Basta con i campionati falsati.

Ecco arrivata la sconfitta che il
70% degli italiani sognavano. E’ arrivata nel modo che tutti si aspettavano
dopo 2 mesi di sosta per un campionato mondiale messo li quando pochi forse
solo il Quatar e la FIFA volevano per i loro motivi di vil danaro e pochissimo
di sportivo.

Il Campionato Italiano non può
essere, e non deve, essere interrotto per gli interessi di altri personaggi che
nulla hanno a che fare con il calcio inteso come sport e passione.

Tutti parlavano delle partite
amichevoli contro Villareal e Lille le quali avrebbero dovuto preparare al
ritmo campionato il Napoli e invece sono state un chiaro avvertimento della
scarsa preparazione atletica  dei
giocatori azzurri che con quel mezzo tempo giocato avevano ben poco da mettere
ritmo nelle gambe.

Il risultato è stato che
giocatori come Anguissà , Zielinsky, Kim, Di Lorenzo, Lobotka ,cioè quelli che
dovevano  velocizzare la manovra di
centrocampo, l’hanno ,invece, rallentata permettendo all’Inter di chiudere ,
facilmente tutti i reparti, e colpire con la coppia Di Marco – Dzeko  che volavano rispetto a Di Lorenzo  – Rramhani.

Ora resta solo da chiedersi. Ma
fu solo colpa della lunga sosta e della preparazione piena di carichi oppure
qualche decisioni di Spalletti (anche in virtù della prossima e vicina fida
contro la Sampdoria ) del non aver saputo valutare la pessima condizione fisica
dei nostri centrocampisti, mentre in panchina avevamo giocatori, al contrario,
in ottima forma come Ndombele e Elmas.

Alla Sampdoria il ruolo di
Giudice.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui