NEWS

MONDIALI 2022

3[mondiali][stack]

TERZO TEMPO NAPOLI

5[napoli][btop]

CALCIO

[calcio][stack]

COPPE EUROPEE

3[coppe][btop]

ALTRI SPORT

3[Sport][stack]

AMARCORD

5[amarcord][btop]

CULTURA & SPETTACOLO

3[cultura][stack]

TERZO TEMPO WEB TV

SPECIALE TERZO TEMPO TV

Lippi: “Il Napoli non calerà nel 2023!

A Radio Crc, nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete”, è intervenuto Davide Lippi, procuratore sportivo. Queste le sue dichiarazioni:

“Non penso affatto che il Napoli calerà nel 2023, non è una batteria che si esaurisce. Sta facendo grandi cose, poi ogni squadra ha la sua storia e fa il suo percorso. -afferma Lippi - Durante la sosta non lavoreranno solo le altre squadre, ma anche il Napoli e se ha fatto ciò che ha fatto finora, non vedo perché non debba continuare a farlo alla ripresa. 


Mio padre mi ha sempre detto che non è importante giocare ogni 3 giorni perché quando si vince, il morale fa la differenza anche perché la stanchezza è comune a tutti, è la testa che fa la differenza. -prosegue Lippi - Vincere aiuta a far star bene la mente. Il Napoli ha fatto grandi cose, avrà a disposizione quasi tutta la squadra durante la sosta per cui credo che continuerà a fare bene. Spinazzola non è stato convocato a causa di una lesione avuta 10 giorni fa, è in ripresa. 


Da tifoso dispiace non vedere l’Italia al Mondiale, da addetto ai lavori dico che il sistema calcio ne perde tanto. Abbiamo giovani di valore, Mancini sta lavorando su di loro e verremo fuori da questa situazione. -aggiunge Lippi - Credo si debba avere più coraggio in serie A: si continua a pensare che un giocatore di 20 oppure 22 anni sia un giovane e non lo si fa giocare con continuità ed è sbagliato. 


La Juventus è l’unica squadra italiana che accelera l’inserimento dei giovani anche con prestiti. Uscendo dalla primavera a 19 o 20 anni, i giocatori necessitano di almeno 2 anni per essere inseriti stabilmente nella prima squadra squadra e tutto questo è sbagliato. - ritiene Lippi - La Juventus ha avuto la necessità di inserire giovani e farli giocare e allo stesso modo l’Italia ha avuto la necessità di puntare sui giovani. Ma, lo stesso Napoli ha dovuto puntare sui giovani per abbassare il monte ingaggi e lo ha fatto notevolmente, ma non per questo ha perso qualità”.

Conclude Lippi

Nessun commento: