Fonte foto: www.bresciaoggi.it

Ha parlato anche del Napoli Alessandro Budel, ex calciatore del Cagliari e attualmente commentatore Dazn, su 1 Station Radio nel corso della trasmissione ‘1 Football Club’. Di seguito le sue dichiarazioni: In Europa League

Sporting-Atalanta potrebbe essere una delle sfide più interessanti, così come Roma-Brighton?


“Sono d’accordo, lo Sporting è una squadra di qualità che può mettere in difficoltà l’Atalanta. I bergamaschi, però, attraversano un ottimo periodo di forma. È un impegno difficile ma che arriva nel momento migliore per la squadra di Gasperini. Il Brighton, invece, è un avversario difficile. La mano di De Rossi si fa vedere e la squadra crede nel suo tecnico. Dunque, i giallorossi si giocheranno le proprie carte, anche se l’impego dei capitolini credo sia più complicato”.

Atalanta e Roma


Atalanta e Roma lottano ancora per un posto in Champions, mentre il Milan potrà concentrarsi sull’Europa. I club di Serie A, dunque, rischiano di disperdere energie in campionato. Da questo punto di vista, pensa che le avversarie delle italiane possano dirsi avvantaggiate?


“Da questo punto di vista possono dirsi avvantaggiate, anche se molto dipende da come si arriva a certe sfide. L’Atalanta arriva nelle giuste condizioni, anche dal punto di vista mentale. L’Europa League è una competizione impegnativa”.

Aspettando Cagliari-Napoli


Per il Napoli si prospetta una sfida tutt’altro che semplice contro il Cagliari…


“C’è da dire che, quando vai giocare a Cagliari, è sempre una partita complicata. Contro il Napoli, poi, sarà una sfida molto sentita. Per la squadra di Ranieri quelle che rimangono sono tutte finali. A livello di rosa il Napoli è sicuramente superiore, con l’arrivo di Calzona è dunque chiamato a dare una dimostrazione di forza. Recuperare il terreno perduto in campionato deve essere l’obiettivo principale”


Crede che Ranieri possa resistere o cominciano a sorgere dei malumori intorno al tecnico rossoblù?


“Ranieri diede anche delle dimissioni, anche se lo spogliatoio si è opposto. Avere i calciatori alla propria parte è un merito di Ranieri. Ciò detto, anche se le cose dovessero andare male, cambiare non avrebbe senso. Il mister ha la squadra in pugno e deve crederci fino alla fine”.

Calzona


Calzona avrà la possibilità di dare la propria impronta o dovrà limitarsi a limitare i danni?


“A mio avviso, ha tempo per incidere e fare qualcosa di importante. Viene anche da uno staff importante, come quello di Sarri. Dunque, ha tutte le possibilità per poter incidere sul prosieguo di stagione”.

Kvara


Come valuta la scelta di Calzona di sostituire Kvaratskhelia, durante la sfida contro il Barcellona? 


“Da una parte credo che faccia bene anche a Kvara un tecnico che lo prenda di petto. Se pensi sempre che la squadra non possa fare a meno di te rischi di risentirne anche nelle prestazioni, con pressioni che divengono eccessive. Kvara, però, deve resettare, dimenticarsi della scorsa stagione. È un giocatore che fa la differenza ma, oggi, va fatto un lavoro che incida sull’aspetto mentale del talento georgiano”


Kvaratskhelia è chiamato a garantire continuità e capacità di guidare la squadra?


“Se penso ad alcuni grandi campioni, quelli che hanno fatto la differenza come Nedved, mi viene in mente la grande continuità e la capacità di applicarsi per la squadra. È questa la crescita che deve fare il georgiano: capire i momenti e, quando non riesce a fare la differenza, cercare di aiutare la squadra. Tecnicamente, è un giocatore dal potenziale notevole”

Il fine settimana di Budel


Che partita seguirà questo weekend?


“Stasera seguirò Bologna-Verona e poi commenterò Fiorentina-Lazio”.

Tutte le notizie di Terzotemponapoli su Google News

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui