NEWS

TERZO TEMPO NAPOLI

5[napoli][btop]

CALCIO

[calcio][stack]

COPPE EUROPEE

3[coppe][stack]

ALTRI SPORT

3[Sport][stack]

TEMPO DI CULTURA

3[cultura][btop]

AMARCORD

5[amarcord][btop]

TERZO TEMPO WEB TV

SPECIALE TERZO TEMPO TV

Di Napoli, Giuliani e Scotto su cosa sta accadendo in 'casa Napoli'

Scotto: ''In casa Napoli ci sono tanti casi aperti e in bilico''


A Radio Marte nel corso di “Marte Sport Live” è intervenuto Arturo Di Napoli

“Mertens? Io parto sempre dal presupposto che per quanto riguarda i matrimoni ci deve essere la complicità di entrambi. Mertens vuole bene al Napoli ed il Napoli vuole bene a Mertens. Ci sono degli equilibri interni che noi non conosciamo. Dopo Lorenzo mi dispiacerebbe se i napoletani perdessero anche Mertens. Una volta perdemmo a Parma perché sbagliai il rigore, i miei familiari non mi rivolsero la parola. De Laurentiis? Possiamo dirgli qualsiasi cosa, ma ha dato credibilità a Napoli e al Napoli in tutta Europa. Gli possiamo rimproverare tante cose, ma non quella di non aver fatto una scalata pazzesca. Per vincere qualcosa io credo che non serva cambiare in continuazione, ma vedere ogni anno dove migliorare la rosa. Questo è mancato a De Laurentiis. A me Deulofeu piace molto e una piazza di Napoli può farlo esaltare. Dries ha 35 anni e non ha giocato con continuità quest’anno. Sotto l’aspetto affettivo spero che il Napoli possa vincere il tricolore. Se guardiamo all’affetto Dries merita il rispetto, ma bisognerebbe avere il coraggio di fare delle scelte impopolari”.

A Radio Marte nel corso di “Marte Sport Live” è intervenuto Fulvio Giuliani

L’aria che tira non è meravigliosa, ma mi hai ricordato che potrebbero accadere tante cose. Mi piacerebbe tantissimo se Koulibaly restasse un altro anno. Nessuno di noi si meraviglia più di quello che accade, ci sta tutto, non facciamo gli ingenui e i nostalgici. Per chi ama questo sport sarebbe bello trovare qualche eccezione. Deulofeu per Mertens? Sono due cose diverse. Il primo Deulofeu non mi piaceva proprio, ma nessuno discute le qualità. Il ragazzo che abbiamo visto a Udine si impone da solo. Credo sia bene lasciare andar via Politano se non si sente coinvolto, Bernardeschi è una grande scommessa. Ma con Politano motivato, voto per lui”.

A Radio Marte nel corso di “Marte Sport Live” è intervenuto Giovanni Scotto, giornalista

“In casa Napoli ci sono tanti casi aperti e in bilico. Ci sono le certezze degli addii di Insigne, Malcuit e Ghoulam. Più le situazioni imminenti di Mertens ed Ospina e quelli che scadono l’anno prossimo. Non è una tragedia, perché tutte stanno perdendo giocatori a zero. È chiaro che il tifoso non sia tanto convinto delle parole di De Laurentiis sullo scudetto, perché la squadra andrebbe rinforzata. Tutto può accadere, si può vincere lo scudetto anche con un campionato particolare, strano. Credo che quello di perdere a zero i giocatori sia un problema comune del calcio. Addirittura qualcuno anticipa di un anno la risoluzione del contratto per cambiare squadra. Ovviamente il Napoli che non ha grande forza economica alle spalle si trova stretto di più in questa morsa. Ma anche la Juve si trova in difficoltà con Cuadrado. Se andasse via Koulibaly ed il Napoli prenderebbe Bremer i giocatori lo accoglierebbero a braccia aperte, ma è un pensiero mio. Deulofeu secondo me è legato a Mertens, infatti, in caso di partenza di Politano si andrebbe a prendere Bernardeschi. Deulofeu è un nome più importante come costi anche perché c’è il cartellino da pagare. Penso possa arrivare soltanto nel caso in cui il Napoli si liberasse di uni stipendio pesante come quello di Mertens. Bernardeschi sarebbe più funzionale qualora Lozano si spostasse a sinistra. Fabian? Il Napoli prova a rinnovarlo da quasi due anni, si era deciso di rinnovarlo al doppio dell’ingaggio quasi, ma sembra aspiri a qualcosa di più. Preferisce farsi l’ultima stagione in azzurro per poi trovarsi la squadra da solo. Su Koulibaly il discorso è più complesso, perché guadagna 6 milioni ed il Napoli con una certa insistenza vuole spalmare questo contratto. Lui non vuole, ma preferisce arrivare a scadenza, a meno che non arrivi il Barcellona che risolve i propri problemi economici e si fa avanti che è una cosa molto improbabile dato che per ora non possono tesserare neanche Christensen e Kessie con i quali hanno già chiuso. Rudiger ha trovato l’accordo con il Real Madrid a settembre dello scorso anno. Il Chelsea ha addirittura chiuso il suo contratto con un anno di anticipo senza creare problemi per liberarlo”.

 

Nessun commento:

Post più popolari