NEWS

TERZO TEMPO NAPOLI

5[napoli][btop]

CALCIO

[calcio][stack]

COPPE EUROPEE

3[coppe][stack]

ALTRI SPORT

3[Sport][stack]

TEMPO DI CULTURA

3[cultura][btop]

AMARCORD

5[amarcord][btop]

TERZO TEMPO WEB TV

SPECIALE TERZO TEMPO TV

Assogna: ''Napoli, a Spalletti non manca nulla per passare da piazzato a vincente’”

A Radio Marte, nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete”,  è intervenuto Paolo Assogna, giornalista. Queste le sue parole:

“Solbakken? Ho un’ottima impressione. Nella partita con la Roma mi fece un’ottima impressione. Questo è un ragazzo che sta sempre dentro la partita con la testa e con le gambe. -afferma Assogna - Ha gli strappi e gli allunghi importanti. Ha corsa e lucidità per essere bravo avanti al portiere. Ha forza fisica e stabilità legate ad una certa intelligenza calcistica. Non aspettatevi un calciatore alla Mertens, ma un giocatore che nella sua linearità può rappresentare un profilo molto interessante. È un giocatore moderno e secondo me farà molto bene in Serie A. Solbakken fece due gol contro i titolari della Roma. 


Non è una bocciatura di Solbakken per la Roma, perché piaceva e piace tanto. Però, la questione Dybala arrichisce tanto il reparto offensivo. Dobbiamo metterci anche la situazione Zaniolo. Noi abbiamo sentito tante chiacchiere su di lui, ma l’offerta che è arrivata per lui è una sola: quella della Juventus. -prosegue Assogna - Per la mancanza totale di offerte per Zaniolo si è fermata anche la questione Solbakken. Roma in vantaggio sul Napoli grazie a Dybala? Io vedo un progetto interessante nel Napoli, mi parlano bene dei nuovi arrivati ed è tutt’altro che conclusa la campagna acquisti del Napoli, però è chiaro che quando c’è un cambio generazionale un prezzo da pagare c’è. 


Mi sembra molto interessante questo progetto di riorganizzazione, ma in questo momento la Roma si lascia preferire leggermente al Napoli. Se c’è un uomo che sa costruire una squadra di calcio partendo da basi completamente nuove è Luciano Spalletti. -aggiunge Assogna - Ho visto tanti allenatori a Roma, ma sul campo è il più bravo per il lavoro che fa. È il profilo giusto per costruire una squadra nuova. Per plasmare i giocatori a cui va insegnata una tipologia di calcio nuova, è ideale. Io penso siano le società a vincere i campionati, l’allenatore può dare un contributo, ma penso che vincere con il Milan di Berlusconi o l’Inter di Moratti sia più difficile. Anche se penso che a Spalletti non manchi nulla per passare da ‘piazzato’ a ‘vincente’”.

Conclude Assogna

Nessun commento:

Post più popolari