NEWS

TERZO TEMPO NAPOLI

5[napoli][btop]

CALCIO

[calcio][stack]

COPPE

3[coppe][btop]

ALTRI SPORT

3[Sport][stack]

AMARCORD

5[amarcord][btop]

CULTURA & SPETTACOLO

3[cultura][stack]

TERZO TEMPO WEB TV

EDITORIALE

SPECIALE TERZO TEMPO TV

Repubblica - Juventus, incontro tra Agnelli, i dirigenti di 6 squadre di Serie A ed acuni vertici della Lega

 


La Repubblica svela un nuovo retroscena relativo all'inchiesta plusvalenze e il presunto falso in bilancio della Juventus. Il 23 settembre 2021 ci sarebbe stato un incontro "in via riservata" tra Andrea Agnelli, allora presidente della Juventus, e i dirigenti di altre 6 squadre di Serie A. 


L'incontro prevedeva anche la presenza di alcuni dei vertici della Lega Serie A e della Federcalcio. Il summit si tenne a casa della madre del presidente bianconero nel parco de La Mandria, a Fiano, sulle colline torinesi, al tavolo un “club ristretto” di società vicine alla Juventus, rappresentate da “l’amministratore delegato dell’Atalanta Luca Percassi, il presidente del Genoa Enrico Preziosi, l’amministratore delegato dell’Inter Beppe Marotta, il presidente del Milan Paolo Scaroni, il vice-presidente dell’Udinese Stefano Campoccia e l’ad del Bologna Claudio Fenucci”.oltre al presidente FIGC Gabriele Gravina e al presidente di Lega Serie A Paolo Dal Pino. 


“Una riunione informale che il presidente bianconero, l’indomani, commentò così: 'spero solo che da ieri sera … la presenza di Gabriele Gravina e Paolo Dal Pino era utile … Spero che nasca qualcosa perché se no non so cosa fare, ne abbiamo parlato io e te quando ci siamo visti qua in ufficio. Adesso bisogna che questo elemento sia foriero di qualcosa di utile perché se no ci schiantiamo piano piano””. 


L’argomento principale dell’incontro era la possibile creazione di una nuova media company partecipata da fondi d’investimento per gestire i diritti televisivi della Serie A. Nei mesi precedenti i club avevano litigato a lungo sul tema ed il progetto era naufragato. L’incontro sarebbe servire per trovare un accordo. 



L’episodio, secondo gli inquirenti, è sintomatico dei rapporti di “collaborazione e di partnership” tra la Juventus e alcuni club. In particolare vengono citate Sampdoria, Atalanta, Sassuolo, Empoli, Udinese, ma anche Pisa, Monza, Parma e alcune estere tra cui Lugano, Basilea e Sion. Si tratta di rapporti che, ad avviso degli investigatori, “influenzano le operazioni di acquisto/cessione dei calciatori” e “sfociano in rapporti di debito/credito tra le società opachi e non corrispondenti alla rappresentazione pubblica fornita”.

 

Nessun commento: