NEWS

TERZO TEMPO NAPOLI

5[napoli][btop]

CALCIO

[calcio][stack]

COPPE EUROPEE

3[coppe][stack]

ALTRI SPORT

3[Sport][stack]

TEMPO DI CULTURA

3[cultura][btop]

AMARCORD

5[amarcord][btop]

TERZO TEMPO WEB TV

SPECIALE TERZO TEMPO TV

Zazzaroni: "Napoli, quest’anno aveva possibilità concrete di vincere lo Scudetto, è la più forte con ...''

Zazzaroni: "Napoli, il rimpianto c'è ma non è ancora finita per lo Scudetto.E' la più forte con la Juventus''

A Radio Punto Nuovo, nel corso di Punto Nuovo Sport Show, è intervenuto Ivan Zazzaroni, direttore del Corriere dello Sport. Queste le sue parole:

“Il Napoli non chiude le partite e spreca tante occasioni. Quest’anno aveva delle possibilità concrete di vincere lo Scudetto, è la più forte con la Juve. Non è finita ancora però, il Milan ha un calendario complicato, l’Inter invece no. 

Spalletti? Quando sbagli determinate partite il primo ad essere criticato è l’allenatore. Ha fatto benissimo per gran parte della stagione ma quando doveva portarsi in vetta sono mancati alcuni giocatori, la squadra. Con la Roma il gol subito è agghiacciante. Zielinski e Fabián Ruiz obiettivamente stanno facendo male. La società non c’entra nulla, cosa deve fare? Entrare in campo? Sono tutti presenti, lasciano la giusta autonomia all’allenatore. 

De Laurentiis vive di iperboli, di momenti. Nel momento di grande euforia, quando vede che il Napoli va molto bene ha complimenti importanti, come quando qualche mese fa definiva Spalletti il miglior allenatore della sua gestione. Il vertice ce l’hai sempre quando le cose non vanno bene, bisogna parlare. Si sono confrontati semplicemente. Quando si fa il bilancio della situazione bisogna considerare i problemi, ovvero le assenze. 

Se il Napoli arriva terzo sarà un bilancio accettabile. La grande occasione persa resta, il Napoli non è mai stato così vicino alla vittoria dello scudetto. È un grande rimpianto. Mertens e Osimhen insieme? Francamente non vedo Mertens così fondamentale. Il tifoso napoletano oggi è diffidente perché ne ha passate tante”.

Conclude Zazzaroni

Nessun commento: