NEWS

MONDIALI 2022

3[mondiali][stack]

TERZO TEMPO NAPOLI

5[napoli][btop]

CALCIO

[calcio][stack]

COPPE EUROPEE

3[coppe][btop]

ALTRI SPORT

3[Sport][stack]

AMARCORD

5[amarcord][btop]

CULTURA & SPETTACOLO

3[cultura][stack]

TERZO TEMPO WEB TV

SPECIALE TERZO TEMPO TV

Bianchi: "Il Napoli è invincibile. Kvaratskhelia? Lasciamo stare i paragoni con Maradona"

 


Ottavio Bianchi, ex allenatore del Napoli, ha rilasciato un'intervista al quotidiano Tuttosport, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni:


"Non sembra, è invincibile. Vince sempre, in casa e fuori senza differenza alcuna. Gioca bene, ha ottimi interscambi tra chi gioca di più e chi gioca di meno. È stato impressionante come sia riuscito ad ovviare all’assenza di un giocatore determinante come Osimhen. -afferma Bianchi - Nel mix va messo anche l’entusiasmo che a Napoli non manca mai, ma che quest’anno è anche più maturo del solito. Certo quella è una città particolare, dove l’esaltazione sale all’ennesima potenza quando le cose iniziano ad andare bene, ma anche se dal nostro primo storico Scudetto sono passati ormai 35 anni e da quello successivo, cioè l’ultimo, 32, trovo che l’ambiente stia vivendo bene quello che è un nuovo momento magico. Non vedo una crepa. C’è perfetta unità d’intenti tra allenatore, società, squadra, tifosi e pure i mass media. C’è euforia, ma quella giusta. -prosegue Bianchi - Hanno aspettato tanto, sanno cosa significa aver vinto e aver poi dovuto vedere a lungo gli altri che vincevano".

 

Quando sente i paragoni tra Kvaratskhelia e Maradona cosa pensa? 

"Lasciamo perdere, ma non tanto perché il paragone non regga, ma perché non ha senso gettare pressioni inutili addosso a un ragazzo di 21 anni che sta facendo così bene al primo anno nel campionato italiano. -aggiunge Bianchi - Chi può dire se è stato più bravo Mozart o Beethoven? È anche questione di gusti. Il Napoli è una bella squadra, equilibrata, alla quale si attaglia perfettamente la vecchia, ma sempre attuale, definizione di gioco di squadra. Ci sono talenti che si esaltano nel collettivo e viceversa. Sui libri di testo di Coverciano hanno sempre insegnato questo e il Napoli di quest’anno ne è l’emblema. -continua Bianchi -  Guardate i giocatori che entrano a gara in corso: non si sentono affatto sminuiti, sanno anche loro come fare la differenza. Nel calcio delle 5 sostituzioni chi ha rose siffatte è normale che stia davanti a tutti".

Conclude Bianchi

Nessun commento: