Marotta: “Il Napoli è un modello vincente con dirigenti lungimiranti e capaci”

Ai
microfoni di Sky, nel pre partita del Camp Nou, l’Amministratore Delegato
dell’Inter Giuseppe Marotta ha rilasciato le seguenti dichiarazioni:

 

Hanno
esagerato un po’ nel pre partita i catalani, caricando molto l’ambiente, anche
per le polemiche dell’andata, oppure tutto rientra nella logica della
competizione?

 

Sono
esperienze già vissute, bisogna essere anche tarati a gestire questi momenti,
nel senso che è normale che per loro il risultato di questa sera è
fondamentale, lo è molto di più che per noi e, quindi, ci si attacca un po’ a
tutto, anche al fatto, magari, di tentare di innervosire l’avversario . -afferma Marotta – Ma io
credo che, come in tutte le cose, questo dev’essere, invece, un aspetto che
deve essere controbilanciato a nostro favore, perché deve essere uno stimolo in
più per fare una bella partita e cercare di ottenere un risultato positivo.

 

 Sul rinnovo
del contratto di Skriniar

 

Penso che sia
un ottimo professionista, un ottimo calciatore, per cui merita di essere
capitano. A nostro giudizio merita di continuare a giocare nell’Inter. -prosegue Marotta – Se la
volontà sua è identica alla nostra, credo che ci sarà un punto d’intesa, perché
da parte nostra c’è la disponibilità per arrivare a una conclusione logica da
un punto di vista economico. Quindi, una negoziazione che possa portare a
concludere un contratto, anche pluriennale, con lui.

 

 

Sul modo in
cui il Barcellona ha risolto il problema dell’operatività per l’enorme buco di
bilancio che aveva: è una cosa che potrà essere seguita da altri club in
futuro?

 

È chiaro che
oggi si deve andare alla ricerca di un concetto di sostenibilità, dietro al
quale c’è un modello di riferimento. L’avvicendamento alla presidenza del
Barcellona, con l’arrivo di Laporta, ha segnato il momento forse più difficile
nella storia finanziaria, economica e sportiva di questo glorioso club. -aggiunge Marotta – È
normale che nel momento in cui devi praticamente cedere degli asset, vengono
meno, poi, quelle che sono le risorse a medio termine. Questo è sicuramente un
obiettivo che può portare a delle contrapposizioni negative in un tempo molto
breve. Credo che, poi, sono situazioni che non conosco in modo approfondito e,
quindi, non posso andare oltre nell’analisi. Però, credo che se hanno agito
così i dirigenti, era perché le difficoltà registrate erano sicuramente molto,
molto pesanti.

 

 Sul Napoli e
sul momento negativo della Juventus

 

Facendo una
disamina del calcio  italiano, siamo in sofferenza, questo sicuramente,
perché dal punto di vista economico-finanziario non siamo competitivi come
possono essere, magari, altre leghe europee, tipo la Premier League, o la
Bundesliga e, in parte, anche la Liga spagnola. -spiega Marotta – Detto questo, sicuramente oggi
vediamo che il Napoli è un modello vincente, di una società lungimirante, che
ha dei dirigenti capaci e, quindi, ben venga questo tipo di entusiasmo e questo
tipo di risultato. Non può che essere uno spot positivo per il nostro calcio
che, come dicevo, in questo momento è un po’ in difficoltà.

 

Conclude Marotta

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui