusura di seduta con partitina a campo ridotto. Kvaratskhelia ha svolto lavoro individuale in campo.

Napoli, accordo con Victor Nelsson, difensore centrale del Galatasaray

Stando a quanto riportato da Fanatik, portale turco, il Napoli avrebbe già trovato l’accordo con Victor Nelsson, difensore centrale danese del Galatasaray. Il venticinquenne avrebbe già annunciato il suo addio alla società, e il suo entourage avrebbe incontrato anche già la dirigenza azzurra. Il club turco chiede 15 milioni di euro per la sua cessione, ma il Napoli non ha ancora contattato ufficialmente il Galatasaray.

Napoli su Hume?

Il portale irlandese Belfasttelegraph scrive che Trai Hume interesserebbe anche il Napoli. Il calciatore ventiduenne è un terzino adattabile anche al ruolo di difensore centrale. Così il portale:  “Aston Villa, Bournemouth, Leeds, Leicester e Napoli sono tutti ammiratori del difensore del Sunderland e stanno valutando una mossa nell’estate del 2024 per il 22enne difensore”

Napoli, 5 i diffidati

Gli azzurri Pasquale Mazzocchi, Cyril Ngonge, Amir Rrahmani, Stanislav Lobotka e Victor Osimhen sono diffidati e dunque in caso di cartellino giallo nella partita in trasferta contro il Monza in programma domenica 7 aprile alle ore 15:00, salterebbero la successiva sfida casalinga contro il Frosinone in programma domenica 14 aprile alle ore 12:30.

Flash News del 31 Marzo 2024

Napoli Tennis Cup, trionfa il “napoletano” Nardi: battuto in tre set Herbert

Con la terza rimonta consecutiva, Luca Nardi trionfa al “Napoli Tennis Cup 2024”, Challenger ATP 125 al Tennis Club Napoli, che si è concluso sulla terra rossa partenopea. In finale il 20enne di origini napoletane, n.96 del ranking e testa di serie numero 2, ha battuto dopo oltre due ore e mezza per 5-7 7-6 6-2 il francese Pierre-Hugues Herbert, n.160 ATP ed ottava testa di serie. Grazie al sesto trofeo Challenger in carriera, su otto finali disputate, Nardi salirà al n.76 ATP. Per Luca, che qualche settimana fa ad Indian Wells si è tolto lo “sfizio” di eliminare il numero uno del mondo Novak Djokovic raggiungendo per la prima volta gli ottavi in un Masters 1000, si tratta – come detto del sesto titolo in questa categoria di tornei: in precedenza aveva vinto Forlì, Lugano e Manacor nel 2022, Porto e Matsuyama lo scorso anno.

Ordine: “Il Napoli non è tutto da rifare e se lo pensa impiegherà anni a risalire!”

Nel corso di ‘Pressing’ su Italia 1, è intervenuto il giornalista Franco Ordine: “Si parla di Napoli da rifondare. Ma così come si è sbagliato a pensare a 10 fuoriclasse l’anno scorso senza Kim, altrettanto è sbagliato se si pensa che la squadra è completamente da smontare. Anche perché rifare completamente una squadra, come dimostrano gli 11 cambi del Milan quest’estate, non ti dà la garanzia di tornare ad alti livelli in poco tempo”.

Balotelli sul caso Acerbi-Juan Jesus: “Con ventimila telecamere non sono riusciti a trovare una prova dell’insulto?”

Nonostante non sia arrivata alcuna pena, non si placano le polemiche riguardo il caso Francesco Acerbi-Juan Jesus. Mario Balotelli, attualmente in terra turca con la maglia dell’Adana Demirspor, ha voluto dire la sua. “Ci sono ventimila telecamere, ventimila microfoni e non sono riusciti a trovare una prova dell’insulto di Acerbi?” ha dichiarato Balotelli al canale Controcalcio, su Twitch. “Per me ci potrebbe stare un discorso di protezione”.

Cesari: “Il secondo gol dell’Atalanta nasce da un fallo di Hien su Osimhen”

Graziano Cesari, ex arbitro, ha rilasciato alcune dichiarazioni a “Pressing” su Italia 1, commentato alcuni episodi da moviola di Napoli-Atalanta: “Sul primo gol c’è un appoggio più che una spinta su Rrahmani. Per me non c’è il fallo, credo sia più la fisicità di Scamacca superiore. Sul secondo gol invece l’azione nasce da un fallo di Hien su Osimhen. Osimhen non può saltare perché Hien lo trattiene, fa un intervento scomposto. Si doveva assolutamente intervenire perché l’azione ha continuità fino al gol”.

Giaccherini: “Il Napoli a livello fisico è la peggiore tra le prime dieci della Serie A”

Emanuele Giaccherini, ex calciatore e opinionista, ha parlato della situazione del Napoli ai microfoni di DAZN durante ‘Tutti Bravi dal Divano’: “Per me il Napoli a livello di condizione fisica è la peggiore tra le prime dieci squadre in classifica. I giocatori vanno piano. Il problema del Napoli di quest’anno secondo me è stata anche la condizione atletica”.

Napoli, ADL pronto a tutto per Antonio Conte, ma il tecnico nutre alcuni dubbi

Secondo Il Mattino, Aurelio De Laurentiis, presidente del Napoli, sarebbe pronto a tutto per portare sulla panchina degli azzurri Antonio Conte: “De Laurentiis sarebbe pronto ad offrire ponti d’oro ad Antonio Conte per averlo in panchina la prossima stagione. Tuttavia, l’allenatore avrebbe più di qualche dubbio sul progetto Napoli. Vedremo se nei prossimi mesi si concretizzerà qualcosa oppure De Laurentiis, come suo solito, tirerà fuori un nome inedito per la panchina del Napoli”

Napoli beffato dalla Lega Serie A: in arrivo una multa

Il Napoli sarà multato per non aver rispettato le iniziative anti-razzismo della Lega Serie A. Lo scrive l’edizione odierna di Tuttosport: “Di Lorenzo ha anche coperto la fascia da capitano con una stringa bianca. Una decisione che segue la decisione del Napoli di togliere la patch «Keep racism out» dalle maglie da gioco. Questo gesto, però, sarà punito con un’ammenda da parte della Lega Serie A perché il regolamento vieta fasce personalizzate o comunque diverse da quella stabilita dalla Federazione”.

Napoli, non solo l’attaccante: il club azzurro dovrà rinforzare il reparto difensivo

Il Napoli, nel corso della prossima estate, dovrà attuare una rivoluzione sul mercato. Tanti i nomi per l’attacco: Jonathan David del Lilla, il tulipano Joshua Zirkze e del Bologna, Santiago Gimenez del Feyenoord sono ipotesi e anche tentazioni, scrive Il Corriere dello Sport. Ma sarà necessario, e anche indispensabile, un centrale difensivo, assenza insopportabile dopo l’addio di Kim, voragine che ha risucchiato qualsiasi pallido desiderio di essere ancora protagonista. Ci saranno casting un po’ ovunque, ormai è un’abitudine, e comunque una panoramica che non avrà confini.

Napoli, Massara in pole come nuovo d.s., con lui potrebbe tornare Maurizio Sarri

Stando a quanto riportato da Il Mattino, Frederic Massara sarebbe in pole per il ruolo di nuovo d.s. del Napoli, e con il suo arrivo potrebbe pensare al ritorno anche Maurizio Sarri: “Bisogna fare molta attenzione al nome di Massara. Sarebbe lui il profilo gradito a De Laurentiis. Se davvero l’ex direttore sportivo del Milan dovesse arrivare a Castel Volturno il primo nome sulla panchina sarebbe quello di Maurizio Sarri che tornerebbe dunque volentieri sulla panchina degli azzurri. Solo con Massara, Sarri penserebbe ad un clamoroso ritorno a Napoli”.

Napoli-Atalanta, la moviola: manca un rosso a Kolasinac, il gol dello 0-2 va annullato

Il Corriere dello Sport ha analizzato la direzione di gara di Luca Pairetto, arbitro di Napoli-Atalanta: “Insufficiente la partita di Pairetto (a volte anche indisponente): c’era fallo in APP sullo 0-2 (e non su Juan Jesus), manca il secondo giallo chiaro per Kolasinac (lo “espelle” Gasperini, sostituendolo) che fa scopa con quello non dato a Hateboer ad inizio gara, diversi falli su Osimhen non fischiati, intransigente in alcuni casi ed in altri no. Basta? Hien salta da dietro, scoordinato, con l’avambraccio destro sul collo di Osimhen: era fallo, nasce il gol dello 0-2 di Scamacca (contrasto normale con Juan Jesus, non è questa la situazione da analizzare). Risparmiato il secondo giallo a Kolasinac, body language di Pairetto chiaro: sta per dare fallo e, conseguentemente, giallo. Brutta a vedersi la marcia indietro, Gasp risolve il dilemma e sostituisce subito il suo giocatore. Per l’arbitro brutta figura”.

Flash News del 30 Marzo 2024

Biazzo: “Calzona non va criticato oltremodo”

Salvatore Biazzo, giornalista, ha dichiarato a Tele A: “Primo tempo imbarazzante, poi il secondo è stato vivace ma quelle scelte Calzona poteva farle dall’inizio perché poi ha almeno fatto due pali e costretto Carnesecchi a due parate. Qualcosa si è visto, ma i giocatori credono all’obiettivo? Nelle prossime partite che faranno? Vogliono ancora un piazzamento europeo? Calzona non va criticato oltremodo però perché ha preso la squadra in certe condizioni”

Azzi: “Questo gruppo aveva un solo leader, e non in campo”

Marco Azzi, giornalista de La Repubblica, ha scritto sul proprio profilo X: “Questo gruppo aveva un solo leader e non in campo: seduto in panchina. Calzona con il suo arrivo stava restituendo ai giocatori un po’ di sicurezza, ma è bastata la sua lontananza durante la sosta per far precipitare di nuovo la situazione”

SSC Napoli contro il razzismo

Prima del match contro l’Atalanta la SSC Napoli, attraverso l’attore Marco D’Amore, ha lanciato il proprio messaggio contro il razzismo. “Queste sono parole che arrivano da lontano, e recitano così: ‘Troppo hanno visto i nostri, troppo hanno udito le nostre orecchie, troppo hanno taciuto le nostre labbra, ma non è più questo il tempo dell’indifferenza, della noncuranza. Napoli, fai sentire la tua voce, senza timore, senza vergogna, senza paura. Diciamo uniti, insieme: “No al razzismo!” Ha poi proseguito “Decibel” Bellini, speaker del Maradona: “Tutti insieme, gridiamo: no al razzismo!”. I tifosi sugli spalti hanno applaudito e gridato insieme: ‘No al razzismo”. I calciatori del Napoli si sono inginocchiati. 

Ambrosini: “Italiano? Il Napoli andrebbe bene”

Massimo Ambrosini, ex calciatore di Fiorentina e Milan, prima della sfida tra le due compagini di stasera, si è espresso su Italiano. A Radio Bruno Toscana ha dichiarato: “Si dice che Vincenzo andrà in un’altra squadra e sarà interessante la sua prossima scelta. In tanti lo vorranno e si è meritato di confrontarsi in un’altra realtà.” Poi ha aggiunto: “La prossima squadra di Italiano? Certamente una votata a giocare a pallone, il Napoli andrebbe bene”

Monza, Pessina espulso contro il Torino, salterà il match col Napoli per squalifica

Matteo Pessina, centrocampista e capitano del Monza, sarà costretto a saltare il prossimo match di campionato contro il Napoli. Il mediano è stato infatti espulso nel match contro il Torino, pertanto sarà squalificato il prossimo weekend nell’incontro interno contro gli azzurri.

De Roon: “Dobbiamo provare a vincere tutto il possibile”

Marten De Roon, centrocampista dell’Atalanta, così ha parlato ai microfoni di DAZN dopo Napoli – Atalanta: “3-0 al Napoli non poteva essere regalo migliore. Ci siamo, dobbiamo battagliare fino alla fine, sono tre competizioni ma non vogliamo mollarne nemmeno una. Dovremo esser pronti, convinti, giocare con tutta la rosa, credo che possiamo fare una grande stagione. Il Napoli fuori dalla corsa Champions? Non dobbiamo escludere nessuno, il Napoli può fare un filotto di vittorie, noi dobbiamo guardare a noi stessi e non agli altri. Adesso dobbiamo provare a vincere tutto il possibile. Vincere un trofeo? Stiamo giocando alla grande e il ciclo continua”

Sosa deluso: “Atteggiamento sbagliato. Si parla di ultima spiaggia e scendi in campo così?”

Il Pampa Sosa, ex attaccante azzurro, ha parlato della sconfitta del Napoli ai microfoni di Tele A: “C’è molta tristezza. Il Napoli mi ha sorpreso, è sceso in campo molto male, non ha omaggiato neanche i tifosi che hanno scelto il Maradona in questa giornata. Non ho visto il giusto atteggiamento da parte dei tifosi, purtroppo si parla di ultima spiaggia e poi si reagisce così?”.

Napoli-Atalanta, il gol di Scamacca vale un record: doppia cifra con 15 presenze

Come riportato da OPTA dopo il gol di Scamacca contro il Napoli: “10 – Gianluca Scamacca (10 reti in 15 match dal 1° minuto) è uno dei soli 2 giocatori, insieme a Joselu del Real Madrid (11 reti), in doppia cifra di gol tra i giocatori dei 5 grandi campionati europei con al massimo 15 partite da titolare in tutte le competizioni 23/24. Peso”.

Ferrara: “Napoli, sconfitta che pesa tanto soprattutto dal punto di vista del morale della squadra e dell’ambiente”

Ciro Ferrara, ex difensore, ha rilasciato alcune dichiarazioni a DAZN dopo la sconfitta del Napoli contro l’Atalanta: “Pesa tantissimo questa sconfitta, il Napoli poteva sfruttare l’occasione di giocare in casa uno scontro diretto ed è partito con il piede sbagliato, si allontana dall’occasione di rientrare nelle cinque squadre che quest’anno possono andare in Champions, è una sconfitta che pesa dal punto di vista soprattutto del morale della squadra e dell’ambiente”.

Di Lorenzo fa 224 in azzurro e aggancia Altafini: è ad un passo dalla Top 30 azzurra

Giovanni Di Lorenzo continua a scalare la classifica all time azzurra. Il capitano del Napoli quest’oggi contro l’Atalanta raggiunge le 224 presenze in maglia azzurra, agganciando Josè Altafini al 32esimo posto nella classifica di sempre. A questo punto entrano nel mirino le 226 gare in azzurro di Ronzon e le 230 di Corradini per entrare nella Top 30

Napoli-Atalanta, Decibel Bellini e Marco D’Amore: “Alziamo la voce” e tutto lo stadio Maradona urla “No al razzismo”

Nel pre-partita di Napoli-Atalanta, Decibel Bellini, speaker dello stadio, ha avviato l’iniziativa del Napoli “No to racism” annunciata nelle ore precedenti dando la parola a Marco D’Amore, grande tifoso partenopeo e celebre attore, che a centrocampo ha letto il seguente testo: “Queste sono parole che vengono da lontano e recitano così. Troppo hanno visto i nostri occhi, troppo hanno udito le nostre orecchie, troppo hanno taciuto le nostre lacrime. Ma non è questo il tempo dell’indifferenza, della non curanza. Napoli, fai sentire la tua voce, senza vergogna e senza paura. Diciamo insieme ‘No al razzismo’. A quel punto il pubblico di Napoli ha subito risposto presente urlando più volte “No al razzismo”.

L’iniziativa: il Napoli si inginocchia per protestare contro il razzismo

I calciatori del Napoli prima dell’inizio della partita contro l’Atalanta si sono inginocchiati sul prato del Maradona, adottando la “Taking the knee”, di origine Usa, per protestare contro il razzismo. In campo non c’erano solo gli 11 titolari ma anche tutta la panchina del Napoli. Questo tipo di protesta e’ nato nel 2016 prima di una partita di Football Usa in cui i giocatori si inginocchiarono durante l’inno Usa per richiamare l’attenzione del pubblico sui problemi di razzismo.

Napoli-Atalanta, Marelli: “Corretto convalidare il gol dell’Atalanta, c’è un appoggio di Scamacca su Rrahmani ma non una spinta”

L’ex arbitro Luca Marelli ha rilasciato alcune dichiarazioni a DAZN a proposito del primo gol dell’Atalanta contro il Napoli: “C’è stato un contatto tra Scamacca e Rrahmani prima della rete di Miranchuk, ci sono state proteste civili del Napoli, ma penso che sia stato corretto convalidare il gol perchè effettivamente c’è un appoggio di Scamacca su Rrahmani ma non una vera e propria spinta”.

Atalanta, Gasperini: “Scamacca? Non c’è una stella, tutta la nostra squadra è solida”

Gian Piero Gasperini, allenatore dell’Atalanta, ha rilasciato alcune dichiarazioni a DAZN prima del match contro il Napoli: “Scamacca? L’Atalanta è un complesso di squadra dove ci sono più giocatori che stanno disputando un ottimo campionato e stanno dando un contributo importante come anche Scamacca, non abbiamo una stella che fa differenza ma una squadra molto solida che anche nelle tante partite che dobbiamo giocare, alternando giocatori, finora siamo riusciti a restare molto in alto. Vogliamo cercare di approdare in qualche risultato molto importante”.

Napoli, Meluso: “Lotta al razzismo? Delusi dalla vicenda che ha coinvolto Juan Jesus, penso che quando si sbaglia basterebbe chiedere scusa e assumersi le responsabilità”

Mauro Meluso, d.s. del Napoli, ha rilasciato alcune dichiarazioni a DAZN prima del match contro l’Atalanta: “Lotta al razzismo? Il club ha fatto un comunicato chiaro, non parteciperemo ad iniziative istituzionali per scelta, iniziative contro le discriminazioni le faremo in maniera privata, le organizzeremo noi, è una scelta del club in quanto siamo rimasti un po’ delusi dalla vicenda che ha visto coinvolto Juan Jesus. Il mio pensiero personale sulla vicenda è che quando si sbaglia basterebbe chiedere scusa e assumersi le responsabilità”.

Atalanta, Hateboer a DAZN: “Il gol è arrivato nel miglior momento, ora attenzione”

Hans Hateboer, terzino dell’Atalanta, ha rilasciato alcune dichiarazioni a DAZN al termine del primo tempo del match contro il Napoli: “Il gol è arrivato nel miglior momento. Ci sono ancora 45 minuti da giocare, con questo caldo non sono pochi, dobbiamo stare attenti”.

Atalanta, Scalvini: “Solo con un grande lavoro di squadra possiamo arginare il Napoli”

Giorgio Scalvini, difensore dell’Atalanta, ha rilasciato alcune dichiarazioni a DAZN prima del match contro il Napoli: “Assenza di Kvaratskhelia? Sappiamo che hanno qualità e giocatore forti, dobbiamo fare un grande lavoro con tutta la squadra, solo così possiamo arginarli”.

Atalanta, le idee di Gasperini contro il Napoli: titolari Pasalic e Miranchuk

Come riporta il Corriere dello Sport, Gasperini per la sfida contro il Napoli non avrà a disposizione Charles De Ketelaere, fermatosi a causa di postumi distrattivi all’adduttore lungo sinistro, mentre è recuperato Teun Koopmeiners, anche se l’olandese potrebbe però partire dalla panchina, con Pasalic pronto a piazzarsi tra le linee a supporto di Scamacca e Miranchuk. Lookman è il quarto uomo a disposizione per quanto riguarda il reparto offensivo, ma il nigeriano potrebbe essere sfruttato a gara in corso. Dubbio in difesa, con Djimsiti al momento favorito su Hien..

Pioli, accostato al Napoli, enigmatico sul futuro: “Presto vi dirò cosa voglio fare”

Furlani l’ha apprezzata… C’è una partita che farà cambiare l’indirizzo della stagione? È questa una delle domande a cui Stefano Piolitecnico del Milan accostato al Napoli per la prossima stagione, ha risposto in conferenza stampa alla vigilia della sfida sul campo della Fiorentina: “No, ci sono 10 partite di campionato e speriamo 5 di Europa League che saranno tutte importanti. Quella più importante, intanto, è quella di domani. Ci sta che in queste due settimane soprattutto voi parliate molto del futuro, l’avete fatto anche durante tutta la stagione. Ma io non devo pensare al futuro, devo pensare a domani e a questi 60 giorni per rendere questa stagione la più positiva possibile. Fino ad ora, sono giudizi parziali e non completi. A fine stagione ti dirò cosa vorrei fare e cosa non vorrei fare l’anno prossimo. Non pensiamo al derby o alla Juve, ma alla Fiorentina”. Fonte: tuttoatalanta.com

Insigne, brutto infortunio: sarà out due mesi, sfuma definitivamente il sogno Europei

Lorenzo Insigne sognava gli Europei, ma dovrà rinunciarvi non solo per le possibili scelte di Spalletti ma anche per un infortunio che lo terrà fuori diverso tempo. Come riportano i media americani, infatti, l’ex attaccante e capitano del Napoli ha rimediato un problema al tendine del ginocchio e sarà fuori almeno sei settimane. 

Atalanta, Gasperini ha scelto il tridente? C’è una sorpresa

Il portale Sportmediaset aggiorna la situazione relativa alla formazione che schiererà l’Atalanta contro il Napoli: “Gli impegni della Nazionale hanno regalato a Gasperini le grane De Ketelaere e Koopmeiners: problema all’adduttore per il belga (non convocato), al polpaccio per l’olandese. Quest’ultimo però dovrebbe provare a stringere i denti. A centrocampo rientra De Roon, davanti Pasalic e Lookman a sostegno di Scamacca”.

Flash News del 29 Marzo 2024

Napoli – Juan Jesus capitano contro l’Atalanta: Calzona ci pensa

Come riporta TuttoNapoli.Net Juan Jesus domani sarà in campo e potrebbe essere capitano dell’undici che Calzona ha preparato per la partita in cui dovrà fare probabilmente a meno di Kvaratskhelia, tornato con una forte contrattura all’adduttore della coscia sinistra dal match che è valso alla Georgia la qualificazione agli Europei. Anche oggi l’esterno sinistro si è allenato fuori dal gruppo, facendo lavoro personalizzato in palestra e in campo

Alvino: “Osimhen e ADL hanno già chiuso la cessione in un club a 120mln”

Carlo Alvino a Radio Goal “Osimhen può andare via solo per 120 milioni di euro, euro più e non un euro in meno. C’è carenza nel ruolo e tutto è cresciuto a dismisura. Nel Napoli di Maradona e nell’Inter di Rummenigge uno come Osimhen avrebbe fatto fatica anche a scendere in campo. L’ipotesi che nessuno paghi la clausola non esiste, Osimhen ha già chiuso l’operazione con un club insieme a De Laurentiis e Calenda. E’ inopportuno fare nomi di squadre perché Osimhen deve fare il bene del Napoli nelle prossime nove giornate”.

Napoli su Goretzka, ds Bayern: “Il suo futuro dipenderà dal nuovo allenatore”

Max Eberl, ds del Bayern Monaco, si è soffermato sul futuro di Leon Goretzka, in scadenza nel 2026 con i bavaresi e accostato alla Juventus e al Napoli per giugno: “Lo apprezzo, è un calciatore importante per il club. Tuttavia non posso nascondere che la scelta del prossimo tecnico da parte della società influenzerà sui piani futuri da parte di diversi nostri uomini”.   

Alvino: “Spalletti mi è scaduto un sacco dopo aver detto una frase”

Carlo Alvino, giornalista, ha rilasciato un’intervista a Radio Goal, in diretta su Kiss Kiss Napoli: Kvaratskhelia? Sta giocando ai livelli dell’anno scorso, un calciatore straordinario, è un campione ed il Napoli dell’anno venturo sarà costruito intorno a questo ragazzo. Agli Europei tiferò Georgia, fuori al balcone ci saranno due bandiere, quella della Georgia e quella del Napoli. Spalletti mi è scaduto un sacco dopo aver difeso Acerbi. Lo abbraccerò fino a quando si parlerà di Napoli calcio, ma sulla questione JJ-Acerbi ha sbagliato. Ha fatto il classico democristiano”.

Francini: “Caso Acerbi-Jesus? Le parole di Gravina non sono incoraggianti”

Giovanni Francini, difensore del Napoli campione d’Italia e d’Europa, ha rilasciato alcune dichiarazioni a Prima Tv e TV Luna: “In questo momento Calzona potrebbe essere meno integralista ed essere più pragmatico e magari a partita in corso fare qualche cambio per rompere gli equilibri e cambiare l’inerzia di una partita. Acerbi? Nella giornata della lotta al razzismo è una cosa davvero triste, anche perché da quanto visto in campo è evidente che qualcosa è successo avallato dalle scuse di Acerbi. Di certo le parole di Gravina non sono incoraggianti, anche perché è vicino a Juan Jesus per cosa? Ma poi dall’espulsione di Koulibaly con l’Inter nel 2018 cosa è cambiato? Se non si pensa a prendere decisioni forti purtroppo torneremo a parlare ancora di razzismo, di cori negli stadi contro i napoletani. Gara con l’Atalanta? Traoré è bravo negli spazi e l’Atalanta con il suo modo di giocare qualcosa lascia ai centrocampisti avversari. Pronostico? Vince il Napoli 1-0”.

La Lega Serie A, insieme alla Panini, lancia il premio Man of the Match

Novità per la Serie A: dalla prossima stagione sarà premiato il miglior giocatore di ogni partita. Lo ha deciso oggi l’assemblea dei club, andata in scena in videoconferenza. “È stato istituito, a partire dalla prossima stagione, il Premio Man of the Match, sponsorizzato dal gruppo Panini e consegnato al miglior giocatore di ognuna delle 380 partite del campionato di Serie A. Saranno gli appassionati, attraverso un QR code, a votare il giocatore che riceverà il premio sul campo a fine gara”, ha spiegato la Lega nella nota al termine dell’assemblea. “I club hanno inoltre approvato, sempre con il gruppo Panini, il rinnovo della partnership per quanto riguarda i prodotti collezionabili”.

De Maggio: “Perché Lindstrom non è il vice Kvara? C’è Ngonge dall’altro lato…”

Valter De Maggio, direttore di Kiss Kiss Napoli, ha parlato nel corso di Radio Goal di oggi: “Domani farei giocare Traorè al posto di Kvaratskhelia. Se dovete giocare a Padel potete chiamare Dendoncker visto che non gioca mai (scherza ndr.). Ngonge? E’ il vice Politano, Lindstrom dovrebbe essere il vice Kvaratskhelia e non è così”.

La SSC Napoli: “Domani è l’occasione giusta per alzare la nostra voce e dire tutti insieme NO al razzismo”

“Crediamo in un mondo dove l’uguaglianza e il rispetto non siano soltanto una vana illusione ma principi concreti e universalmente riconosciuti. Affinché ciò avvenga non dobbiamo rimanere in silenzio. Domani è l’occasione giusta per alzare la nostra voce e dire tutti insieme NO al razzismo”, scrive la SSC Napoli su Instagram.

Stephan Schwoch su Napoli – Atalanta

Così l’ex attaccante del Napoli a “Radio Goal” in onda su Radio Kiss Kiss Napoli sulla sfida di domani al Maradona: “Il Napoli è arrivato alle ultime spiagge e l’incontro di domani è fondamentale perchè se perdi non avrai più chance di arrivare quarto. Una vittoria o una sconfitta peserebbe molto perchè ci avviciniamo verso la fine del campionato. Per l’Atalanta non è una partita che si può permettere di perdere, così come per il Napoli”

Retroscena Juan Jesus: da Maignan a Vinicius jr, quante chiamate di solidarietà

Come scrive l’edizione odierna del Corriere dello Sport, Juan Jesus è legittimamente avvilito, incavolato e deluso ininterrottamente dal 17 marzo, dalla notte di Inter-Napoli, ma certo non sconfitto. Ha reagito sfoderando la storia di un popolo (e citando il Black Power), riuscendo tra l’altro a non alzare mai i toni: con la sua lettera ha scritto una lezione, non un j’accuse. E se domani riceverà 50.000 abbracci, in privato ha registrato le telefonate di affetto e solidarietà di tanti colleghi che hanno provato lo stesso sapore amaro: da Maignan a Vinicius jr., brasiliano come lui e da troppo tempo vittima in Spagna di un gioco al massacro razzista.  

Napoli – Atalanta, i convocati di Gasperini

Giampiero Gasperini ha convocato i 23 calciatori per l’incontro di domani alle 12.30 al Maradona tra i bergamaschi ed il Napoli.

Portieri: Musso, Carnesecchi, Rossi
Difensori: Toloi, Hien, Palomino, Djimsiti, Kolasinac, Scalvini.
Centrocampisti: Holm, Koopmeiners, Pasalic, Ederson, De Roon, Bakker, Ruggeri, Adopo, Hateboer, Zappacosta.
Attaccanti: El Bilal Toure, Lookman, Miranchuk, Scamacca.

Di Gregorio su La Stampa: “A Monza sto benissimo”

Michele Di Gregorio, portiere del Monza che piace molto al Napoli, ha parlato del suo futuro su La Stampa: “Mi piace pensare all’oggi senza guardare troppo in là perché altrimenti si fanno male le cose quotidiane. Voglio concentrami su questi due mesi col Monza. Poi, dopo l’ultima giornata di campionato, vedremo cosa ci sarà di concreto. Sto benissimo a Monza. Non ho bisogno di scappare. Se verrà qualcosa per fare uno step, lo valuteremo”

Kvaratskhelia non ce la fa! Ancora fastidi, salta l’Atalanta: scelto il sostituto

Niente da fare, Khvicha Kvaratskhelia non recupera per il match di domani contro l’Atalanta. Ad annunciarlo è Sky Sport, secondo cui l’esterno offensivo georgiano aveva una gran voglia di provarci, stamattina ha fatto una sorta di provino, un test per valutare le sue condizioni fisiche. E alla fine si è dovuto arrendere.

Napoli – Senza Champions sfuma il sogno di ADL per l’attacco: c’è l’alternativa

L’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport parla del futuro di Osimhen ormai prossimo all’addio in estate. Per sostituire Victor, De Laurentiis è pronto all’investimento pesante: il sogno sarebbe Zirkzee, ma senza Champions appare improbabile riuscire a mettere le mani sul 9 del Bologna. Così il Napoli ha virato le proprie attenzioni su Santiago Gimenez, centravanti del Feyenoord: 21 gol in 25 gare di campionato per il nazionale messicano nato a Buenos Aires, città che sembra avere un legame unico con Napoli.

Supercoppa Italiana – La Lega Serie A conferma il format a 4 squadre

La Supercoppa italiana si giocherà nel 2024/25 ancora con il format a quattro squadre. È quanto emerso durante l’assemblea della Lega Serie A andata in scena oggi. “Nel corso della riunione le società hanno affrontato il tema del calendario delle proprie competizioni, confermando il format a 4 squadre per la disputa della Supercoppa, in programma nel mese di gennaio 2025 in Arabia Saudita”, si legge nella nota della Lega. In particolare, un prossimo Consiglio di Lega ratificherà la decisione, dopo l’indicazione ricevuta oggi dall’assemblea dei club.

Atalanta, Koopmeiners in dubbio per la trasferta di Napoli, out De Ketelaere

Il Corriere di Bergamo ha fatto il punto sulle condizioni di Teun Koopmeiners e Charles De Ketelaere, centrocampisti dell’Atalanta, in vista del match del Maradona contro il Napoli: “L’Atalanta di Gasperini torna in campo dopo la sosta. Nel pomeriggio di ieri Koopmeiners ha svolto parte della seduta in maniera individuale e parte col gruppo, l’olandese – fermato da un fastidio muscolare durante il match con la Scozia -, verrà valutato nella rifinitura poco prima della partenza. Verso il forfait De Ketelaere, il belga si è allenato da solo dopo essere stato sottoposto alle terapie del caso. In attacco dunque spazio a Scamacca, con Miranchuk e Lookman a supporto dell’attaccante azzurro”.

Napoli-Atalanta, Lindstrom in vantaggio su Raspadori per motivi tattici

Secondo Il Corriere del Mezzogiorno, Jesper Lindstrom sarebbe in vantaggio per sostituire Khvicha Kvaratskhelia sulla sinistra: “Lindstrom a sinistra ha avuto un buon impatto nella gara d’andata contro il Barcellona, riesce ad entrare di più nel vivo del gioco. Non ha la qualità nello stretto di Raspadori ma negli spazi più ampi contro le caratteristiche dell’Atalanta potrebbe trovare margini per incidere. Raspadori invece è una soluzione di grande respiro tecnico negli ultimi trenta metri, ma il Napoli perderebbe forza nei duelli fisici, potrebbe soffrire nelle transizioni difensive soprattutto per le capacità dell’Atalanta di giocare in ampiezza valorizzando i quinti”.

Napoli, video e iniziative private contro il razzismo a partire dal match con l’Atalanta

Come riporta Il Corriere dello Sport, il Napoli farà iniziative private contro il razzismo a partire dal match contro l’Atalanta: “Domani mattina Juan Jesus arriverà al Maradona per la partita contro l’Atalanta delle 12.30 e poi entrerà nello spogliatoio. Si cambierà, andrà in campo per il riscaldamento e per farsi riscaldare il cuore da 50.000 tifosi e poi tornerà dentro a indossare la sua divisa, la maglia bianca numero 5 con la rosa dei venti presentata mercoledì, senza la patch della campagna “Keep Racism Out”. Il Napoli, come annunciato subito dopo l’assoluzione di Acerbi, ha deciso di non aderire ”più a iniziative di mera facciata delle istituzioni calcistiche contro il razzismo e le discriminazioni». Testuale. Farà da sé già domani: video e iniziative private, lo sfondo della sfida con la Dea”

Flash News del 28 Marzo 2024

Amelia difende Acerbi: “Lo conosco e non è razzista! E’ stata una cosa di campo…”

L’ex portiere Marco Amelia è intervenuto in diretta su TvPlay: “La decisione del Giudice Sportivo sul caso Acerbi-Juan Jesus? Credo Acerbi non sia razzista, lo conosco e penso questo. Credo sia stata una cosa di campo che è finita lì, lo stesso Juan Jesus aveva conclusa la cosa al termine del match. Il Giudice Sportivo ha fatto il Giudice Sportivo e non è andato oltre per non creare un precedente negativo per il futuro. Spero che la decisione del Giudice Sportivo possa smuovere qualcosa, magari anche con Acerbi e Juan Jesus per dimostrare come il calcio possa aiutare a combattere il razzismo. Io penso, ad ogni modo, che spesso nel calcio ci sia tantissima ignoranza”. 

Un commento su Acerbi? Marotta sorride e scappa: “Non ho nulla da dire”

All’uscita dal consiglio FIGC Giuseppe Marotta è stato intercettato dai vari cronisti presenti e gli è stato chiesto un commento sull’assoluzione di Francesco Acerbi nel caso sul presunto insulto razzista contro Juan Jesus, ma l’amministratore delegato dell’Inter non ha risposto. “Un commento sul caso Acerbi? Non ho davvero nulla da dire”, con un sorriso, e poi via in auto. Il dirigente nerazzurro è apparso sorridente, soddisfatto, chissà se dietro quel sorriso c’è proprio questa sentenza o solo un consiglio federale andato per il verso giusto.

Napoli-Atalanta: si va verso il sold out al Maradona

Prosegue la vendita libera per il match Napoli-Atalanta, in programma sabato 30 marzo alle ore 12:30. Verso il sold out lo stadio Maradona, esaurite le Curve superiori e i Distinti, restano disponibili solo i tagliandi per le Tribune.

Graziani: ”Caso Juan Jesus-Acerbi? Menomale che è finita, non se ne poteva più”

Francesco Graziani, allenatore, a Radio Goal, in diretta su Kiss Kiss Napoli: “Il Napoli ha bisogno di tutti per vincere questo mini torneo di nove partite. Se finisse oggi il campionato il Napoli giocherebbe la prossima Conference League, pensate che disastro c’è stato. Mi auguro che i vari Osimhen, Simeone, Kvaratskhelia, diano una grande mano alla squadra. In queste partite non si deve sbagliare un colpo, al contrario vorrebbe significare che gli obiettivi sarebbero sfumati. Gli allenatori incidono molto, l’anno scorso Spalletti fu un valore aggiunto perchè gesti benissimo l’ambiente e la squadra. Però a fare la differenza sono sempre i calciatori, gli allenatori non possono fare goal. Caso Juan Jesus-Acerbi? Menomale che è finita, non se ne poteva più. Non posso pensare che Juan Jesus si sia inventato tutto, però in assenza di testimonianze non si può condannare una persona. E’ la parola tua contro la mia. Solo i diretti interessati conoscono la verità e dobbiamo prendere per buona la sentenza che è stata emessa”.

Battistini: “Caprile al Napoli? Bisognerà chiederlo a suo tempo a chi di dovere”

Graziano Battistini, agente di Elia Caprile, a Radio Goal: “Caprile al Napoli? Bisognerà chiederlo a suo tempo a chi di dovere. Sono ripetitivo e non voglio arrivare a giugno a dire sempre le stesse cose altrimenti divento molesto (scherza ndr.). In questo momento è troppo importante l’esperienza che sta facendo ad Empoli, deve pensare all’Empoli e deve restare concentrato per restare nella storia di questo club. E’ in prestito secco ad Empoli, tecnicamente farà parte del ritiro prossimo del Napoli. Elia è del Napoli, è giovane e sta facendo un’esperienza importante. La sua crescita è esponenziale e quando finirà il campionato verranno fatte tutte le valutazioni. Noi avremo la nostra idea e il Napoli avrà la sua e proveremo a metterci d’accordo”.

Zoff: “I portieri italiani stanno andando bene e ci siamo rimessi in carreggiata sotto questo aspetto”

Dino Zoff, allenatore, ha rilasciato un’intervista a Radio Goal, in diretta su Kiss Kiss Napoli: “I portieri italiani stanno andando bene e ci siamo rimessi in carreggiata sotto questo aspetto. Prima c’era un po’ di carenza di buoni portieri, ora si pensa a giocare più coi piedi che con le mani. Non sono uno legato ai nuovi sistemi, ma la dote migliore di un portiere dev’essere quella di adoperare bene con le mani. Calzona tra Nazionale e club? Il lavoro da c.t. è sulla bocca di tutti e non può accontentare tutti (ride ndr.). L’allenatore di club dà un contributo ben chiaro delle proprie idee, mentre chi allena una nazionale sceglie il meglio. Caprile? L’ho visto qualche volta e s’è comportato bene. Dovrà avere nervi saldi per portare l’Empoli alla salvezza”.

De Giuseppe: “Traorè ha grande continuità e non credo che Calzona se ne privi in mezzo al campo”

Alessio De Giuseppe, giornalista di DAZN, a Radio Goal: “Traorè ha grande continuità e non credo che Calzona se ne privi in mezzo al campo. In attacco dovebbe esserci Raspadori nel ruolo di Kvaratskhelia. Da quanto ho percepito Ngonge piace molto a Calzona rispetto a Lindstrom. Ngonge sta dicendo la sua, ma ancora deve spiccare il volo. La scelta più logica è quella di dare spazio a Raspadori. Raspadori non ha fatto la stagione dell’anno scorso, ma se Lindstrom fosse stato a disposizione di Spalletti avremmo potuto vedere un altro calciatore”.

Boni: “Lindstrom? Le sue prestazioni non sono state eclatanti, ma certi giocatori hanno bisogno di continuità”

Loris Boni, esperto di calcio scandinavo, a Radio Goal: “Lindstrom? Le sue prestazioni non sono state eclatanti, ma certi giocatori hanno bisogno di continuità. Lindstrom è venuto in Italia con ottime credenziali. Per me è un giocatore che ha bisogno di apprendere un certo tipo di gioco che c’è in Italia, ma ciò non vuol dire che debba snaturarsi. Spero trovi la giusta fiducia, la giusta posizione in campo senza snaturarsi. Se fossi il Napoli non avrei la fretta di liberarmene, l’anno prossimo potrebbe essere un punto fermo della squadra”.

Marolda sulle dichiarazioni di Calenda

Francesco Marolda, giornalista a Radio Goal: “Sentire che Calenda abbia detto che Juan Jesus non poteva presentarsi all’audizione senza avvocato perchè non era prevista la presenza di alcun legale vorrebbe significare violazione del diritto di difesa. Se fossi stato nel Napoli avrei fatto un casino se mi avessero negato la presenza di un legale. Meret e Carnesecchi? Vicario è davanti ad entrambi, ma il terzo portiere dell’Italia agli Europei sarà Meret, mi auguro che vada così perchè sarebbe oltraggioso farlo fuori dalla lista. Spalletti conosce molto bene Meret e il portiere, nell’ultimo periodo, ha ritrovato anche una buonissima condizione

Carmine Martino “Dopo la pausa è sempre un rebus riprendere le gare di campionato”

Carmine Martino a Radio Goal: “Dopo la pausa è sempre un rebus riprendere le gare di campionato. Kvaratskhelia? Ho assistito in diretta alla gara e quando ho visto il gesto di Kvara ho pensato che non avrebbe giocato con l’Atalanta. Kvaratskhelia sarebbe stato importante, è uno di quelli che riesce a saltare l’uomo con facilità. Io penserei a Lindstrom dal 1′ perchè ha il dribbling facile, ma credo che giocherà Raspadori. Traorè al posto di Kvaratskhelia? E’ un’idea, magari con uno tra Zielinski e Cajuste nel ruolo di mezz’ala. Lindstrom? S’è allenato durante la pausa a Castel Volturno e dovrebbe stare benissimo. Il sostituto naturale di Kvaratskhelia dovrebbe essere proprio lui. Sarebbe una chance importante, ma c’è anche la candidatura Traorè. Ngonge potrebbe giocare anche a sinistra e non dimenticherei Raspadori che meriterebbe sempre un posto da titolare. De Ketelaere? Ha trovato la sua dimensione a Bergamo. Un mese fa avrei puntato tutto sull’Atalanta al quarto posto, ma è scesa un po’ e poi il tour de force non è finito”.

De Maggio: ”A me Traorè incuriosisce vederlo nel ruolo di Kvaratskhelia”

Valter De Maggio, nel corso di Radio Goal: “A me Traorè incuriosisce vederlo nel ruolo di Kvaratskhelia, sarebbe un modo per valutarlo anche in vista del futuro. Vietato sbagliare contro l’Atalanta, ci saranno due filosofie a confronto con Calzona e Gasperini. Raspadori e Lindstrom sono costati 60 milioni e non hanno ancora ripagato la fiducia data visto il modulo. Loro sarebbero devastanti nel 4231. Continuo a dire che Lindstrom sia un fuoriclasse ed il Napoli sbaglierebbe a non aspettarlo”.

Ferrara: “Ultimamente il Napoli ha fatto vedere qualcosa di buono che fa ben sperare…”

A Radio CRC Ciro Ferrara: “Che tecnico è Gasperini? Per la filosofia sposata negli ultimi anni dal Napoli, non è il massimo. Se si vuole costruire qualcosa di diverso si può prendere Gasperini. Altrimenti si potrebbe continuare con questa linea disegnata da qualchea anno. Però se si decide di puntare su Gasperini bisogna essere consapevoli che qualcosa va cambiato anche a livello di rosa. Napoli-Atalanta? Partita difficilissima proprio per la tipologia di gioco di Gasperini. L’Atalanta è costruita per dare fastidio sempre, non molla mai. Gioca uomo su uomo a tutto campo. Il Napoli deve essere la squadra che l’anno scorso ha imposto il proprio gioco. Ultimamente ha fatto vedere qualcosa di buon che fa ben sperare. Ho ricominciato a vedere di buon gusto il Napoli da qualche settimana. Ci sono tutte le condizioni per tornare a far sorridere i tifosi. 

Da inizio anno non ho visto idea di gioco nel Napoli come quella vista nelle ultime partite. I risultati sono un altro discorso. Tempo non ce n’è tanto, ma si deve continuare ad insistere perché se si vuole tornare ai livelli dell’anno scorso si deve insistere”.

Oliva: “Se Calzona fa l’impresa di arrivare in Champions lo confermerei”

Patrizio Oliva, ex pugile, a Radio Goal, su Kiss Kiss Napoli: “Chi si arrende non vincerà mai, è il mio motto. Con Calzona stiamo andando un po’ meglio, ma è tutto nella testa dei giocatori che devono scendere in campo col coltello tra i denti. Le motivazioni devono essere alte se vogliamo sperare in un percorso positivo. Se Calzona fa l’impresa di arrivare in Champions lo confermerei. E’ un allenatore che sta facendo bene”.

De Maggio: “Giuridicamente giusto non condannare Acerbi, ma è stata una scelta politica”

Valter De Maggio, direttore di Radio Kiss Kiss Napoli, è intervenuto nel corso della trasmissione ‘Radio Goal’, commentando così l’assoluzione di Francesco Acerbi: “Bisogna rispettare le sentenze. Un po’ tutti gli avvocati dicono che dal punto di vista giuridico in assenza di prove non si può condannare una persona. Per me è stata più una scelta politica che sportiva, ma in ottica giuridica la decisione del giudice sportivo è stata giusta”.

Condò: “Juan Jesus ha parlato coi giocatori dell’Inter, cosa si sono detti?”

Paolo Condò, dagli studi di Sky Sport, interviene sul caso Acerbi-Juan Jesus. “Qualche dubbio rimane – dice – Rispetto la sentenza e mi tengo il dubbio, ma trovo improbabile che Juan Jesus si sia inventato tutto. Esiste una verità giudiziaria e una dei fatti. L’accusa è talmente infamante che se non ci sono prove devi assolvere”.”La cosa – aggiunge – che mi colpisce è che vorrei sapere con quanti giocatori ha parlato Chiné. Juan Jesus ha parlato con dei giocatori dell’Inter, vorrei sapere cosa si sono detti”.

Infortunio Kvaratskhelia, ecco la diagnosi: forte contrattura all’adduttore

Kvaratskhelia è tornato a Castel Volturno dopo aver scritto la storia della Georgia qualificando la nazionale per la prima volta all’Europeo. L’esterno offensivo azzurro ha riportato però un problema fisico che ha tenuto tutti col fiato sospeso nelle ultime ore. Ora finalmente è arrivata la diagnosi. Ecco il report medico pubblicato dal club azzurro: Kvaratskhelia è stato visitato e sottoposto ad esami strumentali presso il Pineta Grande Hospital, che hanno evidenziato una forte contrattura del muscolo adduttore della coscia sinistra. L’attaccante azzurro ha svolto terapie e lavoro in palestra”.

Gravina: “Caso Acerbi? Crediamo al ragazzo, la sentenza va rispettata”

Il presidente della Figc Gabriele Gravina prova a mettere la parola fine alla vicenda relativa ai fatti avvenuti a San Siro tra Acerbi e Juan Jesus. Il giudice sportivo ha deciso di non sanzionare il difensore dell’Inter per mancanza di prove certe in merito all’insulto di natura discriminatoria, una decisione che – secondo quanto affermato dallo stesso Gravina durante la conferenza stampa al consiglio federale – va rispettata da tutti. “L’assoluzione di Acerbi? Di tratta di una decisione del giudice che tutti devono accettare, compreso chi non si sente soddisfatto. Esistono principi che devono essere rispettati altrimenti corriamo il rischio di far saltare tutto il sistema. Io accetto il verdetto e sul piano umano abbraccerò il ragazzo quando lo incontrerà”. Gravina torna poi sulla decisione rinunciare ad Acerbi nei due impegni della Nazionale di Spalletti: “Abbiamo saputo di una verifica da parte del giudice sportivo e allora, per evitare forme di distrazione, lo abbiamo lasciato a casa. È stata una decisione a scopo precauzionale, non perché già condannato. Acerbi ha fornito le proprie motivazioni e noi crediamo alle parole del ragazzo.

Casini: “Caso Acerbi? Condivisibili le perplessità del Napoli e di Juan Jesus, la Lega è vittima della situazione, non attrice”

“L’opinione cambia in base al punto di vista. Da quello tecnico giuridico la sentenza segue un percorso, debbo dire però che le posizioni di perplessità esposte dal Napoli sono condivisibili”. Lo ha detto Lorenzo Casini, presidente della Serie A, commentando il caso Acerbi-Jesus. Parlando invece della decisione del Napoli di non aderire alla campagna contro il razzismo della A ha specificato: “C’è un fraintendimento – ha aggiunto -. Quelle iniziative sono della Lega che è vittima di questa situazione, non attrice: prendersela con la Lega non è corretto, ma le posizioni del Napoli e del giocatore sono comprensibili”. Dello stesso argomento invece non ha voluto parlare Beppe Marotta, ad dell’Inter, anche lui presente al consiglio federale.

Francesco Repice su Napoli – Atalanta

Francesco Repice, giornalista sportivo di Radio Rai, è intervenuto a Radio Goal: Napoli-Atalanta? Ne mancano nove e sbagliare adesso significherebbe vanificare tutti gli sforzi fatti. L’unica che potrebbe permettersi di non sbagliare è l’Inter, ma per il resto sono tutte tra il fallimento della stagione e il raggiungimento dell’obiettivo. Napoli-Atalanta è uno scontro diretto e credo che siamo nel momento decisivo della stagione. Nel mese di aprile si decide tutto. Osimhen? Quest’anno è mancato sempre, il Napoli non l’ha mai avuto a disposizione. A fare la differenza non sono i moduli, ma i calciatori”

Le dichiarazioni di Guidolin sul Napoli:

“La vera anomalia di questa stagione è il cambio di allenatore della prima e della seconda classificata dello scorso campionato: bisogna saper gestire anche le vittorie e ripetere quello che ha fatto il Napoli lo scorso anno sarebbe stato impossibile per qualsiasi tecnico. In generale c’è sempre una certa superficialità: invece di analizzare i problemi, si sceglie la soluzione più semplice e immediata”.

Napoli, il report allenamento del 28 marzo

Il Napoli si è allenato questa mattina all’SSCN Konami Training Center. Gli azzurri preparano il match contro l’Atalanta in programma sabato alle ore 12.30 per la trentesima giornata di Serie A. La squadra si è allenata sul campo 1 iniziando la sessione con attivazione e torello. Successivamente il gruppo ha svolto lavoro tecnico tattico e partitina a campo ridotto. Sono rientrati tutti i calciatori impegnati con le Nazionali. 

Ecco l’entità dell’infortunio di Kvaratskhelia:

Kvaratskhelia è stato visitato e sottoposto ad esami strumentali presso il Pineta Grande Hospital, che hanno evidenziato una forte contrattura del muscolo adduttore della coscia sinistra. L’attaccante azzurro ha svolto terapie e lavoro in palestra.

Rinnovo Kvaratskhelia, ADL pensa all’inserimento di una clausola rescissoria

La Gazzetta dello Sport ha fatto il punto sul possibile rinnovo di Khvicha Kvaratskhelia, attaccante del Napoli: “Una volta finito il campionato, le parti si incontreranno per discutere i termini di un nuovo accordo. L’ingaggio dovrebbe essere triplicato e passare dagli 1,5 milioni attuali a 4,5 magari comprensivi di bonus. Contestualmente sarebbe ritoccata anche la scadenza, che sarebbe allungata fino al 2028 o al 2029 (ora è fissata al 2027). Un nodo delicato sarà rappresentato quasi sicuramente dall’inserimento di una clausola rescissoria, con cui il presidente del Napoli si vorrà tutelare dalle tante offerte che potrebbero arrivare per Kvaratskhelia”.

GdS, nessuno spazio al caso Acerbi – Juan Jesus

La Gazzetta dello Sport di oggi in prima pagina non cita assolutamente il caso Acerbi Juan Jesus. Grande risalto al rinnovo, o presunto tale, di Simone Inzaghi con l’Inter: “Ci metto la firma. Inzaghi al rinnovo“. Di spalla il mercato del Milan, che insegue il fratello dell’attaccante dell’Inter: “Derby Thuram“. In taglio basso spazio al tennis, con Sinner che conquista la semifinale a Miami: “Sinner, classe vincente“.

Sabatini sul caso Acerbi – Juan Jesus

Sandro Sabatini, giornalista Mediaset, a Radio Radio Lo Sport ha dichiarato sul caso Acerbi – Juan Jesus: “Se Acerbi è davvero convinto di non aver mai pronunciato quella parola nei confronti di Juan Jesus ed è certo della sua innocenza, dovrebbe dimostrarlo denunciando il brasiliano per diffamazione, perché qui la situazione sta diventando paradossale. Ora Juan Jesus paga anche le colpe di averla inizialmente chiusa in campo

Inter, il day after di Acerbi. Sky : “Giocatore tranquillo, chiacchierata con Inzaghi e Marotta”

Nel corso di Sky Sport 24, dal centro sportivo dell’Inter l’inviato Andrea Paventi ha raccontato la giornata di Andrea Acerbi dopo la sentenza di assoluzione di ieri: “E’ probabile che tra non molto Acerbi parlerà e chiarirà la vicenda dicendo la sua. Oggi è arrivato a mezzogiorno ad Appiano Gentile, ha fatto il suo pranzo, poi si è allenato. E’ sembrato un ragazzo sereno e tranquillo. Ha fatto una chiacchierata con Inzaghi e con l’ad Marotta, tutto nella tranquillità”.

Caso Juan Jesus, probabile che tra non molto Acerbi parlerà e chiarirà la vicenda

Andrea Paventi, giornalista, ha rilasciato alcune dichiarazioni a Sky Sport 24 dal centro sportivo dell’Inter parlando della giornata di Francesco Acerbi: “E’ probabile che tra non molto Acerbi parlerà e chiarirà la vicenda dicendo la sua. Oggi è arrivato a mezzogiorno ad Appiano Gentile, ha fatto il suo pranzo, poi si è allenato. E’ sembrato un ragazzo sereno e tranquillo. Ha fatto una chiacchierata con Inzaghi e con l’ad Marotta, tutto nella tranquillità”.

Flash News del 27 Marzo 2024

Napoli, Massara nuovo Ds?

Raffaele Auriemma, giornalista, ha pubblicato un tweet di aggiornamento sul Napoli: “Ds Napoli. Sprint finale tra Massara (è in vantaggio) e D’Amico dell’Atalanta. Staccato Accardi, De Laurentiis deviderà a breve”.

Nela insiste: “Un mio amico mi ha detto che Sarri potrebbe tornare a Napoli”

Un clamoroso ritorno sulla panchina del Napoli. È quello che immagina Sebino Nela, ex calciatore che tra le altre ha vestito la maglia dei partenopei dal 1992 al 1994, intervistato sulle frequenze di Radio Kiss Kiss Napoli: “È una chiacchierata con un amico che lavora nel mondo del calcio. Parlando mi ha detto che Sarri potrebbe andare al Napoli, ma semplicemente questo, non c’è niente di concreto.Calzona? Se dovesse centrare la Champions è giusto che si pensi a una riconferma. Direttore sportivo? Se vuoi cambiare anche quello ok, però l’anno prossimo ci vogliono certezze”.

Pizzul: “Resto basito, così si mette in cattiva luce Juan Jesus che passa per visionario”

L’assoluzione di Francesco Acerbi, accusato di aver rivolto parole razziste a Juan Jesus nell’ultima Inter-Napoli, divide il mondo del calcio. Alla voce dei contro va una voce storica del calcio italiano come Bruno Pizzul: “Ero quasi sicuro che sarebbe stato squalificato, del resto ci sono dei precedenti in cui è bastato il sospetto. Invece l’interista se l’è cavato a buon mercato e sono basito, oltretutto l’assoluzione di Acerbi mette in cattiva luce Juan Jesus: ora passa per un visionario che si è inventato tutto, mi dispiace e non mi sembra giusto”.

Plastino: “La sentenza non mi sorprende, onore ai giocatori del Napoli che non hanno detto bugie”

Il giornalista Michele Plastino ha parlato del caso Acerbi-Juan Jesus ai microfoni di Radio Marte, nel corso di ‘Forza Napoli Sempre’: “La sentenza non mi ha sorpreso perché mancavano testimonianze e prove e quindi giuridicamente corretta. Una qualsiasi condanna deve avvenire di fronte a un fatto probatorio. Anzi, onore ai giocatori del Napoli che non hanno detto bugie ed avrebbero potuto farlo, avrebbero potuto dire abbiamo sentito. Dal punto di vista giuridico è ineccepibile. Non è possibile, giuridicamente, che si avvalorino le dichiarazioni di Juan Jesus solo perché fa parte del sistema. La legge deve tutelare l’equilibrio delle cose e la regola fondamentale è che la pena ci deve essere solo quando ci sono le prove”.

Atalanta – I bergamaschi preparano la gara col Napoli, rientrati 5 nazionali: il report

Prosegue al Centro Bortolotti la preparazione alla partita di sabato con il Napoli allo stadio Diego Armando Maradona per la 30ª giornata della Serie A TIM 2023-2024. Oggi mister Gasperini ha diretto un allenamento pomeridiano. Sono rientrati dai rispettivi impegni anche gli ultimi cinque nazionali: de Roon, El Bilal Touré, Lookman, Pašalic e Ruggeri. Domani, giovedì 28 marzo, è in programma un’altra seduta di lavoro al pomeriggio, sempre al Centro Bortolotti e a porte chiuse. (Sito Ufficiale Atalanta)

Lobotka: “Barcellona? Ora penso solo al Napoli, vedremo in estate”

Stanislav Lobotka, centrocampista del Napoli, ha rilasciato un’intervista alla tv slovacca RTVS: “Barcellona? Penso solo al Napoli, il mio pensiero è quello di tornare domani (oggi) per allenarmi. Sabato abbiamo una gara importante da giocare. Certo, è un piacere quando il tuo idolo d’infanzia (Xavi) ti loda per come giochi, mi dà energia per continuare a lavorare su me stesso. Vedremo cosa succederà in estate”.

Moggi: “Sul caso Acerbi c’è un problema di fondo: serviva alla Nazionale”

Luciano Moggi ha parlato della questione Acerbi-Juan Jesus su Radio Bianconera: “Sul caso Acerbi c’è un problema di fondo: serviva alla Nazionale. Quando un arbitro mette a referto che a Juan Jesus è stato dato del nero, succede che il Giudice Sportivo applica il regolamento. Invece qui è stato chiesto un supplemento d’indagine, ma chi lo chiede? Questo supplemento è una cosa innaturale, però questo passaggio è stato chiesto dalla Procura Federale, quindi da Gravina, il cui interesse è che la Nazionale vada bene. Secondo me, è anche giusto che sia così. Detto inter nos, l’Inter ha già vinto il campionato: non ha mica bisogno di Acerbi”.

Raimondo Marino: “Conte farebbe al caso del Napoli, è un allenatore che ha carattere”

Raimondo Marino, ex Napoli, ha rilasciato alcune dichiarazioni a “Azzurro 99″ a Campi Flegrei TV: “Acerbi? Secondo me se non ci sono delle prove schiaccianti, è giusto non condannare. In campo non è semplice poi essere lucidi. Conte è un allenatore carismatico, sono stato con lui a Lecce, praticamente posso dire di averlo cresciuto. Ha un carattere forte e determinato. Può essere l’uomo giusto per Napoli. Cambio modulo con lui? Dipende tutto dai giocatori che ha. Il Napoli per la cosa Champions può tornare in corsa prepotentemente se vince con l’Atalanta”

Fabio Cannavaro: “Avrei allenato questo Napoli anche gratis, è il mio sogno”

Fabio Cannavaro a “LEGENDS – Ci vediamo a Napoli”, dove ha parlato della possibilità di allenare il Napoli: “Avrei allenato questo Napoli anche gratis, é il sogno di tutti gli allenatori. Credo che non centri l’esperienza nell’assenza del mio nome tra i 50 candidati vagliati da De Laurentiis, per la panchina del Napoli per il dopo Garcia. Il problema del Napoli di quest’anno é che ha cambiato troppi tecnici e i giocatori hanno dovuto assimilare troppi concetti diversi tra loro. Ci sta che si vada in confusione. Con l’Atalanta é l’ultima occasione Champions. Le Cina? Tante persone non rispettano l’esperienza che ho fatto in Cina. Ma io sono un allenatore e voglio allenare. Ancora oggi dopo due anni dal mio rientro in Italia continuo a studiare ed aggiornarmi perché so che questo é quello che voglio fare”.

Avv. Chiacchio: “Credo alla buone fede di Juan Jesus, ma la decisione è giusta”

Eduardo Chiacchio, avvocato, ha detto la sua sulla sentenza del caso Acerbi-Juan Jesus ai microfoni di Sportitalia: “Io credo alla buona fede di Juan Jesus. Lo crede anche il Giudice che fa un passaggio preciso e infatti avrebbe dovuto prendere provvedimenti anche nei suoi confronti. La decisione è ineccepibile, in giustizia sportiva basta un indizio appena superiore alla media probabilità e in questo caso purtroppo non si è giunti neppure all’indizio serio e concordante che poteva portare a una condanna. Video, audio, testimonianza: è mancato tutto”.

Sosa: “Ho sentito Juan Jesus, sta male, non voleva creare un polverone”

Roberto ‘El Pampa’ Sosa, ex attaccante del Napoli, ha parlato a Tv Play del caso Acerbi-Juan Jesus: “Juan Jesus sta male. Non dovrei dirlo, ma ho avuto l’opportunità di scambiare dei messaggi con lui, sta male perchè è un ragazzo così buono che non voleva creare tutto questo polverone, voleva che restasse tutto in campo, voleva perfino tutelare Acerbi e l’Inter”.

Napoli, filtra un cauto ottimismo sulle condizioni di Kvara in vista dell’Atalanta

Arrivano nuovi aggiornamenti sulle condizioni dell’azzurro Khvicha Kvaratskhelia. Secondo quanto riferito da Sky Sport, infatti, si tratta di un problema all’inguine della coscia sinistra. Rientrerà domani in Italia e solo a quel punto verrà visitato dallo staff medico, filtra però un cauto ottimismo in vista del campionato contro l’Atalanta.

Georgia, Kvaratskhelia dopo la qualificazione ad Euro 2024: “Siamo felicissimi, non ho mai provato un’emozione simile, ringrazio i tifosi”

L’azzurro Khvicha Kvaratskhelia, dopo la vittoria ai rigori contro la Grecia e la qualificazione della sua Georgia ad Euro 2024, ha rilasciato acuni commenti ai media locali: “Siamo felicissimi. Non ho mai provato un’emozione simile in vita mia e ringrazio i tifosi georgiani. Ho giocato in tanti stadi e non ho mai visto un tifo simile da nessuna parte. I tifosi sono stati uno dei fattori più importanti grazie al quale abbiamo vinto. Sì, aspetto un bambino! Avrei voluto segnare un gol per festeggiare e mettermi la palla sotto la maglietta, ma non ci sono riuscito”.

Napoli-Atalanta, arbitra Pairetto con Valeri al Var: la sestina completa

Sarà Luca Pairetto l’arbitro di Napoli-Atalanta di sabato al Maradona con Valeri al Var. Gualtieri sarà il quarto uomo. Ecco la sestina completa: PAIRETTO; COLAROSSI – GARZELLI; IV: GUALTIERI; VAR: VALERI; AVAR: DI BELLO

Osimhen torna in gruppo: allenamento completo con Calzona e 3 nazionali rientrati

Napoli in campo questo pomeriggio sotto la pioggia. La squadra ha lavorato sul campo 2 dove ha iniziato la sessione con attivazione e seduta finalizzata al possesso palla. Successivamente il gruppo è stato impegnato in lavoro tecnico tattico e partitina finale. Osimhen si è allenato in gruppo. Lobotka, Cajuste e Zielinski sono rientrati dagli impegni con le Nazionali e hanno svolto lavoro di scarico. Piacevole e gradita visita oggi all’SSCN Konami Training Center di Fabio Fognini che ha salutato mister Calzona e i calciatori azzurri.

Caso Acerbi – Juan Jesus, le parole di Sosa

Così ‘El Pampa’ Sosa a Tv Play: “Juan Jesus sta male. Non dovrei dirlo, ma ho avuto l’opportunità di scambiare dei messaggi con lui, sta male perchè è un ragazzo così buono che non voleva creare tutto questo polverone, voleva che restasse tutto in campo, voleva perfino tutelare Acerbi e l’Inter”

Avv. Chiacchio: “Credo nella buona fede di Juan Jesus”

A Sportitalia è intervenuto l’avv. Chiacchio. Sul caso Acerbi ha dichiarato: “Io credo alla buona fede di Juan Jesus. Lo crede anche il Giudice che fa un passaggio preciso e infatti avrebbe dovuto prendere provvedimenti anche nei suoi confronti. La decisione è ineccepibile, in giustizia sportiva basta un indizio appena superiore alla media probabilità e in questo caso purtroppo non si è giunti neppure all’indizio serio e concordante che poteva portare a una condanna. Video, audio, testimonianza: è mancato tutto”

Avvocato Lubrano: “Caso Acerbi, violati art. 4 e 39: Juan Jesus può fare appello”

A Radio Crc è intervenuto l’avvocato Lubrano, esperto di diritto sportivo e in passato consulente legale per la Ssc Napoli“. Questo un estratto delle sue dichiarazioni: ”Caso Acerbi-Juan Jesus? Non posso analizzare in maniera critica la decisione del giudice perchè non ho i documenti a disposizione. La decisione è appellabile, ma non posso dire l’eventuale consistenza giuridica dell’appello. In aggiunta, si potrebbe fare un esposto per violazione di articoli 4 e 39 perchè è inaccettabile e lo dico da cittadino e avvocato, che sia stato pacificamente accertato che ci siano state delle offese in un contesto pubblico e che queste offese restino impunite. Potrebbero anche non rilevare la condotta discriminatoria, ma devono rilevare che queste offese siano gravemente antisportive e su questo farei un esposto alla procura federale. La condotta è stata valutata solo dal punto di vista dell’art. 39 e potrebbe invece essere valutata dal punto di vista degli articoli 4 e 39. Ci sono le prove di una condotta offensiva e lesiva e quindi gravemente antisportiva”. 

Napoli, rientra Calzona e prepara il match dello stadio Maradona contro l’Atalanta

Terminato l’impegno con la Slovacchia, Francesco Calzona tornerà oggi a Napoli per preparare la sfida di sabato con l’Atalanta al Maradona. Un incrocio pesante con vista Europa. Il tecnico dalle origini calabresi, che ha seguito gli allenamenti dei partenopei anche a distanza col supporto di un drone, ritroverà pure Juan Jesus dopo la sentenza del Giudice Sportivo.(Riporta Sport Mediaet)

 Acerbi assolto per mancanza di prove, CorSera: “Sentenza in contrasto col precedente del 2021”

Gianluca Abate, Caporedattore del Corriere della Sera, commenta su X la sentenza di assoluzione di Acerbi, che scagiona il difensore dell’Inter dalle accuse di offese razziste a Juan Jesus per mancanza di prove: “Decisione tra l’altro in contrasto con una precedente (Claudio Santini, Padova, 2021): in quel caso fu sufficiente la testimonianza della persona offesa…”.

Flash News del 26 Marzo 2024

La moglie di Acerbi: “Ora sciacquatevi la bocca!”

Francesco Acerbi è stato assolto dal Giudice Sportivo. Arrivata l’ufficialitàClaudia Scarpari, moglie del difensore dell’Inter, si sfoga attraverso Instagram: “Cin cin. A chi insulta i familiari. A chi minaccia la vita dei figli. Ai leoni da tastiera. A chi ha sommerso di insulti me e i miei figli per giorni interi, cin cin. Ne avete bisogno”. Poi il commento: “Ora sciacquatevi la bocca!”.

Acerbi assolto, Anguissa attonito: l’emoticon sui social dell’azzurro

Oltre al comunicato ufficiale del Napoli, arrivano altre reazioni dal club azzurro, come quella del centrocampista Frank Zambo Anguissa. Il calciatore, infatti, per commentare l’assoluzione di Acerbi dalle accuse di insulti razzisti nei confronti del compagno di squadra Juan Jesus, ha usato un messaggio social estremamente sintetico, ma allo stesso tempo eloquente: un emoticon con una faccia perplessa…

Il Napoli si complimenta con Kvara e la Georgia: “Congratulazioni per la prima storica qualificazione a Euro 2024”

“Congratulazioni a Khvicha e alla Georgia per la prima storica qualificazione a EURO2024”, scrive su X la SSC Napoli per complimentarsi con l’attaccante azzurro e la sua Nazionale dopo la vittoria contro la Grecia.

Napoli, no all’Atalanta per Folorunsho: gli azzurri punteranno su di lui

Il Napoli non ha nessuna intenzione di cedere Michael Folorunsho in estate. Al rientro dal prestito dall’Hellas Verona, il club partenopeo vorrebbe costruire il nuovo progetto su di lui rispondendo così alle richieste dell’Atalanta come riportato da Calciomercato.com. 

Kvara svolgerà gli esami nelle prossime ore, tempi di recupero da stabilire

Arrivano alcuni aggiornamenti circa le condizioni ed i tempi di recupero dell’azzurro Kvaratskhelia dopo l’infortunio muscolare subìto in Georgia-Grecia. Dalla Georgia, infatti, fanno sapere che Kvara svolgerà nelle prossime ore gli esami di rito per capire qualcosa in più sulle sue condizioni e sull’entità dell’infortunio.

Impallomeni: “Fiorentina o Napoli per Sarri, Acerbi? Sentenza sorprendente”

Stefano Impallomeni, ex calciatore, ha rilasciato alcune dichiarazioni a “Maracanà”, trasmissione in onda su Tuttomercatoweb Radio: “Panchine bollenti in Serie A, quale rebus si può risolvere in maniera più chiara e rapida? Io vedrei due piazze per Sarri. Firenze e Napoli. Acerbi assolto dalle accuse di razzismo nei confronti di Juan Jesus? C’è la sentenza, è stato assolto, quindi ora potrebbe anche tornare in Nazionale. E’ una sentenza sorprendente, positiva per Acerbi ma si pensava ad una maxi-stangata. Così non è stato e siamo contenti per Acerbi”.

De Giovanni furioso: “Dite pure i peggiori insulti, basta che non ci siano prove”

La sentenza sul caso Acerbi-Juan Jesus continua a far discutere. Anche lo scrittore Maurizio De Giovanni ha detto la sua in un lungo post sul proprio profilo Facebook: “Mettete la manina davanti alla bocca. State attenti che non si veda il labiale; poi dite pure le peggiori infamie, gli insulti più vigliacchi e disgustosi. Dite quello che il vostro lurido intestino produce, quello che non avrete mai il coraggio di pronunciare. Tanto poi potrete rimangiarvelo, fingendo di essere santi, poeti e navigatori senza macchia. L’importante è che non ci siano prove. Solo una manina davanti alla boccuccia dolce. E poi potrete essere tranquillamente il nulla che siete”.

Napoli, Osimhen in parte in gruppo, lavoro di recupero per Meret, Di Lorenzo e Raspadori

Il Napoli si è allenato questo pomeriggio all’SSCN Konami Training Center. Il sito ufficiale del Napoli riporta che gli azzurri preparano il match contro l’Atalanta in programma sabato alle ore 12.30 per la trentesima giornata di Serie A. La squadra ha lavorato sul campo 1 iniziando la sessione con attivazione e lavoro di forza. Successivamente il gruppo è stato impegnato in esercitazione tecnica e partitina a campo ridotto. Osimhen ha svolto metà della seduta in gruppo e metà personalizzato in campo. Meret, Di Lorenzo e Raspadori sono rientrati dagli impegni con la Nazionale e hanno svolto lavoro personalizzato di recupero.

Avv. Afeltra: “Acerbi? Le parole di Juan Jesus non erano sufficienti per la condanna”

Roberto Afeltra, avvocato, ha rilasciato alcune dichiarazioni a “Maracanà”, trasmissione in onda su Tuttomercatoweb Radio: “Acerbi assolto? La motivazione è molto lunga perché è una situazione molto difficile. Era molto semplice però nella sua decisione. Se il Giudice Sportivo ha ritenuto di dover avere l’approfondimento della Procura Federale vuol dire che le sole parole di Juan Jesus non erano sufficienti per una condanna. Ha avuto il referto di arbitro, guardialinee, ispettori federali, prove audio e video oltre ai colloqui Var. Siccome l’indizio probatorio non è pervenuto non vuol dire che Juan Jesus ha mentito, ma quello che ha detto non assurge a indizio. Questo è l’ennesimo elemento per cui si dovrebbe evitare di fare condanne prima delle sentenze. Quantomeno si dovrebbero conoscere le norme e cercare di applicarle”.

Camerun, l’ex ct Conceicao su Anguissa

A Radio Goal è intervenuto Toni Conceicao. Su Anguissa ha rivelato: “Mi ha raccontato che Garcia non era entrato in sintonia con i calciatori del Napoli, per le metodologie di lavoro diverse rispetto a quelle di Spalletti. La stagione sotto tono di Anguissa non è riconducibile al singolo giocatore, ma comprende tutta la squadra e l’allenatore. Il problema principale del Napoli secondo me è stato proprio Rudi Garcia, che non è entrato in sintonia con i nuovi calciatori, ha avuto poca empatia”.

Clamoroso Acerbi: può ricevere squalifica minima per “condotta antisportiva” e non razzismo

Scrive il Corriere dello Sport, “Acerbi avrebbe ammesso di aver detto solo ”Ti faccio nero”. E su questa base si starebbe formulando una possibile sanzione che lascia perplessi – e non solo – diverse realtà. Ovvero, che l’espressione rientri nel comportamento antisportivo, magari con l’aggravante, per arrivare dalle due giornate previste dal Codice di Giustizia Sportiva a tre, massimo quattro turni. Insomma, l’accusa iniziale di comportamento discriminatorio verrebbe derubricata a Condotta gravemente antisportiva”.

Testoni: “L’Atalanta perde tanto senza Koopmeiners e De Ketelaere”

Edoardo Testoni, giornalista di Dazn, è intervenuto nel corso di Radio Goal su Kiss Kiss Napoli: “Senza Koopmeiners e De Ketelaere? È un’Atalanta che cambia conformazione, perché perde entrambi i suoi giocatori che hanno il colpo fuori dagli schemi. È vero che comunque hanno tanti attaccanti, ad esempio c’è Lookman che è un finalizzatore. Però il concetto di circolazione palla è la chiave. Andare velocemente da Kvaratskhelia lasciandogli l’uno contro uno sarà fondamentale”

“Ti faccio nero”: la frase che Acerbi ha confermato alla Procura rischia di essere un pericoloso precedente

Se la frase presunta di Francesco Acerbi, difensore dell’Inter, fosse punita come antisportiva – ovvero il  «ti faccio nero» riferito alla Procura -, visto quello che vola in campo, sarebbe un pericoloso precedente, scrive il Corriere dello Sport oggi in edicola, che ricadrebbe anche sugli arbitri. Oggi sapremo la verità, il verdetto dovrebbe arrivare prima di pranzo.  

Acerbi non si allena con l’Inter, è a casa in attesa della sentenza della Procura

Francesco Acerbi non non si sta allenando con l’Inter. Infatti, il difensore non ha preso parte alla seduta odierna con i nerazzurri, ma si trova a casa sua in attesa della sentenza del Giudice Sportivo per l’episodio di razzismo con Juan Jesus. La decisione ufficiale dovrebbe arrivare a breve. Lo riporta Sky Sport.

Occhio al Giallo – Napoli, quattro diffidati

Gli azzurri Pasquale Mazzocchi, Cyril Ngonge, Amir Rrahmani e Stanislav Lobotka sono diffidati e dunque in caso di cartellino giallo nella partita casalinga contro l’Atalanta in programma sabato 30 marzo alle ore 12:30, salterebbe la successiva sfida in trasferta contro il Monza in programma domenica 7 aprile alle ore 15.

Diversi appuntamenti per quanto riguarda il calcio in TV oggi

Proseguono ancora gli appuntamenti dedicati alle Nazionali, con la sfida amichevole tra la Norvegia di Haaland e la Slovacchia di Calzona che sarà trasmessa anche in chiaro. Scende in campo pure l’Italia U21 contro i pari età della Turchia (diretta su Rai 2) ma in ordine cronologico il programma è inaugurato da Triestina – Alessandria, di Serie C.

16.15 Triestina – Alessandria (Serie C) – SKY SPORT CALCIO e SKY SPORT (canale 251)
18.15 Italia – Turchia Under 21 (Qualificazioni Europei) – RAI 2
19.00 Norvegia – Slovacchia (Amichevole) – CIELO e SKY SPORT UNO
20.45 Diretta Gol Spareggi Europei – SKY SPORT CALCIO
20.45 Inghilterra – Belgio (Amichevole) – SKY SPORT (canale 251)
21.30 Spagna – Brasile (Amichevole) – 20 e SKY SPORT UNO

Bologna – Thiago Motta: “Spalletti è un grande allenatore, l’ha dimostrato portando il Napoli a vincere uno Scudetto straordinario”

Bologna – Thiago Motta: “Spalletti è un grande allenatore, l’ha dimostrato portando il Napoli a vincere uno Scudetto straordinario”
A margine del Gran Galà dello Sport a Castiglion Fiorentino, Thiago Motta ha parlato di Zirkzee e Nazionale. “Joshua disponibile con la Salernitana? Può essere, non lo so ancora. Sta recuperando molto bene, ha avuto questo piccolo infortunio: è un ragazzo giovane, forte fisicamente e con grande mentalità. Vedremo, se ci sarà bene altrimenti giocherà qualcun altro”. “Spalletti è un grandissimo allenatore, l’ha dimostrato negli anni e anche portando il Napoli a vincere uno Scudetto straordinario – ha continuato parlando poi dell’Italia in vista di Euro 2024 -. La Nazionale è forte, farà un grandissimo europeo”.

Flash News del 25 Marzo 2024

Palombo: “Sono stato vicino al Napoli, Accardi? Potrebbe fare bene in azzurro”

Angelo Palombo, ex centrocampista della Sampdoria, è intervenuto su TvPlay: “Io vicino al Napoli? Sì una volta sono stato ad un passo dal vestire la maglia azzurra. Poi ho scelto di sposare la Sampdoria. Comunque non solo il Napoli, ho avuto anche altre possibilità ma ho sempre scelto di rimanere a Genova. Accardi? Fare il direttore sportivo di una società di A non è facile, anche in piazze come Empoli con poche pressioni. Lui è un ragazzo molto serio e paziente. Capisce davvero di calcio. Lui al Napoli? Piazza bella tosta ma penso che potrebbe fare benissimo.

Soldati, Udinese: “Samardzic? Qualche malinteso, ma col Napoli siamo in ottimi rapporti”

Franco Soldati, presidente dell’Udinese, a Radio Kiss Kiss Napoli è voluto tornare su quanto accaduto in inverno circa il mancato passaggio in azzurro di Lazar Samardzic: “Fra Udinese e Napoli c’è un ottimo rapporto. I dirigenti si parlano spesso, specialmente Pozzo e De Laurentiis. Sull’affare Samardzic c’è stato qualche malinteso, ma non riguardo le società come accadde con l’Inter. Per quanto riguarda Pafundi, ormai sta diventando l’oggetto dei desideri di tante squadre”.

Del Genio: “Occhio a sparare a zero su Lindstrom e Natan. Ricordate Lobotka all’inizio?”

Paolo Del Genio ai microfoni di Telecapri: “Non sparate sentenze definitive su Lindstrom o su Natan, sento molti dire che sono da Serie B e da Serie C. Attenti che poi dopo dovete fare le capriole se succede come con Lobotka”. Su Di Lorenzo: “Siete sicuri che il suo problema sia il riposo? Pensate che tenerlo una/due partite in panchina sia la soluzione? O forse deve ritrovare una squadra che giochi bene? Io opto per la seconda”.

Graziani: “ADL intervenga: le voci sul nuovo allenatore destabilizzano l’ambiente!”

Nel corso di A Tutto Napoli su Tele A, Ciccio Graziani ha parlato della situazione del Napoli: “Intorno all’ambiente del Napoli serve più serenità: Calzona sarà il nostro allenatore fino alla fine dell’anno, poi si vedrà. Ora bisogna concentrarsi sulla qualificazione in Champions. Secondo me la società dovrebbe fare un comunicato, o il presidente dovrebbe parlare. Calzona lo sa che se fa bene rimane altrimenti no. Gasperini o altri nomi vengono buttati lì, sono frutto di fantasia. Questo destabilizza l’ambiente”.

UDINESE – Soldati: “Samardzic? Ottimo rapporto con il Napoli”

Franco Soldati, presidente dell’Udinese, ha rilasciato alcune dichiarazioni a “Radio Goal” su Kiss Kiss Napoli: “Samardzic? Fra Napoli e Udinese c’è un ottimo rapporto e si parlano spesso i dirigenti, soprattutto Pozzo e De Laurentiis. C’è stato qualche piccolo malinteso, ma non riguarda le società come accadde con l’Inter. Pafundi? Sta diventando l’oggetto del desiderio di tante squadre, lo vogliono tutti”.

Georgia – Kvaratskhelia: “Fisicamente sto bene, vogliamo vincere e qualificarci agli Europei”

Khvicha Kvaratskhelia, attaccante del Napoli, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai media georgiani prima del match valido per la finale playoff di qualificazione ad Euro 2024 tra la sua Georgia e la Grecia: “C’è grande attesa per questa gara contro la Grecia. Sappiamo tutti quanto sia importante, c’è grande responsabilità da parte nostra. Andremo in campo concentrati dando tutto quello che abbiamo per raggiungere l’obiettivo. Fisicamente sto bene, aiuterò la squadra e farò del mio meglio affinché possa arrivare la vittoria. Conosciamo la Grecia, sono una nazionale forte. L’abbiamo studiata nel dettaglio. Rispettiamo molto il nostro avversario anche se non può fare piacere a nessuno giocare davanti al nostro pubblico che ci spingerà. Gol? Non importa in questo momento chi possa segnare. Un nome vale l’altro onestamente. Quello che conta è vincere”.

Atalanta – Distrazione all’adduttore per De Ketelaere, in dubbio contro il Napoli

E’ arrivata la diagnosi per Charles De Ketelaere, a disposizione da oggi dell’Atalanta dopo il rientro anticipato dal ritiro del Belgio dopo l’infortunio accusato venerdì scorso alla vigilia dell’amichevole in Irlanda. Confermata la diagnosi dello staff medico della Nazionale belga: l’attaccante soffre di postumi distrattivi all’adduttore lungo sinistro. Il calciatore, attualmente sotto terapie, verrà monitorato giornalmente e i tempi di recupero dipenderanno dalla sua evoluzione clinica. Resta comunque in fortissimo dubbio la sua presenza sabato 30 marzo in casa del Napoli alla ripresa del campionato.

Denis: “La Champions? Tante squadre forti, ma per il Napoli nulla è impossibile”

German Denis a ‘Radio Goal’ su Radio Kiss Kiss Napoli: “Nel calcio non si sa mai cosa può succedere, per questo il Napoli può giocarsi la qualificazione alla prossima Champions League sicuramente, ma davanti ci sono squadre forti come Roma e Atalanta. Secondo me l’importante per il Napoli è non lasciare punti per strada, bisogna vincere le partite importanti. Napoli-Atalanta la tua partita? Sì, sicuramente. Con Calzona abbiamo visto qualche buon concetto suo, ha dato un’impronta al Napoli. Ma l’Atalanta di Gasperini è sempre una squadra che si fa fatica ad affrontare perché tiene l’uno contro uno a tutto campo e quand’è in forma, come adesso, è ancora più complicato”.

Prandelli svela: “Fui vicino al Napoli! Avrei accettato, ma ero in parola con la Nazionale”

Prandelli è intervenuto nel corso di ‘Radio Goal’, Kiss Napoli: “Il presidente Aurelio De Laurentiis mi ha sempre stimato, ha anche pressato parecchio, ma diedi parola alla Nazionale e non potevo rimangiarmela. Ero sempre stimato, Napoli è una piazza strepitosa, ma avevo stretto la mano al presidente federale. Per me mantenere la parola è fondamentale per vivere sereno. Se non avessi stretto quella mano avrei sicuramente scelto Napoli”.

Alle 19 la Svezia in campo in amichevole con l’Albania: risparmiato Cajuste

Dopo aver giocato da titolare la prima amichevole contro il Portogallo, oggi Jens Cajuste partirà dalla panchina nel secondo ed ultimo test di questa pausa per le nazionali. La Svezia ha reso nota la formazione scelta dal commissario tecnito John Dahl Tomasson per sfidare l’Albania e il centrocampista del Napoli non è nell’undici titolare.

Atalanta – Il report dell’allenamento in vista del Napoli: rientrati cinque nazionali

Nerazzurri di nuovo al lavoro questo pomeriggio al Centro Bortolotti di Zingonia per cominciare a preparare la partita di Napoli, in programma sabato 30 marzo allo stadio Diego Armando Maradona. Riporta il sito ufficiale dell’Atalanta che sono rientrati dai rispettivi impegni con le nazionali Carnesecchi, Scalvini, De Ketelaere, Kolašinac e Miranchuk. Domani, martedì 26 marzo, la squadra si allenerà ancora al pomeriggio, sempre al Centro Bortolotti e a porte chiuse.

Romano su Traore: “Nessuna decisione presa sul riscatto, cruciale anche il nuovo tecnico”

“Il Napoli si prende ancora del tempo per decidere come procedere con il diritto di riscatto di Hamed Traoré dal Bournemouth”. Lo scrive su X l’esperto di mercato Fabrizio Romano, che spiega come “anche la situazione dell’allenatore sarà cruciale per prendere la decisione finale o provare a negoziare tra i club” col Napoli che verosimilmente chiederà uno sconto nel caso in cui dovesse pensare al riscatto. Ricordiamo che la cifra concordata a gennaio per il riscatto è di 25 milioni di euro.

Iannicelli: credibilità di ADL sul progetto stadio pari a zero

Il giornalista Peppe Iannicelli risponde al collega Chiariello sul dibattito “Stadio” dicendo che un discorso fondato sul nulla. De Laurentiis è stato straordinario prima nel cinema e poi da presidente del Napoli in quanto, vincere uno scudetto, è una vera e propria impresa, ma fatto sta che non ha investito nulla in infrastrutture. A Madrid Florentino Perez gli spiegava il progetto Bernabeu e poi lui andava in tv a dire che Manfredi dove dargli lo stadio nuovo in 120 giorni. Ormai sul discorso stadio, De Laurentiis ha perso credibilità. Farebbe bene a lavorare in silenzio e sotto traccia.

Futsal – Napoli campione della Coppa Italia, premiazione mercoledì a Palazzo San Giacomo con il Sindaco Manfredi e l’Assessora Ferrante

Mercoledì 27 marzo, alle ore 15,30, nella Sala Giunta di Palazzo San Giacomo, il Sindaco Gaetano Manfredi e l’Assessora allo Sport Emanuela Ferrante premieranno la Società Napoli Futsal che, domenica scorsa, ha vinto la Coppa Italia di serie A di Futsal. Saranno presenti i dirigenti, l’allenatore ed i giocatori che saranno premiati con una targa e le medaglie della città di Napoli.

Napoli-Atalanta: il punto sui tagliandi

Il Napoli potrà contare sulla spinta del Maradona per il match-Champions contro l’Atalanta. Prosegue a grande ritmo la vendita libera per la sfida del 30 Marzo 2024 ore 12:30. Buoni i riscontri nelle prime ore di vendita libera: esaurite le Curve superiori ed i Distinti, restano poche migliaia di biglietti anche delle Curve inferiori e delle Tribune.

Norvegia-Slovacchia, Calzona: “Ho incontrato Ostigard, mi ha detto “Vi facciamo tre gol e vi rispediamo a casa”

Francesco Calzona, commissario tecnico della Slovacchia, alla vigilia del match contro la Norvegia, ha raccontato un siparietto che l’ha visto protagonista insieme a Leo Skiri Ostigard, calciatore norvegese che milita nel suo Napoli: “L’ho incontrato all’aeroporto, mi ha detto ‘Vi facciamo tre gol e vi rispediamo a casa’ (ride, ndr). Leo è un buonissimo giocatore e un bravissimo ragazzo. Haaland? Parliamo di un grande giocatore, nutriamo il massimo rispetto verso di lui. Mi è sempre piaciuto, già prima che esplodesse in questo modo. Si tratta di un giocatore che chiunque allenatore vorrebbe avere alle sue dipendenze. Ma affronteremo la Norvegia come squadra, non credo molto ai duelli individuali”.

Napoli, seduta pomeridiana, lavoro personalizzato in campo per Osimhen

Dopo la sosta di campionato per gli impegni delle Nazionali, il Napoli ha ripreso oggi nel pomeriggio gli allenamenti all’SSCN Konami Training Center. Gli azzurri preparano il match contro l’Atalanta in programma sabato alle ore 12.30 per la trentesima giornata di Serie A. La squadra ha lavorato sul campo 3 iniziando la sessione con attivazione tecnica. Successivamente il gruppo ha svolto lavoro aerobico e partitina a campo ridotto. Osimhen ha svolto lavoro personalizzato in campo.

Italia – Azzurri rientrati dagli Stati Uniti

Conclusa la tournee statunitense che ha visto le vittorie contro Venezuela ed Ecuador, la Nazionale di calcio è rientrata In Italia da New York. Dopo un primo scalo, poco dopo le 10.20, del volo charter di Ita Airways a Milano Malpensa, dove è sbarcato il primo e più folto gruppo di azzurri, l’aeromobile è ripartito alla volta dell’aeroporto di Fiumicino dove è atterrato alle 12.31: qui sono scesi gli altri azzurri ed il resto della delegazione con il presidente federale Gabriele Gravina. Al Terminal 5, area decentrata rispetto alle aerostazioni con passeggeri, sono sfilati Lorenzo Pellegrini, Gianluca Mancini, Mattia Zaccagni, Alex Meret, Giacomo Raspadori, Nicolò Zaniolo e Giovanni Di Lorenzo. Quindi, il ‘rompete le righe’ ed, alle 12.50, hanno lasciato lo scalo romano a bordo di vetture.

A Radio Crc nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” è intervenuto Vincenzo Morabito, agente sportivo ed ex intermediario di Koopmeiners

“La situazione del Napoli la sento molto simile a tante altre. Il Milan non si sa se confermerà Pioli, c’è un pò di maretta nella società, la stessa Roma che non ha preso ancora il direttore, anche la Juve è in fase di cambiamento. Pioli ha fatto talmente bene a Milano che non capisco perché metterlo in discussione, l’allenatore e nuovo comporta un mercato diverso ma c’è questa smania di cambiare. Il Napoli deve cercare di finire al meglio questa stagione e centrare l’Europa.  Koopmeiners è stato vicinissimo al Napoli, ma alla fine non lo prese perchè dovevano andare via calciatori come Fabian Ruiz che poi ritardò la cessione e Giuntoli disperato cercava di temporeggiare

A Radio Crc nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” è intervenuto Giampiero Ventura, allenatore

“Spalletti sta facendo delle verifiche, questo modulo non sarà quello definitivo, ma sta cercando di sfruttare le caratteristiche dei giocatori. Per far giocare Di Marco è chiaro che devi giocare a 3 o a 5, se devi sfruttare Bellanova idem per cui credo voglia cavalcare un pò le qualità di chi ha. Anche Zaniolo che Spalletti vede molto proverà a metterlo nella condizione ideale. Il ct non ha tanto tempo per allenare per cui nelle amichevoli sta sperimentando e capendo anche la disponibilità dei calciatori. 

A Radio Crc nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” è intervenuta Nina Mamukadze, giornalista georgiana

“La Georgia ha giocato la semifinale contro il Lussemburgo e domani sarà una grande giornata per la realtà calcistica georgiana ed è già tutto sold out. Potrebbe essere la prima storica qualificazione all’Europeo per cui si tratta di una gara speciale. Ho visto tanta grinta da parte di Kavaskhelia e credo che gran merito lo abbia il Napoli che si è ripreso. Tutti i calciatori georgiani sono molto concentrati, la gara lo richiede. In attacco nella Georgia sono in 2 quindi credo che giocherà in attacco.

Tutte le notizie di Terzotemponapoli su Google News

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui