NEWS

TERZO TEMPO NAPOLI

5[napoli][btop]

CALCIO

[calcio][stack]

COPPE

3[coppe][btop]

ALTRI SPORT

3[Sport][stack]

AMARCORD

5[amarcord][btop]

CULTURA & SPETTACOLO

3[cultura][stack]

TERZO TEMPO WEB TV

EDITORIALE

SPECIALE TERZO TEMPO TV

Morello: “Caso Juve? Seria possibilità di condanna. Facevo parte della giustizia sportiva, ma poi me l’hanno vietato…”

 


A Radio Crc, nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete'',è intervenuto Tullio Morello, magistrato. Queste le sue dichiarazioni:

“Il caso Juve? Penalmente c’è stata una richiesta da parte della Procura di rinvio al giudizio per cui si verificherà se sussistono le ipotesi per andare avanti. -afferma Morello - Quando la Procura esercita un rinvio, c’è una seria possibilità di condanna. Al di là della correzione del bilancio che c’è stata da parte del Cda della Juve prima di dimettersi, da sportivi dobbiamo interrogarci su tutto ciò che era sotto gli occhi di tutti e che non funzionava. L’indagine sulle plusvalenze si è conclusa con un nulla di fatto, ma è un fenomeno radicato e non riguarda l’acquisto di un solo calciatore, ma di tanti calciatori e quindi al di là delle responsabilità penali, il dato di fatto è che la procedura non funzionva. -prosegue Morello -  I processi si fanno nelle sedi deputate, ma è evidente che la giustizia sta facendo il proprio lavoro e questo rassicura i cittadini.

 

Ho fatto parte per 3 anni della giustizia sportiva poi a noi magistrati ordinari ci è stato vietato  di farne parte, ma dobbiamo avere fiducia. -continua Morello - Non è l’azione giudiziaria ordinaria e sportiva a rendere più credibile il calcio, ma l’azione dei dirigenti che devono aiutare a renderlo più credibile anche perché il calcio è un’industria che fa girare tanti soldi ed è giusto che sia fatto in maniera leale”.

Conclude Morello

Nessun commento: