NEWS

TERZO TEMPO NAPOLI

5[napoli][btop]

CALCIO

[calcio][stack]

COPPE EUROPEE

3[coppe][stack]

ALTRI SPORT

3[Sport][stack]

TEMPO DI CULTURA

3[cultura][btop]

AMARCORD

5[amarcord][btop]

TERZO TEMPO WEB TV

SPECIALE TERZO TEMPO TV

D’Amico: ''Poteva essere un anno glorioso per un Napoli con rosa competitiva ed allenatore di livello''

 D’Amico: “Se il Napoli non ha vinto lo Scudetto la colpa è di tutti”

A Radio Marte, nel corso della trasmissione "Si gonfia la rete", è intervenuto Andrea D'Amico, agente tra gli altri di Domenico Criscito. Queste le sue parole:


"Lotta retrocessione? E’ stato un finale di campionato ricco di sorprese. -afferma D’Amico - Basterebbe vedere quanto accaduto al rigore sbagliato da Criscito nel derby con la Sampdoria a partita ormai finita, la stessa situazione si è verificata una settimana esatta dopo contro la Juventus e con il rigore battuto dallo stesso Criscito: il miglior Hitchcock non avrebbe immaginato un finale del genere. C'è anche da dire che peggio di quello che era successo sette giorni prima non poteva accadere, fosse andata male non avrebbe aggiunto nulla di più negativo. Secondo me, era più la voglia di riscatto ed esorcizzare quanto accaduto in precedenza. 

 

Se il Genoa crede ancora nella salvezza? Bisogna crederci sempre finché la matematica non ti condanna, può sembrare una frase fatta, ma basta guardare cosa è successo in B. -prosegue D’Amico - La Cremonese sembrava cotta e il Monza sembrava destinato alla promozione diretta, poi ha perso una partita ed è cambiata la scena. Mi aspetto un Napoli che faccia bene come hanno fatto tutte finora, non mi aspetto una partita accomodante anche perché gli allenatori vogliono sempre fare il meglio, soprattutto davanti al proprio pubblico. Ricordo che l'anno scorso il Napoli ha perso la Champions contro un Verona che non aveva nulla da perdere e sappiamo tutti come è andata.

 

Striscione a Spalletti? Purtroppo questo poteva essere un anno glorioso per il Napoli, perché aveva una rosa competitiva e un allenatore di livello. Hanno fatto male tutti, tutte le altre hanno avuto battute d'arresto, non ci si aspettava che il Napoli incappasse in così tante cadute. -aggiunge D’Amico - I motivi? Per qualcuno i gol incassati nei minuti finali indicavano un problema nella preparazione atletica, altri vedevano la causa nella condizione mentale. Io non esprimo giudizi, perché loro hanno tutti i parametri per studiare la situazione. Oggi non si improvvisa niente. Certamente ci sono degli errori che condizionano le partite, errori di portieri e difensori fanno la differenza.

 

Nel momento in cui i giocatori (ma anche l'opinione pubblica) capiscono che c'è una crepa tra l'asse dirigenziale e l’area tecnica, l'asse si spezza e la macchina non va più avanti.-speiga D'Amico -  La forza di un allenatore è tanto più grande quanto la fiducia è grande nel tecnico. Sarebbe troppo comodo dire che uno è grande quando vince e poi è scarso quando perde. Basta vedere quello che è successo ad Ancelotti dal Napoli al Real Madrid. Il problema a Napoli è che quando le cose vanno bene il merito è di uno, quando vanno male è sempre dell'allenatore. Così non funziona, perché magari i calciatori risentono di questa sfiducia e risultati non arrivano".

Conclude D’Amico

 

Nessun commento:

Post più popolari