NEWS

TERZO TEMPO NAPOLI

5[napoli][btop]

CALCIO

[calcio][stack]

COPPE EUROPEE

3[coppe][stack]

ALTRI SPORT

3[Sport][stack]

TEMPO DI CULTURA

3[cultura][btop]

AMARCORD

5[amarcord][btop]

TERZO TEMPO WEB TV

SPECIALE TERZO TEMPO TV

Baldini: ''Critiche a Spalletti che ha regalato un sogno che non si è realizzato? La squadra è della città, non del presidente o di chi ci lavora''

Baldini: ''Mi chiedo: Spalletti in cosa ha sbagliato? Ad aver regalato un sogno? Criticare qualcuno solo perché non ci è riuscito è sbagliato. La squadra è della città, non del presidente o di chi ci lavora''


A Radio Marte, nel corso della trasmissione “Si Gonfia La Rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto l’allenatore del Palermo, Silvio Baldini. Queste le sue parole:

 “La promozione fa piacere soprattutto per i miei ragazzi, che ci hanno messo il cuore. -afferma Baldini - Loro ci sono riusciti ed hanno regalato alla città questa bellissima promozione.

Ho detto più volte di voler trascorrere la mia vecchiaia al Sud, sono toscano ma mi sento legato a questa cultura. -prosegue Baldini - Non mi piace il qualunquismo ma vivere in mezzo alla gente povera che, però, ti da un amore incondizionato.

Mi piace la semplicità del Sud, ho scelto Palermo come luogo dove trascorrere la mia vita.

Ho imparato ad amare molto la mia famiglia e qui ho capito che senza la mia famiglia non sarei arrivato dove sono ora.

Spalletti? Non può uno che fa questo mestiere dire che un altro allenatore ha sbagliato. -aggiunge Baldini -Conosco molto bene Luciano, persona di grandi valori e che ha dimostrato di saper fare questo lavoro, è stato lui a creare la situazione di poter vincere lo Scudetto. 

Mi chiedo: Spalletti in cosa ha sbagliato? Ad aver regalato un sogno? Criticare qualcuno solo perché non ci è riuscito è sbagliato. -sottolinea Baldini - La squadra è della città, non del presidente o di chi ci lavora.

Da amante del calcio ho sperato che lo Scudetto lo vincesse il Napoli, per una questione di entusiasmo che c’è solo al Sud. -continua Baldini -Il calcio, con una vittoria, può portare tantissimi fattori.

Di chi arriverà come presidente non mi interessa, a me interessa solo la squadra e il mio lavoro. Non voglio che mi rompano le scatole perché per me il lavoro è una missione. A me interessa arrivare al cuore dei giocatori”.

Conclude Baldini

 

Nessun commento:

Post più popolari