A Radio Crc,
nel corso della trasmissione “Si Gonfia La Rete”, è
intervenuto l’ex calciatore Angelo Paradiso. Queste le sue parole:

“Tifo per il
Napoli, anche se sono cresciuto con la Lazio. Sta giocando divinamente, è una
grande squadra fatta di grandi talenti. Punto molto sul Napoli.

Kvaratskhelia
è un giocatore fantastico, dribbla chiunque e sembra uno vecchio stampo stile
Garrincha. È diverso da tutti, ha un gioco veramente fantastico.

Spalletti ha
puntato su un discorso di gruppo e di gioco, è famoso per questo. La Roma,
invece, ha puntato sui nomi che non sempre possono andare bene. Il campionato
italiano sta cambiando, si vedono squadre che giocano un calcio internazionale,
e quindi alcuni giocatori faranno fatica.

A Dubai, in
vista del Mondiale, è già tutto sold out per quanto riguarda casa e
prenotazioni. La stanno vivendo con una passione incredibile, anche perché il
Mondiale è il Mondiale.

L’anno
scorso ho chiuso una storia con questa ragazza, poi da parte sua e dell’attuale
fidanzato è nata una guerra giuridica e mediatica contro di me senza motivo. Ho
sempre fatto del bene, ho cresciuto ragazzi e non c’entro niente con questo
mondo.

È facile
rovinare la vita in pochi minuti, ma ho fiducia nella giustizia e nelle
istituzioni. 

Avrei tante
cose da dire, ma rispetto l’indagine e sono tranquillo.”

A Radio Crc,
nel corso della trasmissione “Si Gonfia La Rete” di Raffaele Auriemma, è
intervenuto Stefano Barigelli, direttore de “La Gazzetta dello Sport”.

“Il Napoli
ha fatto bene il mercato da sempre. È chiaro che quest’anno con l’operazione
ringiovanimento c’erano dei dubbi, ma gli acquisti sono stati tutti giusti.
Difficile fare un mercato migliore, va detto che è stato bravo Spalletti ad
inserirli subito e a dare una fisionomia precisa.

Il Napoli va
a Roma per vincere, mentre la Roma si adatta molto all’avversario che ha di
fronte. Credo che Mourinho cercherà di non perdere e metterà una squadra in
grado di contenere il Napoli.

Spalletti e
Mourinho sono due allenatori diversi, è una gara interessante da vedere. Vedere
queste due squadre occupare le posizioni alte è una ricchezza, visto che il
campionato vive questo confronto tra Nord e Centro Sud.

È un
campionato strano, ci saranno partite decisive per lo Scudetto a Maggio.
Assisteremo a due campionati, nel secondo ci sarà una Juve diversa. Abbiamo
visto tanti campionati dove i bianconeri hanno fatto grandi recuperi. Le mie quattro
per lo scudetto sono: Napoli; Milan; Inter e Juventus.

La Lazio,
secondo me, ha un grande problema con l’infortunio di Ciro Immobile. La Lazio
non ha la varietà in avanti come il Napoli.

Sarri dovrà
inventarsi qualcosa, Immobile è un giocatore che dentro la squadra ha anche
carisma e quando manca è una perdita enorme.“

A Radio Crc,
nel corso della trasmissione “Si Gonfia La Rete” di Raffaele Auriemma, è
intervenuto il giornalista Alberto Dalla Palma.

“Spalletti
non ha mai vinto contro Mourinho, tre sconfitte e tre pareggi. Credo che alla
vigilia di questo settimo scontro, anche se si gioca a Roma in uno stadio
esaurito, Spalletti arriva con una squadra più forte rispetto alle altre
volte. 

Quello che
ha fatto vedere il Napoli è qualcosa di unico, sorprendente e bello. 

Mourinho non
ha ancora fatto esplodere Zaniolo, che può spaccare le partite. Il Napoli,
invece, ha un reparto offensivo degno di nota e i numeri ci mostrano che un
tecnico così bravo ha vinto meno di quello che poteva. All’Inter è arrivato nel
momento sbagliato, alla Roma ci è andato vicino e ha inventato Totti in una
posizione inedita. 

Quello che
ha fatto il Napoli sul mercato, nonostante i tanti dubbi per le cessioni, è
stato un capolavoro. Giuntoli ha costruito la squadra perfetta per Luciano
Spalletti, non capita spesso che si faccia tutto quello che serve
all’allenatore. Il Napoli ha tre potenziali centravanti con Raspadori, Osimhen
e Simeone.

La Roma ha
una situazione economica difficile, non poteva investire, ma Mourinho ha puntato
al concreto prendendo giocatori subito pronti senza un progetto negli anni.

L’Inter può
rientrare nella corsa scudetto, anche perché ricordo che ci sono due
campionati. La Juventus fa fatica.”

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui