Corbo Sinatti

Corbo: ”Consiglierei a De Laurentiis di prendere la squadra in mano da presidente e da padre di famiglia”

Antonio Corbo, editoralista di Repubblica, è intervenuto nel corso di Forza Napoli Sempre, in onda su Radio Marte er rilasciare le seguenti dichiarazioni:

Spalletti ha lasciato una squadra che era quasi perfetta

“Spalletti ha lasciato una squadra che era quasi perfetta. Garcia ha detto a noi giornalisti di voler puntare sul suo calcio perché non conosco il passato. Un’affermazione coraggiosa alla quale devono seguire i risultati. – afferma Corbo – Sabato sera ho visto un buon primo tempo del Napoli che però è crollato nel secondo tempo sul piano nervoso, fisico, sul piano della personalità e soprattutto sul piano tattico, tanto da cedere le ripartenze alla Lazio che non fanno parte, tra l’altro, del gioco di Sarri.

Secondo Corbo alcuni giocatori del Napoli sono spariti dal gioco come Lobotka

Alcuni giocatori del Napoli sono spariti dal gioco come Lobotka, per esempio. Se queste innovazioni cancellano delle realtà il risultato mi sembra deludente. È chiaro che va dato tempo a Garcia ma si è perso molto tempo anche perché da sei mesi sapevamo che Kim sarebbe andato via ma il sostituto ancora non si è visto. -prosegue Corbo – Quest’anno temo che siano mancati il saper fare calcio, capire di calcio. Perché quando Spalletti venne a Napoli disse di aver studiato la squadra per sei mesi. Se l’allenatore attuale dice di non conoscere il passato allora mi deve dare dei risultati adeguati. Se dopo tre partite il Napoli non è a punteggio pieno non deve allarmare ma deve un poco preoccupare.

Per Corbo si è perso un po’ di tempo e non sono stati dati i giocatori a Garcia

Secondo me si è perso un po’ di tempo e non sono stati dati i giocatori a Garcia. Perché l’erede di Kim non è arrivato, Natan è ancora in panchina. Mi viene qualche dubbio se al posto di Giuntoli si sono messe le persone giuste. Micheli? Ma Micheli faceva lo scouting mentre cosa diversa è diventare un personaggio chiave del mercato. -aggiounge Corbo – Probabilmente c’è stata una sopravvalutazione di Micheli inserendolo in un ruolo non suo. Si dice che Chiavelli, ad del Napoli e scienziato dei contratti, di conti, ecc.. abbia avuto un ruolo in tal senso. Ma se è vero che il mercato è stato ricondotto anche alle sue decisioni allora io dico di poter fare il traduttore di arabo.

Sul futuro di Osimhen

Il futuro di Osimhen? Credo che un ragazzo di 24 anni che si trova a discutere un contratto per mesi dovrebbe essere trattato con l’affetto di un padre e la comprensione di uomo. Altrimenti il calciatore si confonde e cede sul piano nervoso. Quindi trattare il suo futuro per tanti mesi lo ha logorato. Secondo me anche Kvara è un pochino frastornato, non è come lo scorso anno. Io consiglierei a De Laurentiis di prendere la squadra in mano da presidente e da padre di famiglia”.

Conclude Corbo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui