NEWS

TERZO TEMPO NAPOLI

5[napoli][btop]

CALCIO

[calcio][stack]

COPPE

3[coppe][btop]

ALTRI SPORT

3[Sport][stack]

AMARCORD

5[amarcord][btop]

CULTURA & SPETTACOLO

3[cultura][stack]

TERZO TEMPO WEB TV

EDITORIALE

SPECIALE TERZO TEMPO TV

Spalletti alla vigilia di Sampdoria Napoli "Ci saranno 3-4 cambi ma non dipendono dalla prestazione di Milano, erano già previsti".

 


Le parole dell'allenatore alla vigilia della trasferta di Marassi: "Ci saranno 3/4 cambi ma non dipendono dalla prestazione di Milano, erano già previsti". Prima della conferenza un minuto di silenzio per ricordare sia Sinisa Mihajlovic che Gianluca Vialli: l'aneddoto di Spalletti su una sfida con Luca quando ancora era calciatore

Luciano Spalletti vuole archiviare presto la sconfitta di mercoledì contro l'Inter, la prima in campionato del Napoli, la seconda stagionale dopo quella ininfluente di Liverpool nell'ultima giornata dei gironi di Champions: "Probabilmente è giusto, come ha detto qualcuno, che una sconfitta ci può stare, ma la realtà è che ci girano le scatole".

"Non abbiamo giocato con la voglia e la determinazione solite"

Spalletti è stato molto critico sulla frenata di San Siro, non cullandosi per nulla su quanto fatto finora: "Dalla sconfitta con l'Inter abbiamo imparato che non abbiamo più 8 punti di vantaggio ma solo 5. Giusto che una sconfitta ci possa stare, come dice qualcuno, ma la verità è che ci girano le scatole. Non vogliamo accontentarci della classifica e del vantaggio, ma vogliamo giocare le partite, anche quelle più difficili, con la stessa voglia e determinazione per fare risultato pieno e nell'ultima non lo abbiamo fatto. Le scelte di formazione non saranno prese in base all'ultima prestazione, ma erano già previste prima di Milano. Ci saranno tre o quattro cambiamenti come è giusto che sia".

Il di Vialli e quell'aneddoto dell'amichevole fra Entella e Samp

Prima dell'inizio della conferenza, Spalletti ha chiesto un minuto di silenzio per ricordare sia Gianluca Vialli che Sinisa Mihajlovic. Ha poi ricordato un suo aneddoto sull'ex attaccante della Sampdoria: "Ho un ricordo personale di Vialli: nella stagione 1985/1986 giocavo a Chiavari, lui nella Samp, spesso facevamo delle amichevoli settimanali. Su una palla lunga mi ritrovai a correre con lui, nel confronto caddi a terra e l'arbitro fischiò fallo. Si fece poi altri 20 metri di corsa per venirmi a dare la mano e aiutare a rialzarmi, si vedeva come fosse un fuoriclasse senza perdere l'umiltà. Aveva carisma ed è stato un precursore di grandi idee e visioni sia in campo che fuori: uno dei primi attaccanti a pressare in avanti, uno dei primi ad andare in Inghilterra e nella doppia figura di giocatore-manager, uno dei primi commentatori, me lo ricordo bene a Sky per competenza e rispetto. Ha speso tutto se stesso per noi, lo abbiamo visto anche negli ultimi Europei. Lo ringrazio davvero per quanto fatto".

“Non abbiamo una partita facile davanti, hanno fatto una buona partita noi invece abbiamo fatto al di sotto delle nostre possibilità, troveremo un ambiente particolare”.

Su Rrahmani

"L'ho visto bene, ha costruito molte azioni correttamente, contro gli attaccanti dell'Inter e sul gol è stato bravo Dzeko a crearsi lo spazio col cross che cadeva proprio lì alle spalle. Sono contento del suo rientro, poi caricarlo di 90 minuti tutti insieme potrebbe essere sbagliato e per cui stiamo valutando".

Su Kvara

"Io divento il primo difensore, era quello che prima gli chiedevo ma voi ritenevate non fosse giusto appuntargli qualcosa. Il calciatore di grande qualità di solito è così, se non gli partono quei numeri che sa fare diventa facilmente sotto osservazione. Per me non ha fatto male, è entrato dentro l'area cercando di crearsi lo spazio, è stato uno di quelli che ha calciato, si è preso responsabilità perché si poteva anche passarla e deve solo ritrovare confidenza perché in allenamento si vede che fa le stesse cose a cui ci ha abituato e c'è fiducia che le rimetta in pratica".


Nessun commento: