NEWS

TERZO TEMPO NAPOLI

5[napoli][btop]

CALCIO

[calcio][stack]

COPPE

3[coppe][btop]

ALTRI SPORT

3[Sport][stack]

AMARCORD

5[amarcord][btop]

CULTURA & SPETTACOLO

3[cultura][stack]

TERZO TEMPO WEB TV

EDITORIALE

SPECIALE TERZO TEMPO TV

Giuseppe Cruciani, Tambone e Polverosi su Napoli - Juventus

 


A Radio Crc nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Giuseppe Cruciani, giornalista


“Stasera farà un tiepido tifo per la Juventus. Non contro il Napoli, per la mia fidanzata e perchè voglio vedere una bella partita. Non son dispiaciuto per Agnelli, sono vicende societarie che possono accadere. I processi sportivi sono molto cambiati, non più rapidi sono un pò diversi per fortuna. Secondo molti, ciò che hanno scritto i pm nell’accusa sono già una certezza, ma dal punto di vista sportivo va fatta una distinzione. C’è da capire questi reati in cosa si concretizzano: in una penalizzazione? In una retrocessione? Vedremo. 

Dal punto di vista della gestione societaria, la Juve ha preso una direzione da Cristiano Ronaldo in poi, che si è rivelata sbagliata, il Napoli invece ha intrapreso una via più virtuosa. Si può discutere sulle diverse gestioni, probabilmente ha fatto meglio il Napoli sia nella scelta dei giocatori che nella gestione. Non sopporto società che sono finanziate da ricchi signori arabi come il Psg ad esempio, a me non piacciono, ma non credo sia un problema di lealtà sportiva. Se si dice che la Juve ha mancato di lealtà sportiva perchè il presidente ha ricapitalizzato vuol dire che una serie di aziende in Italia mancano di lealtà sportiva. Non è che tutte le società che sono in deficit sono da escludere. Qualcuno ha poca fiducia nella giustizia sportiva. 

L’Inter ha avuto un errore contro a Monza e se ci fosse questo vento del Nord, non sarebbe stato penalizzato. Al di là del famoso fallo di Pjanic, se il Napoli avesse vinto a Firenze, sarebbe stato ancora in corsa. Non credo che tutti i giocatori siano stati condizionati da quell’Inter-Juventus del giorno prima. 

Napoli-Juve? Il Napoli può permettersi di perdere mentre se la Juve perde è quasi fuori. Il contraccolpo psicologico però vale per entrambe. Che il Napoli sia favorito io però ci credo. La Juve ha sbagliato acquisti, ha comprato giocatori che poi si sono rivelate delle pippe.

Spero che stasera il campionato si riapra e se così fosse, sarebbe un bel test cariatteriale per il Napoli”.  

 

 

 

 

A Radio Crc nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Giuseppe Tambone, ex dirigente del Napoli


“Quei mesi a Napoli sono stati di lavoro intenso, tra mille difficoltà. L’idea del centro sportivo a Castelvolturno è nata con un contatto in una serata con il direttore dell’hotel. E’ stata per me una bellissima esperienza. Sono Juve-napoletano perchè sono legato professionalmente alle due società, ma non sono più lo stesso dopo aver vissuto a Napoli. La società azzurra ha tutte le carte in regola dal punto di vista tecnico e il patrimonio di valore del Napoli con i conti a posto, con i tifosi sparsi in tutto il mondo, con un brend riconoscibilissimo e con il gioco che esprime in campo non va sottovalutato. Il Napoli è meritatamente al primo posto e merita di restarci. 

Ricordo ancora con i brividi la prima partita: era un mercoledì e giocavamo col Cittadella in un San Paolo strapieno, mi auguro che la tifoseria riesca a dimostrarsi matura. Il Napoli ha tutte le carte in regola per giocarsi un grande campionato ed è giusto che questa possibilità venga data anche ai tifosi perchè sarebbe un peccato se il Napoli dovesse giocare senza i suoi tifosi. Ecco, mi auguro che i napoletani si mostrino maturi. 

Non è mai un singolo a determinare la sfida: è sempre il gruppo che sposta la gara in un verso e nell’altro. Chi vuole vincere deve fare una prestazione di squadra di altissimo livello”. 

 

 

 

 

A Radio Crc nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Alberto Polverosi, giornalista


“Se tutto va come immaginiamo, il Napoli vince. Poi invece la realtà è che nei 90 minuti la Juve ci sa stare anche meglio del Napoli perchè è capace di sfruttare aspetti poco rilevanti a proprio vantaggio. In 8 vittorie, la Juve non ha quasi mai convinto totalmente, ha sempre lasciato il dubbio, ma è stata brava a sfruttare i momenti. Mentre il Napoli quando vince ha sempre dimostrato di essere la più forte, la Juve, vince pur non essendo la più forte e questa è la bellezza del calcio. La Juventus è stata costruita per vincere, ma cammin facendo per colpe della società, questa squadra non si è mai vista. A tratti si è visto Di Maria, a tratti si è visto Vlahovic, adesso si sta vedendo Chiesa mentre Pogba non si è mai visto. Il Napoli invece è stato bravo nelle scelte di mercato perchè chi è arrivato non ha avuto incidenti, ma anzi sta incidendo. 

Spero che il calcio del Napoli tracci una linea nel calcio italiano. Il prodotto che vedo, il prodotto Napoli fa appassionare. Non ho saltato una sola partita del Napoli che mi entusiasma e ogni volta che un azzurro tocca la palla mi viene voglia di vedere cosa succede. Per le altre squadre non accade: il Milan sembrava avvicinarsi, ma non mi convince, l’Inter la lascio perdere perchè ha un grande organico e non può stare a 10 punti dal Napoli. Il Napoli ha un gioco pazzesco, dei giocatori fantastici e i conti a posto. Se fa un ulteriore passo in avanti è destinata a restare lì per 4 anni poi può vincere. Non vincere, ma resterà ad alti livelli”. 

 

Nessun commento: