NEWS

MONDIALI 2022

3[mondiali][stack]

TERZO TEMPO NAPOLI

5[napoli][btop]

CALCIO

[calcio][stack]

COPPE EUROPEE

3[coppe][btop]

ALTRI SPORT

3[Sport][stack]

AMARCORD

5[amarcord][btop]

CULTURA & SPETTACOLO

3[cultura][stack]

TERZO TEMPO WEB TV

SPECIALE TERZO TEMPO TV

Tarallo: "Se il Napoli è primo in Champions e in Serie A è anche merito di Meret''

 


A Radio Punto Nuovo, nel corso di Punto Nuovo Sport Show, è intervenuto Luciano Tarallo, ex preparatore dei portieri del Napoli. Queste le sue parole:


"Bisogna solo applaudire questo Napoli: siamo primi in Champions League e in Serie A, perché non dovremmo fare i nostri complimenti. -afferma Tarallo - Meret sul primo gol ha fatto un errore evidente, ma non è soltanto suo: alcuni difensori potevano fare molto di meglio su quella situazione di palla inattiva. È stato un problema di marcature e di concentrazione, in riunione tecnica Spalletti rimarcherà più l'errore dei difensori e non di Meret. 



Alex a dire il vero sbaglia già quando parte la palla, posizionandosi male rispetto alla palla stessa e alla linea di porta. Non capisco proprio perché su una situazione del genere si sia posizionato in quel modo. Poi anche con le mani, compie un movimento errato e non è armonico. -prosegue Tarallo - Si è buttato il pallone in porta quasi da solo. Sul secondo gol, poi, dico una cosa: sul calcio d'angolo, il Liverpool attacca con i soli Van Dijk e Nunez sono i più vicini alla porta, seppur 6 difensori del Napoli in marcatura. Alex lì fa un paratone e nessuna la mette in evidenza, così come le altre parate del primo tempo. Su Salah toglie un gol dalla porta, salvando il passaggio in uscita bassa su Curtis Jones. 



E poi la parata su Salah proprio... -aggiunge Tarallo - Quella resta, anche col fuorigioco. E poi va detto anche che Meret non ha sbagliato nulla con i piedi, ieri è stato perfetto. Il ragazzo ha preso consapevolezza e fiducia in questo aspetto. Se il Napoli è primo in Champions e in Serie A è anche merito di Alex, anche se leggo molte mortificazioni sui social e bisognerebbe smetterla".

 Conclude Tarallo

Nessun commento: