NEWS

TERZO TEMPO NAPOLI

5[napoli][btop]

CALCIO

[calcio][stack]

COPPE

3[coppe][btop]

ALTRI SPORT

3[Sport][stack]

AMARCORD

5[amarcord][btop]

CULTURA & SPETTACOLO

3[cultura][stack]

TERZO TEMPO WEB TV

SPECIALE TERZO TEMPO TV

Il Napoli non accetta favoritismi


 Il Napoli torna a vincere dopo la sconfitta subita a Milano, ma come? Il Napoli torna a vincere non accettando ne regali né favoritismi né tantomeno errori arbitrali.

Dopo pochi minuti di gioco l’occasione è ghiotta: calcio di rigore dopo che l’arbitro Abisso è stato richiamata al VAR quasi inspiegabilmente ed altrettanto inspiegabilmente concede un rigore agli azzurri.

Contatto spalla contro spalla tra Anguissa e Murru con il camerunese che va giù e l’esterno blucerchiato che nella corsa, causalmente, calpesta la caviglia del partenopeo. Ovviamente l’episodio è doloroso per il centrocampista azzurro, ma nulla che possa portare a pensare ad un fallo.

Risultato: Abisso al VAR e dopo la revisione dell’episodio, decretata la massima punizione.

Il rigorista designato è Kvaratskheila, ma Politano prende il pallone, vuole prendersi la responsabilità, ma si fa intuire la conclusione da Audero che devia sul palo e Nuytinck libera l’area spedendo in calcio d’angolo.

La partita si evolve e man mano che passano i minuti il Napoli diventa sempre più padrone. Arriva il gol di Osimhen su pennellata di Mario Rui, l’espulsione più che meritata di Rincon e nuovo rigore, questa volta sacrosanto, trasformato magistralmente ed imparabilmente da Elmas.

Piccolo inciso sul secondo rigore: sembra anche strano come il fallo di mano del difendente blucerchiato sia dovuto essere rivisto al VAR per concedere il rigore vista la chiarezza dell’episodio.

Morale della gara è che il Napoli chiude una partita mai in bilico con il punteggio di 0-2 mettendo in luce ancora una discreta difficoltà nel concludere le azioni. È mancata la cattiveria sotto porta a cui si aggiunge un Kvaratskheila ancora lontano dalla condizione top.

Un risultato sancito da due gol netti e soprattutto regolari. Guai a segnare quel primo rigore molto dubbio. Se il Napoli avesse messe a segno quel rigore e poi vinto la partita come successo, avrebbe dovuto scontare, chissà per quante gare, i favoritismi della classe arbitrale nonostante una partita stradominata.

Nessun commento: