NEWS

TERZO TEMPO NAPOLI

5[napoli][btop]

CALCIO

[calcio][stack]

COPPE

3[coppe][btop]

ALTRI SPORT

3[Sport][stack]

AMARCORD

5[amarcord][btop]

CULTURA & SPETTACOLO

3[cultura][stack]

TERZO TEMPO WEB TV

EDITORIALE

SPECIALE TERZO TEMPO TV

Denis :"Il Napoli di oggi fa impazzire e divertire,da anni lavora duramente,ha una rosa importante"

 


German Denis,ex calciatore del Napoli attualmente al Real Calepina,ha rilasciato un intervista a Radio Crc,nel corso di "Si Gonfia la Rete",ecco le sue parole :

"

E’ impossibile dimenticare quella gara del Napoli contro il Milan, giocavano tutti campioni nella squadra rossonera, davvero un ricordo bellissimo. Quella fu una gara svolta e da quel momento il Napoli è andato crescendo. Oggi questa squadra impazzire, fa divertire e lo merita perchè da anni lavora duramente. Se oggi il Napoli si trova in quella posizione in classifica non è un caso, ma il frutto di tanto lavoro. Simeone è sempre disponibile, poi è chiaro he ha davanti a sè Osimhen. Raspadori mi ha impressionato, avere uno come lui in rosa ed una riserva come Simeone vuol dire che si può arrivare fino alla fine. La rosa è importante e Spalletti riesce a farla giocare al meglio. Il carattere di questo Napoli somiglia molto a quello che avevamo noi perchè la squadra è fatta di giocatori che danno tutto in campo.


Chi vince il Mondiale? E’ difficile dirlo. Sarà una gara tosta, ma se starà bene il nostro 10, ci sono possibilità. Quello che sta facendo Messi in questo Mondiale assomiglia molto alla parte caratteriale di Maradona. Per noi argentini, se vincesse l’Argentina sarebbe quasi alla pari. Dopo la prima sconfitta, il ct ha dato la svolta. Quando l’Argentina vinse il primo Mondiale io ero troppo piccolo, nel 2014 invece ero allo stadio, ma questa Argentina come gruppo credo sia più forte. Come rosa nel 2014 c’erano nomi più roboanti, ma questa squadra mi sembra più unita, più una squadra ed è in un momento psicologico top. Ho sentito il Papu prima del Mondiale, poi non l’ho più contattato, deve restare concentrato. Scaloni pure l’ho sentito, era abbastanza teso, è un allenatore molto preparato. Sono molto legato ai napoletani, alla città, all’ambiente Napoli perchè mi sentivo molto identificato in quella città e poi vedere quel San Paolo sempre pieno faceva sì che dessi in campo fino l’ultima goccia di sudore. Ho vissuto a Napoli un periodo bellissimo. Spalletti sa perfettamente come affrontare la seconda parte del campionato, mi auguro che il Napoli mantenga questo livello e continui a far divertire tutti i tifosi del calcio. Al Real Calepina gioco anche cerco di trasmettere ai ragazzi che hanno voglia di giocare la mia esperienza. Mi sto divertendo”.

Nessun commento: