NEWS

MONDIALI 2022

3[mondiali][stack]

TERZO TEMPO NAPOLI

5[napoli][btop]

CALCIO

[calcio][stack]

COPPE EUROPEE

3[coppe][btop]

ALTRI SPORT

3[Sport][stack]

AMARCORD

5[amarcord][btop]

CULTURA & SPETTACOLO

3[cultura][stack]

TERZO TEMPO WEB TV

SPECIALE TERZO TEMPO TV

Kvaratskhelia, il padre: "In Georgia ora tutti tifano Napoli, tutti amiamo Maradona''

Badri Kvaratskhelia: ''Il furto è acqua passata, in Georgia ora tutti tifano per il Napoli, qui tutti amiamo Maradona, è un orgoglio vedere mio figlio vestire la maglia della squadra di Diego, già da piccolo era un fanatico del lavoro"

 


Badri Kvaratskhelia, padre di Khvicha, attaccante del Napoli, ha rilasciato un'intervista a Il Mattino. Ecco le sue parole:

 

"Sono il padre più felice di tutta la Georgia. Le gesta di Khvicha oramai fanno il giro del mondo. -afferma Kvaratskhelia - È la personalità più importante e influente di tutta la Georgia. Basti pensare che ora tutti tifano per il Napoli e tutti sanno a memoria il calendario delle gare degli azzurri.  In Georgia tutti amavano e amano Maradona, quindi pensare a mio figlio con la maglia della squadra di Diego, in quella città e nello stadio a lui intitolato, era un sogno che si realizzava. Per noi è stato un orgoglio vedere per le strade di Napoli la maglia di Maradona esposta accanto a quelle di mio figlio. -prosegue Kvaratskhelia - Furto? Una cosa passata. Ora lui è tranquillo, è concentrato sul campo e pensa solo a giocare con il Napoli".

 

Che bambino era il piccolo Khvicha?

 

"Quando ha iniziato a giocare a Tiblisi io facevo ancora il calciatore professionista ed ero in Azerbaigian, così è stata la madre Maka a prendersi cura di lui. Sapevo che giocava, ma non l’ho mai spinto a diventare un calciatore. Mia moglie mi diceva che era un fanatico del lavoro. -aggiunge Kvaratskhelia - Era molto tecnico, è vero, ma soprattutto era un grande lavoratore. Perfino i vicini di casa mi dicevano: “Deve giocare a calcio”".

 

Perchè?

 

"Quando tornava dalla scuola faceva subito i compiti e poi iniziava a giocare in un piccolo campetto sotto casa: tutti lo ammiravano".

 

Conclude Badri Kvaratskhelia

 

Nessun commento: