NEWS

MONDIALI 2022

3[mondiali][stack]

TERZO TEMPO NAPOLI

5[napoli][btop]

CALCIO

[calcio][stack]

COPPE EUROPEE

3[coppe][btop]

ALTRI SPORT

3[Sport][stack]

AMARCORD

5[amarcord][btop]

CULTURA & SPETTACOLO

3[cultura][stack]

TERZO TEMPO WEB TV

SPECIALE TERZO TEMPO TV

Biasin: "Il Napoli al momento sembra una corazzata''

Biasin: "È ancora presto, ma in Serie A c'è una squadra nettamente migliore delle altre ed è il Napoli"

A Radio Napoli Centrale, nel corso di Un Calcio alla Radio di Umberto Chiariello, è intervenuto Fabrizio Biasin, giornalista Libero. Queste le sue parole:


"L’Inter ha giocato una partita di sofferenza, ma ha fatto vedere di essere una squadra. -afferma Biasin - Ripartendo con questo tipo di assetto, continuo a pensare che il potenziale sia importante, vediamo per andare dopo: la partita di questo fine settimana è decisiva. Il Milan è vero che ha perso, ma a Londra è andata con una squadra troppo rimaneggiata per essere all’altezza del Chelsea. Potevano essere un po’ più prudenti, ma hanno giocato a viso aperto. Il Napoli ci sorprende clamorosamente partita dopo partita. Quest’estate ero tra i tanti che dicevano ‘mah’, invece al momento sembra una corazzata. 



Non si vedono difetti, anzi, l’impressione è che può ancora crescere. È vero che è prestissimo ed è vero che post Mondiale bisognerà fare altri ragionamenti, ma è anche facile dire che c’è una squadra nettamente migliore degli altri. -prosegue Biasin - La Juventus non è fuori da nessun genere di corsa, anche dopo aver toccato il fondo a Monza. Lì si poteva ragionare su cambiamenti di ogni genere, ma è una squadra che ha del potenziale. Non stanno giocando un gran calcio, a volte si perde, ma ha dei giocatori che fanno la differenza. Vlahovic se si sveglia può far gol, Di Maria è incisivo, per me continuano ad essere tra i primi 4. 




È ancora troppo presto per escludere squadre dalla lotta Scudetto, ancor più perché c’è una pausa Mondiale, è evidente che l’Inter ha finito i suoi bonus spendibili per la sconfitta. In presenza di una squadra semi-perfetta, una squadra che ne ha già perse 4 può dire addio allo Scudetto. Non credo sia già tempo di escludere qualcuno. Juventus-Milan? Il Milan a volte è inciampato, raramente ha perso due partite di fila, la Juventus non è il Chelsea, ma credo che sabato vedremo una partita combattuta. -prosegue Biasin - Le partite europee influiscono sul campionato? L’Inter, al di là di quanto accadrà la settimana prossima con il Barcellona, ha dimostrato di lavorare da squadra e se lo fa in Serie A può fare risultato. Con un minimo di consapevolezza in più, la Champions può portare benefici. 



Non credo, invece, che il Milan possa tornare in Italia allo sbando: Pioli si è sempre rialzato, ha gran solidità mentale. Il Napoli quest’anno è forte, anche l’anno scorso lo è stato, ma anche quello che perde col Verona con Gattuso, l’ho visto giocare un gran bel calcio ad un certo punto della stagione. -aggiunge Biasin - Il vero limite che può avere è capire se, a monte, De Laurentiis riesce a fare una cosa che non ha mai fatto: sopportare il momento di difficoltà. 



Tendenzialmente, è in quei momenti che sbaglia in qualcosa e trascina nel suo nervosismo anche la squadra. Spalletti all’epoca dell'Inter? È sempre una garanzia, ti garantisce l’obiettivo stagionale ed è tantissimo. -continua Biasin - Siccome è bravo, l’anno scorso doveva partire per fare il quarto posto, e dopo averlo garantito dopo tre mesi, gli hanno chiesto lo Scudetto. Poteva vincerlo, ma bisogna sempre ricordarsi da cosa si parte. Lo step in più dipende da chi gli sta intorno, non da lui. A me è sempre piaciuto e a Milano ha perso il treno perché ad un certo punto Marotta ha chiesto il salto di qualità con Conte. 



Franco Ordine? Ogni tanto rompe le palle, ma lo conosco ormai da 20 anni e ci troviamo spesso insieme. -rivela Biasin - In questi 20 anni avrò detto mille cose e me le ha smontate tutte, non c’è mai una volta che dice di essere d’accordo con me (ride, ndr). Atalanta e Udinese? L’Udinese mi sta sorprendendo e credo possa stare abbastanza serenamente nella parte sinistra della classifica, ha giocatori che vedremo in grandi squadre. Per l’Atalanta pronostico sempre il contrario da due anni a questa parte. Roma? Sono iscritta alla Chiesa di José, sono Josésessuale e De Zerbisessuale. Ma la squadra non sta facendo troppo bene".

 

Conclude Biasin

Nessun commento: