NEWS

TERZO TEMPO NAPOLI

5[napoli][btop]

CALCIO

[calcio][stack]

COPPE EUROPEE

3[coppe][stack]

ALTRI SPORT

3[Sport][stack]

TEMPO DI CULTURA

3[cultura][btop]

AMARCORD

5[amarcord][btop]

TERZO TEMPO WEB TV

SPECIALE TERZO TEMPO TV

3 pacchetti 10 euro

I tifosi partenopei esultano ma aspettano



Non è passato molto tempo da quando si leggevano per strada o nelle vicinanze dello stadio Maradona, frasi del tipo “3 pacchetti 10€, pezzente non parli più. Paga i debiti e sparisci”.

Ora il tifo partenopeo più intransigente non contesta ed è li ad aspettare che il Napoli si sciolga nei momenti decisivi del campionato e della coppa.

Certo è che negli ultimi anni di occasioni ne hanno avute gli azzurri per cucirsi quel benedetto scudetto sulle maglie ma, causa un atteggiamento remissivo della squadra , associato  ad un particolare atteggiamento del presidente, sempre poco cordiale verso la tifoseria, hanno creato una ostilità di quest’ultima verso la proprietà, intimando De Laurentiis la vendita della Società calcio Napoli. Nel campionato scorso il Napoli ha lasciato campo libero al Milan di Pioli con due debacle contro Spezia ed Empoli mentre il presidente era negli Stati Uniti da circa 8 mesi senza apparentemente curarsi di ciò che accadeva alla sua squadra e presentandosi al suo cospetto solo quando i giochi scudetto erano chiusi e si paventava il disastro di una , difficile ma non impossibile, mancata qualificazione in Champions. Tutto ciò, sommato alla sfumata Champions del campionato precedente per una incomprensibile partita contro un modesto Verona, ha scatenato le ire dalla tifoseria , sempre più convinta che al presidente non interessasse vincere ma solo far quadrare i conti e gli introiti familiari.

La terra ha cominciato a bruciare sotto i piedi di De Laurentiis e famiglia e il ritiro di Dimaro, per lui si è trasformato in un vero e proprio esilio con riunioni continue con il suo staff con a capo Giuntoli.

Bisognava rientrare di un passivo societario di circa 200 milioni di euro e nello stesso tempo tenere calma la tifoseria specie dopo le partenze di Insigne e Koulibaly.

Qui il capolavoro di Giuntoli che riesce a vendere Il Senegalese e  Fabian Ruiz, in scadenza e liberare il Napoli dei contratti più gravosi come quelli di Insigne, Mertens , Koulibaly, Fabian Ruiz e Ospina. Una vera e propria rivoluzione in casa Napoli e ciò no poteva, di certo , placare le ire della tifoseria anzi.

Giuntoli con l’ausilio di uno scouting  di livello, porta a Napoli giocatori tipo Kim, Kvaratskhelia e Olivera e da qui gli striscioni “dei tre pacchetti”.

Occorreva, quindi, fare qualcosa di più per placare la tifoseria e gettare acqua sul fuoco che attanagliava sempre più, la poltrona del presidente.

Con gli acquisti di Raspadori di Simeone di Ndombelè e Ostigard oltre alle conferme di Anguissà e Gaetano e un convincente gioco , espresso da quest’ultimi, nelle prime apparizioni amichevoli, hanno placato, ma non spento, tutti i roghi ancora accesi. Le partite contro Lazio, Liverpool, Ranger e Milan sembrano aver portato l’entusiasmo che mancava da un po' ma Fiorentina e Lecce ci impongono di non mollare la guardia.

Nessun commento:

Post più popolari