Jacobelli

A Radio CRC, nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete”, è intervenuto Xavier Jacobelli, giornalista, per parlare delle critiche che il Napoli ha ricevuto dopo la sconfitta casalinga contro la Lazio. Queste le sue parole:

Jacobelli sul comunicato del Napoli riferito a Kvaratskhelia

“Il comunicato del Napoli su Kvaratskhelia? Solitamente si dice che le smentite confermino una notizia data. – afferma Jacobelli – Questa trattativa per rinnovare il contratto si concluderà al meglio per Kvaratskhelia e per il Napoli. Credo che la somma del suo stipendio sia destinata ad essere moltiplicata. Ha grande smania in corpo per fare ancora meglio. Quando parliamo di un giocatore come Kvaratskhelia non dobbiamo sorprenderci che sia al centro dell’interesse di grandi club. La durata dello stesso contratto è una garanzia per il Napoli, ma in questo momento non penso sia la questione da affrontare con maggiore urgenza. Certo che che prima questi capitoli vengono chiusi con la soddisfazione di entrambe le parti, meglio è per tutti. 

La Lazio ha vinto meritatamente contro i campioni d’Italia

La Lazio ha vinto meritatamente contro i campioni d’Italia e la sosta servirà per capire dove la squadra ha sbagliato e come ripartire. Possiamo parlare ad oltranza del primo e del secondo tempo, ma il Napoli è stato sconfitto. -prosegue Jacobelli – Perché Lobotka non è più al centro del gioco del Napoli e riceve un numero minore di palloni rispetto alla stagione coronata col tricolore? Quando parte un difensore del calibro di Kim e chi arriva non si è ancora inserito nei meccanismi del Napoli, vuol dire che c’è un problema da risolvere. Ci vuole equilibrio, non si può ribaltare il giudizio sul Napoli dopo tre giornate, alla prima sconfitta. Ho sentito critiche ingenerose, frettolose e superficiali per una squadra come il Napoli sulla quale il giudizio non può non essere positivo. Mancano 35 giornate alla fine, ci sono 105 punti a disposizione.

Su Inter e Milan

Inter e Milan? Hanno lavorato molto bene sul mercato operando un radicale cambiamento. Hanno fatto un salto in avanti anche a livello di gioco. Pioli e Inzaghi hanno praticamente due titolari per ogni ruolo, quindi le due milanesi si candidano ad un ruolo di prime avversarie del Napoli per lo scudetto. – aggiunge Jacobelli – È un campionato molto interessante e promette di non essere come quello che ci siamo lasciati alle spalle dove il Napoli ha dominato in lungo e in largo.

Jacobelli sulla Juventus

La Juventus? Il gioco deve assolutamente migliorare. Lo abbiamo visto a Udine e a sprazzi ad Empoli. Deve acquisire maggiore continuità nella qualità del proprio gioco. 

Su Lazio, Roma e Juventus

La Lazio si è mossa in ritardo sul mercato, ma i giocatori auspicati dal tecnico sono arrivati. Per quanto riguarda la Roma, a parte il mercato tardivo, alcuni dei rinforzi ingaggiati sono reduci da infortuni o non hanno fatto la preparazione. Mourinho ha ricordato che durante questa sosta avrà soltanto 7 giocatori a disposizione. La Juventus l’anno scorso ha incassato 17 sconfitte, non ha vinto nessun trofeo e c’è una questione di bilancio da rispettare assolutamente. Ha bisogno di disputare una stagione ai massimi livelli”.

Conclude Jacobelli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui