NEWS

TERZO TEMPO NAPOLI

5[napoli][btop]

CALCIO

[calcio][stack]

COPPE

3[coppe][btop]

ALTRI SPORT

3[Sport][stack]

AMARCORD

5[amarcord][btop]

CULTURA & SPETTACOLO

3[cultura][stack]

TERZO TEMPO WEB TV

SPECIALE TERZO TEMPO TV

Gallinelli: ''Dimissioni Trentalange? Esterrefatti dalla vicenda D’Onofrio. Ció che doveva fare l’ha fatto!''

 


A Radio Crc, nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete”, è intervenuto Paolo Gallinelli, uno dei legali di Trentalange. Queste le sue parole:

“Le dimissioni di Trentalange? Siamo rimasti esterrefatti dalla vicenda D’Onofrio. Per poter decidere di dimetterci ci vogliono fatti e in quella riunione Abete ha parlato di problematiche relativo alle nomine, in riferimento a tutto l’organigramma sportivo. -afferma Gallinelli - Di recente, con il suo insediamento ha previsto l’invio dei curriculum e D’Onofrio aveva inviato un curriculum, poi il dovere di controllare lo stesso, non è previsto. 

L’amicizia tra Trentalange e D’Onofrio? Il termine amico è suggestivo. L’amicizia è una cosa, ma nelle nomine non c’è un bando. -prosegue Gallinelli - Non risulta nessun contatto personale o incontro conviviale, quindi extra lavorativo, tra Trentalange e D’Onofrio, al di là di contatti lavorativi. E’ ovvio che Trentalange deve avere rapporti con tutti i componenti, ma nessuno aveva mai segnalato problematiche in riferimento allo status di D’Onofrio. 

Come mai l’Aia ha scelto D’Onofrio? Non c’è possibilità di verificare il curriculum di chi si candida, i curriculum sono autocertificazioni. -continua Gallinelli - Un altro dato emerso è che prima di essere componente della commissione disciplina, D’Onofrio sarebbe stato procuratore regionale e Trentalange non era presidente, non si può chiedere a tutti di dimettersi. -spiega Gallinelli - E’ emerso anche che un componente della commissione disciplina e che quindi giudica, avrebbe rivelato qualcosa, ma non avrebbe mai segnalato nulla al presidente della commissione disciplina. 

E’ stato chiesto giustamente se D’Onofrio avesse chiesto permessi per recarsi all’Aia, ma vi dico che questo signore ha fatto una serie di cose per cercare di evitare qualunque possibilità che all’Aia potesse emergere qualcosa sul suo conto e non solo verso l’Aia, -ribadisce Gallinelli -  ma anche nei confronti della magistratura di Milano. 

Da cittadino e non da difensore di Trentalange, dico che Trentalange ciò che doveva fare l’ha fatto: ha chiesto il curriculum, a lui e ad altri componenti. 

Vi racconto una cosa: D’Onofrio riferì che la figlia gli avrebbe gettato il cellulare nel water e non fece la denuncia, adesso abbiamo capito anche perchè non ha fatto. Nel 2009 D’Onofrio è stato votato all’unanimità”. 

Conclude Gallinelli


Nessun commento: