Modesto: ”Alessio Zerbin può fare una grandissima carriera, anche perché è un calciatore super moderno”

Francesco
Modesto
, ex allenatore di Alessio Zerbin nel Cesena e nella Pro Vercelli, ha parlato ai
microfoni di SerieANews. Queste le sue parole:

 

Lei ha
avuto Zerbin come giocatore sia nel Cesena che nella Pro Vercelli , ma lei si
aspettava una crescita del genere? E’ la dimostrazione che il lavoro paga?

 

“Ho avuto
Alessio negli anni in cui è cresciuto di più, prima di andare nel grande
calcio. In Italia siamo sempre spaesati quando un giovane esplode così. -afferma Modesto –  Lui è
stato bravo nel lavoro, nel migliorarsi anno per anno. Ha fatto una lunga
gavetta: 3 anni di Serie C e poi ha fatto benissimo al Frosinone. Con il Napoli
ha fatto quattro ritiri, dove si sono accorti che può far parte della rosa. Nel
nostro paese vediamo il giovane come una minaccia e non come una risorsa. E’
cresciuto tanto sia fisicamente che mentalmente”.

 

Zerbin
nel match contro il Milan ha sofferto inizialmente Theo Hernandez, tuttavia con
il passare dei minuti è riuscito a riprendersi. Questo è un altro segnale della
sua grande forza mentale?

 

“E’ molto
forte di testa, ha una mentalità che nei giovani di oggi è difficile trovarla. -prosegue Modesto – Alessio può fare una grandissima carriera, anche perché è un calciatore super
moderno. Si mette a disposizione dell’allenatore, giocando un po’ da tutte le
parti. Ha ancora margini di miglioramento”.


Proprio con lei,
esattamente ai tempi della Pro Vercelli, ha cominciato a segnare con una certa
costanza, ma anche in Serie A potrebbe arrivare ad un determinato numero di
reti?


“Penso che un giocatore che vede la porta prima o poi i gol li fa. Il primo
anno di Cesena abbiamo fatto un percorso totalmente diverso, si vedeva che
aveva mezzi importanti. -aggiunge Modesto –  Poi a Vercelli, invece, lui è esploso. E’ un giocatore
che fa la differenza e l’ha dimostrato anche nel Frosinone, dove inizialmente
non giocava”.

 

Nel
corso dell’estate, Spalletti ha provato Zerbin anche come terzino destro.
Alessio potrebbe giocare anche in quel ruolo?


“E’ un ragazzo molto intelligente nel capire cosa vuole l’allenatore.
Spalletti, poi, è una garanzia e lo schiererà sicuramente dove potrà esprimersi
al meglio meglio. -ritiene Modesto – Alessio si sta ritagliando questo spazio per quello che sta
facendo in allenamento”.

 

A
gennaio Zerbin dovrebbe restare ancora nel Napoli o andare in prestito in
qualche altra squadra della massima categoria per giocare con un po’ di
continuità? Gioca meglio a destra o a sinistra?


“Ha giocatori importanti davanti a sé, ma Alessio deve crescere in casa, anche
perché il Napoli ti dà più opportunità di crescere e di andare in Nazionale.
Meglio a destra o a sinistra? Può giocare in entrambe le fasce. Io l’ho fatto
giocare sempre a sinistra, poi Spalletti lo vede in allenamento e saprà sicuramente
dove utilizzarlo”.

 Conclude Modesto

Articolo precedenteNapoli-Torino: i convocati di Spalletti e Juric
Articolo successivoNapoli – Torino : Le formazioni ufficiali
Vincenzo Vitiello
Direttore Responsabile Terzo Tempo Napoli --- Napoletano di origine e milanese di adozione, segue tutto lo sport in generale ed il calcio in particolare. Oltre ad aver esercitato la professione di Docente di scuola media superiore, da giornalista ha collaborato con alcune importanti testate giornalistiche ricoprendo anche cariche dirigenziali.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui