A Radio Napoli Centrale, nel corso di
Un Calcio alla Radio, è intervenuto Gigi De Canio, ex allenatore del Napoli che ha rilasciato le seguenti dichiarazioni:

“Spalletti ha letto benissimo la partita, mi è piaciuta la prestazione. Il
risultato è estremamente positivo sotto ogni aspetto, non c’è da storcere il
naso. Dopo l’1-0, il Napoli ha pressato con veemenza, sapevano di avere la
possibilità di far male al Liverpool e questo ci fa capire come non avessero
intenzione di perdere la partita, nonostante la qualificazione già in tasca. -afferma De Canio – Questo ci rassicura sulle intenzioni e condizioni psicologiche della squadra.
Spalletti ha staccato la spina? Non è stato lui. Attraverso le motivazioni di
coloro che subentravano, ha provato a stimolare la squadra. 


Hanno dimostrato
che i sostituti sono stati titolari aggiunti, non credo che la squadra sia
stata snaturata. Responsabilità del gol? Quelle di Meret sono parate istintive,
non poteva fare granché. Per me non è responsabilità sua, ma non c’è neanche
bisogno di cercare responsabili. -prosegue De Canio – Comunicazione Spalletti? Fa parte delle
qualità di un allenatore. Quanto ha detto è in linea con quello che è il suo
ruolo. Non credo ci siano state due distrazioni, ma credo che lui abbia pensato
alla grande qualità dell’avversario, ha poco da perdonare ai suoi calciatori.
Ieri li ha coccolati così come ha fatto dopo la vittoria per 4-1 quando ha
voluto mitigare l’esaltazione. -aggiunge De Canio – Olivera? L’organico è omogeneo e razionale per
poter dar modo all’allenatore di scegliere a seconda delle necessità di lettura
della gara. La fortuna di un allenatore è quando si riesce a trovare questa
tipologia di calciatori e ragazzi che riescono in breve tempo a remare tutti
nella stessa direzione con uno spirito di squadra notevole”.

Conclude De Canio

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui