Mora: “Lobotka ha messo in campo tanta qualità. Le grandi prestazioni di
Mario Rui sono frutto della competizione con Oliveira”

A Radio Napoli Centrale, nel corso di Un
Calcio alla Radio, è intervenuto
Nicola Mora, ex
calciatore del
Napoli. Quesete le sue parole:


“Avevo la sensazione che questo Napoli stesse
crescendo e sarebbe andato a fare una grande partita a Milano. Non potevamo
immaginare che fosse quella prestazione a portare la vittoria, ma la crescita
era evidente. -afferma Mora – I grandi risultati arrivano con grandi prestazioni con il proprio
calcio ed anche la fortuna. Quella del gol di Simeone è stata una grande
prestazione e Mario Rui ha fatto una grande partita, nelle sue corde: è tenace,
diligente, non si tira mai indietro. 



Questa sosta non ci voleva da un punto di
vista dell’onda d’entusiasmo, ma da quello muscolare ne trarrà beneficio anche
il Napoli. In questo campionato si dovranno fare grandissime cose, un po’
atipico e chi a novembre arriverà bene avrà un gran vantaggio a gennaio,
secondo me. -prosegue Mora – La partita col Lecce è stata sbagliata, ma ora la squadra sta
meglio da un punto di vista fisico e psicologico. Lobotka? Quando il Napoli spende
vuol dire che qualcosa vale ed è un peccato che finora lui finora è stato in
disparte. 



Adesso ci sta facendo vedere la qualità, il temperamento e non ha
alcuna paura nel giocare la palla in nessuna zona del campo. È il faro di
questa squadra. Kim e Kvara stanno facendo cose straordinarie, il mercato di
quest’anno è veramente oculato con una rosa che conta quasi due squadre
altamente competitive e toccherà a Spalletti scegliere di partita in partita. -aggiunge Mora –  Se Spalletti riuscirà a mettersi il passato alle spalle? L’esperienza dell’anno
scorso è servita. Al di là dei risultati, quella di quest’anno è molto più
squadra sotto l’aspetto del gioco, del temperamento e molto più pronta a
reagire. Oliveira? Non dispiace e le ottime prestazioni di Mario Rui vengono anche
da uno stimolo dato proprio dal suo acquisto. Finalmente c’è un’alternativa e
Mario Rui sa di essere titolare, ma che ha alle spalle un giocatore che ha
molta più gamba, esperienza e ne ha tratto sprono”.

Conclude Mora

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui