Gigi Pavarese ,ex direttore del Napoli ,è intervenuto a a Radio Punto Nuovo, nel corso di “Punto Nuovo Sport Show”, ecco le sue parole :

“Arrivano in finale le due squadre migliori, anche se stona un po’ l’eliminazione del Brasile. Lì però devono farsi qualche domanda: partono sempre tra i favoriti, poi tra balli e balletti escono male. Probabilmente c’è troppa arroganza. La Francia invece sottolinea quanto sia importante lavorare sui giovani: il centrocampo di Deschamps è talmente forte che Ndombele è rimasto a casa. L’Argentina parla da sola, con il talento di Messi su tutti. Se Leo può superare Maradona? Non scherziamo… I giovani vivono l’epopea Messi-Ronaldo, non ne conoscono i dubbi. Maradona oggi avrebbe fatto almeno 40-50 gol all’anno, prima gli attaccanti non erano tutelati.

E ora non ci sono più i difensori di una volta. Basta vedere le punizioni di oggi: le barriere sono ai reali 9,15 metri, cosa impensabile all’epoca. Diego segnava anche con le barriere a 4-5 metri… Il 2023 del Napoli? Gennaio sarà indicativo ma non determinante. Incontreremo 3 delle 7 sorelle, ma la gara più difficile sarà quella con la Salernitana! Sarà un derby e l’anno scorso soffrimmo tantissimo all’Arechi. Il Napoli ha fatto tesoro dell’esperienza dello scorso anno, ne sono certo. E anche i tifosi hanno fatto un salto in avanti. Questa squadra in passato avrebbe meritato di vincere due scudetti, ma ora possiamo perderlo soltanto noi”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui